Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ripristinare WhatsApp cancellato per errore

di

Hai eliminato per errore l’app di WhatsApp dal tuo smartphone ed, essendo poco esperto in fatto di nuove tecnologie, ti piacerebbe capire come porre rimedio alla cosa, andando a ripristinare l’uso del servizio sul tuo dispositivo Android o sul tuo iPhone? Direi allora che, per tua fortuna, sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Se mi concedi qualche istante del tuo prezioso tempo, infatti, posso fornirti io tutte le indicazioni di cui hai bisogno.

Nei passi successivi, andrò per l’appunto a spiegarti, in maniera semplice ma non per questo poco dettagliata, come ripristinare WhatsApp cancellato per errore. Ti anticipo subito che, contrariamente a quel che tu possa pensare, non si tratta affatto di un’operazione complicata da eseguire. Inoltre, smartphone a parte, sarà mia premura illustrarti come procedere per effettuare il ripristino dell’app anche su computer equipaggiati con Windows e macOS.

Allora? Posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui sotto. Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso e che, addirittura, in caso di necessità, sarai pronto a fornire utili dritte al riguardo ai tuoi amici. Scommettiamo?

Indice

Informazioni preliminari

Logo di WhatsApp

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti quindi a spiegare quali sono le operazioni  occorre eseguire per ripristinare WhatsApp cancellato per errore, ci sono alcune informazioni preliminari sul da farsi che è mio dovere fornirti.

Partendo dal presupposto che la cancellazione erronea dell’applicazione di WhatsApp non comporta in alcun modo la perdita dell’account (per eliminare quest’ultimo bisogna mettere in pratica una procedura apposita, come ti ho indicato nella mia guida dedicata all’argomento), sappi che per ripristinare l’uso del servizio con il proprio numero di telefono è sufficiente installare nuovamente l’app ed effettuare l’accesso (usando un dispositivo associato allo stesso numero di telefono e allo stesso account Google o Apple di quello su cui era presente WhatsApp prima della cancellazione).

Se però in precedenza non era stato attivato il servizio che consente di creare i backup delle chat, come ti ho spiegato nel mio articolo specifico sulla questione, recuperare le conversazioni antecedenti la cancellazione dell’applicazione risulterà praticamente impossibile. In sostanza, per attivare i backup delle chat, basta andare nelle impostazioni di WhatsApp, quindi in Chat > Backup delle chat e attivare la relativa voce.

L’unico tentativo che si può fare, in caso di assenza di backup, consiste nel rivolgersi a dei software per il recupero dei dati, ma la buona riuscita della cosa non è assicurata. Anzi, diciamo che le speranze di ottenere un risultato positivo sono ridotte al minimo.

Come recuperare WhatsApp cancellato per errore

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, veniamo al punto cruciale del tutorial e andiamo a scoprire, dunque, come recuperare WhatsApp cancellato per errore sui dispositivi Android, su iPhone e su computer, nel caso in cui in avessi installato anche l’applicazione di WhatsApp su Windows o macOS.

Android

WhatsApp Android

Se possiedi uno smartphone Android, tutto quello che devi fare per ripristinare WhatsApp è prendere il tuo dispositivo, sbloccarlo e procedere nuovamente al download e all’installazione dell’app dal Play Store, visitando la relativa sezione direttamente dal tuo dispositivo e premendo poi sul pulsante Installa presente sul display.

In alternativa, puoi cercare “manualmente” WhatsApp, aprendo il Play Store, previa selezione dell’icona (quella con il triangolo colorato) che trovi nel drawer di Android, digitando la parola WhatsApp all’interno dell’area di ricerca situata in alto e schiacciando il tasto Cerca sulla tastiera virtuale. In seguito, fai tap sul risultato pertinente e procedi con il download e l’installazione dell’app, così come ti ho indicato poc’anzi.

