Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per pagare

di

Ogni volta è sempre la stessa storia: al momento di pagare i tuoi acquisti in negozio, ti accorgi di non avere contanti a sufficienza per completare il pagamento o, nel peggiore dei casi, di aver proprio dimenticato a casa il tuo portafoglio. Per mettere fine a questa imbarazzante situazione, hai effettuato alcune ricerche sul Web scoprendo che esistono numerose applicazioni che consentono di pagare con il proprio smartphone. Non essendo particolarmente ferrato in ambito tecnologico, però, non hai la più pallida idea di come procedere e, per questo motivo, vorresti il mio aiuto per conoscere le soluzioni più adatte alle tue esigenze.

Le cose stanno così, dico bene? Allora lasciati dire che oggi è proprio il tuo giorno fortunato. Con questa guida, infatti, ti elencherò una serie di app per pagare da installare sul tuo smartphone. Alcune di queste permettono di pagare i propri acquisti, sia online che nei negozi fisici, e di pagare bollettini postali, bollette e multe; altre, addirittura, consentono di trovare parcheggio e pagare la sosta sulle strisce blu. Come dici? È proprio quello che stavi cercando? Allora non indugiare oltre e approfondisci sùbito l’argomento.

Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ritieni opportuno e dedicati alla lettura dei prossimi paragrafi. Segui attentamente le indicazioni che sto per darti, prova a mettere in pratica le mie “dritte” sul tuo smartphone e ti assicuro che riuscirai a individuare l’app più adatta alle tue esigenze e a utilizzarla per completare i tuoi pagamenti. Detto ciò, a me non resta altro che augurarti una buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

App per pagare con telefono

Se la tua intenzione è pagare con il telefono, sia nei negozi fisici che online, sarai contento di sapere che esistono servizi e applicazioni che permettono di farlo con semplicità, come Google Pay, Apple Pay, PayPal o Satispay.

App per pagare con NFC

Pagare con il telefono

Se hai uno smartphone equipaggiato con Android o un iPhone e la tua intenzione è pagare con il telefono nei negozi fisici, puoi usare Google Pay o Apple Pay, i sistemi di pagamento di Google e di Apple.

Entrambi consentono di effettuare pagamenti con il proprio telefono tramite la tecnologia NFC (Near Field Communication), che consente lo scambio di dati a breve distanza e in maniera sicura tra i dispositivi supportati (in questo caso tra lo smartphone e il POS del negozio).

Devi sapere, però, che non tutte le carte delle banche sono compatibili con Google Pay e Apple Pay. Se la tua banca è tra una di queste, puoi scegliere di affidarti a servizi come HYPE, N26, YAP, buddybank o illimity che consentono di aprire un conto gratuito e ottenere una carta di debito (anche virtuale con HYPE e YAP) da usare con i sistemi di pagamento di Google e di Apple.

Maggiori informazioni su HYPE
Maggiori informazioni su N26

Google Pay

Configurare Google Pay

Detto ciò, se hai un dispositivo Android, per prima cosa, fai tap sull’icona della rotella d’ingranaggio per accedere alle Impostazioni del tuo smartphone, premi sulle opzioni Connessioni dispositivo e NFC e, nella nuova schermata visualizzata, sposta la levetta accanto alla voce NFC da OFF a ON, per abilitare il tuo dispositivo ai pagamenti tramite NFC.

Adesso, avvia l’app di Google Pay, fai tap sul pulsante Inizia e premi sulla voce Aggiungi una carta, per associare una tua carta di pagamento a Google Pay. Inserisci, quindi, i dati della carta in questione nei campi Numero carta, MM/AA (con la data e l’anno di scadenza), CVV e Indirizzo di fatturazione e premi sul pulsante Salva.

Per maggiori informazioni su come funziona Google Pay, consulta la mia guida dedicata interamente al servizio.

Apple Pay

Apple Pay

Se, invece, ha un iPhone, tutto quello che devi fare per configurare Apple Pay e aggiungere una o più carte di pagamento, è avviare l’app Wallet, premere sul pulsante + e selezionare l’opzione Continua.

Adesso, inquadra la tua carta in questione con la fotocamera del tuo dispositivo o scegli la voce Inserisci i dati della carta, per digitare manualmente i dati richiesti nei campi Nome, Numero carta e Data di scadenza. Premi, quindi, sui pulsanti Avanti e Accetto e il gioco è fatto.

Per maggiori informazioni su come funziona Apple Pay, consulta la mia guida dedicata interamente al servizio.

PayPal

Inviare denaro con PayPal

Tra le applicazioni per pagare non poteva mancare PayPal. Infatti, il celebre servizio per il trasferimento di denaro su Internet è disponibile anche sotto forma di applicazione per Android e iOS e consente di pagare i propri acquisti online direttamente sui siti Web che lo consentono (es. eBay), anche prelevando il denaro dalla propria carta o dal proprio conto (da associare al conto PayPal).

Dopo aver scaricato e avviato PayPal sul tuo smartphone, inserisci i dati del tuo account nei campi Indirizzo email e Password e fai tap sul pulsante Accedi, per effettuare l’accesso al tuo account. Se, invece, non hai ancora aperto un conto gratuito su PayPal, scegli l’opzione Registrati, per crearne uno. A tal proposito, potrebbe esserti utile il mio tutorial su come avere PayPal.

