Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come creare una PEC personale

di

Da un po’ di tempo, senti parlare sempre più spesso della PEC, ossia della posta elettronica certificata. Dopo averci pensato a lungo, ti sei convinto che potrebbe tornare utile anche a te, ma proprio non sai a quale servizio affidarti. Le cose stanno così, vero? Allora ti farà piacere sapere che sei capitato sulla guida giusta.

Quest’oggi, infatti, ho deciso di spiegarti per filo e per segno come creare una PEC personale illustrandoti le offerte dei principali fornitori di questo servizio e cercando di spiegarti, nel modo più semplice possibile, come funziona la posta elettronica certificata.

Prenditi, quindi, qualche minuto di tempo libero, mettiti comodo e leggi questo mio tutorial, grazie al quale scoprirai tutti i metodi, i costi e le funzionalità della PEC. Ti auguro buona lettura e un buon lavoro!

Indice

  • Informazioni preliminari
  • Come creare una PEC personale gratis
  • Come creare una PEC personale a pagamento
  • Informazioni Preliminari

    Informazioni sulle PEC

    Prima di spiegarti nel dettaglio come ottenere una casella PEC, lascia che ti parli di questo strumento più nel dettaglio. Devi sapere, innanzitutto, che la posta elettronica certificata è stata creata allo scopo di permettere comunicazioni elettroniche con valore legale e con avviso di ricezione, al pari di quanto ottenibile con l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

    La PEC si differenzia dalla normale posta elettronica proprio per la certificazione della ricezione e dell’invio, che può quindi garantire valore legale alla comunicazione.

    Ad oggi la PEC è obbligatoria solo per le imprese, comprese le ditte individuali (che dal 30 giugno 2013 devono iscrivere al Registro Imprese almeno una casella PEC), e per i Liberi Professionisti iscritti a un ordine o collegio, ma la sua utilità è indubbia anche per il resto dei cittadini. Attraverso una casella PEC è possibile, infatti, evitare l’invio di raccomandate e ottenere una comunicazione legalmente valida in tempi estremamente rapidi tra privati, con aziende o con Pubbliche Amministrazioni.

    Proprio per queste sue caratteristiche, sappi che per attivare una casella PEC dovrai in ogni caso dimostrare la tua identità al fornitore al quale sceglierai di appoggiarti (cioè l’azienda fornitrice del servizio, ce ne sono diverse alle quali potersi rivolgere). I dati che il fornitore del servizio ti richiederà permetteranno quindi al sistema di certificare l’invio e la ricezione delle comunicazioni da parte tua, senza alcun tipo di operazione aggiuntiva.

    Nonostante i molteplici livelli di controllo e di validazione ai quali sono sottoposte le comunicazioni che avvengono tramite PEC, dal tuo punto di vista gestire una casella di posta elettronica certificata sarà esattamente uguale alla gestione di una qualsiasi altra casella email, come Gmail o servizi simili. Potrai infatti avvalertene in un normale client, tramite app per smartphone e in alcuni casi tramite pannello Web; il tutto senza usare smart card o altri dispositivi particolari.

    Detto ciò, direi di passare al sodo. Allora, sei pronto a scoprire come creare una PEC personale? Trovi tutto spiegato nel dettaglio nei prossimi capitoli!

    Come creare una PEC personale gratis

    Molto probabilmente, ti starai chiedendo se è possibile creare una PEC personale gratis. Ebbene, la risposta è affermativa, ma per un periodo di tempo limitato. Alcuni provider, infatti, forniscono un periodo di prova, a volte anche piuttosto esteso, nel quale è possibile aprire una casella PEC e usarla in maniera gratuita. Alla fine del periodo di prova, è possibile scegliere se conservare la casella PEC (sottoscrivendo un abbonamento) o se cancellarla. Per scoprire le offerte di questo tipo, continua a leggere.

    Come creare una PEC Legalmail

    Crea una PEC con Legalmail

    Legalmail è un provider fortemente orientato al mondo dei professionisti. Propone tre piani diversi per le proprie caselle PEC: il piano Bronze, quello più economico (25 euro all’anno + IVA), offre una casella da 5GB con archivio di sicurezza, accesso mobile e notifiche via SMS, ma non prevede alcun periodo di prova gratuito. Il piano Gold, il più costoso dei tre, offre per 75 euro all’anno + IVA una casella da 15GB con archivio di sicurezza, accesso mobile e notifiche via SMS.

    Il piano Silver, per finire, offre 6 mesi di posta certificata gratis con 8GB di spazio, archivio di sicurezza, accesso mobile e notifiche via SMS. Dopo il periodo di prova il servizio costa 39 euro + IVA all’anno.

