Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come convertire MKV in MP4

di

Di recente hai scaricato un video da Internet e, felicissimo della cosa, hai provato subito a trasferirlo sul tuo smartphone, in modo da poterlo guardare anche in mobilità. Nel fare ciò, però, ti sei reso conto di non riuscire a riprodurre il filmato. Molto probabilmente la causa è da ricercare nel fatto che quasi sicuramente stai avendo a che fare con un file MKV.

Nel caso in cui non ne fossi a conoscenza, i file MKV sono come dei contenitori multimediali avanzati usati sempre più frequentemente per distribuire video compressi in alta qualità (spesso con più tracce audio e sottotitoli). Purtroppo non tutti i programmi e le app supportano tale tipologia di file. Proprio per questo motivo e tenendo conto della tua difficoltà, voglio suggerirti di far fronte alla situazione andando a convertire MKV in MP4.

Diversamente dall’MKV, l’MP4 è infatti un formato multimediale estremamente diffuso, solitamente sfruttato per il salvataggio di contenuti video e audio in alta qualità e che nella quasi totalità dei casi non da alcun genere di problema sui più diffusi dispositivi. Come dici? Ti sembra un’ottima idea e vorresti capire in che modo procedere? Detto, fatto! Dedica qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura di questa guida e scoprirai come riuscire nell’impresa e soprattutto di quali strumenti servirti.

Indice

Informazioni preliminari

MKV

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come convertire MKV in MP4, ci sono alcune informazioni preliminari che è mio dovere fornirti per permetterti di avere le idee perfettamente chiare sulla questione.

Tanto per cominciare, chiariamoci su cosa sono, più di preciso, questi file MKV. Si tratta di file Matroska, corrispondenti prevalentemente a contenuti video in cui, però, possono trovarsi pure tracce audio, sottotitoli e capitoli. Si tratta, dunque, di un “contenitore”, frutto di un progetto annunciato nel 2002, concepito per permettere la visualizzazione dei contenuti su tutte le piattaforme software e di agevolare lo streaming via Internet.

I file MKV, inoltre, sono compatibili con numerose tracce native. Per essere più precisi, all’interno di un file MKV vi si possono trovare le seguenti tipologie di file: video di tipo MPEG-2 e 4, WMV, RealVideo, Flash, Theora, VP8, VP9, H.264 e H.265; audio di tipo MP2, MP3, PCM, AAC, WMA, Vorbis, AC3, RealAudio, DTS e FLAC; sottotitoli di tipo VobSub, PGS, OGG Writ, WebVTT, ASS, SSA, USF e SRT.

Data la sua natura, è possibile demuxare un file MKV, vale a dire scomporlo e remuxarlo in MP4 senza andare a eseguire nuove codifiche, il che consente di effettuare la conversione del file senza però gravare sulla qualità dello stesso e rappresenta anche l’unico sistema effettivamente funzionante per fare ciò.

Tutte le altre conversioni prevedono una nuova codifica del video (e spesso anche dell’audio), e questo porta inevitabilmente a qualche rinuncia sulla qualità del risultato finale.

Come convertire MKV in MP4 senza perdere qualità

Ti stai domandando come convertire MKV in MP4 agendo dal tuo computer e senza perdere la qualità originaria del file? Allora prosegui nella lettura. Qui sotto, infatti, trovi spiegato come effettuare la suddetta operazione sia su Windows che su macOS e Linux.

Convertire MKV in MP4 con FFmpeg

PC

Se vuoi convertire MKV in MP4 senza perdita di qualità, dunque eseguendo il demux del file MKV e poi il remux dei contenuti di quest’ultimo in un contenitore MP4, puoi affidarti a FFmpeg: uno strumento gratuito e open source che permette di registrare, convertire e riprodurre video, sia su Windows che su macOS e Linux. È super versatile, ma va tenuto conto funziona da riga di comando (a meno di non usare delle GUI apposte) motivo per cui potrebbe risultare apparentemente poco pratico ai più.

