Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come scaricare Photoshop gratis in italiano

di

Photoshop è senza ombra di dubbio il programma per il fotoritocco più diffuso e apprezzato al mondo. Il famoso software a marchio Adobe è infatti particolarmente amato sia dai professionisti sia da coloro che si occupano di grafica per diletto. Come noto, Photoshop è un software a pagamento; esiste, tuttavia, una soluzione completamente legale e riconosciuta dalla stessa software house grazie alla quale è possibile scaricare Photoshop gratis in italiano.

Basta approfittare della versione di prova di Photoshop reperibile sul sito ufficiale di Adobe, la quale può essere utilizzata senza spendere neppure un centesimo per 7 giorni. Trascorso questo periodo, bisogna decidere se cessare l’utilizzo del software (ed eventualmente passare a un’alternativa totalmente free) oppure se sottoscrivere un abbonamento Creative Cloud con prezzi a partire da 12,19 euro/mese e continuare, dunque, a usare il programma.

Fatta questa doverosa precisazione, se sei realmente interessato a scoprire che cosa bisogna fare per effettuare il download di Photoshop gratuitamente, ti suggerisco di prenderti qualche minuto di tempo libero e di dedicarti alla lettura di questo tutorial. Trovi spiegato tutto qui sotto. Buona lettura e buon download!

Indice

Scaricare Photoshop gratis in italiano su computer

Screenshot di Photoshop su Mac

Se vuoi scaricare Photoshop gratis in italiano in versione di prova su un PC Windows o un Mac, la prima cosa che devi fare è creare un account gratuito sulla piattaforma cloud di Adobe. Per fare ciò, collegati al sito ufficiale di Adobe e clicca sulla voce Prova gratuita che si trova in alto a destra.

Nel riquadro che, a questo punto, andrà ad aprirsi, individua quale piano ti interessa di più (Piano Fotografia, Photoshop o Tutte le applicazioni Creative Cloud) e clicca sul bottone Attiva trial corrispondente.

Nella nuova pagina apertasi, compila il modulo che ti viene proposto con indirizzo e-mail (se hai già un account Adobe, usa quello associato a quest’ultimo), clicca sul pulsante Continua e, se stai accedendo con un indirizzo email che corrisponde già a un account Adobe, fornisci la relativa password per poi cliccare sul bottone Continua.

Se, invece, non stai eseguendo l’accesso a un account esistente, bensì ne stai creando uno al momento, dovrai fornire un metodo di pagamento per attivare la trial. Comunque stai tranquillo: non ti verrà addebitato niente se annulli l’abbonamento prima che scada la prova gratuita (dopo ti spiegherò come fare anche questo).

Per inserire il metodo di pagamento, apri il menu Aggiungi metodo di pagamento e scegli tra carta di credito/debito e PayPal: per questo tutorial ho optato per il primo metodo. Dopodiché fornisci tutti i dati richiesti (es. Numero di carta di debito/credito, Mese di scadenza, Anno di scadenza, etc.) e, quindi, clicca sul pulsante Avvia versione di prova gratuita.

Trial Photoshop

Successivamente, clicca sul pulsante Imposta la password, apri il messaggio che ti è stato inviato all’indirizzo e-mail con cui hai deciso di registrarti, clicca sul link contenuto al suo interno e, nella nuova pagina Web apertasi, scrivi una password sicura con cui proteggere il tuo account Adobe usando il campo di testo apposito; infine clicca sul bottone Completa account.

Adesso, nella pagina apertasi, clicca sul bottone Installa annesso a Photoshop e attendi che venga scaricato il file d’installazione del programma. A download completato, se possiedi un PC con su installato Windows, avvia il file .exe ottenuto e pigia sul pulsante .

Se, invece, hai deciso di scaricare Photoshop gratis in italiano per Mac, anziché un file in formato .exe ti ritroverai ad avere a che fare con un file in formato .dmg: aprilo, fai doppio clic sull’icona Photoshop Installer presente al suo interno, clicca sui pulsanti Apri e OK, fornisci la password di amministrazione di macOS nel campo di testo apposito e clicca sul bottone OK.

Ora, nella finestra apertasi, clicca sul bottone Continua, poi sul pulsante Inizia a installare e, mentre attendi che il processo d’installazione del programma venga portato automaticamente a termine, rispondi alle domande che ti vengono poste in relazione al tuo ruolo, al motivo per cui intendi usare il programma e qual è il tuo livello di conoscenza di Photoshop, cliccando sul pulsante Continua ogni volta che dai una risposta.

Trial di Photoshop

Al termine del download e dell’installazione, Photoshop si avvierà automaticamente e potrai cominciare a usarlo gratis per 7 giorni. Se dovessi avere difficoltà circa il suo utilizzo, ti suggerisco di leggere la mia guida come usare Photoshop per scoprire come poter utilizzare nel modo migliore questo celebre programma.

