Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare giacenza media online

di

Recentemente, ti sei informato sui documenti indispensabili per portare avanti la richiesta dell’ISEE e hai notato che nella lista è presente anche l’indicazione della giacenza media del proprio conto corrente nell’anno passato. Vorresti, quindi, capire esattamente di cosa si tratta, dove è indicato il relativo valore e, in particolare, se è possibile acquisire questo dato online.

Ebbene, ho una splendida notizia per te: ormai tutte le banche si sono adeguate alla digitalizzazione dei servizi, e molti documenti utili ai fini fiscali sono facilmente reperibili tramite apposite procedure online di facile attuazione. La giacenza media, in particolare, è un indicatore presente all’interno del tuo estratto conto, che viene periodicamente prodotto dall’istituto di credito dove si è registrato il conto o il deposito bancario.

Se vorrai dedicarmi la tua attenzione per qualche minuto, nei prossimi paragrafi ti illustrerò nel dettaglio come fare giacenza media online, risolvendo tutti i tuoi dubbi sulle modalità per individuare questa fondamentale informazione. Pensa solo a tutto il tempo e alle energie che risparmierai non dovendoti recare personalmente allo sportello! Sei pronto, allora? Perfetto, non mi rimane che augurarti buona lettura e buon lavoro!

Indice

Informazioni preliminari

giacenza media conto corrente online

Comincerò subito facendo una indispensabile premessa su cosa è la giacenza media: prima di comunicare eventuali informazioni personali a terzi, vorrai probabilmente sapere nel dettaglio di cosa si tratta.

Questo dato non è assolutamente difficile da calcolare o da reperire, in quanto si tratta semplicemente della media degli importi a credito sui depositi bancari o postali prendendo come riferimento un determinato periodo: si parla, quindi, di giacenza media annua, quando questa viene definita dividendo la somma delle giacenze giornaliere per 365.

Tale conteggio va effettuato allo stesso modo anche se hai provveduto a chiudere il conto o il deposito in questione nell’arco dell’anno solare, ed è quindi indipendente dal numero di giorni in cui esso risulta attivo. Non devi assolutamente preoccuparti, comunque, in quanto non dovrai eseguire nessun calcolo: gli istituti bancari sono tenuti all’emissione periodica dell’estratto conto, documento nel quale è già presente l’indicatore in questione.

Il motivo di questo obbligo, al quale sono sottoposte tutte le banche, è collegato alla necessità da parte dell’Agenzia delle Entrate di verificare la media del denaro presente sul deposito o sul conto corrente nell’arco dell’anno, in quanto il saldo iniziale e quello finale potrebbero non essere sufficienti a fornire un quadro chiaro della situazione finanziaria e dei movimenti ad essa collegati, soprattutto ai fini della lotta contro l’evasione fiscale.

Allo stesso tempo, tuttavia, la giacenza media comporta alcuni importanti vantaggi: in combinazione con altri dati e documenti, consente di produrre la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), indispensabile per richiedere la certificazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Quest’ultima, in sostanza, determina la condizione economica complessiva del nucleo familiare richiedente e permette di accedere a una vasta casistica di agevolazioni, bonus e prestazioni sociali di vario genere.

Come fare giacenza media online

giacenza media online

Negli ultimi anni l’avvento dei sistemi di home banking ha determinato una vera e propria rivoluzione nell’utilizzo dei servizi bancari da parte degli utenti finali, dando vita anche alla nascita di istituti di credito esclusivamente online che, in sostanza, non dispongono di sportelli aperti al pubblico e per i quali le operazioni possono essere effettuate esclusivamente in Rete.

Una grande quantità di attività, come pagamenti, bonifici o ricariche, che fino a non molto tempo fa dovevano essere eseguite necessariamente recandosi di persona agli sportelli, ora possono essere svolte tranquillamente da casa o dall’ufficio tramite un PC o un dispositivo mobile.

Fra queste sono comprese anche la consultazione e il download della documentazione che l’istituto bancario è tenuto periodicamente a produrre, come l’estratto conto: proprio su quest’ultimo e in particolare su quello del mese di dicembre, è riportato, oltre al dettaglio di tutte le operazioni effettuate sul conto corrente sia in entrata che in uscita, anche il valore relativo alla giacenza media annuale dell’anno di calendario.

Per poter usufruire dei servizi di internet banking è necessario, però, richiederne preventivamente l’abilitazione alla propria banca di rifermento, seguendo le differenti procedure previste dal proprio istituto di credito.

In molti casi, a seguito dell’attivazione dei servizi bancari online, occorrerà procedere anche a una ulteriore richiesta specifica di accesso alla documentazione online che, ci tengo a precisare, è di norma assolutamente gratuita. Inoltre ti farà piacere sapere anche che si tratta di una scelta ecologica, in quanto si evita all’istituto di continuare a produrre e spedire documenti in formato cartaceo.