    Se vuoi dunque approfittare dei 6 mesi di posta certificata gratuita attraverso l’attivazione del piano Silver, visita il sito ufficiale di Legalmail. Premi ora la voce del menu di sinistra Casella gratis per 6 mesi e, nella pagina successiva, il pulsante Attiva subito la tua casella gratuita.

    Digita poi l’indirizzo PEC che desideri attivare, per controllare che sia disponibile, premi il pulsante Verifica e successivamente il pulsante Crea un Account. Compila quindi i moduli che ti vengono proposti e invia la documentazione richiesta, ovvero il contratto firmato e la carta d’identità, a InfoCert.

    Al termine del processo di attivazione, potrai accedere alla tua casella PEC da pannello Web, da app per Android e iOS/iPadOS e da qualsiasi programma di posta elettronica per PC o Mac. Puoi trovare i parametri IMAP da utilizzare sul sito Internet di InfoCert.

    Come creare una PEC Register.it

    Crea una PEC con Register

    Register.it offre un piano che prevede una prova gratuita del suo servizio PEC. Questo piano si chiama PEC Agile e ha un costo annuale di 33,90€ + IVA che garantisce una casella da 2GB più accesso da mobile e notifiche via SMS. In alternativa, puoi scegliere il piano PEC Unica che per 34 euro/anno offre una casella da 3 o 5GB, accesso da mobile e notifiche via SMS, senza però prevedere un periodo di prova gratuito.

    Se vuoi approfittare dell’offerta di Register.it e attivare la tua casella PEC gratuita in pochi passi, visita innanzitutto il sito ufficiale del provider e premi sul pulsante Attiva Gratis. Metti poi la spunta sulla casella relativa all’accettazione dei termini di servizio e premi il pulsante Procedi, per continuare.

    Compila ora il modulo che ti viene proposto con tutti i tuoi dati personali e i dati dell’indirizzo PEC che desideri creare; premi poi il pulsante Procedi, verifica la tua identità (inviando la documentazione richiesta a Register.it) e configura la PEC nel tuo client di posta elettronica, utilizzando i parametri IMAP che trovi descritti in questa pagina Web oppure accedi alla casella tramite pannello Web.

    Come creare una PEC personale a pagamento

    Se non sei interessato alle prove gratuite o, comunque, le soluzioni elencate in precedenza non ti hanno convinto, puoi dare un’occhiata alle offerte di altri provider, che offrono soluzioni per tutte le tasche e tutte le esigenze, ma senza trial gratuita iniziale: ecco quelle più interessanti.

    Come creare una PEC Aruba

    Crea una PEC con Aruba

    Aruba, famosa azienda italiana che opera nel mondo di hosting, domini e servizi come firma elettronica e posta certificata, offre il piano PEC Standard a 5 euro + IVA all’anno, con una casella da 1GB (per il primo anno, poi 7,90 euro + IVA all’anno). L’abbonamento include anche un servizio antispam e la scansione antivirus dei messaggi.

    Se il piano PEC Standard dovesse però risultarti troppo limitato, sappi che sono disponibili il piano Pro, che per 25 euro + IVA all’anno offre una casella da 2GB con 3GB di archivio e notifica via SMS, e il piano Premium che al prezzo di 40 euro + IVA all’anno include una casella da 2GB con 8GB di archivio e notifiche via SMS.

    Per creare la tua casella di posta certificata con Aruba, visita il sito Web del provider, premi il pulsante Acquista corrispondente al nome del piano che hai scelto (es. Standard) e successivamente premi il pulsante Prosegui. Ora premi il pulsante Registrati e completa il processo di registrazione e creazione della casella compilando i moduli che ti vengono proposti.

    Per attivare il servizio di PEC, ti sarà richiesto di verificare la tua identità secondo le indicazioni di Aruba stessa. Potrai quindi accedere alla tua casella di posta tramite pannello Web, app per Android e iOS/iPadOS o potrai configurare il tuo client di posta elettronica usando i parametri che trovi nella mia guida dedicata.

    Come creare una PEC Poste Italiane

    Crea una PEC con Poste Italiane

    Un altro gestore di PEC molto economico è Poste Italiane, che offre il piano PEC Base privati al costo di 5,50 euro + IVA all’anno. Questo piano include una casella da 100MB, con 200 invii al giorno disponibili. I piani aziendali, invece, si chiamano PEC Base e PEC avanzata Business e hanno prezzi variabili e da definire con il reparto commerciale. Includono, in ogni caso, cinque caselle PEC con 1GB di spazio e 200 invii giornalieri.

    Se vuoi aprire una casella PEC personale con Poste Italiane, collegati al sito Web ufficiale del servizio e clicca sulla voce Acquista online, sotto la sezione Sei un privato? collocata in basso a destra. Accedi, quindi, al tuo account sul sito di Poste Italiane o creane uno nuovo, facendo clic sulla voce Registrati. Segui poi le indicazioni fornite da Poste Italiane per aprire la tua casella di posta certificata in pochi minuti.