Per scaricare FFmpeg su Windows, visita la pagina per il download e fai clic sul collegamento sotto la voce Link che trovi in corrispondenza della sezione git. A download ultimato, estrai in una cartella a piacere l’archivio ZIP ottenuto.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, apri il Prompt dei comandi, selezionando il relativo collegamento presente nel menu Start, dopodiché raggiungi la cartella in cui si trova il file MKV da convertire precedendo il relativo percorso con il comando cd e schiacciando poi il tasto Invio sulla tastiera.

A questo punto, impartisci il comando ffmpeg -i input.mkv -codec copy output.mp4 (sostituisci a input.mkv il nome del file MKV e a output.mp4 il nome del file di output, in entrambi i casi senza andare a modificare l’estensione) e attendi che il processo di conversione venga completato.

Se stai usando macOS, invece, per installare FFmpeg puoi avvalerti di Homebrew, un gestore di pacchetti gratuito e open source che consente di installare vari software da riga di comando. Per cui, apri il Terminale del tuo Mac, selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad e, nella finestra che compare, immetti il comando /usr/bin/ruby -e “$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)”, dopodiché premi il tasto Invio sulla tastiera e, quando richiesta, digita la password di amministrazione del Mac.

Una volta effettuati i passaggi appena descritti, installa anche FFmpeg, impartendo il comando brew install ffmpeg –with-fdk-aac –with-tools –with-freetype –with-libass –with-libvorbis –with-libvpx –with-x265.

In seguito, trascina nella finestra del Terminale la cartella in cui si trova il file MKV da convertire in MP4, dopodiché immetti il medesimo comando che ti ho indicato nelle righe precedenti per quel che concerne Windows ed è fatta.

Convertire MKV in MP4 con Adapter

Adapter

Se sei alla ricerca di una soluzione alternativa grazie alla quale convertire MKV in MP4, potresti prendere in considerazione l’idea di rivolgerti ad Adapter. Si tratta di un altro validissimo programma grazie al quale è possibile convertire file video (ma anche file audio e immagini) in svariati formati compatibili con una gran quantità di device. Ha una gradevole interfaccia utente, è piuttosto intuitivo ed è gratis. Funziona sia su Windows che su macOS.

Per effettuarne il download sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e fai clic sul pulsante Download Adapter in alto.

A scaricamento completato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sullo schermo, clicca sul pulsante . Premi poi sui bottoni OK e Next, seleziona la voce I accept the agreement e fai ancora clic sul pulsante Next (per sei volte consecutive). Per concludere, clicca sui bottoni Install e Finish.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto, sposta l’icona del programma nella cartella Applicazioni del computer, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu che compare e poi fai clic sul pulsante Apri nella finestra visualizzata sullo schermo, in modo da avviare Adapter andando ad aggirare le limitazioni volute da Apple verso gli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ti faccio notare che sia durante la procedura d’installazione del programma su Windows che su macOS, potrebbe esserti proposto di scaricare e installare anche FFmpeg (è indispensabile per il buon funzionamento del software, te ne ho parlato nel passo precedente) e VLC (è un famoso player multimediale in merito al quale trovi maggiori dettagli nel passo successivo).

Ora che, a prescindere dal sistema operativo impiegato, visualizzi la finestra principale del programma, fai clic sul pulsante Browse e seleziona il file MKV che vuoi convertire. Successivamente, fai clic sul menu in basso, seleziona la voce Video, quindi quella General e scegli l’opzione Custom MP4 (.mp4).

Se vuoi, puoi anche personalizzare gli altri parametri di conversione usando le sezioni apposite che trovi nella barra laterale di destra (se non è visibile, puoi richiamarla premendo sul pulsante con la ruota d’ingranaggio che si trova in basso). ad esempio, puoi modificare codifica, frame rate, bitrate e velocità di riproduzione dalla sezione Video, puoi modificare la risoluzione del filmato dalla sezione Resolution, puoi modificare i parametri relativi all’audio dalla sezione Audio e via di seguito.

