Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona WeTransfer

di

Devi inviare alcuni file ad alcuni colleghi o clienti. Hai provato a farlo via email, ma senza successo: i file in questione, infatti, risultano essere troppo grandi e “sforano” i limiti per gli allegati previsti da tutti i principali servizi di posta elettronica. Come risolvere, dunque, e riuscire nel tuo intento? Sto per spiegartelo in questa mia guida.

Nel tutorial di quest’oggi, infatti, voglio parlarti di come funziona WeTransfer: storico servizio di scambio di file via Internet che supporta gratuitamente l’inoltro di contenuti con dimensioni fino a 2GB con un link condivisibile via email o qualsiasi altro canale.

Il servizio è offerto in maniera gratuita e i file inviati sono ospitati sui server sicuri di WeTransfer, non andando così a occupare lo spazio di archiviazione della posta elettronica. Altro punto di forza di WeTransfer sta nella sua interfaccia utente, minimale e intuitiva, che rende il servizio davvero facile da utilizzare per chiunque. Per inviare un file ci vorranno soltanto pochi minuti e non bisogna né registrarsi né installare nulla sul proprio dispositivo. Per saperne di più, continua a leggere.

Indice

Come funziona e come usare WeTransfer

WeTransfer

Per scoprire come funziona WeTransfer, devi innanzitutto collegarti al sito Internet ufficiale del servizio e accettarne i termini di utilizzo, premendo sul pulsante Accetto per due volte consecutive.

Si aprirà così la schermata dedicata all’invio di file con WeTransfer. Come puoi vedere, la schermata in questione si presenta con un’interfaccia utente davvero minimale. La maggior parte della stessa è occupata dallo sfondo offerto dal servizio, realizzato in collaborazione con aziende partner; a lato, invece, vi è lo strumento per l’invio dei file.

È possibile scegliere se inviare un’email automatica ai destinatari con il link di download o se copiare quest’ultimo manualmente e poi condividerlo autonomamente su altri canali (es. i social network).

I file trasferiti saranno disponibili per il download dai server di WeTransfer per una durata di tempo limitata: i destinatari avranno 7 giorni di tempo per scaricarli. Abbonandosi al piano Pro del servizio (12 euro/mese) è possibile personalizzare questo lasso di tempo e impostare anche una password per proteggere i download.

Una volta scaduto il tempo disponibile per il download del file, il contenuto sarà cancellato e dovrà essere ricaricato per effettuare un ulteriore invio.

Tutto chiaro fin qui? Sì? Benissimo! Allora non perdiamoci ulteriormente in chiacchiere e cominciamo subito. Nelle righe che seguono trovi spiegato come inviare e ricevere file con WeTransfer.

Come inviare file con WeTransfer

WeTransfer

Per inviare file con WeTransfer da computer, puoi agire da qualsiasi browser e sistema operativo tu preferisca. Pertanto, che tu voglia sapere come funziona Wetransfer su Windows o come funziona Wetransfer su Mac, la procedura da seguire è sempre la stessa.

La prima cosa che devi fare, ovviamente, è quella di collegarti alla home page del servizio e accettare le condizioni d’uso come spiegato poc’anzi. Fatto ciò, premi sul pulsante (+) Aggiungi File. Così facendo, si aprirà una finestra di dialogo che ti chiederà di scegliere il file da trasferire tra quelli presenti nella memoria del tuo computer.

Seleziona quindi il contenuto di tuo interesse facendo clic su di esso affinché venga fatto l’upload dello stesso sul server di WeTransfer. Il passo successivo prevede di indicare i dati del destinatario del tuo file. Nel campo di testo Invia un’email a devi quindi indicare l’indirizzo email del destinatario. Tieni presente che, nel caso in cui tu abbia bisogno di effettuare un invio multiplo, puoi indicare fino a 20 indirizzi email diversi.

Nel campo di testo La tua email, invece, devi indicare il tuo indirizzo email. Inserendolo, ti verrà richiesto di verificare la tua email per una questione di sicurezza e, inoltre, sarai avvisato con un’email quando il file sarà scaricato.

Per evitare di verificare la tua mail a ogni invio è possibile facoltativamente effettuare la registrazione gratuita, procedura che si effettua premendo prima sul pulsante Registrati e poi su Crea un account WeTransfer, in modo da effettuare la creazione di un account tramite email e password oppure tramite l’account Google.

Il campo messaggio, invece, è del tutto facoltativo: se è tuo desiderio, puoi scrivere un messaggio personalizzato che accompagnerà il file da inviare al destinatario. Dopo aver effettuato l’upload, per effettuare il trasferimento del file in questione, inserisci il codice di conferma relativo alla verifica della tua email (se richiesto) e poi premi sul pulsante Trasferisci. Il gioco è fatto!

Se non vuoi inviare il link di download via email ma condividerlo manualmente dove preferisci, clicca sul pulsante (…), spunta la casella Ottieni il link per il trasferimento, premi nuovamente sul pulsante (…) e procedi al caricamento del file come spiegato poc’anzi (scegliendo però le voci Ottieni un link > Copia il link). Tutte le persone che saranno in possesso del link in questione potranno scaricare il file dal sito Internet di WeTransfer.

