Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come disinstallare Google Play Services

di

Hai “riportato in vita” un telefono Android che non utilizzavi da qualche tempo, con la ferma intenzione di servirtene come smartphone di backup. Dopo aver configurato il tuo account Google e aver scaricato qualche app, però, ecco l’amara sorpresa: hai iniziato a ricevere di continuo dei fastidiosi messaggi di errore relativi a Google Play Services e, stanco di questa situazione, hai aperto Google nel tentativo di capire come liberarti dell’app, finendo proprio su questa mia guida.

Ebbene, sono lieto di comunicarti che ti trovi nel posto giusto, in un momento che non poteva essere migliore: nel corso di questo tutorial, infatti, avrò cura di fornirti precise informazioni relative al servizio in essere, a oggi fondamentale per il corretto funzionamento di Android. È proprio per questo motivo che inizierò il mio tutorial fornendoti, oltre che ai doverosi accenni teorici, anche qualche preziosa dritta per tentare di risolvere il problema senza disinstallare Google Play Services, per poi entrare nel vivo della questione e spiegarti come fare a liberarti definitivamente dell’app.

Dunque, senza indugiare oltre, mettiti bello comodo e leggi con molta attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, terminata questa lettura, sarai perfettamente in grado di decidere sul da farsi, valutando autonomamente i rischi e i benefici associati alle procedure suggerite. Detto ciò, non mi resta altro da fare che augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

Ancor prima di entrare concretamente nel vivo di questa guida e di capire come liberarti, anche in modo provvisorio, dell’app Google Play Services, concedimi qualche minuto di tempo affinché possa spiegarti l’utilità della stessa.

In parole molto semplici, Google Play Services è quel componente di Android, oggi diventato fondamentale per il sistema operativo, che si occupa di gestire gli aggiornamenti delle funzionalità delle app e dei servizi Google che, originariamente, dipendevano dagli aggiornamenti di Android.

Tanto per farti un esempio, nelle prime versioni di Android, le app legate ai servizi Google (come Maps, tanto per farti un esempio), venivano aggiornate soltanto quando l’intero sistema operativo Android riceveva un update: grazie al “pacchetto” Google Play services, invece, ciò non è più necessario, pertanto le app di Google (e i servizi interni alle app di terze parti che dipendono dalle stesse) possono ricevere aggiornamenti autonomi e non dipendere dalla versione del sistema operativo.

Inoltre, Google Play Services include anche funzionalità per la gestione degli accessi ai servizi Google, per la localizzazione con basso consumo energetico, la gestione delle impostazioni sulla privacy e l’installazione e l’aggiornamento di tutte le app da Google Play. È proprio per questi motivi che, a oggi, Google Play Services è una parte fondamentale di Android, senza la quale le app (o l’intero sistema operativo) potrebbero funzionare in modo imprevisto.

Tuttavia, specie sui dispositivi un po’ più “datati”, può capitare che Google Play Services inizi a dare qualche problema in seguito a un aggiornamento, generando continuamente messaggi d’errore relativi alla sua chiusura forzata o al suo malfunzionamento improvviso: solitamente, è sufficiente attendere un aggiornamento correttivo affinché il problema si risolva spontaneamente e, data l’importanza del servizio, è fortemente sconsigliato procedere alla disattivazione provvisoria o all’eliminazione dello stesso.

Dunque, prima ancora di procedere in tal senso, ti consiglio di effettuare alcune semplici operazioni per tentare di risolvere il problema.

  • Svuotare la cache dei servizi Google – accedi alle Impostazioni di Android toccando l’apposita icona a forma di ingranaggio, recati nella sezione App e notifiche > Mostra tutte le app (sulle versioni meno recenti di Android, invece, devi recarti in Impostazioni > App). Successivamente, fai tap sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra e scegli l’opzione Mostra sistema/Mostra app di sistema dal menu proposto, per poi sfiorare la voce Google Play Services. Per eliminare la cache, tocca la voce Spazio di archiviazione e premi successivamente sul bottone Cancella cache. Fatto ciò, riavvia Android e verifica l’eventuale risoluzione del problema.
  • Eliminare la cache di Google Service Framework – per tua informazione, Google Service Framework è la parte di Android che si occupa dello scambio dei dati tra i servizi Google (inclusi quelli integrati nelle app di terze parti) e i server di “Big G”: a volte, eliminare la cache del servizio può rivelarsi una soluzione risolutiva ai problemi di Google Play Services. Per procedere, accedi alla lista delle app di sistema come ti ho mostrato nel punto precedente, fai tap sulla voce Google Services Framework e premi sul bottone Termina/Forza arresto per stoppare provvisoriamente il servizio, confermando la volontà di procedere nella schermata successiva. A questo punto, tocca la voce Spazio di archiviazione, premi sul pulsante Cancella cache e riavvia Android per confermare il tutto e lanciare nuovamente il servizio.

Come disattivare Google Play Services

Non sei riuscito a risolvere i problemi di instabilità legati agli errori del servizio Google? In tal caso, la soluzione meno “indolore” che tu possa prendere in considerazione è quella di disattivare Google Play Services.

