Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Amazon Black Friday 2017
Scopri le migliori offerte della settimana dell'Amazon Black Friday 2017. Vedi le offerte Amazon

Come funziona Kik

di

Kik è un’applicazione di messaggistica nata nel 2010 da un gruppo di studenti dell’Università di Waterloo. Nella sue prime due settimane di vita è riuscita a conquistare oltre 1 milione di utenti e anche oggi, nonostante la concorrenza di colossi come WhatsApp e Facebook Messenger, può vantare una base di utenza composta da milioni di persone (soprattutto giovani, ma non solo).

L’applicazione è disponibile per Android, iOS e Windows Phone, è completamente gratuita ed a differenza delle più diffuse app per la messaggistica istantanea può essere utilizzata senza problemi sia su smartphone che su tablet e, cosa ancor più rilevante, non richiede l’inserimento del proprio numero di telefono per funzionare: gli account sono associati esclusivamente al nome utente e la password scelti durante la fase di registrazione, e questo fattore purtroppo ha agevolato la proliferazione di numerosi account anonimi o fake.

Per quanto riguarda le funzioni della app, ci troviamo di fronte a un classico servizio di messaggistica con supporto alle conversazioni singole e di gruppo. Le sue principali peculiarità sono la presenza di un browser, una sorta di app store all’interno nel quale si possono trovare giochi e mini-applicazioni che permettono di interagire con gli altri utenti iscritti alla piattaforma, e la possibilità di inviare contenuti multimediali ai propri interlocutori, come foto, video, stickers, disegni realizzati a mano, meme e molto altro ancora. Se vuoi saperne di più, continua a leggere, qui sotto trovi spiegato in dettaglio come funziona Kik.

Come iscriversi a Kik

Come funziona Kik

Se vuoi provare Kik, il primo passo che devi compiere è aprire lo store del tuo smartphone o tablet e scaricare l’applicazione. Per avviare il download della app non devi far altro che cercare il suo nome su Play Store (Android), App Store (iPhone), Windows Store (Windows Phone) o Amazon (Fire OS) e pigiare sul pulsante Installa o Ottieni (la voce può variare a seconda del dispositivo e della piattaforma mobile utilizzata).

Ad installazione completata, accedi alla home screen del tuo dispositivo, avvia Kik facendo tap sulla sua icona e poi pigia sul pulsante Registrati per avviare la creazione del tuo account gratuito. Compila quindi il modulo che ti viene proposto digitando il nome utente Kik e la password che vuoi utilizzare sulla piattaforma, il tuo nome reale, il tuo indirizzo email e la tua data di nascita dopodiché scegli la foto da usare come avatar.

Successivamente fai tap sul pulsante Registrati collato a fondo schermo, pigia sul bottone Verifica, ruota nel verso corretto l’immagine che ti viene mostrata e poi fai fato sul bottone Fatto per completare la procedura d’iscrizione al servizio.

Non ti dimenticare di verificare la tua identità cliccando sul pulsante Confirm email contenuto nell’email di conferma che ti è stata inviata dal team di Kik all’indirizzo di posta elettronica specificato in fase di registrazione!

Nota: Una volta creati, gli account di Kik si possono solo disattivare temporaneamente (in modo da risultare invisibili nelle ricerche degli altri utenti) ma non cancellare in maniera definitiva. Pensaci bene prima di crearne uno.

Come usare Kik

Dopo aver installato l’applicazione e dopo aver creato il tuo account gratuito, direi che sei pronto a scoprire come funziona Kik più in dettaglio. Vediamo dunque come aggiungere nuovi contatti alla rubrica di Kik e come chattare su questo servizio.

Aggiungere contatti a Kik

Come funziona Kik

Al primo accesso, Kik ti chiederà subito se vuoi importare i contatti della rubrica. In questo modo potrai scoprire quali amici utilizzano già l’applicazione e quindi potrai aggiungerli rapidamente al menu principale della chat.

Se rifiuti e poi cambi idea, non ti preoccupare, puoi eseguire l’importazione dei contatti in qualsiasi momento recandoti nelle impostazioni di Kik (l’icona dell’ingranaggio che si trova in alto a destra), selezionando la voce Impostazioni chat dal menu che si apre e apponendo il segno di spunta accanto alla voce Abbinamento rubrica.

Successivamente, per aggiungere nuovi contatti al tuo Kik, non devi far altro che pigiare sull’icona della lente d’ingrandimento collocata in basso a destra e cercare il nome utente Kik della persona che desideri aggiungere ai contatti.

In seguito, scegli il nominativo di tuo interesse dai risultati della ricerca, pigia sul pulsante Inizia a chattare e il gioco è fatto: potrai cominciare a chattare immediatamente con l’utente selezionato e il suo nominativo verrà aggiunto automaticamente alla schermata principale di Kik.

In alternativa, puoi aggiungere più velocemente un contatto effettuando la scansione del codice Kik, una sorta di QR code da inquadrare con la fotocamera dello smartphone o del tablet. Per fare ciò ti basta pigiare sulla voce Scansiona un Kik Code che trovi dopo aver pigiato sul bottone a forma di lente di ingrandimento, posizionare la fotocamera del telefono o del tablet in corrispondenza del codice ed attendere qualche istante affinché quest’ultimo venga rilevato.

Per accedere alle conversazioni di gruppo, devi attendere che i partecipanti ti aggiungano ad esse oppure devi scansionare il codice Kik della chat. Per scansionare un Kik code, portati sulla schermata iniziale dell’applicazione, scorri la schermata verso il basso e inquadra il codice con la fotocamera del telefono o del tablet.