Completata la procedura d’installazione, per avviare WhatsApp, fai tap sul bottone Apri comparso sul display oppure seleziona l’icona dell’applicazione che è stata appena aggiunta alla schermata home. Provvedi, dunque, ad accettare le condizioni d’uso del servizio, facendo tap sul relativo pulsante, indica il tuo numero di telefono nel campo dedicato, concedi all’applicazione il permesso di accedere agli SMS e aspetta che il numero venga verificato automaticamente. Qualora la verifica non dovesse andare a buon fine, digita tu il codice ricevuto tramite SMS nel campo preposto.

Dopo aver provveduto ad autenticare il tuo numero di telefono, scegli se desideri ripristinare un backup esistente o meno seguendo le indicazioni che ti vengono fornite sul display, indica il tuo nome, imposta una foto profilo ed è fatta. A questo punto, dovresti finalmente essere di nuovo in grado di utilizzare WhatsApp così come al solito.

iPhone

WhatsApp App Store

Se quello che stai usando è un iPhone, invece, per recuperare WhatsApp e le relative conversazioni, procedi nel seguente modo: prendi il tuo “melafonino”, sbloccalo ed effettua nuovamente il download e l’installazione dell’app dall’App Store, visitando la relativa sezione direttamente dal tuo dispositivo, facendo tap sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e autorizzando il download mediante Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

In alternativa a come ti ho appena indicato, puoi cercare “manualmente” WhatsApp, aprendo l’App Store, sfiorando la relativa icona (quella con la “A” e lo sfondo azzurro) presente in home screen, facendo tap sulla voce Cerca situata in basso a destra, digitando WhatsApp nel campo di ricerca in alto, selezionando il risultato pertinente e procedendo con il download e l’installazione dell’applicazione così come ti ho indicato poc’anzi.

Successivamente, apri WhatsApp (premendo sul bottone Apri comparso sul display oppure sfiorando la sua icona che è stata aggiunta in home screen) e procedi pure con la configurazione iniziale dell’app e con l’eventuale ripristino del backup delle chat, attenendoti alla medesima procedura che ti ho segnalato nel passo precedente per quel che concerne Android.

Windows

WhatsApp Windows

Vediamo ora come procedere nel caso in cui avessi necessità di ripristinare WhatsApp cancellato per errore su Windows. Chiaramente, visto che l’applicazione di WhatsApp per computer non è altro che una “ripetizione” di quella installata sullo smartphone, non potrai ripristinare i tuoi messaggi direttamente sul PC, ma dovrai agire da cellulare, come indicato nei passi precedenti del tutorial.

Tanto per cominciare, se stai usando Windows 10, sappi che puoi scaricare WhatsApp dal Microsoft Store, visitando la relativa sezione dello stesso facendo clic sul pulsante Ottieni collocato nella parte in alto a destra della finestra visualizzata. Successivamente, apri l’applicazione, premendo sul pulsante Apri comparso sullo schermo.

In alternativa, puoi effettuare una ricerca manuale, facendo clic sull’icona del Microsoft Store (quella con il sacchetto della spesa e il logo di Microsoft) presente sulla barra delle applicazioni, digitando WhatsApp nel campo di ricerca posto nella parte in alto della finestra che si è aperta, selezionando il risultato pertinente e procedendo con l’installazione in maniera analoga a come ti ho indicato poc’anzi.

Se utilizzi una versione di Windows diversa dalla 10, puoi scaricare il client di WhatsApp per Windows recandoti sul sito Internet di WhatsApp e facendo clic sul pulsante Scarica per Windows (XX-bit) che trovi nella parte destra della schermata visualizzata. A download avvenuto, apri il file WhatsAppSetup.exe ottenuto, facendoci doppio clic sopra, e clicca sul pulsante Esegui presente nella finestra comparsa sul desktop.

Completata la procedura d’installazione di WhatsApp, dovresti veder comparire sul desktop una finestra con un codice QR: quando si verifica ciò, effettuane la scansione tramite l’apposita sezione dell’app di WhatsApp installata sul tuo smartphone. Se non sai come riuscirci, procedi come indicato qui di seguito.