Non dimenticare che, se non vuoi ricevere degli addebiti in relazione all’utilizzo di Photoshop, devi annullare l’abbonamento prima che scada la trial. Per riuscirci, accedi al tuo account Adobe da questa pagina, clicca sul pulsante Gestione piano e fai clic sul pulsante Annulla il tuo piano. L’annullamento ha effetto immediato.

Scaricare Photoshop gratis in italiano su smartphone e tablet

Anziché scaricare Photoshop gratuitamente sul tuo computer ti piacerebbe farlo su smartphone o tablet? Sì? Beh, sappi che hai varie possibilità a tua disposizione.

Adobe Photoshop (iPadOS)

Photoshop per iPad

Se utilizzi un iPad, sarai contento di sapere che Adobe ha rilasciato una versione del suo celebre software di fotoritocco ottimizzata per il tablet Apple, la quale include quasi tutte le funzionalità della controparte desktop.

Photoshop per iPad si può scaricare direttamente dall’App Store. Il download è gratuito, tuttavia, dopo il primo mese di prova, per continuare a usarlo, bisogna sottoscrivere un abbonamento di 10,99 euro/mese. Per installarlo, dopo esserti recato nella pagina di download dedicata a Photoshop presente nell’App Store, pigia sul bottone Ottieni/Installa e conferma la tua volontà autenticandoti tramite Face ID, Touch ID o la password dell’ID Apple.

Una volta scaricato Photoshop da App Store, per poterlo utilizzare, devi eseguire l’accesso con un account Adobe, Apple, Google o Facebook: premi dunque sul pulsante corrispondente al servizio che intendi utilizzare e segui le indicazioni a schermo per accedere. Fatto ciò, premi sul pulsante Start 1 month free trial, per attivare la trial gratuita di 30 giorni.

Dovrai confermare l’operazione tramite Face ID, Touch ID o immissione della password dell’ID Apple. Successivamente, per disattivare il rinnovo automatico della sottoscrizione, dovrai recarti nel menu Impostazioni > [tuo nome] > Abbonamenti e, dopo aver pigiato su quello riguardante Photoshop per iPad, avvia il suo annullamento pigiando sulla dicitura apposita.

Detto ciò, l’interfaccia di Photoshop per iPad è estremamente intuitiva: in basso a sinistra, trovi le opzioni per creare una nuova immagine (Crea nuovo) o aprirne una già esistente dalla Galleria (Import e apri). Una volta avviata la creazione del progetto, ti ritroverai poi al cospetto del “solito” Photoshop con, sulla sinistra, i pulsanti con gli strumenti di editing e, sulla destra, quelli per la gestione dei livelli, delle maschere di livello ecc.

Per esportare le foto (che vengono comunque salvate automaticamente sul cloud di Adobe, che mette 100GB di spazio di archiviazione a disposizione di ogni utente), premi sull’icona con il quadrato e la freccia collocata in alto a destra e scegli l’opzione Pubblica ed esporta dal menu che si apre. Potrai così scegliere il formato di output e l’app in cui salvare il file.

Photoshop Express e Lightroom (Android/iOS/iPadOS)

Photoshop Express

Se vuoi utilizzare Photoshop direttamente dal tuo device mobile senza spendere neppure un centesimo, puoi prendere in considerazione Photoshop Express. Si tratta di un’applicazione gratuita che offre acquisti in-app e che permette di ritoccare le foto. L’applicazione ha funzioni decisamente limitate rispetto alla versione per computer di Photoshop, ma rappresenta comunque un valido strumento per modificare foto e immagini in mobilità.

Per scaricare Photoshop Express su Android, cerca “photoshop express” nello store presente sul tuo device, premi sul bottone Installa e attendi che la procedura di installazione venga completata. Se stai leggendo la guida direttamente dal device su cui intendi installare l’app, puoi recarti sulla sua pagina di download presente sul Play Store facendo tap direttamente qui (se hai un device senza i servizi di Google, puoi ottenere l’app da uno store alternativo).

Se vuoi scaricare Photoshop Express su iPhone e iPad, invece, apri l’App Store, fai tap sulla scheda Cerca (in basso a destra) e digita “photoshop express” nel campo di ricerca situato in alto; se stai leggendo l’articolo direttamente dal device su cui intendi installare l’applicazione puoi premere direttamente qui. Una volta raggiunta la pagina di download di Photoshop Express, fai tap sul pulsante Ottieni/Installa e conferma l’operazione mediante il Face ID, il Touch ID oppure la password dell’ID Apple.

