Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sapere dove si trova una persona attraverso il cellulare

di

Lo smartphone, ormai è risaputo, costituisce anche un comodo strumento per quel che concerne la localizzazione. Sfruttando, infatti, il modulo GPS incluso nel dispositivo è possibile conoscere in qualsiasi momento la posizione di un utente. GPS a parte, per riuscire in questo intento, bisogna ricorrere all’uso di alcune apposite applicazioni e servizi. Se la cosa ti interessa e, magari, ti stai proprio chiedendo come sapere dove si trova una persona attraverso il cellulare, continua a leggere: trovi maggiori dettagli al riguardo proprio in questo mio tutorial.

Nelle righe successive provvederò infatti a illustrarti il funzionamento delle opzioni di localizzazione e condivisione della posizione di alcune tra le più popolari applicazioni per smartphone. Per quel che concerne l’attivazione del segnale GPS non preoccuparti: è un’operazione fattibile nel giro di qualche istante; attenzione però alla batteria: i servizi di localizzazione tendono infatti a causare una certa quantità di consumi “extra”, quindi ti consiglio di non utilizzarli se il tuo smartphone non è sufficientemente carico.

Allora, che ne dici di mettere da parte le “chiacchiere” ed entrare sùbito nel vivo della questione? Non chiederesti altro? Grandioso. Allora segui, passo dopo passo, le istruzioni che trovi qui di seguito. Sono sicuro che, al termine della lettura, potrai dirti ben felice e soddisfatto di quanto appreso. Buona lettura!

Indice

Google Maps

Google Maps Android

La prima risorsa utile da considerare, nel caso ti stessi chiedendo come sapere dove si trova una persona attraverso il cellulare, non può che essere Google Maps, che è disponibile sui terminali Android e su iPhone (ti ho spiegato in questo tutorial come installarla).

Forse non lo sapevi, ma il popolarissimo servizio per la navigazione stradale e la visualizzazione delle mappe online di Google, integra una comodissima opzione che consente di farsi localizzare e di localizzare i propri amici, attraverso un sistema di condivisione della posizione: vediamo in dettaglio come utilizzarla.

Una volta che hai avviato l’applicazione, attivato i servizi di localizzazione e, se necessario, effettuato su l’accesso con il tuo account Google, puoi condividere la tua posizione. Ovviamente, nel caso in cui la condivisione dovesse essere reciproca, anche l’altra persona dovrà effettuare gli stessi passaggi; in questo modo entrambi potrete localizzarvi attraverso lo strumento messo a disposizione da Google Maps.

Per iniziare, dunque, fai prima tap sull’icona del tuo profilo Google, che è situato in alto a destra, e seleziona la voce Condivisione della posizione dal menu che ti viene mostrato. Adesso premi sul pulsante Nuova condivisione che vedi in basso e, premendo sulle apposite opzioni mostrate a schermo, scegli se condividere la tua posizione in tempo reale per un’ora o fino alla disattivazione.

Se desideri aumentare o diminuire il lasso di tempo predefinito per la condivisione (per portarlo, ad esempio, a due ore), fai tap sui pulsanti (+) o (-) situati in corrispondenza dell’opzione Per 1 ora.

A questo punto, scegli il contatto al quale inviare la tua posizione tra quelli proposti in automatico in basso premendo sulla relativa icona. Puoi anche visualizzarne di nuovi trascinando verso sinistra le icone di quelli proposti e premendo, poi, sul pulsante Altro. In alternativa, puoi scegliere di condividere la posizione mediante una delle app installate sul tuo dispositivo (es. Gmail, Messenger e così via) premendo sulle apposite icone.

Una volta selezionato il contatto al quale vuoi inviare la tua posizione, premi sul pulsante Condividi e il gioco è fatto. L’altra persona potrà ora conoscere il tempo reale la tua posizione per il lasso di tempo specificato utilizzando l’app Google Maps (per farlo, dovrà semplicemente premere sul pulsante Vedi su Google Maps nell’invito inviato tramite la stessa Maps o Gmail).

Come dici? Desideri interrompere la condivisione? Allora, torna alla voce Condivisione della posizione accessibile dall’icona del tuo profilo Google nella schermata iniziale di Google Maps, poi fai tap sulla voce relativa al contatto che hai scelto in precedenza e, infine, premi sulla voce Interrompi.

WhatsApp

WhatsApp Android

Anche WhatsApp, la famosa app per la messaggistica istantanea del gruppo Meta, disponibile su smartphone Android (anche tramite APK scaricabile dal sito ufficiale) e iPhone, integra un comodo sistema per localizzare le persone. Utilizzarlo è davvero un gioco da ragazzi, te lo dimostro sùbito.

Una volta aperta l’app in questione, recati nella scheda Chat per selezionare una conversazione già avviata, oppure, avviane una nuova premendo sul pulsante del fumetto bianco (su Android) che trovi in quest’ultima, o su quello della matita e il foglio (su iPhone).

Per procedere, premi sull’icona della graffetta (è il simbolo [+] su iOS) che è situata in basso, seleziona la dicitura Posizione dal menu visualizzato e scegli se premere sulla voce Posizione attuale per inviare la posizione in modo “statico”, o sulla voce Posizione in tempo reale, per un invio dinamico, cioè duraturo nel tempo. In quest’ultimo caso, indica inoltre il tempo massimo di condivisione (15 minuti, 1 ora o 8 ore) e premi sull’icona ▶ che è situata in basso a destra, per confermare l’invio.