    Anche in questo caso, ti sarà richiesto di convalidare la tua identità tramite l’invio al provider del contratto per la PEC firmato e la copia di un documento d’identità valido. Una volta attivata, potrai configurare la PEC sul tuo client di posta preferito con i parametri IMAP che trovi sul sito di Poste Italiane o usare il pannello Web.

    Come creare una PEC KOLST

    Crea una PEC con KOLST

    KOLST è un altro provider da prendere in considerazione, dato che offre servizi PEC a prezzi davvero concorrenziali.

    Il piano Smart offre, per 5 euro all’anno + IVA, una casella da 1GB su dominio peceasy.com o peceasy.it, invii illimitati, accesso tramite Webmail, scansione antivirus e avvisi via email.

    Il piano successivo, Dominio 5, costa 10 euro all’anno + IVA e aggiunge la possibilità di avere un dominio personalizzato. La dimensione della casella, inoltre, aumenta a 5GB. In ultimo è presente anche il piano Dominio 10, dal costo di 30 euro all’anno + IVA, che propone tutti i vantaggi del piano Dominio 5 con avvisi di ricezione, anche tramite SMS, e con spazio aumentato a 10GB.

    Per acquistare una casella PEC con KOLST, collegati al sito Web ufficiale del provider e premi sul pulsante Acquista collocato sotto il nome del piano di tuo interesse. Scegli quindi il dominio e premi sul pulsante Verifica. Ora prosegui completando la procedura guidata per l’attivazione dell’indirizzo di posta.

    Puoi configurare il tuo client di posta facendo riferimento alle indicazioni visibili sul sito di KOLST (dopo aver fatto clic sulla voce Devo configurare le caselle nel mio programma. Quali sono i vostri server di posta per la PEC?) o puoi accedere da pannello Web.

    Come creare una PEC Libero

    Crea una PEC con Libero

    Anche Libero Mail PEC offre ai propri utenti un ottimo servizio di posta elettronica certificata, disponibile sia per utenti privati che per aziende. Libero offre due piani tra cui scegliere: Family PEC, da 14,99 euro/anno (IVA inclusa), che include 1 casella PEC con spazio di archiviazione da 1GB, e PEC Unlimited che invece, al costo di 25 euro/anno + IVA, propone 1 casella PEC e spazio illimitato.

    Per creare una casella PEC con Libero, ti basta collegarti alla pagina principale del servizio e premere sul pulsante Attiva. Premi poi il pulsante Crea account e inserisci i dati richiesti, in modo da registrarti al servizio.

    Come per gli altri gestori, devi ora compilare il modulo proposto per la verifica dell’identità. Inserisci, quindi, tutti i tuoi dati personali, incluso il codice fiscale o la partita IVA, e completa la procedura di attivazione della posta certificata inviando la documentazione firmata al provider (allegando alla stessa una copia fronte retro della carta d’identità, o la dichiarazione sostitutiva di certificazione in caso di imprese o ditte individuali).

    I parametri da inserire nel client di posta, se ti servono, sono consultabili sul sito Internet di Libero, altrimenti puoi accedere da Webmail o app per Android e iOS/iPadOS.

    Altre offerte PEC

    Crea una PEC con altri provider

    Se i servizi che ti ho elencato non soddisfano le tue esigenze o se sei curioso di scoprire quali altre aziende offrono una casella PEC, ti consiglio di consultare l’elenco ufficiale dei gestori autorizzati alla fornitura dei servizi PEC sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale e la lista di altre offerte PEC interessanti che ti propongo di seguito.

  • Virgilio PEC – Virgilio offre un servizio PEC attraverso due diversi piani: il primo è chiamato Personal e costa 14,99 euro/anno, con 1GB di spazio incluso; il secondo si chiama Infinity e costa 30 euro + IVA/anno con spazio illimitato incluso.
  • KeliWeb – è un’azienda di hosting in grado di offrire anche un abbonamento al servizio PEC. I diversi piani sono: Basic (costa 9€+IVA/anno e permette di ottenere una PEC con dominio KeliPEC.it), Pro (costa 28,90€+IVA/anno e permette di ottenere una PEC con dominio di terzo livello) e Full (costa 28,90€+IVA/anno e permette di ottenere una PEC su dominio personalizzato).
  • Netsons – la famosa azienda di hosting offre ai propri utenti diversi piani per l’acquisto di una casella di posta elettronica certificata: PEC Base costa 10€+IVA all’anno e permette di ottenere una PEC da 1GB, PEC Pro ha come prezzo 50€+IVA all’anno e offre una PEC da 2GB e spazio di archiviazione da 3 GB e PEC Top, il piano più costoso dal prezzo di 80€+IVA all’anno, permette di ottenere una PEC da 2GB e spazio di archiviazione da 8GB.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.