Un’altra app gratuita di casa Adobe che puoi installare è Photoshop Lightroom, disponibile per Android e iOS/iPadOS. La modalità di installazione è la medesima di Photoshop Express, per cui non mi ripeterò nuovamente (una volta che ti sei recato sulla pagina di download dell’app presente sullo store del dispositivo, devi seguire sempre i soliti passaggi infatti), piuttosto voglio indicarti cosa la differenzia da quest’ultima.

Innanzitutto, Photoshop Lightroom, oltre a consentire l’elaborazione e la condivisione dei propri scatti, permette di realizzarne di nuovi nel formato DNG, oltre che importarli e modificarli nel formato RAW (cosa che, però, richiede l’abbonamento al piano Fotografia di Adobe Creative Cloud, che parte da 12,19 euro/mese). Alcune funzioni avanzate, come quella che consente di scattare foto in formato RAW, DNG o HDR, sono utilizzabili solo su dispositivi di ultima generazione.

Per maggiori informazioni circa l’uso di queste e altre app per Photoshop, ti rimando alla lettura della guida che ho dedicato all’argomento.

Alternative gratuite a Photoshop

Adesso vediamo qualche alternativa gratuite a Photoshop, tra le più valide che è possibile trovare attualmente. Si tratta di soluzioni che, seppur non abbiano tutte le funzioni del celeberrimo programma di casa Adobe, possono soddisfare le esigenze di una buona fetta di utenti, soprattutto quelle dei neofiti del fotoritocco.

GIMP (Windows/macOS/Linux)

Screenshot di GIMP

Iniziamo da GIMP. Si tratta di un’applicazione per il fotoritocco gratuita e open source disponibile per Windows, macOS e Linux che non offre tutte le funzioni avanzate di Photoshop ma che può rappresentare un’ottima alternativa a costo zero al famoso programma di casa Adobe per chi non ha esigenze di tipo professionale. Il programma è inoltre molto semplice da usare ed è tradotto completamente in italiano. Meglio di così?

Per effettuare il download di GIMP sul tuo computer, clicca qui in modo tale da poterti collegare alla pagina Web principale del software, dopodiché fai clic sulla voce Download 2.x.x e poi fai clic sul bottone di colore arancione per dare il via alla procedura mediante cui scaricare il software.

A scaricamento completato, se stai utilizzando un PC con su installato Windows, fai doppio clic sul file .exe appena scaricato, così da avviare l’installazione del software. Nella finestra che si apre, fai clic prima su e poi su OK, Installa e Fine, per completare il processo d’installazione.

Photoshop

Se, invece, utilizzi un Mac, apri il pacchetto in formato .dmg che lo contiene ed estraine il contenuto nella cartella Applicazioni di macOS. Recati, poi, nella cartella in questione, fai clic destro sull’icona di GIMP, seleziona la voce Apri per due volte di fila (così da “scavalcare” le restrizioni di Apple verso i software non certificati) e il gioco è fatto).

A questo punto vedrai finalmente comparire la schermata principale del programma. L’interfaccia utente di GIMP è piuttosto semplice da utilizzare e ricorda molto quella di Photoshop.

Sul lato sinistro dello schermo, trovi la barra degli strumenti con i pennelli, la tavolozza dei colori, i tool per selezionare le foto (lazo, selezione rettangolare ecc.) e altre funzioni di fotoritocco come sfumatura, aumento di luminosità/colore, gomma da cancellare e via di seguito. Sul lato destro, sono, invece, presenti i pannelli per la gestione dei livelli (attraverso cui creare, cancellare, applicare stili di fusione e gestire i livelli a 360 gradi) e dei pennelli (per modificare le forme dei pennelli disponibili). Nella parte centrale della schermata del programma trovi, invece, le immagini da modificare con, in alto, i menu per applicare filtri ed effetti a queste ultime.

Se necessiti di maggiori dettagli riguardo il funzionamento di GIMP, da’ un’occhiata alla mia guida su come usare GIMP mediante cui ho provveduto a spiegarti per filo e per segno il funzionamento del software.

Altri software

Screenshot di Pixelmator

Se, invece, GIMP non ti ha entusiasmato e sei ancora alla ricerca di un’alternativa gratuita a Photoshop, ti suggerisco di consultare il mio tutorial sui programmi per modificare foto in cui ho provveduto a indicarti tutti quello che a mio modesto avvisto rappresentano i migliori software attualmente presenti sulla piazza grazie ai quali effettuare le principali operazioni di photo editing.

Puoi trovare ulteriori interessanti soluzioni anche consultando la mia guida sui programmi per migliorare le foto. Certo, non sarà proprio come scaricare Photoshop gratis in italiano ma, anche in tal caso, se non hai esigenze di tipo professionale meritano senz’altro di essere presti in considerazione.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.