Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ripulire il PC

di

Se non viene effettuata un’opera di manutenzione regolare, anche i PC più potenti rischiano di diventare lenti e pieni di “file spazzatura”, file che cioè occupano inutilmente spazio sul disco in quanto non hanno una reale utilità (es. dati relativi a programmi non più installati sul computer, residui della cronologia di navigazione e quant’altro).

Se stai leggendo queste righe, probabilmente è successo anche al tuo computer. Le cose stanno così, vero? Allora direi di non perdere altro tempo e passare subito al sodo scoprendo insieme come ripulire il PC grazie a dei piccoli ma fondamentali accorgimenti e a delle funzioni incluse in tutte le edizioni più diffuse di Windows.

Ovviamente non aspettarti “miracoli”: se il tuo computer è molto vecchio e/o ha dei problemi di hardware, con una semplice manutenzione a livello software non potrai risolvere i suoi problemi di lentezza, ma in situazioni più ordinarie questi piccoli accorgimenti fanno la differenza, te l’assicuro. Allora, sei pronto a cominciare? Trovi tutti i passaggi che devi compiere proprio qui sotto.

Indice

Come ripulire il PC lento

Vediamo per prima cosa come pulire il PC da tutti quei programmi e dati superflui che possono davvero renderlo lento fino a farlo diventare quasi inservibile.

Come ripulire il PC da programmi inutili

Come ripulire il PC

Per prima cosa, nel caso non lo sapessi, il tuo computer potrebbe essere rallentato perché all’avvio del sistema operativo fa partire anche tanti programmi — molti dei quali superflui — senza che tu lo richieda. Questo perché, alcuni software, una volta installati si impostano da soli per l’avvio automatico con Windows; questo ovviamente consuma RAM e grava sul processore, che potrebbe già essere piuttosto al limite, quindi occorre mettere un freno a queste pratiche.

Come disattivare i programmi in avvio automatico? Semplice, una volta acceso il PC non devi far altro che arrivare alla schermata di Gestione attività, per bloccarli. Per riuscirci, puoi fare clic destro sul pulsante Start o sulla barra delle applicazioni e selezionare la voce apposita dal menu che si apre oppure puoi premere Ctrl+Alt+Canc

Una volta avviata l’utility Gestione attività, vai sulla scheda Avvio (se non la vedi, clicca sulla voce in basso per visualizzare più opzioni). Qui trovi la lista dei programmi che si attivano, con la dicitura Abilitato o Disabilitato a fianco.

Guarda tra gli abilitati quali non t’interessa avere, tenendo ben presente che, se disattiverai una funzione essenziale, potresti compromettere il corretto funzionamento del PC (ti consiglio di cercare su Google, se hai dubbi circa l’identità di un determinato processo). Clicca dunque sul programma e poi sul pulsante Disabilita, per evitare che si avvii in automatico alla prossima accensione.

Per quanto possa apparire banale, il secondo consiglio che ti do è quello di fare una cernita dei programmi installati sul tuo PC e di rimuovere quelli che non utilizzi più. In questo modo libererai spazio prezioso sul disco. Un computer più “snello” non è necessariamente più scattante, ma meglio evitare di ingolfarlo con elementi poco utili.

disinstallare app w11

Se non sai come disinstallare un programma dal PC, clicca sul pulsante Start (l’icona della bandierina collocata in basso allo schermo) e cerca il pannello di controllo nel menu che compare. Nella finestra che si apre, fai clic sulla voce Disinstalla un programma, seleziona l’icona del software che vuoi rimuovere dal computer e clicca sul pulsante Disinstalla/Cambia che compare in alto a sinistra.

Per completare il processo di rimozione di un programma, segui le indicazioni presenti su schermo. Di solito basta cliccare sempre su Avanti o Next e il gioco è fatto.

Questa è la procedura generica valida per qualsiasi versione di Windows tu possegga ma, nel caso il tuo sia animato da Windows 10, puoi disinstallare i programmi anche recandoti in Start > Impostazioni > Sistema e selezionando la voce App e funzionalità dalla barra laterale di sinistra.

Se hai Windows 11, invece, puoi andare su Impostazioni, App e infine App e funzionalità. Per maggiori dettagli ti lascio alla mia guida su come disinstallare un programma.