In entrambi i casi, per il corretto funzionamento di questa feature di WhatsApp, dovranno essere già abilitati i servizi di localizzazione sul dispositivo usato.

Telegram

Telegram app Android

Anche la popolare applicazione di messaggistica istantanea Telegram, disponibile su Android e su iOS, ti consente di condividere con i tuoi contatti la tua posizione tramite chat. Ti mostro immediatamente come procedere in questo senso.

Dopo aver avviato l’applicazione suddetta, seleziona una delle chat presenti nella schermata iniziale premendo sulla relativa anteprima, oppure, avvia una nuova conversazione facendo tap sul pulsante della matita posto in basso a destra e successivamente seleziona dall’elenco il contatto con il quale desideri avviare una nuova conversazione.

A questo punto, premi sull’icona della graffetta posta in basso a destra e, successivamente, fai tap sul l’icona Posizione. Se i servizi di localizzazione non sono ancora attivi sul tuo dispositivo, premi sulla dicitura Attiva per rimediare e poi fornisci il permesso di utilizzo della tua posizione attivando l’interruttore apposito.

Ora torna indietro all’applicazione e, se vuoi condividere tua posizione che si aggiorna in tempo reale, premi sulla relativa opzione. Dopodiché, scegli per quanto tempo sarà visibile la tua posizione (Per 15 minuti, Per 1 ora o Per 8 ore). Concludi, quindi, premendo sulla voce Condividi; altrimenti, se vuoi semplicemente condividere la posizione nella quale ti trovi al momento in cui scrivi il messaggio, fai tap sulla voce Invia la mia posizione attuale. Facile, vero?

Dov’è

Dov'è

Se sia tu che la persona che intendi localizzare siete in possesso di un iPhone, ti suggerisco invece di utilizzare Dov’è, l’app antifurto di Apple che ora include le funzioni che prima si trovavano nell’app Trova i miei amici. Grazie a queste ultime è appunto possibile condividere facilmente la propria posizione geografica, tutto gratis. Per funzionare, non richiede configurazioni particolarmente complesse, se non la preventiva creazione di un account iCloud.

Mi chiedi come si utilizza? Te lo spiego ora. Innanzitutto, avvia l’app succitata, premendo sulla sua icona in home screen (dovrai aver già attivato il GPS), vai nella scheda Persone e premi sul pulsante Inizia a condividere la posizione. In seguito, inserisci l’indirizzo email o il nome di un amico, premi su Invia e scegli se condividere la tua posizione per 1 ora, fino a fine giornata o per sempre, premendo su una delle opzioni situate nel menu in basso.

A questo punto, la persona che hai selezionato potrà visualizzare nell’app Dov’è la tua posizione aggiornata in tempo reale. Vuoi che la condivisione sia reciproca? Inviagli una richiesta di condivisione: seleziona il nome della persona di tuo interesse (o il suo indirizzo email) tramite la schermata iniziale dell’app e pigia sulla voce Chiedi di seguire la posizione.

Altre soluzioni per sapere dove si trova una persona attraverso il cellulare

Trova il mio dispositivo app Android

Gli strumenti dei quali ti ho parlato nelle righe precedenti non hanno soddisfatto le tue esigenze o, molto più semplicemente, ti piacerebbe conoscere altri strumenti utili allo scopo? Beh, direi allora che posso esserti ancora d’aiuto, consigliandoti la lettura di alcuni miei altri tutorial.

Innanzitutto, ci tengo a precisare che anche l’utilizzo dei sistemi di localizzazione per il furto e lo smarrimento, presenti “di serie” su Android e iOS, può essere in qualche modo utile per lo scopo in oggetto. Certo, si tratta più che altro di strumenti studiati principalmente per le situazioni di emergenza, ma ciò non toglie che Trova il mio dispositivo per Android e Dov’è per iOS non possano essere utili allo scopo di questa guida.

Per maggiori dettagli al riguardo, leggi il mio tutorial su come localizzare GPS cellulare oltre che i miei articoli dedicati a come rintracciare un cellulare Android e come localizzare iPhone. Sempre restando in tema, ti consiglio anche di dare un’occhiata al mio articolo sui programmi per localizzare cellulari tramite il quale ho provveduto a elencarti tutta una serie di applicazioni, programmi e servizi di terze parti, come per esempio Lookout (Android/iOS), dal funzionamento simile a Trova il mio dispositivo e Trova il mio iPhone.

Un altro mio post che ti invito a consultare è quello sui programmi per spiare cellulari nel quale ti ho parlato di tutta una serie di sistemi ad hoc, come per esempio le app di parental control Qustodio (Android/iOS) e Mobile Fence (Android), utili per rintracciare la posizione di una persona tramite lo smartphone. Per quanto riguarda le ultime soluzioni citate, utilizzale esclusivamente per fini leciti: il tracciamento della posizione di un cellulare dev’essere consensuale, altrimenti potresti violare la privacy altrui e commettere un reato molto grave.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.