Tramite questa procedura è possibile “stoppare” l’azione dell’app, senza però disinstallarla in modo definitivo: si tratta di una procedura ottimale per disabilitare il servizio in attesa di un aggiornamento correttivo che possa ripristinarne il funzionamento. Prima di continuare, è bene che tu sia consapevole del fatto che, anche in questo modo, tutte le app Google collegate a Play Services (Play Store, Gmail, Chrome, Maps e così via) e tutte le app di terze parti che, in qualche modo, si interfacciano con i servizi Google, potrebbero funzionare in modo anomalo non funzionare affatto, fino alla successiva riattivazione del servizio.

Detto ciò, è il momento di passare all’azione: per disattivare Google Play Services, fai tap sul pulsante Impostazioni (quello a forma di ingranaggio) collocato nel drawer di Android, recati nella sezione App e notifiche (o semplicemente App Applicazioni), pigia sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra e sfiora la voce Mostra sistema/Mostra app di sistema visualizzata nel menu che compare.

A questo punto, pigia sulla voce Google Play Services e, se possibile, disattiva l’app toccando sui bottoni Disattiva Disattiva app. Se, in un secondo momento, dovessi aver nuovamente bisogno di attivare l’app, puoi farlo ripetendo la procedura e sfiorando, questa volta, il pulsante Attiva.

Qualora il pulsante preposto per la disattivazione dovesse essere “oscurato”, puoi tentare di risolvere il problema riportando l’app alla versione di fabbrica, impedendone provvisoriamente il funzionamento: per farlo, sempre dalla stessa schermata, sfiora il pulsante (⋮) collocato in alto a destra e tocca le voci Disinstalla aggiornamenti OK. Qualsiasi passaggio tu abbia deciso di seguire, riavvia il terminale per confermare il tutto e verificare che il problema sia stato (almeno provvisoriamente) risolto.

Quando necessario, potrai installare nuovamente gli aggiornamenti di Play Services, scaricandoli direttamente dal Play Store: se non sai come fare, ti consiglio di seguire i passaggi che ti ho indicato nella mia guida dedicata.

Come disinstallare Google Play Services

Nonostante tutti i precedenti tentativi, non sei riuscito a eliminare i messaggi d’errore dal tuo telefono e hai tutta l’intenzione di disinstallare Google Play Services in via definitiva? Allora lascia che ti dia le indicazioni necessarie per farlo nel modo più semplice possibile.

Prima ancora di continuare, tengo a ribadirti, ancora una volta, che l’eliminazione di Google Play Services potrebbe rendere instabile, se non addirittura inutilizzabile, il dispositivo da cui intendi agire. Oltretutto, uno dei passaggi che andrò a mostrarti di seguito (in particolare, la procedura di root) invaliderà l’eventuale garanzia abbinata al device: non dire che non ti avevo avvisato!

Sblocco del root

Fatte le doverose premesse, è il momento di passare all’azione: come ti ho già accennato poc’anzi, poiché Google Play Services è un’applicazione di sistema, per procedere alla sua rimozione è necessario preventivamente ottenere i permessi di root. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, questa procedura va usata per autorizzare l’accesso a parti “delicate” del sistema operativo, tra cui le app integrate nello stesso.

Tieni ben presente che lo sblocco del root su Android non è un procedimento esente da rischi: nel peggiore dei casi, laddove i passaggi non fossero eseguiti correttamente, il dispositivo su cui si agisce potrebbe andare incontro al cosiddetto hard brick, diventando così totalmente inutilizzabile. Come dici? Vuoi procedere comunque? Allora ti consiglio di leggere con estrema attenzione la mia guida al root su Android, in cui ti ho mostrato per filo e per segno tutti i dettagli relativi a tale procedura.

Rimozione di Google Play Services

Una volta ottenuti i permessi di root sul terminale, puoi procedere alla rimozione di Google Play Services utilizzando un software di terze parti sviluppato per l’eliminazione delle app di sistema. A tal proposito, mi sento di consigliarti Root App Deleter, una delle migliori app gratuite progettate per lo scopo, in grado di eliminare efficacemente anche le parti “fondamentali” di Android (a tuo rischio e pericolo, chiaramente).

Una volta installata e avviata l’app, concedile i permessi di root pigiando, quando richiesto, sul pulsante Autorizza, dopodiché fai tap sul pulsante System Apps e tocca successivamente la voce Pro. A questo punto, identifica il servizio Google Play Services nella lista proposta: come puoi vedere, il suo nome è contrassegnato in rosso, poiché il servizio è parte integrante del sistema Android e non dovrebbe essere toccato.

Ad ogni modo, se desideri procedere, sfiora la voce relativa all’app in questione e, consapevole del fatto che l’operazione che ti appresti a compiere potrebbe avere conseguenze gravi sulle app Google, oltre che sull’intera stabilità del dispositivo, pigia sul pulsante Uninstall che compare nella schermata successiva, rispondendo in modo affermativo agli avvisi che compaiono in seguito. Quando hai finito, riavvia il terminale per rendere effettive le modifiche.

In caso di problemi

Come dici? In seguito alla rimozione di Google Play Services il tuo dispositivo è diventato instabile? È una conseguenza di cui ti avevo parlato che, purtroppo, potrebbe costringerti a resettare completamente il telefono o il tablet. Come soluzione estrema, potresti provare a reinstallare l’app scaricandola direttamente dal Google Play Store e riavviare il terminale, sperando che il problema si risolva spontaneamente.

Qualora ciò non dovesse succedere, ti consiglio di ripristinare quanto prima il tuo dispositivo: se non sai farlo, puoi rivolgerti alla mia guida su come ripristinare Android per recuperare tutte le informazioni del caso.