Come ripulire il PC da virus

windows defender

Se hai il PC lento o che funziona male, potrebbe essere causato da un virus che hai contratto senza neanche accorgertene, cliccando su qualche link o aprendo pagine che nascondevano insidie. Per questa ragione occorre scansionare il PC alla ricerca di malware.

Prima di installare antivirus di terze parti, magari andando a “pescare” un prodotto scarsamente ottimizzato che potrebbe addirittura risultare dannoso per il tuo computer (in quanto graverebbe ulteriormente sulle sue prestazioni), ti suggerisco di utilizzare la soluzione nativa di Microsoft, ovvero Windows Defender.

Questo non è nient’altro che un antivirus che è già installato insieme al sistema operativo, il quale viene costantemente aggiornato ed è estremamente leggero e non grava sulle prestazioni della macchina. Di base è sempre attivo sul computer ma, se ne vuoi avere la certezza, puoi fare una rapida verifica: clicca sul pulsante Start (l’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), scegli l’icona Impostazioni, poi vai su Privacy e sicurezza, seleziona Sicurezza di Windows e premi il pulsante Apri sicurezza di Windows.

Da qui puoi vedere cos’è attivo e, se hai fatto un’impostazione classica di Windows e non hai mai toccato nulla, ogni singola protezione dovrebbe essere in funzione. Nel caso mancasse qualcosa, troverai un pulsante Attiva sotto la rispettiva voce che ti permetterà di attivare istantaneamente quel tipo di sicurezza.

Di base solitamente è attiva la protezione da virus e minacce, protezione account, protezione firewall e della rete, controllo app (di cui all’interno la protezione dagli exploit impostata sulle impostazioni predefinite) e la sicurezza dei dispositivi. Tutte queste funzioni ti permettono di tenere sotto controllo il PC in modo piuttosto efficace, quindi mantienile sempre attive.

Se invece volessi eseguire una scansione del tuo dispositivo, ti basta andare nel menu Impostazioni, scegliere la voce Privacy e sicurezza, ancora Sicurezza di Windows e il pulsante Apri sicurezza di Windows. Da qui seleziona la casella Protezione da virus e minacce e poi fai clic sul pulsante Analisi veloce per una scansione rapida oppure clicca sulla voce Opzioni di analisi e seleziona un tipo di scansione più approfondito.

Questo vale per la versione di Defender per Windows 11 e 10; se hai una versione precedente di Windows ti lascio alla mia guida su come attivare Windows Defender. Se poi, per qualsiasi motivo, Defender non dovesse soddisfarti, puoi prendere in considerazione un altro tra i migliori antivirus gratuiti disponibili su piazza.

Come ripulire il PC da file inutili

Ingrandire icone Windows

Adesso passiamo agli accorgimenti da mettere in pratica per ripulire il PC da file inutili. Con il termine “file inutili” mi riferisco non solo ai file appartenenti a programmi non più installati sul PC e/o ai file temporanei generati dalle applicazioni che sono ancora in uso, ma anche a tutti quei programmi, quei video e quei documenti che non utilizzi più e stazionano inutilmente sul disco del PC.

Ci sono svariati strumenti che possono aiutarti in questo frangente. Prima di presentarteli, però, lascia che chiarisca un concetto importante: liberare spazio sul disco non velocizza automaticamente il PC. Permette di evitare errori nel funzionamento di determinate applicazioni, libera dall’assillo di non poter scaricare più nuovi file da Internet, ma non velocizza direttamente il funzionamento del computer. L’unico frangente in cui liberare spazio sul disco può avere degli effetti sulle performance del computer è quando Windows, non avendo più RAM a disposizione, comincia a usare la memoria virtuale (quindi l’hard disk) per memorizzare i dati delle applicazioni in uso. Insomma, si tratta di circostanze particolari che non staremo qui ad approfondire.

Oltre a questo, ci tengo a sottolineare che i programmi di pulizia “all in one” possono risultare inutili nella maggior parte dei casi o addirittura dannosi. Questo perché spesso agiscono in tempo reale restando costantemente in carico di RAM e CPU; alcuni poi contengono del malware e/o cancellano cose che sarebbe stato meglio lasciare al loro posto. Insomma, meglio affidarsi alle soluzioni di default di Windows o a programmi più “piccoli” ma che svolgono in maniera sicura e precisa il loro lavoro: ti faccio sùbito qualche esempio.