  • Se stai usando Android, premi sul pulsante con i tre puntini in verticale posto in alto a destra, scegli la voce WhatsApp Web dal menu che si apre e fai tap sul bottone (+).
  • Se stai usando un iPhone, seleziona la voce Impostazioni situata in basso e poi quella WhatsApp Web/Desktop dalla schermata successiva. Successivamente, seleziona la dicitura Scannerizza il codice QR.

A questo punto, a prescindere dalla piattaforma mobile impiegata, autorizza WhatsApp ad utilizzare la fotocamera dello smartphone e inquadra con quest’ultima il codice QR presente sullo schermo del computer. Nel giro di pochi istanti, l’abbinamento dei dispositivi verrà completato e potrai ricominciare ad usare WhatsApp dal tuo PC, così come hai sempre fatto.

macOS

WhatsApp macOS

Utilizzi macOS e vorresti capire come come ripristinare WhatsApp su questa piattaforma? Allora provvedi in primo luogo ad effettuare il download dell’applicazione, visitando la relativa sezione del Mac App Store, facendo clic sul pulsante Ottieni e su quello Installa e, se necessario, autorizzando il download mediante password dell’ID Apple o tramite Touch ID (se il Mac impiegato supporta la suddetta tecnologia). In seguito, avvia WhatsApp cliccando sul pulsante Apri comparso nella schermata corrente o selezionando la relativa icona aggiunta al Launchpad.

Se vuoi cercare WhatsApp sul Mac App Store manualmente, invece, avvia quest’ultimo cliccando sulla relativa icona (quella con la “A” e lo sfondo azzurro) presente sulla barra Dock, digitando WhatsApp nel campo di ricerca posto in alto a destra e selezionando il risultato pertinente dall’elenco visualizzato. Procedi poi con il download e l’installazione del client, effettuando gli stessi passaggi che ti ho descritto poc’anzi.

In alternativa, puoi scaricare il client di WhatsApp “manualmente”, visitando il sito Web di WhatsApp e cliccando sul pulsante Scarica per Mac OS X che trovi sulla destra. A download avvenuto, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di WhatsApp presente al suo interno nella cartella Applicazioni del Mac. Successivamente, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu che compare, in modo tale da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da fonti non certificate (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Una volta visualizzata la schermata principale di WhatsApp sulla scrivania del Mac, attendi che compia il codice QR da scansionare con l’app del servizio di messaggistica installata sul tuo smartphone. Se non sai in che modo riuscirci, puoi fare riferimento alle indicazioni sul da farsi che ti ho fornito nel passo precedente relativamente a Windows.

A scansione avvenuta, l’abbinamento della versione desktop e quella mobile di WhatsApp verrà completato e potrai quindi cominciare nuovamente a usare il famoso servizio di instant messaging dal tuo Mac così come al solito.

Programmi per ripristinare WhatsApp cancellato per errore

Dr.Fone

Se hai cancellato per errore WhatsApp e non avevi provveduto ad effettuare il backup delle conversazioni, puoi provare a recuperarle utilizzando dei software per il recupero dei dati, i quali agiscono cercando di ripristinare i messaggi ancora presenti sul dispositivo (nelle aree di memoria non ancora sovrascritte da altri dati), provvedendo preventivamente a collegare lo smartphone al computer. Le possibilità che l’operazione vada a buon fine sono abbastanza poche, ma tentar non nuoce.

Tra i tanti software disponibili, io ti consiglio Dr.Fone, che è disponibile sia per Windows che per macOS, è a pagamento ma è fruibile in una versione di prova gratuita che permette di visualizzare i dati recuperabili, come ti ho spiegato in dettaglio in questa mia guida. In alternativa, puoi rivolgerti a EaseUS MobiSaver Free: un altro programma per PC e macOS che di base è gratis ma presenta funzionalità limitate accessibili solo con la versione a pagamento, di cui ti ho parlato dettagliatamente in quest’altra mia guida.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.