Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per DVR

di

Il tuo tecnico di fiducia ha appena terminato l’installazione del nuovo sistema di videosorveglianza che hai deciso di usare a casa: sei abbastanza soddisfatto del risultato ma, ora che i giochi sono fatti, vorresti capire come poter vedere le riprese delle telecamere collegate al sistema DVR, anche quando non sei in casa, magari attraverso lo smartphone o il tablet che possiedi.

Le cose stanno proprio in questo modo, dico bene? Allora sono ben lieto di comunicarti che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto: nel corso di questo tutorial, infatti, sarà mia cura mostrarti il funzionamento di una serie di ottime app per DVR, disponibili per le più note piattaforme software e scaricabili in maniera del tutto gratuita.

Dunque, senza attendere un attimo in più, ritaglia qualche minuto di tempo libero per te e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, sarai perfettamente in grado di raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

App per DVR

Prima ancora di entrare nel vivo di questa guida e di fornirti una panoramica sulle migliori app per DVR presenti sui principali store, lascia che spieghi come funziona l’installazione di un impianto DVR e che ti elenchi le informazioni di cui hai bisogno per configurare le summenzionate applicazioni.

In genere, i passaggi necessari per installare un sistema di videosorveglianza tramite DVR sono i seguenti.

  • Posizionamento delle telecamere, che vengono collegate al DVR tramite cavo Ethernet e accese in seguito al collegamento alla rete elettrica.
  • Configurazione del DVR, la quale viene effettuata tramite il pannello di gestione integrato. In questa fase, l’apparecchio viene collegato al router e a Internet, vengono fissati gli indirizzi IP di ciascuna videocamera, l’IP del sistema DVR e le credenziali d’accesso per le varie aree del sistema (visualizzazione, gestione e così via). Se previste, in questa fase vengono inoltre specificate le impostazioni per i sensori di movimento, le registrazioni automatiche e l’acquisizione di audio/video.
  • Apertura delle porte, che viene effettuata sul router dopo aver ultimato la configurazione del DVR. Durante questo step, vengono aperte e associate all’indirizzo IP del router alcune porte di rete, in modo che questo sia accessibile anche dall’esterno della rete di appartenenza. Questo passaggio non è necessario se si utilizza un ID cloud (tornerò tra breve su questo aspetto).
  • Associazione del DNS dinamico, ossia di un sistema in grado di permettere il rintracciamento del DVR digitando, anziché il suo indirizzo IP, una sorta di indirizzo Web (che resta immutato nel tempo). Questo passaggio non è necessario se si utilizza un ID cloud.
  • Configurazione dell’ID cloud (opzionale): questa funzione, caratteristica di alcuni DVR, consente di “registrare” l’apparecchio a un servizio cloud, rendendolo raggiungibile dall’esterno digitando soltanto una serie di numeri e lettere. Così facendo, la configurazione viene notevolmente semplificata e, per consentire connessioni dall’esterno, non è necessario aprire porte o definire DNS dinamici.

Tali interventi vengono in genere eseguiti dal tecnico installatore che, al termine della configurazione, dovrebbe rilasciare i dati necessari per la visualizzazione del flusso d’immagini proveniente dal DVR: gli indirizzi IP locale e remoto del dispositivo, le porte da utilizzare per la visualizzazione dei contenuti, il nome utente e la password per accedere alle immagini, l’eventuale DNS dinamico o, se previsto, l’ID cloud.

Come scoprirai tra breve, le app DVR necessitano, per un corretto funzionamento, delle informazioni seguenti: indirizzo IP remoto/DNS dinamico del dispositivo unitamente alla porta d’ascolto (oppure l’ID cloud del DVR), il nome utente e la password per accedere alle immagini delle telecamere. Una volta inseriti tali dati all’interno delle app, esse dovrebbero avviare immediatamente la riproduzione del flusso in streaming.

App per vedere DVR

Una volta ottenute le informazioni necessarie dal tecnico installatore, è possibile monitorare le telecamere collegate al sistema DVR tramite una serie di app progettate per lo scopo: di seguito te ne segnalo alcune.

Eseenet+ (Android/iOS/iPadOS)

App per DVR

La prima app per DVR che voglio portare alla tua attenzione è Eseenet+: compatibile con Android, iOS e iPadOS, essa è stata realizzata principalmente per i DVR a marchio Esee; tuttavia, grazie alla sua flessibilità, Eseenet+ può essere facilmente configurata per accedere alla maggioranza dei sistemi DVR/NVR disponibili in Rete.

Mi chiedi come si usa? Te lo spiego subito. Dopo aver ottenuto l’app dallo store di riferimento del tuo dispositivo, avviala, tocca il pulsante (+) collocato in alto a destra, per aggiungere un nuovo DVR, e compila il modulo successivo con le informazioni richieste. La procedura varia in base al tipo di identificazione in Rete prevista dal DVR.

  • Cloud ID – se il dispositivo in tuo possesso supporta gli identificativi cloud, ossia le sequenze di lettere e numeri che li identificano in modo univoco sulla Rete, fai tap sulla scheda Cloud ID e compila il modulo successivo con le informazioni richieste: immetti il nome con cui riconoscerlo nel campo Device Name; digita l’identificativo univoco all’interno del box Device ID; e, infine, inserisci username password per la visualizzazione dei flussi nei campi Device User Password. Quando hai finito, indica il numero di telecamere collegate al tuo DVR, approssimando per eccesso (ad esempio, se hai collegato 3 telecamere, seleziona il pulsante 4) e, quando hai finito, tocca il pulsante Save per aggiungere il DVR all’app.
  • Indirizzo IP/DDNS – se il DVR è stato configurato per l’accesso tramite indirizzo IP o DNS dinamico, fai invece tap sulla scheda IP/Domani, indica un nome con cui identificare l’apparecchio nel campo Device Name e, in seguito, specifica l’indirizzo IP/DNS del DVR, la porta d’ascolto, il nome utente e la password per l’accesso, rispettivamente, all’interno dei campi Device NameIP/DomainPortDevice User Password. Infine, seleziona il numero di telecamere collegate al DVR, approssimando per eccesso, e tocca il pulsante Save per aggiungere il dispostivo all’app.

