Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come localizzare Android

di

Hai appena acquistato il tuo primo smartphone Android? Bene. Sono davvero contento per te. Scommetto che ti stai divertendo un mondo a provare le app e i giochi presenti sul Play Store, a personalizzare la schermata Home con i famosissimi widget e a scattare decine di foto con la potentissima fotocamera con cui è equipaggiato il device. Però, dimmi, hai pensato anche alla sicurezza? Hai impostato un codice di sblocco per il telefono? Ti sei accertato che la funzione Gestione Dispositivi Android sia attiva? Non dirmi che non sai di cosa sto parlando!

Gestione Dispositivi Android è un servizio di Google che permette di localizzare smartphone e tablet da remoto offrendo inoltre l’opportunità di comandare i dispositivi a distanza. È completamente gratuito e funziona con tutti i device Android attualmente in commercio. Se non vuoi perdere la speranza di recuperare il tuo prezioso cellulare in caso di furto o smarrimento, devi assolutamente attivarlo!

Coraggio, prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri come funziona. Ti spiegherò sia come attivare il servizio sia come localizzare Android in caso di necessità. Pensa, potrai anche far squillare il telefono a distanza, bloccarlo con un codice per impedirne l’utilizzo da parte degli utenti non autorizzati e cancellare tutti i dati presenti sulla sua memoria. Ma procediamo un passo alla volta.

Gestione Dispositivi Android necessita di una connessione a Internet attiva (Wi-Fi o 3G/LTE) e del servizio di localizzazione tramite GPS. Il primo passo che devi compiere, dunque, è verificare la disponibilità del servizio di geolocalizzazione sul tuo terminale. Per farlo, recati nel drawer (ossia nella schermata in cui sono presenti le icone di tutte le app installate sul dispositivo) e pigia su Impostazioni Google. Seleziona quindi la voce Geolocalizzazione e sposta su ON la levetta presente nella schermata che si apre.

A questo punto, torna nel menu principale delle Impostazioni Google, seleziona la voce Sicurezza e sposta su ON le levette relative alle opzioni Localizza questo dispositivo da remoto e  Consenti blocco e cancellazione da remoto. In questo modo avrai autorizzato Gestione Dispositivi Android a tracciare la posizione geografica del tuo telefonino (o del tuo tablet, la procedura da seguire è la stessa indipendentemente dal tipo di device) e ad accettare i comandi che invierai a distanza.

Da questo momento in poi, per localizzare Android dal computer dovrai collegarti al sito Internet Gestione Dispositivi Android ed accedere al servizio usando le credenziali del tuo account Google.

Se il tuo smartphone/tablet risulterà raggiungibile (ossia avrà accesso a Internet e avrà il GPS attivo) entro qualche secondo visualizzerai la sua posizione su una mappa di Google Maps e potrai comandarlo a distanza. Come? Semplicemente utilizzando i pulsanti situati nel riquadro in alto a sinistra.

  • Fai squillare – fa squillare il cellulare ininterrottamente, in modo da attirare l’attenzione degli astanti (sperando che qualcuno lo prenda in custodia per poi restituirtelo).
  • Blocca – blocca il device con un codice di sicurezza, per evitare accessi non autorizzati. 
  • Cancella – cancella tutti i dati presenti sullo smartphone o sul tablet. Si tratta di una funzione da usare solo in casi disperati (se il device, ad esempio, è stato rubato e non ci sono speranze di recuperarlo), anche perché impedisce localizzazione successive del terminale.

Tutte le funzioni appena descritte sono presenti anche nella app Gestione Dispositivi Android per Android che permette di localizzare e comandare da remoto i device Android utilizzando altri smartphone e tablet. È completamente gratuita e molto facile da usare.

Come già accennato in precedenza, il servizio Gestione Dispositivi Android funziona solo se il telefono è acceso, connesso a Internet e con il servizio di localizzazione geografica attivo. Questo significa che in caso di smarrimento è molto utile mentre in caso di furto, a meno che il ladro sia stato così stupido da non spegnere il cellulare dopo averlo rubato, spesso risulta inservibile.

Per aumentare le possibilità di recupero del tuo device in caso di furto ti consiglio di rivolgerti ad applicazioni di terze parti, come ad esempio Cerberus che costa 4,99 euro una tantum (dopo 7 giorni di prova gratuita) e include molte funzioni aggiuntive rispetto a Gestione Dispositivi Android. Fra queste ti segnalo la possibilità di attivare il GPS automaticamente quando spento, comandare Android via SMS (quindi anche in assenza di connessione Internet), scattare foto di nascosto (per scoprire l’identità dei ladri) e registrare una cronologia degli spostamenti del cellulare (in modo da conoscerne la posizione esatta prima di un eventuale spegnimento).