Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sbloccare iPhone 6

di

Vorresti effettuare il jailbreak sul tuo iPhone 6 ma non sai bene come procedere? Hai bisogno di chiarimenti circa la validità della garanzia Apple sui dispositivi sbloccati? Vuoi sapere quali versioni di iOS sono compatibili con il jailbreak e quali no? Certo che ne hai di domande… Scherzi a parte, fai benissimo a interessarti a un tema affascinante come il jailbreak, e oggi, nel mio piccolo, sono qui per aiutarti a capirne qualcosa di più.

Cominciamo sottolineando una cosa importante: fare il jailbreak non significa installare app “piratate” sul proprio device. Si tratta di una procedura molto più “nobile”, che consente di acquisire i diritti da amministratore su iOS e quindi di effettuare tante operazioni che, normalmente, il sistema operativo di casa Apple non permette. Si possono installare applicazioni da fonti esterne all’App Store, si può personalizzare a fondo l’aspetto della Home Screen, si possono modificare dei parametri di sistema nascosti e molto altro ancora.

Non è tutto rose e fiori però. Prima di metterti all’opera prenditi un paio di minuti e leggi attentamente le avvertenze che trovi di seguito. Valuta con attenzione tutti i pro, ma soprattutto tutti i contro del jailbreak e decidi solo allora se sbloccare iPhone 6 o meno.

Pro e contro del jailbreak

  • Il jailbreak e la garanzia – il jailbreak non è illegale, ma Apple non lo ama. Per questo cerca sempre di “turare” le vulnerabilità di iOS che lo rendono possibile e non copre con la sua garanzia i dispositivi sbloccati. Questo significa che dopo il jailbreak bisogna rinunciare per sempre alla garanzia Apple? Assolutamente no. Se prima di portare l’iPhone in assistenza riesci a ripristinarlo in modalità DFU, e quindi a rimuovere il jailbreak, non ci saranno problemi. Apple accetterà di ripararlo coprendo normalmente le spese dell’intervento. Per maggiori info su come togliere il jailbreak consulta la guida che ho realizzato sull’argomento.
  • Le versioni di iOS compatibili con il jailbreak – come appena detto, Apple fa di tutto per “sistemare” le vulnerabilità di iOS che permettono l’effettuazione del jailbreak. Questo significa che non tutte le versioni di iOS si possono sbloccare e che dopo aver effettuato il jailbreak non è possibile aggiornare il sistema operativo, o meglio, è possibile aggiornarlo ma si perdono tutti gli effetti dello sblocco (Cydia, tweak, personalizzazioni ecc). Se si passa a una versione più recente di iOS per la quale è disponibile il jailbreak, si può aggiornare il dispositivo e ripetere la procedura di sblocco per ottenere nuovamente Cydia, tweak ecc.
  • Stabilità del sistema – il jailbreak permette di modificare a fondo le impostazioni di iOS, e questa è un’arma a doppio taglio perché da un lato ci permette di sfruttare appieno tutte le potenzialità dei nostri device ma dall’altra ci permette di “devastarli” rendendoli lenti, instabili ecc. Dipende tutto dall’uso che se ne fa.
  • Applicazioni non funzionanti – alcune applicazioni, come quelle per i video on-demand e la pay TV (es. Infinity e Sky Go), riconoscono il jailbreak e smettono di funzionare per evitare violazioni ai sistemi di protezione dei loro contenuti.

Cosa fare prima di sbloccare iPhone 6

Come sbloccare iPhone 6

Se sei ancora qui significa che hai accettato tutti i “rischi” del jailbreak e sei pronto a sbloccare il tuo iPhone 6. Però non è ancora giunto il momento di passare all’azione.

Prima di effettuare il jailbreak è buona norma collegare il proprio smartphone al computer e fare un backup di tutti i dati presenti sul dispositivo. Sai com’è, il jailbreak non cancella i dati presenti sull’iPhone, ma l’intoppo è sempre dietro l’angolo e quindi è meglio essere prudenti.

Collega dunque l’iPhone al computer usando il cavo Lightning in dotazione con il telefono, avvia iTunes (se non si è già avviato da solo) e fai click sull’icona dell’iPhone che compare in alto a sinistra. Se ti viene proposto di scaricare un aggiornamento software per il dispositivo, rifiuta.

A questo punto, recati nel menu File > Dispositivi di iTunes e seleziona la voce Trasferisci acquisti da iPhone per trasferire sul tuo computer tutte le applicazioni e i contenuti che hai acquistato sul “melafonino”. Dopodiché seleziona la voce Riepilogo dalla barra laterale di sinistra, fai click sul pulsante Effettua backup adesso e attendi che vanga effettuato il backup dell’iPhone. Dovrebbe volerci al massimo qualche minuto.