Una volta effettuata la configurazione dell’app, utilizzarla è molto semplice: fai tap sulla scheda Device List, per visualizzare la lista dei dispositivi configurati, e tocca sul nome del DVR aggiunto poc’anzi, per visualizzare le telecamere a esso collegate.

Se lo desideri, puoi effettuare operazioni di zoom e rotazione di ciascuna videocamera (se supportati) facendo tap sul riquadro di tuo interesse e poi su uno dei piccoli pulsanti poco più in basso; per “ingrandire” una delle videocamere, fai doppio tap sulla sua anteprima; per tornare alla visuale in contemporanea, invece, “pizzica” lo schermo dall’esterno verso l’interno.

In qualsiasi momento, puoi catturare uno screenshot dello stato delle videocamere (pulsante a forma di fotocamera), registrare un video (pulsante a forma di videocamera) o attivare l’acquisizione la riproduzione audio, ove supportata, toccando il pulsante a forma di altoparlante collocato in alto a destra.

La schermata principale dell’app, alla quale puoi accedere toccando il pulsante Back (in alto a sinistra), consente inoltre di “riavvolgere il nastro” e visualizzare il flusso di immagini relativo a un dato periodo (scheda playback), di visualizzare le immagini o le riprese salvate in memoria (scheda file manage) e, infine, di specificare il fattore di scala, la modalità di riproduzione e la qualità delle immagini delle varie telecamere configurate (scheda settings).

MEye (Android)

App per DVR

Altra ottima app che ti consiglio di provare è MEye, disponibile gratuitamente per Android, iOS e iPadOS e compatibile con la maggior parte dei DVR/NVR disponibili in commercio.

Dopo aver scaricato e avviato l’app, tocca il pulsante a forma di videocamera, posto al centro dello schermo, per visualizzare la lista dei dispositivi configurati (inizialmente vuota); dopodiché, per aggiungere un nuovo DVR, tocca il pulsante [+] situato in basso a sinistra e compila il modulo visualizzato a schermo nel seguente modo.

  • DeviceName – inserisci il nome da assegnare al DVR.
  • IP/Domain – digita l’indirizzo IP o il DNS dinamico del DVR.
  • Port – immetti la porta d’ascolto del DVR.
  • Username/password – inserisci, rispettivamente, il nome utente e la password d’accesso per il sistema di videocamere.
  • Max channel – apponi il segno di spunta accanto alla cifra che più si avvicina al numero di videocamere collegate al DVR (approssimando per eccesso).

Quando hai finito, tocca il pulsante OK collocato in alto a destra, per confermare la modifica effettuata. Se tutto è andato per il verso giusto, nella lista dei device configurati dovrebbe ora comparire il DVR appena inserito: se ti interessa assegnare un nome specifico a ciascuna telecamera configurata nello stesso, tocca il pulsante accanto al nome del dispositivo di rete e poi il bottone a forma di in corrispondenza della telecamera su cui ti interessa agire.

Superato anche questo step, fai tap sul pulsante Back per passare alla schermata di visualizzazione delle telecamere: per passare da una cam all’altra, fai tap sui numeri collocati in basso. Se ti interessa modificare le impostazioni di visione (riproduzione automatica, fattore di scala, riproduzione dell’audio e così via), fai tap sul pulsante a forma d’ingranaggio.

Infine, se lo desideri, puoi utilizzare i pulsanti situati in fondo alla schermata per acquisire uno screenshot dell’immagine attualmente visualizzata (bottone a forma di fotocamera), per acquisire un filmato delle immagini in riproduzione (bottone a forma di videocamera) o accedere alla lista dei dispositivi (pulsante a forma di nota con l’ingranaggio).

In qualsiasi momento, puoi visualizzare la schermata principale dell’app, tramite la quale è possibile accedere agli screenshot e alle registrazioni acquisite o modificare le impostazioni globali di visualizzazione, facendo tap sul pulsante a forma di casa collocato in alto a destra.

Altre app per DVR

Altre app per DVR

Come dici? Hai provato le app di cui ti ho parlato nelle precedenti sezioni di questo tutorial e ne sei rimasto colpito ma, ciononostante, esse non rispondono appieno alle tue esigenze? In tal caso, ti farà piacere sapere che esistono numerose alternative, anche gratuite, differenti ma altrettanto valide: di seguito te ne elenco alcune.

  • vMEye Cloud (Android/iOS/iPadOS) – si tratta di una validissima app di videosorveglianza ricca di funzionalità interessanti. Per utilizzarla, è necessario che il DVR sia stato associato a un identificativo cloud tramite apposita piattaforma (ad es. Comelit cloud). È gratuita.
  • Comelit View Smart (Android/iOS/iPadOS) – è l’app per DVR Comelit ufficiale, la quale consente di configurare, visualizzare e gestire le videocamere connesse al DVR in modo semplicissimo. È gratuita.
  • TinyCam Monitor Free (Android) – altra ottima app per la gestione di DVR e IP Cam. Tra le tante funzionalità a bordo di quest’app, figura la possibilità di effettuare il riconoscimento automatico dei dispositivi di rete. È gratuita ma, per lo sblocco di alcune funzioni aggiuntive, è necessario acquistarne la versione Pro (costa 4,39€).
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.