Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come fare business online

di

Sei stanco del tuo lavoro attuale? Vorresti trovare nuovi stimoli, magari investendo tempo, energie e risorse in un’attività online? Beh, sappi che non sei il solo: sempre più persone, infatti, provano a entrare nel mondo del Web, ma attenzione perché non è così semplice come in molti credono. Internet offre tantissime opportunità, questo è vero, ma è vero anche che occorrono tempo e sacrifici prima di vedere risultati significativi, oltre che la giusta idea imprenditoriale. Senza questi “ingredienti”, così come nel mondo dell’imprenditoria “offline”, non si va da nessuna parte.

Come dici? La “sfida” ti stuzzica parecchio, vorresti provare a gettarti nella mischia e, per questo, vorresti dei consigli su come fare business online? Beh, allora non ci sono dubbi: ti trovi nel posto giusto, al momento giusto! Nelle prossime righe di questo tutorial, infatti, avrò modo di illustrarti alcune opportunità di guadagno correlate ad attività online che, con il dovuto impegno e sforzo, possono rendere abbastanza.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Fantastico! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di mettere in pratica le “dritte” che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e, soprattutto, farti un grosso in bocca al lupo per il tuo business online!

Indice

Monetizzare un sito Web o un blog

Guadagnare con un blog

Se vuoi fare business online ti consiglio di prendere in seria considerazione la possibilità di provare a monetizzare un blog o un sito Web. Come ti accennavo nell’introduzione, però, il guadagno derivante dalle attività online e, in questo caso specifico da quello relativo all’apertura di un sito Web o un blog, non avviene certo per caso.

L’impegno, in termini di tempo e di energie, richiesti in questo settore è importante: fattelo dire da chi ci si “sporca le mani” ogni giorno da svariati anni! Inoltre, chi desidera monetizzare un sito o un blog deve armarsi di una buona dose di pazienza, visto che i primi risultati significativi arrivano, solitamente, quando va bene, dopo il primo anno di attività.

A proposito di guadagni: solitamente, questi vengono generati dalla vendita di spazi pubblicitari. Come avviene ciò? Di solito mediante l’uso di appositi servizi: il più famoso di tutti è Google AdSense. Come puoi ben immaginare, i compensi sono direttamente proporzionali al traffico del sito: avere più visitatori equivale a ottenere guadagni maggiori, e bisogna tenere conto delle continue oscillazioni del mercato pubblicitario.

Da non sottovalutare, quindi, altre fonti di monetizzazione, come quella relativa all’adesione a programmi di affiliazione (ne è un esempio quello ideato da Amazon) che, tramite l’inserimento di link sponsorizzati negli articoli del proprio sito Web o blog, consentono di guadagnare  una percentuale sulle vendite che vengono effettuate mediante gli stessi nell’arco delle 24 ore successive.

Se vuoi provare a guadagnare con un sito e desideri approfondire l’argomento, dai pure un’occhiata all’articolo che ti ho appena linkato e valutare la possibilità di acquistare “Il Metodo Aranzulla” (edito da Mondadori Electa): un libro dove spiego in modo dettagliato le strategie e gli strumenti che hanno permesso al mio sito, Aranzulla.it, di diventare uno dei primi 30 in Italia.

Il metodo Aranzulla. Imparare a creare un business online
Vedi offerta su Amazon

Aprire un negozio online

Shopify

Aprire un negozio online può costituire un’opportunità importantissima per entrare nel mondo del business online. Questo vale sia che tu voglia aprire un’attività partendo da zero, sia che tu desideri “digitalizzare” un’attività “offline” già avviata. Come si fa ad aprire un negozio online? È possibile optare per tre “strade” differenti, che ti elenco di seguito.