Come fare jailbreak iPhone 6

Come sbloccare iPhone 6

Finalmente è arrivato il momento di sbloccare iPhone 6! La procedura per effettuare il jailbreak è estremamente semplice, tutto quello che devi fare è scaricare un programmino gratuito sul tuo PC (o sul tuo Mac), avviarlo e seguire le istruzioni che compaiono sullo schermo. Entro una decina di minuti dovresti riuscire a portare tutto a termine.

Il software più recente per effettuare il jailbreak su iPhone e iPad è Pangu che funziona esclusivamente con le versioni 9.0, 9.0.1 e 9.0.2 di iOS, non con quella 9.1 né con quelle successive (almeno fino al momento in cui scrivo queste righe). Pangu è compatibile sia con Windows sia con Mac OS X ed è estremamente facile da usare.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante di Download relativo a Windows o Mac OS X (a seconda del sistema operativo che utilizzi). A download completato, avvia quindi l’eseguibile di Pangu (Pangu9_vxx.exe su Windows o Pangu9 su Mac[1]) e segui le indicazioni che trovi di seguito.

  • Collega l’iPhone al computer usando il cavo Lightning e chiudi iTunes (se si è aperto automaticamente);
  • Attendi che nella finestra principale di Pangu compaia il nome del tuo iPhone e fai click sul pulsante Start;
  • Imposta l’iPhone in modalità aereo richiamando il control center di iOS (quindi effettuando uno swipe dal basso verso l’alto sullo schermo dello smartphone) e pigiando sull’icona dell’aereo;
  • Disattiva la funzione antifurto Trova il mio iPhone recandoti nel menu Impostazioni > iCloud > Trova il mio iPhone di iOS e spostando su OFF la levetta relativa alla funzione Trova il mio iPhone. Potrai riattivare il sistema antifurto al termine della procedura di jailbreak;
  • Clicca prima sul pulsante Already backup e poi su Start in Pangu;
  • Aspetta che l’iPhone venga riavviato (cosa che dovrebbe avvenire quando la procedura di jailbreak raggiunge il 55-60% di completamento) e imposta nuovamente la modalità aereo sul dispositivo. Hai 300 secondi di tempo per farlo;
  • Attendi che nella finestra principale di Pangu venga visualizzato il messaggio Please unlock the device and run the Pangu app;
  • Avvia l’applicazione di Pangu presente sull’iPhone (dovrebbe trovarsi nell’ultima pagina della home screen) e pigia prima su Accept e poi su OK (per consentire all’applicazione di accedere al rullino di iOS);

Missione compiuta! Attendi qualche minuto e il tuo iPhone dovrebbe riavviarsi automaticamente per poi consentirti di “giocherellare” con Cydia e i suoi tweak.

Cydia è lo store alternativo di iOS utilizzabile solo sui terminali jailbroken. Contiene una serie di applicazioni e una serie di tweak (cioè di software che vanno a modificare il comportamento e l’aspetto di iOS) che possono essere gratis o a pagamento. Per utilizzarlo, pigia sull’icona della scatola su fondo marrone che trovi nella home screen di iOS e segui le indicazioni che ti ho dato nel mio tutorial su come scaricare Cydia.

Al primo avvio di Cydia, lo schermo dell’iPhone diventerà tutto nero e dopo qualche secondo il dispositivo sembrerà riavviarsi (in realtà viene riavviata solo la SpringBoard, ossia il “desktop” di iOS). Non ti preoccupare, si tratta di una cosa normale, è il processo con cui Cydia organizza tutti i file necessari al suo funzionamento.

Se hai mantenuto il tuo iPhone 6 ad iOS 8 e per un motivo o l’altro non vuoi passare a iOS 9 (dovresti, ci sono tanti miglioramenti anche in termini di sicurezza!) puoi sbloccare il tuo “melafonino” usando TaiG che è compatibile con le versioni 8.1.3 e 8.4 di iOS. Il suo funzionamento è molto simile a quello di Pangu, non troverai particolari difficoltà nell’utilizzarlo.


  1. L’eseguibile di Pangu su Mac si trova all’interno del pacchetto dmg scaricato dal sito del programma. Qualora comparisse un messaggio di errore, prova ad avviarlo facendo click destro sulla sua icona e selezionando la voce “Apri” dal menu che si apre. ↩︎