Clicca, infine, sul pulsate Convert per avviare la conversione. A processo ultimato, troverai il file MKV convertito in formato MP4 nella stessa posizione in cui risulta collocato il file originale. Se lo preferisci, prima di dare il via alla procedura di trasformazione puoi indicare una posizione differente per il salvataggio intervenendo sulla sezione Directory delle impostazioni del programma.

Convertire MKV in MP4 con VLC

VLC

Un altro ottimo strumento a cui puoi affidarti per convertire MKV in MP4 è VLC. Nel caso in cui non ne avessi mai sentito parlare, ti comunico che si tratta di un rinomato player video e audio in grado di “digerire” praticamente qualsiasi formato di file senza dover ricorrere all’uso di codec esterni e che integra anche alcune funzioni per convertire ed editare i filmati. È gratis, open source, facile da usare e funziona sia su Windows che su macOS e Linux.

Per scaricare VLC sul tuo computer, recati sul relativo sito Internet e clicca sul pulsante Scarica VLC.

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sullo schermo, clicca sui pulsanti , OK e Avanti (per tre volte consecutive), dopodiché porta a termine il setup premendo sui bottoni Installa e Fine.

Ora che visualizzi la finestra di VLC, clicca sul menu Media situato in alto a sinistra e seleziona da quest’ultimo la voce Converti / Salva. Nell’ulteriore finestra che compare, premi sul bottone Aggiungi e seleziona il file MKV che desideri convertire in MP4.

Successivamente, fai clic sul pulsante Converti / Salva posto in basso e seleziona l’opzione Video – H.264 + MP3 (MP4) dal menu a tendina Profilo. Se lo ritieni necessario, puoi anche personalizzare le proprietà del file finale premendo pulsante con la chiave inglese e intervenendo sulle voci e sui menu presenti nell’ulteriore finestra che si apre.

Per concludere, premi sul bottone Sfoglia per specificare la posizione in cui salvare il file finale, dopodiché avvia la conversione premendo sul pulsante Avvia e il gioco è fatto.

Se, invece, vuoi convertire MKV in MP4 Mac, apri invece il pacchetto .dmg scaricato dal sito del programma e trascina l’icona di VLC nella cartella Applicazioni di macOS. In seguito, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e premi sul pulsante Apri nella finestra che ti viene mostrata sullo schermo, in modo da avviare il software andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Una volta visualizzata la finestra principale di VLC, clicca sul menu File in alto a sinistra e seleziona la voce Converti / Trasmetti in esso presente. Nell’ulteriore finestra che ti viene mostrata, premi sul bottone Apri media e seleziona il video MKV da convertire.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, seleziona il profilo di conversione Video – H.264 + MP3 (MP4) dal menu annesso alla sezione Scegli il profilo. Se necessario, puoi pure intervenire personalmente sui parametri di conversione facendo clic sul pulsante Personalizza e agendo sulle voci e sui menu annessi al pannello che compare.

In conclusione, premi sul pulsante Salva come file, quindi sul bottone Sfoglia e indica la posizione sul tuo computer Apple in cui desideri salvare il file finale, dopodiché premi sul pulsante Salva e attendi che il processo di conversione venga avviato e ultimato.

Convertire MKV in MP4 online

Il Convertitore Video di 123apps

Non vuoi o non puoi installare nuovi programmi sul tuo computer, ma hai comunque la necessità di convertire MKV in MP4? Allora valuta di rivolgerti all’uso di un servizio online adibito allo scopo, come Il Convertitore Video di 123apps. Si tratta, infatti, di un tool fruibile direttamente dalla finestra del browser, tramite cui è possibile convertire file video (e audio) in tutti i più diffusi formati. Non richiede registrazione, consente di caricare file aventi un peso massimo pari a 4 GB e la privacy degli utenti è tutelata i quanto i filmati vengono rimossi dai server dell’azienda dopo poche ore dall’upload.