  • Affidarsi a pacchetti preconfezionati — si tratta sicuramente della via più semplice da intraprendere, soprattutto se non hai competenze informatiche particolarmente avanzate per acquistare un dominio Web da personalizzare e/o se non vuoi affidarti a un professionista che sia in grado di fare ciò. Uno dei portali a cui puoi rivolgerti per realizzare un negozio online partendo da un pacchetto preconfezionato è Shopify che vanta oltre 1.000.000 di negozi attivi in tutto il mondo e si può usare comodamente dal browser o da app per Android e iOS/iPadOS. Include hosting sicuro illimitato, banda illimitata gratuita, certificato SSL, blog, un nome di dominio gratuito shopify.com (con la possibilità di acquistarne uno personalizzato o di usarne uno già esistente) e tutto l’occorrente per gestire prodotti (illimitati), ordini, pagamenti, inventario, lista clienti, campagne marketing su Google, Facebook, email o SMS e vendite (con report dettagliati). Si può usare gratis per un periodo di prova limitato, dopodiché bisogna scegliere tra vari piani, a partire da 29$/mese. È tutto molto intuitivo: la fase di creazione del sito richiede pochissimi secondi (non c’è bisogno di inserire dati di pagamento), la gestione poi avviene in maniera altrettanto intuitiva, con la possibilità di scegliere e personalizzare il tema da usare e navigare agevolmente tra tutte le sezioni del servizio (tramite il menu laterale a sinistra). Maggiori info qui.
  • Usare un CMS o Content Management System — visto che i pacchetti preconfezionati non offrono molte possibilità di personalizzazione, acquistare un dominio e installare un CMS su quest’ultimo è un’opzione da prendere in considerazione. Qualora non lo sapessi, un CMS è una specie di software che permette di gestire i contenuti presenti sul sito e i prodotti presenti in vetrina. Tra i CMS più famosi ti cito WordPressJoomlaPrestashop e Magento. Chiaramente, per optare per una soluzione del genere bisogna essere ferrati in ambito infrmatico oppure bisogna disporre delle risorse economiche necessarie per affidarsi a un professionista in grado di avviare questo genere di attività e curarla nel tempo.
  • Aprire una vetrina su store già affermati — è un’altra opzione che è possibile prendere in considerazione: aprire una vetrina su store come AmazoneBay o Etsy infatti, può costituire un’ottima opportunità, soprattutto per chi ha già un negozio fisico e vuole semplicemente ampliare il proprio giro di affari mostrando i propri prodotti sul Web.

Ulteriori informazioni e dettagli su come aprire un ecommerce sono disponibili nell’approfondimento che ti ho appena linkato. Se hai modo di farlo, consultalo perché potrebbe tornarti utile.

Monetizzare un canale YouTube

Come installare YouTube con Family Link

Anche monetizzare un canale YouTube può essere una buona opportunità di business. Dal momento che questa piattaforma è molto popolare, non mancheranno di certo le opportunità per ottenere dei guadagni tramite la creazione di contenuti interessanti e di qualità. Per ottenere il successo sperato, ovviamente, bisogna anche cercare di essere originali: dato che su YouTube esistono canali che trattano i più svariati argomenti, potrebbe essere difficile riuscire a emergere se non ci si distingue dalla massa con contenuti di impatto.

Dopo aver aperto un canale YouTube, puoi provare a guadagnare attraverso il Programma Partner di YouTube. Per parteciparvi, però, sappi che bisogna aver raggiunto la soglia minima di 1.000 iscritti e aver totalizzato 4.000 ore di visualizzazione negli ultimi 12 mesi. Tieni conto che su YouTube è possibile guadagnare anche con i cosiddetti network di affiliazione: puoi provare a trovarne qualcuno disposto a collaborare con il tuo canale mediante l’uso di piattaforme del calibro di SocialBlade.

Come avrai intuito, dunque, anche su YouTube è possibile monetizzare principalmente dalla pubblicità (ma anche dai sistemi di affiliazione, mettendo dei link sponsorizzati in descrizione e recensendo dei prodotti attinenti alle tematiche trattate nei propri video): chiaramente, più visualizzazioni totalizzano i propri contenuti, più elevati sono i potenziali guadagni ottenibili.