WeTransfer: come funziona per ricevere

WeTransfer

Una volta appreso il funzionamento di WeTransfer relativo all’invio di file, vediamo come utilizzarlo per ricevere un documento condiviso da un’altra persona.

Se un tuo collega ti ha inviato un documento o qualsiasi altro tipo di file con WeTransfer, puoi procedere in maniera molto semplice.

Se riceverai un’email da WeTransfer, significa che il file è pronto per essere scaricato. Nel corpo dell’email ti verrà indicato l’indirizzo email del mittente, il numero dei file inviati e la data di scadenza degli stessi. Poco più sotto, troverai anche indicato l’eventuale messaggio personalizzato che il mittente avrà eventualmente scritto. Per scaricare il file ricevuto, premi sul pulsante Scarica i file presente nell’email ricevuta. Il collegamento indicato ti rimanderà al sito ufficiale di WeTransfer: premi sul pulsante Scarica e il download avrà inizio.

Ti è stato inviato direttamente il link del file caricato su WeTransfer? Ugualmente semplice. Tutto quello che devi fare è visitare l’indirizzo Web in questione con il tuo browser preferito e premere sul pulsante Scarica.

Come funziona WeTransfer Pro

Wetransfer pro

Come accennato poc’anzi, WeTransfer è un servizio che, di base, è fruibile in maniera del tutto gratuita. Tuttavia, chi ha necessità di trasferire file di dimensioni superiori a 2GB, può fare riferimento a WeTransfer Pro, versione a pagamento del servizio con prezzi a partire da 12€/mese.

Tra le caratteristiche di WeTransfer Pro vi è la possibilità di inviare file fino a 20 GB in una sola volta, l’archiviazione dei documenti su server fino a 200 GB, la possibilità di personalizzare il tempo di scadenza e quella di utilizzare una password per proteggere i file inviati.

Per sottoscrivere l’abbonamento in questione collegati alla pagina iniziale del servizio e premi sul pulsante Registrati > Ottieni WeTransfer Pro, in modo da effettuare la registrazione e il pagamento dell’abbonamento.

Come funziona WeTransfer app

Per inviare file è anche possibile usufruire dell’applicazione Collect by WeTransfer per Android e iOS/iPadOS, un’app che si presenta strutturata in board, cioè in tavole virtuali nelle quali è possibile caricare tutti i contenuti da condividere con altre persone. Vediamo insieme come utilizzarla.

Come funziona WeTransfer su Android

Wetransfer app

Dopo aver scaricato l’app di Collect by WeTransfer dal Play Store di Android (o da store alternativi), per utilizzarla non devi far altro che avviarla e creare una nuova board per aggiungervi i contenuti da condividere, pigiando sul pulsante (+) che si trova in basso.

Adesso, nella schermata che ti viene mostrata, seleziona i file da aggiungere alla board: puoi scegliere tra foto o video (Photos or video), camera (e quindi catturare una foto o un video in tempo reale con la fotocamera dello smartphone) e files (file di vario genere).

Aggiungi quindi, l’elemento a una tavola virtuale predefinita o premi sul pulsante Create new board, per crearne una nuova. Una volta terminata la creazione della board e l’aggiunta di un contenuto a quest’ultima, pigia sul pulsante Share e scegli se inviare il file in sola lettura (View) o se mandarlo anche con i permessi di modifica (Edit), apponendo il segno di spunta sull’apposita voce. Fatto ciò, premi sul pulsante Share, per condividere il link e consentire ad altre persone di scaricare il file che hai aggiunto alla tua tavola virtuale.

Se vuoi, puoi cancellare le board anche dopo averle create: basta selezionarle dalla schermata Boards e usare il pulsante Delete Board che si trova nella schermata (…), per rimuovere i contenuti. Per aggiungere nuovi contenuti in una board creata, invece, premi sul pulsante (+) situato all’interno di una tavolozza virtuale. Non è possibile ricevere file direttamente all’interno dell’app.

Come funziona WeTransfer su iPhone

Come funziona Wetransfer su iPhone

Puoi inviare file con WeTransfer anche tramite l’app Collect by WeTransfer per iPhone/iPad, scaricandola dall’App Store. Il funzionamento dell’app per iOS/iPadOS è identico a quello per Android, dato che l’interfaccia utente è esattamente la medesima.

Tutto ciò che devi fare, quindi, è premere sul pulsante (+) per caricare in una board virtuale una foto o un video dalla Galleria del tuo dispositivo (Photos or video) oppure un’elemento ottenuto sul momento (camera), da inviare in sola lettura (View) o con i permessi di modifica (Edit) tramite il pulsante Share.

L’unica differenza dell’app Collect by WeTransfer per iPhone/iPad sta nella possibilità aggiuntiva di scansionare documenti (Scan document) e di aggiungere delle note da inviare (Notes), elementi che possono essere aggiunti a una tavola virtuale tramite il pulsante (+).

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.