Per servirtene, visita la relativa home page, fai clic sul pulsante Apri file e seleziona il file MKV che si trova sul tuo computer sul quale andare ad agire. In alternativa, puoi prelevare il filmato da convertire anche dal tuo account Google Drive, da Dropbox oppure indicandone l’URL, previo clic sui pulsanti appositi.

Successivamente, seleziona la scheda Video e clicca sul pulsante mp4 in essa presente, dopodiché specifica la risoluzione di tuo interesse dal menu a tendina Risoluzione (se non hai necessità particolari, puoi lasciare selezionata l’opzione Stessa dell’input) e, se lo ritieni necessario, apporta ulteriori modifiche alle caratteristiche del file finale cliccando sul pulsante Impostazioni adiacente.

In conclusione, fai clic sul bottone Converti. A processo di conversione ultimato, scarica il file di output sul tuo computer selezionando il collegamento Download oppure salvalo online selezionando le voci relative a Google Drive o Dropbox.

Come convertire MKV in MP4 su smartphone e tablet

Non hai il computer a tua disposizione e vorresti convertire MKV in MP4 da smartphone e tablet? Per riuscirci, utilizza le app per Android, iPhone e iPad che ho provveduto a segnalarti qui sotto, attenendoti alle relative indicazioni d’uso. Sono facilissime da usare, sta’ tranquillo!

Convertire MKV in MP4: Android

Media Converter

Se possiedi un dispositivo Android e sei interessato a scoprire come convertire MKV in MP4, ti consiglio di rivolgerti all’app Media Converter. Si tratta, per l’appunto, di un convertitore video gratuito e facilissimo da usare, il quale consente di compiere l’operazione oggetto di questo tutorial (oltre che di convertire i file audio) con la possibilità di definire bitrate, risoluzione e frequenza di campionamento audio del file di output.

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e fai tap sul pulsante Installa (se stai usando un dispositivo senza servizi Google, puoi prelevare l’app da store alternativi). Successivamente, avvia l’app sfiorando la relativa icona aggiunta in home screen e/o al drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale di Media Converter, indica la posizione sul tuo dispositivo in cui si trova il video MKV che vuoi convertire in MP4, fai tap sul pulsante Convert to mp4 e attendi che la procedura di conversione venga portata a termine. Per impostazione predefinita, il file di output viene salvato nella stessa cartella del file d’origine.

Se poi prima di avviare il processo di conversione vuoi intervenire personalmente sui parametri del file finale, puoi riuscirci premendo sul bottone Expert mode, selezionando il formato di output MP4 che ti interessa dal menu a tendina Output profile e regolando le altre impostazioni disponibili (se necessario).

In seguito, premi sul pulsante Change in corrispondenza della dicitura Save to per specificare la posizione in cui salvare il video di output, digita il titolo che vuoi assegnare al file nel campo Rename as e avvia la conversione facendo tap sul bottone Convert.

Convertire MKV in MP4: iPhone e iPad

Il Convertitore Video

Se stai usando un iPhone oppure un iPad, puoi rivolgerti all’app Il Convertitore Video per convertire MKV in MP4. È gratis e consente di convertire tutti i principali formati di file video su iOS/iPadOS in maniera incredibilmente semplice e veloce. L’unica cosa di cui va tenuto conto è che per convertire in specifici formati occorre sbloccare la versione a pagamento tramite acquisti in-app (al costo base di 3,49 euro).

Per scaricare e installare l’applicazione sul tuo dispositivo, accedi alla relativa sezione su App Store, premi sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza poi il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app sfiorando l’icona aggiunta in home screen e/o nella Libreria app.

Ora che visualizzi la schermata principale dell’applicazione, seleziona la posizione in cui risulta salvato il file video relativamente al quale desideri intervenire, scegli l’opzione MP4 dal secondo menu a tendina e premi sul bottone Converti File.

Attendi, dunque, che il processo di conversione venga portato a termine, dopodiché premi sul bottone Condividi per decidere dove salvare o in quale app aprire il file di output, su quello Aggiungi a Foto per salvarlo nella galleria del dispositivo oppure su quello Apri per aprirlo subito direttamente dal convertitore.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.