Dal momento che fare tanti iscritti su YouTube richiede tempo, sforzo e l’adozione delle strategie giuste, ti esorto a consultare l’approfondimento che ti ho appena linkato, così da sapere come muoverti. Non mancare anche di dare un’occhiata alla guida in cui spiego nel dettaglio come guadagnare su YouTube, così da approfondire ulteriormente i concetti che ti ho fornito nelle righe precedenti.

Monetizzare un profilo social

come lavorare con instagram

In una guida dedicata al business online, non potevo non parlare di social network. Già, perché adottando le strategie e gli strumenti giusti, è possibile anche monetizzare un profilo social.

Chiaramente, per riuscire a fare ciò, bisogna disporre di un profilo social (ad esempio su Instagram) che abbia un grado di popolarità importante. Se non sei ancora famoso sui social, puoi ricevere qualche consiglio su come migliorare la situazione leggendo quest’altro approfondimento.

Una volta che sarai diventato popolare su uno o più social network, cosa che richiede molto tempo e impegno, puoi provare a monetizzare nei seguenti modi.

  • Ricorrere a servizi di affiliazione — per avvalertene, ti basta iscriverti a uno o più servizi di affiliazione e generare tramite essi dei link sponsorizzati, da inserire nei post da pubblicare sui tuoi profili social. Se un utente acquista un bene o un servizio mediante questi link entro un determinato periodo di tempo (di solito 24 ore), potrai ricevere una percentuale di guadagno sulla vendita generata dal link. Mi raccomando però: nel partecipare a programmi di affiliazione, non “spammare” sui tuoi profili social prodotti o servizi dalla dubbia affidabilità oppure soluzioni che non hanno nulla a che vedere con il tuo target di riferimento. Così rischieresti soltanto di fare danni. Intesi?
  • Collaborare con brand famosi — se hai un account social particolarmente seguito, potresti provare a collaborare con uno o più brand famosi ed essere pagato da questi ultimi per promuovere i loro prodotti o servizi. Nel promuovere un prodotto sui social, ricordati di segnalare ai tuoi utenti la natura commerciale dei contenuti interessati: potresti farlo, ad esempio, usando degli hashtag appositi (es. #ad#adv,#sponsored, etc.).

Se vuoi approfondire l’argomento e avere maggiori informazioni su come guadagnare con i social, non esitare a leggere l’approfondimento che ho interamente dedicato a questo argomento.

Consigli per fare un business online

Foto che mostra una donna che utilizza un notebook

Concludo questa guida con alcuni consigli per fare un business. Prova a seguire le “dritte” che trovi elencate qui sotto e vedrai che non te ne pentirai.

  • Scegli il settore di mercato giusto — se scegli un segmento di mercato che è già saturo, partirai con il piede sbagliato. Se in un settore sono già presenti dei concorrenti affermati, infatti, potrebbe essere difficile riuscire a scalfirli. Andando a operare in un mercato relativamente “libero”, invece, è possibile avere molte più chance di successo.
  • Studia e informati — questo è l’unico modo per riuscire a emergere e distinguersi dai propri concorrenti. Studiare nuove strategie, informarsi sulle ultime novità riguardanti il proprio settore è alla base della crescita del proprio business. Per fare questo, acquista libri, iscriviti a corsi (sia fisici che online) e cerca di fare networking parlando con persone che già lavorano nei settori in cui vorresti operare.
  • Diversifica le fonti di guadagno — se il mercato in cui hai deciso di entrare dovesse subire un periodo di crisi, aver scelto di diversificare le tue fonti di guadagno potrebbe letteralmente salvarti. Per questo motivo, prova a individuare in quali modi differenti puoi riuscire a trarre dei guadagni dalla tua attività online prima che il tuo settore subisca un periodo di flessione.
  • Sii costante — la costanza è alla base del successo in qualsiasi attività, specialmente in quelle che riguardano il mondo del business online, visto che in questo caso i guadagni potrebbero non arrivare nel breve periodo (come ti ho già detto qualche riga più su, in molti casi potrebbe volerci un anno o più per vedere qualche risultato degno di nota). Come dicono gli inglesi: “Don’t give up!”
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.