Per creare una conversazione di gruppo, invece, devi pigiare sulla lente d’ingrandimento collocata in basso a destra. Dopodiché devi selezionare la voce Crea un gruppo dal menu che si apre, selezionare gli utenti da inserire nel gruppo e pigiare sul pulsante Inizia. Ricorda che, una volta aggiunti, i partecipanti non posso essere rimossi dalla conversazione di gruppo.

Vuoi chiacchierare con i boot? Anche questo è possibile con Kik! Per farlo ti basta pigiare sul bottone a forma di lente di ingrandimento collocato nella parte in basso a destra della schermata principale dell’applicazione, pigiare sul bottone Bot Shop, selezionare il botto di tuo interesse (ce ne sono tantissimi, per tutti i gusti e per tutte le esigenze) ed avviare una nuova conversazione così come faresti nel caso di un “comune” contatto o di una chat di gruppo.

Chattare su Kik

Come funziona Kik

Chattare su Kik è così semplice che non c’è bisogno di dilungarsi molto su questo argomento. Selezionando il nominativo di un contatto (o di un gruppo) dalla schermata principale dell’applicazione si apre una finestra di conversazione simile a quella di WhatsApp, Messenger e altri servizi di messaggistica.

Per inviare un messaggio, basta digitare un testo nel campo Scrivi un messaggio… e pigiare sull’icona del fumetto blu. I messaggi visualizzati all’interno della chat vengono contrassegnati con alcune lettere, che equivalgono alle famosissime spunte di WhatsApp: la lettera “S” indica che i messaggi sono stati inviati ai server di Kik; la lettera “D” indica che i messaggi sono stati consegnati ai destinatari, mentre la lettera “R” viene usata per contrassegnare i messaggi letti dai rispettivi destinatari.

Gli altri due pulsanti presenti nella schermata della chat, la faccina e il simbolo +, permettono rispettivamente di inviare emoticon e contenuti multimediali ai propri interlocutori. Fra i contenuti multimediali che è possibile condividere in chat ci sono: foto e video dalla galleria del dispositivo (l’icona della foto), foto e video da realizzare in tempo reale (l’icona della macchina fotografica), GIF animate (pulsante “GIF”) e vari contenuti presi dal Web, come Stickers, Video virali, Meme o Disegni fatti a mano (tutti accessibili pigiando sull’icona con i 9 quadratini). Da sottolineare, inoltre, che tenendo il dito premuto su una emoji e selezionando il simbolo + dal menu che si apre è possibile acquistare nuove faccine dallo store di Kik.

Vuoi eliminare una chat o bloccare un utente? Nulla di più facile, recati nella schermata iniziale di Kik, tieni il dito premuto sulla conversazione “incriminata” e seleziona la voce Elimina (per eliminare la chat) oppure la voce Block and report (per bloccare l’utente e segnalarlo allo staff di Kik) dal menu che si apre.

Infine parliamo delle app. Come accennato in apertura del post, un’altra caratteristica che differenzia Kik da WhatsApp e altri servizi di messaggistica molto popolari è la presenza di una sorta di app store in cui ci sono applicazioni e giochi attraverso i quali è possibile interagire con altri utenti del servizio. Per accedere a questo “store” basta recarsi sulla schermata iniziale di Kik e pigiare sull’icona del pianeta Terra collocata in alto a destra. Attenzione però, molte delle app nascondono contenuti a pagamento da sbloccare mediante l’acquisto di crediti Kik.

Alternative a Kik (e a WhatsApp/Messenger)

Come funziona Kik

Kik è un buon servizio di messaggistica; è molto popolare fra gli utenti più giovani, che lo utilizzano per fare nuove amicizie e parlare con i propri coetanei di svariati argomenti (grazie alle conversazioni di gruppo), tuttavia non mi sento di raccomandarlo come alternativa a WhatsApp o Facebook Messenger.

La possibilità di creare account quasi totalmente anonimi lo rende potenzialmente meno sicuro rispetto ai suoi concorrenti più “blasonati”. Inoltre, secondo alcune ricerche effettuate negli anni scorsi, i messaggi di Kik vengono cifrati solo in fase di transito verso i server del servizio. Questo significa che i responsabili del servizio – e di conseguenza anche possibili malintenzionati – potrebbero accedere liberamente al contenuto dei messaggi.

Se cerchi un’alternativa a WhatsApp o Messenger ti consiglio di orientarti verso un’applicazione come Telegram che è gratis, multipiattaforma, open source e utilizza un sistema di cifratura molto sicuro. Oppure potresti prendere in considerazione la app super-sicura Signal, disponibile sia per Android che per iOS. Se non ne hai mai sentito parlare, sappi che si tratta di un’app che è stata sviluppata dagli stessi creatori della tecnologia di cifratura end-to-end TextSecure utilizzata parzialmente anche da WhatsApp.

Ulteriori alternative, non altrettanto “sicure” ma da prendere in considerazione se cerchi uno strumento per chiacchierare con altre persone e che ti consenta di farlo in maniera semplice e con la certezza (dettata dalla necessità di effettuare l’autenticazione mediante numero di telefono) che non siano fake, sono Snapchat, disponibile per Android e per iOS (te ne ho parlato in maniera approfondita nella mia guida su come funziona Snapchat) e Viber, che è multipiattaforma (per maggiori dettagli da’ uno sguardo al mio tutorial su come funziona Viber). Insomma, come puoi constatare tu stesso, non mancano affatto ulteriori soluzioni.