Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come localizzare Android

di

Sei stato in giro con alcuni amici e, al tuo rientro a casa, ti sei accorto di non avere più il tuo smartphone Android con te. Magari l’hai perso perché ti è scivolato inavvertitamente dalla tasca, oppure te l’hanno rubato: non hai idea di come siano andate le cose, fatto sta che stai cercando una soluzione per ritrovare il tuo amato device.

Se le cose stanno effettivamente così e quindi ti domandi come localizzare un Android, sappi che non tutto è perduto. Puoi infatti avvalerti dello strumento predefinito di Google, Trova il mio dispositivo, per rintracciarlo da remoto. Come dici? Ne hai già sentito parlare ma non sai come usarlo? Nessun problema: in questa mia guida ti spiegherò come usufruirne, illustrandoti anche altre soluzioni utili a rintracciare un dispositivo Android a distanza, agendo da computer o tramite un altro smartphone/tablet.

Coraggio! Si può sapere che altro aspetti? Mettiti seduto bello comodo e prenditi qualche minuto di tempo libero; segui con la massima attenzione le indicazioni che sto per fornirti, in modo da metterle in pratica, e riuscire così a rintracciare il tuo device. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo!

Indice

Come localizzare Android perso

Per localizzare un dispositivo Android perso o rubato puoi avvalerti dello strumento nativo di Google chiamato Trova il mio dispositivo che permette di rintracciare la posizione dello stesso. Per utilizzarlo, però, sono necessari alcuni requisiti preliminari di cui ti parlerò nelle prossime righe.

Operazioni preliminari

Per poter localizzare un dispositivo Android da remoto è necessario che questo sia accesso e che sia collegato a un account Google. Inoltre, è necessaria l’attivazione della connessione a Internet e del GPS, oltre che dello strumento Trova il mio dispositivo. Ti spiego come procedere nelle righe che seguono.

Per verificare la corretta associazione del dispositivo con un account Google, premi su Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio situata nella home screen), poi fai tap sulle voci Account > Google o, se usi Android 8.0 e successivi, sulle voci Impostazioni > Utenti e account > Google.

Nel caso in cui in questa schermata non vi sia indicato alcun account Google (del tipo nomeutente@gmail.com), torna indietro alla schermata Account (o Utenti e account) e premi sulla voce Aggiungi Account. Fai poi tap sul pulsante Google e connetti l’account in tuo possesso, inserendo i dati di login dello stesso (email e password). In caso di problemi, segui le procedure che ti ho indicato nella mia guida su come aggiungere un account Gmail.

Adesso, connetti il dispositivo a Internet: recati, dunque, nel menu Impostazioni > Wireless e reti > Rete mobile e sposta su ON la levetta in corrispondenza della voce Dati mobili.

Se, invece, vuoi eseguire il collegamento in Wi-Fi, pigia sulle voci Impostazioni > Wireless e reti > Wi-Fi e fai tap sulla rete a cui vuoi connetterti, inserendone la chiave di accesso, se necessario.

Puoi procedere anche più velocemente, pigiando sull’icona del Wi-Fi (il simbolo di un’antenna) situata nel centro notifiche, accessibile con uno swipe dalla cima dello schermo verso il basso.

Attivare la localizzazione Android

Adesso che hai associato un account Google al tuo smartphone (o tablet) e hai eseguito tutte le operazioni preliminari indicate in precedenza, attiva il GPS spostando su ON la levetta che trovi in corrispondenza della sezione Impostazioni > Geolocalizzazione. Su Android 8.0 e versioni successive, la geolocalizzazione si trova nel menu Impostazioni > Sicurezza e privacy.

Il pulsante per attivare la geolocalizzazione si trova anche nel centro notifiche di Android: per agire tramite quest’ultimo, fai semplicemente tap su di esso.

Infine, nel menu Impostazioni > Google > Sicurezza > Trova il mio dispositivo, assicurati che la levetta sia impostata su ON.

Trova il mio dispositivo

Una volta eseguite le operazioni preliminari, puoi utilizzare il servizio Trova il mio dispositivo per localizzare un dispositivo Android da remoto.

Questo strumento gratuito sviluppato da Google è accessibile da qualsiasi altro dispositivo Android, scaricando la relativa applicazione dal Play Store, oppure tramite interfaccia Web. Il suo funzionamento è identico in entrambi i casi.

Se preferisci agire da smartphone o tablet, dopo aver scaricato l’app Trova il mio dispositivo dal Play Store (ti basta premere sul pulsante Installa), avviala ed effettua l’accesso con i dati dello stesso account Google connesso al dispositivo da rintracciare, pigiando sulla voce Continua come [nome del tuo account Google].

Nella schermata principale, fai poi tap sull’icona a forma di telefono raffigurante il dispositivo da rintracciare, dopodiché attendi che ti venga mostrata sullo schermo una cartina geografica con la posizione del device in tempo reale. Nel caso in cui riscontrassi dei problemi, premi sull’icona della freccia per ricaricare la schermata e attendi la localizzazione del dispositivo.