Utility di Pulizia Disco

Come ripulire il PC

Se solo ora ti sei avventurato alla ricerca di un modo per ripulire il PC, evidentemente non hai ancora pensato alla soluzione più semplice e a portata di mano di tutte: la pulizia del disco di Windows. Lo strumento Pulizia Disco integrato in tutte le versioni di Windows permette di cancellare dal disco del computer tutti i file temporanei e i dati inutili che sono presenti nel sistema, rallentandone le prestazioni.

Per usare l’utility di Pulizia disco, non devi far altro che cercarla nel menu Start e cliccare sulla sua icona presente nei risultati della ricerca. Nella finestra che si apre, metti il segno di spunta accanto alle voci relative agli elementi che vuoi rimuovere (es. file temporanei, file temporanei Internet ecc.) e clicca sul pulsante OK per avviare la loro cancellazione.

Puoi anche cancellare alcuni file di sistema (come alcuni aggiornamenti di Windows), facendo clic sul pulsante Pulizia file di sistema. Si tratta di una funzione molto utile, ma ti consiglio di abilitarla solo se sai bene dove mettere le mani (o se hai il supporto di un amico più ferrato di te in ambito informatico).

Altra opzione molto utile che ti offre Windows, se usi Windows 10 o Windows 11, la trovi nel pannello Impostazioni, andando sulla voce Sistema e selezionando poi Archiviazione dall’elenco.

Anche qui hai la possibilità di andare a vedere cosa occupa la tua memoria, in quale quantità e cosa potrebbe essere cancellato. Andando sulla voce Consigli per la pulizia, Windows ti offre la possibilità di cancellare alcuni contenitori come il cestino o i download apponendo la spunta e cliccando sul pulsante Pulisci […byte]. Per maggiori informazioni ti lascio alla guida per ripulire il disco con Windows 10.

BleachBit

bleachbit

BleachBit è un ottimo programma, gratuito e open source, per pulire alcune sezioni del disco rapidamente ma in modo sicuro con poco sforzo. È disponibile anche in versione portable, che non richiede installazione per funzionare.

Collegati quindi al sito ufficiale del programma e clicca sul link BleachBit portable: volta sul tuo PC, apri l’archivio .zip ottenuto, estraine il contenuto in una cartella di tua scelta e avvia l’eseguibile di BleachBit.

Ora hai davanti a te la schermata principale del programma, la quale indica tutte le cartelle e i file che puoi andare a pulire in pochi clic. Seleziona cosa vuoi eliminare dalla colonna di sinistra, laddove ti appaiono tutti i programmi che utilizzi. Qui trovi anche cartelle come cronologia, cache, cookie e moltissimo altro, tutto dipende da quale programma o funzione stai osservando.

Per pulire apponi la spunta di fianco alle caselle che t’interessano e, quando hai selezionato tutto, fai clic sul pulsante Pulisci che si trova in alto. Attenzione però, pulire cose a caso potrebbe portarti a un peggioramento delle prestazioni di tale programma o alla perdita di dati utili, quindi muoviti con cautela. Meglio cancellare poco che troppo, almeno per la salute del tuo PC.

Altre funzioni di BleachBit sono presenti cliccando sull’icona del programma in alto a destra e permettono di sovrascrivere cartelle in modo da eliminare il loro contenuto definitivamente, pulire il disco o cambiare i percorsi di distruzione degli appunti. Essendo funzioni che vanno a cancellare per sempre dei dati, ti consiglio di usarli solo se sai quello che stai facendo.

Tale raccomandazione vale anche per la funzione di pulizia del registro di sistema, che comporta pochi vantaggi concreti e, se non ben usata, può far danni. Maggiori info qui.

WinDirStat

windirstat

A questo punto dovresti essere riuscito a liberare un bel po’ di spazio sul disco del computer, ma c’è ancora un’operazione che puoi compiere: individuare i file più “pesanti” presenti sul PC e cancellarli (o, se preferisci, trasferirli su un supporto esterno). In questo modo potrai liberarti di tutti i programmi, i video, i documenti e gli altri file che avevi “parcheggiato” sul computer ma che in realtà non ti servono più.