Dovrai, quindi, collegarti e autenticarti sulla tua area personale nel sito della banca (o da app, se disponibile): la procedura standard prevede solitamente la presenza di un’apposita sezione del menu dedicata ai documenti online. In quest’ultima ti verrà richiesto di esplicitare l’adesione al servizio tramite la semplice accettazione dei termini, di selezionare i documenti di cui intendi fruire in modalità telematica, convalidando il tutto con un clic sull’apposito pulsante di conferma.

Successivamente, ti verrà messa a disposizione nella medesima area una funzionalità di archivio delle varie tipologie di documenti: cliccando sul singolo elemento (che solitamente è in formato PDF) potrai scaricarlo in locale e consultarlo a tuo piacimento.

Con queste informazioni generali dovresti già avere le idee abbastanza chiare sul da farsi, ma per completezza di informazione voglio fornirti qualche esempio pratico, che trovi qui di seguito.

Come fare giacenza media online Posta

estratto conto Bancoposta online

Se sei un correntista Bancoposta e sei alla ricerca delle istruzioni dettagliate su come fare giacenza media online Posta, di seguito trovi la procedura completa per la consultazione telematica del tuo estratto conto, dove è presente anche l’indicazione della giacenza media.

Innanzitutto devo avvisarti, però, che nel momento in cui viene redatta questa guida l’operazione è disponibile solo collegandosi al sito dell’istituto bancario: anche se è stata sviluppata l’app Bancoposta per la gestione del conto da dispositivo mobile, attualmente non è presente la funzionalità di consultazione dell’estratto conto.

Come prima cosa, dunque, collegati con il tuo browser a questa pagina, quindi inserisci il nome utente e la password nei relativi campi e fai clic sul pulsante Accedi. Ti verrà mostrata una nuova schermata nella quale è richiesta la verifica dell’identità tramite il metodo prescelto in fase di attivazione.

Se hai optato per l’autorizzazione tramite app, cliccando sul pulsante Prosegui riceverai una notifica sull’app Bancoposta: fai tap sulla notifica mostrata in alto sul display del tuo smartphone, quindi premi sul pulsante Autorizza. Nella schermata che segue, inserisci il codice PosteID e pigia sul bottone Conferma. In alternativa, ti verrà inviato un SMS sul numero di cellulare associato al tuo conto, contenente un codice che andrà digitato in un’apposita schermata, mostrata solo nel caso in cui tu abbia scelto questa modalità di autenticazione.

Subito dopo visualizzerai sul tuo dispositivo mobile una schermata di conferma e, contestualmente, sul browser del PC verrai rimandato alla pagina della tua Home (area personale) di Internet Banking del sito Bancoposta. Se non hai mai attivato il servizio di estratto conto online, da qui dovrai accedere al menu Conto BancoPosta e Carte e premere sulla voce Estratto conto online per aderire al servizio in questione.

Una volta attivata la funzionalità di estratto conto online, se la richiesta è stata effettuata entro il giorno 25 del mese corrente sarà valida solo a partire dal mese successivo. Diversamente, se effettuata dopo il giorno 25, dovrai attendere due mesi per poter visualizzare i documenti. Quando il servizio ti sarà stato attivato riceverai, inoltre, un’email di conferma nella tua Bacheca, accessibile con un clic sull’omonima voce nel menu di destra, presente sempre all’interno dell’area personale.

lista estratti conto bancoposta

Hai già attivato il servizio di estratto conto online? Perfetto. In questo caso, dalla pagina principale del conto BancoPosta, fai clic sul menu di destra, sulla voce I miei documenti, e dal menu a tendina che compare premi sulla dicitura Estratto conto e comunicazioni online.

Nella pagina successiva, premi sulla freccia all’interno del riquadro Conti Correnti e verrai rimandato a una nuova schermata con la lista dei conti associati al tuo profilo: clicca sull’immagine di un foglio sotto la voce Consulta, nella colonna di destra, e ti verranno elencati tutti gli estratti conto mensili.

Quello che ti interessa è relativo al dicembre dell’anno precedente. Colgo l’occasione per avvisarti del fatto che ogni volta che vengono aggiunti nuovi documenti dall’istituto bancario quelli più vecchi vengono automaticamente rimossi: ti consiglio, pertanto, di scaricarli periodicamente, creando un archivio in locale sul tuo computer.

Tornando alla procedura, clicca, dunque, sul nome del documento dell’ultimo mese di dicembre disponibile, e quest’ultimo verrà automaticamente scaricato sul tuo computer in formato PDF: fai doppio clic su di esso e verrà aperto con il relativo programma predefinito per questa tipologia di documenti.

Scorrendo le pagine, dopo la lista dei movimenti del mese è presente anche il riassunto scalare del conto, con la sequenza giornaliera dei saldi registrati sul tuo conto. In basso a destra dell’ultima pagina di questa sezione è presente la voce Giacenza media ai fini ISEE: questo è il valore che dovrai riportare sulla richiesta DSU o fornire al commercialista/CAF per la compilazione della domanda, o per tutte le altre eventuali finalità per cui è previsto il suo utilizzo.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.