Oltre a rintracciare il dispositivo, puoi farlo suonare da remoto (Riproduci audio), impostare un messaggio personalizzato nella schermata di blocco dello schermo (Proteggi il dispositivo) e anche eseguire il reset alle impostazioni di fabbrica da remoto (Resetta il dispositivo). Ti ho parlato nel dettaglio di come usufruire di queste funzionalità nella mia guida dedicata a Trova il mio dispositivo.

Se il device non viene trovato, significa che potrebbe essere spento e/o non connesso a Internet. Puoi comunque comandarlo da remoto: le azioni comandate verranno eseguite non appena il dispositivo tornerà online.

Come localizzare un cellulare Android da PC

Se non hai a disposizione un altro cellulare o tablet Android per installare l’app Trova il mio dispositivo, puoi localizzare il device Android da computer collegandoti, come già detto, alla versione Web del servizio.

Per farlo, effettua l’accesso al sito di Trova il mio dispositivo con i dati (email e password) dello stesso account Google connesso al cellulare Android da rintracciare, dopodiché, attendi che ti venga mostrata su una cartina geografica la posizione del dispositivo.

Da Web il funzionamento di Trova il mio dispositivo è identico all’app per Android e quindi, in caso di problemi, fai riferimento alle indicazioni appena fornite nel capitolo precedente.

Come localizzare un cellulare Android con Google

Per localizzare un cellulare Android tramite Google puoi avvalerti sempre dello strumento Trova il mio dispositivo, in quanto il servizio è integrato nei risultati del motore di ricerca.

Per usufruire di questa funzionalità, collegati alla pagina principale di Google e premi sul pulsante Accedi situato in alto a destra, per effettuare l’accesso a Google con lo stesso account collegato al dispositivo da rintracciare. Digita, quindi, i dati di login (email e password) dello stesso account e premi sul pulsante Avanti per due volte consecutive.

Fatto ciò, digita i termini Trova il mio Android nella barra di ricerca, premi Invio e attendi che ti venga mostrata, all’interno di una mappa, la posizione del dispositivo.

Come localizzare Android da iPhone

Hai bisogno di localizzare il tuo dispositivo Android, ma sei fuori casa e non hai a portata di mano un altro smartphone o tablet Android per usare l’app Trova il mio dispositivo? Nessun problema, puoi comunque riuscire nell’intento.

Per localizzare un Android da iPhone ti basta collegarti al sito Web di Trova il mio dispositivo, in quanto questo può essere utilizzato nello stesso identico modo da qualsiasi browser per desktop o dispositivi mobili.

Effettua, quindi, l’accesso al servizio con i dati (email e password) dello stesso account Google connesso al cellulare Android da rintracciare: entro qualche istante potrai visualizzare, su una mappa, la posizione esatta del dispositivo.

In caso di problemi o dubbi, fai riferimento alle indicazioni che ti ho fornito nel capitolo su come rintracciare Android da PC.

Come localizzare un cellulare Android di un amico

Se hai bisogno di sapere come localizzare il cellulare Android di un amico, devi sapere che, per farlo, vi sono più soluzioni.

In primo luogo, se conosci i dati di accesso del suo account Google, puoi rintracciare per lui lo smartphone, avvalendoti dello strumento Trova il dispositivo di cui ti ho parlato nei capitoli precedenti.

In alternativa, se vuoi rintracciare il cellulare di un amico, perché ti serve sapere dove si trova, in modo da raggiungerlo, puoi avvalerti delle soluzioni di condivisione della posizione messe a disposizione da app come WhatsApp, Facebook o Google Maps.

Ti ho spiegato nel dettaglio di come usufruire di questa possibilità nella mia guida su come sapere dove si trova una persona attraverso il cellulare.

Altre soluzioni per localizzare Android

Oltre a Trova il mio dispositivo, che è il servizio predefinito di Google preesistente su tutti gli smartphone e tablet Android, esistono anche servizi di terze parti, come per esempio Prey e Cerberus, che permettono di localizzare un device Android a distanza agendo da computer, tramite browser, ma anche da dispositivi mobili, scaricando la loro app dedicata.

In maniera simile a Trova il mio dispositivo, infatti, per essere utilizzati questi strumenti richiedono una connessione a Internet sempre attiva e il GPS abilitato (ti ho parlato di come eseguire queste operazioni preliminari nel capitolo precedente), in modo da poter individuare in tempo reale su una mappa la posizione di uno smartphone o di un tablet Android. Offrono però funzionalità aggiuntive e, in alcuni casi, impediscono lo spegnimento o la disattivazione di GPS e connessione sul dispositivo da proteggere.

Se vuoi sapere come usarli e/o ti servono maggiori approfondimenti su quelle che sono altre soluzioni utili alla localizzazione remota di un dispositivo Android, ti consiglio di leggere la mia guida specifica sull’argomento.