Per individuare i file più “grossi” presenti sull’hard disk del tuo computer, prova WinDirStat. Si tratta di una piccola applicazione, gratuita e open source, che analizza il disco del computer e ne mostra una rappresentazione grafica in modo che l’utente possa individuare facilmente quali sono i file che occupano più spazio. Per scaricarla sul tuo PC, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca prima sulla voce FossHub e poi su Download WinDirStat Windows Installer.

A download completato apri, facendo doppio clic su di esso, il file appena scaricato (windirstatxx_setup.exe) e, nella finestra che si apre, clicca sul pulsante . Metti quindi il segno di spunta accanto alla voce I accept the terms in the License Agreement e porta a termine il setup cliccando prima su Next per due volte consecutive e poi su Install, ancora Next e Close.

Adesso, apponi il segno di spunta accanto alla voce Singole unità, seleziona l’icona dell’hard disk del tuo PC e clicca sul pulsante OK per avviare una scansione dell’unità. Tempo pochi secondi e otterrai una rappresentazione grafica dell’unità più un elenco delle cartelle (e dei file) più “pesanti” presenti su quest’ultima.

Per individuare i file più “grandi”, puoi cliccare sui quadrati più grandi del grafico, oppure puoi ordinare le cartelle per dimensione (cliccando sull’apposita scheda). Per cancellarli, invece, non devi far altro che selezionarli con il tasto destro del mouse e scegliere la voce Cancella dal menu che si apre.

Come ripulire il PC senza formattare

windows ripristino

Se hai un PC bello zeppo di programmi inutili e altre piccole e grandi cose che lo rallentano, puoi provare a eseguire un ripristino senza formattazione. Questa operazione riporterà alle impostazioni di fabbrica tutto il tuo computer a parte la memoria di massa, la quale verrà risparmiata nel processo, ma è disponibile solo su Windows 10/11. Se hai una delle versioni precedenti, purtroppo dovrai ricorrere ad altre soluzioni.

Questo ripristino ti permette di salvare tutti i tuoi file, ma fa pulizia di moltissimi elementi che gravano sulle prestazioni finali della macchina. Fai attenzione però, anche i browser con le varie cache saranno cancellati, quindi potresti perdere cronologie, siti preferiti o password nel caso non siano salvati in un profilo.

Detto questo, per eseguire un ripristino del tuo PC ti basta andare sul menu Impostazioni per poi scegliere la voce Ripristino. Dall’elenco di opzioni fai clic sul pulsante Ripristina il PC e poi scegli la voce Mantieni i miei file per fare in modo che Windows non vada a toccare la memoria di massa.

Segui poi i passaggi che ti vengono proposti a schermo fino alla conclusione e, con ogni probabilità, alla fine otterrai un computer più veloce. Per maggiori dettagli ti lascio alla mia guida sul ripristino di Windows.

Come ripulire il PC per venderlo

windows ripristino

Nel caso tu voglia vendere il PC e temi che qualcuno possa poi recuperare i tuoi dati, devi sapere che è effettivamente una possibilità concreta. Fare il ripristino di fabbrica di Windows non cancella davvero i dati dal disco, ma li rende inaccessibili al termine dell’operazione. Con dei software di recupero dati, però, è possibile recuperrli.

Quindi, nel caso tu voglia vendere il PC, il mio consiglio è quello di fare due procedure differenti. La prima è quella di eseguire un ripristino di fabbrica con cancellazione dei dati, la stessa procedura vista sopra ma scegliendo la voce Rimuovi tutto dalle opzioni.

Una volta fatto questo devi poi fare un wiping dei dati, ovvero utilizzare un programma che esegua una vera cancellazione del disco tramite un processo di sovrascrittura particolare. Se sei interessato a eseguire questo tipo di operazione, ti lascio alle mie guide su come formattare l’hard disk e, nello specifico, come formattare Windows 10), Windows 8.x e Windows 7.

Come ripulire il Mac

Client di posta elettronica

Hai un Mac e non un PC Windows? In questo caso ti invito a leggere i miei tutorial su come velocizzare Mac e come svuotare cache Mac in cui ti ho spiegato come velocizzare al massimo macOS e come liberare un po’ di spazio sul disco eliminando i file di cache.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.