A questo punto, se ancora non lo hai fatto e il tuo saldo PayPal è pari a zero, devi collegare al tuo account una carta di credito o il tuo conto bancario. Per procedere, premi dunque sull’icona della rotella d’ingranaggio, in alto a destra, scegli l’opzione Conti bancari e carte dal menu che si apre e fai tap sul pulsante +, dopodiché scegli l’opzione di tuo interesse tra Conto bancario e Carta, inserisci i dati richiesti nei campi appositi e premi sul pulsante Collega conto/Collega carta, per completare il collegamento.

Fatto ciò, sei pronto per pagare con PayPal. Tutto quello che devi fare per inviare denaro, è selezionare l’opzione Invia, collocata nel menu in basso, inserire l’indirizzo email o il numero di telefono della persona che intendi pagare nel campo Nome, email o numero di cellulare, specificare l’importo del pagamento nel campo apposito e premere sul pulsante Avanti.

Scegli, quindi, se effettuare il pagamento tramite il saldo PayPal o usando una carta collegata al tuo conto, premi sul pulsante Avanti e conferma la tua intenzione, facendo tap sul pulsante Invia denaro, per completare il pagamento.

Satispay

Pagare con Satispay

Tra le applicazioni per pagare con il telefono che puoi prendere in considerazione c’è anche Satispay (Android/iOS). Se non ne hai mai sentito parlare prima d’ora, devi sapere che è un’app gratuita che consente di effettuare pagamenti sia online (comprese ricariche telefoniche, bollettini e il bollo dell’auto) che di pagare i propri acquisti nei negozi fisici convenzionati.

Per aprire il tuo conto su Satispay, avvia l’app in questione, premi sul pulsante Inizia, inserisci il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo email nei campi appositi e crea il codice PIN, che dovrai digitare ogni volta che vorrai accedere all’applicazione. Inserisci, poi, il codice IBAN del tuo conto corrente bancario, specifica i tuoi dati nella sezione Informazioni personali, carica un documento di riconoscimento (carta d’identità, passaporto o patente) e segui le indicazioni mostrate a schermo per completare la registrazione. Registrati con il codice ARANZULLA per ottenere 5€ di bonus all’iscrizione.

Scarica Satispay per AndroidScarica Satispay per iOS

Fatto ciò, premi sull’opzione Profilo collocata nel menu in basso, seleziona le opzioni Imposta budget e Modifica, scegli l’importo di cui disporre sul tuo account (25€, 50€, 75€, 100€, 125€, 150€, 175€, 200€ e 250€) e premi sui pulsanti Prosegui e Conferma, per effettuare la prima ricarica del tuo conto. Ti sarà utile sapere l’importo selezionato sarà disponibile sul tuo conto Satispay entro due giorni lavorativi dalla prima ricarica.

Ricaricare conto Satispay

Dopo la prima ricarica, potrai modificare il tuo budget in qualsiasi momento ripetendo la procedura appena descritta. Tuttavia, devi sapere che il nuovo importo sarà conteggiato a partire dal successivo controllo automatico del budget disponibile, che avviene ogni domenica sera. Per saperne di più, puoi dare una lettura alla mia guida su come ricaricare Satispay.

A questo punto, sei pronto per pagare con Satispay. Per i pagamenti online, ti sarà sufficiente accedere alla sezione Servizi del tuo account, selezionare la tipologia di pagamento di tuo interesse (Ricariche telefoniche, pagoPA, Bollettini e Bollo auto e moto) e seguire le indicazioni mostrate a schermo, in modo da completare la transazione.

Se, invece, vuoi pagare con Satispay nei negozi fisici, dopo esserti recato di persona nel negozio convenzionato di tuo interesse, seleziona l’opzione Negozi, premi sul nome del negozio nel quale ti trovi (dovrebbe essere il primo risultato), inserisci l’importo da pagare, tramite l’apposito tastierino numerico, e premi sul pulsante Invia, per completare il pagamento.

App per pagare bollettini

Se sei alla ricerca di un’app per pagare bollettini che ti consenta di pagare bollette, multe e un qualsiasi altro bollettino postale, devi sapere che esistono così tante soluzioni a tua disposizione che hai solo l’imbarazzo della scelta! Ecco, dunque, alcune app di questo genere che potrebbero fare al tuo caso.

Ufficio Postale

App per pagare bollettini postali

La prima app per pagare bollettini che puoi prendere in considerazione è Ufficio Postale. È l’applicazione ufficiale di Poste Italiane, disponibile gratuitamente per Android e iOS, che permette di pagare sia bollettini in bianco che precompilati, ma anche bollettini pagoPA e MAV.

Per usare Ufficio Postale per pagare i tuoi bollettini postali, scarica e avvia l’app in questione e premi sui pulsanti Scegli il tuo ufficio postale, Consenti e Inizia, per consentire all’app di accedere alla tua posizione e individuare l’ufficio postale a te più vicino.

Fatto ciò, premi sul pulsante ☰, in alto a sinistra, fai tap sull’opzione Accedi, inserisci i dati associati al tuo account nei campi Nome utente e Password e premi sul pulsante Accedi, per effettuare il login. Se, invece, non ti sei ancora registrato su Poste Italiane, seleziona l’opzione Registrati e, nella nuova schermata visualizzata, compila il modulo di registrazione con i tuoi dati personali, in modo da creare il tuo account. Per la procedura dettagliata, puoi leggere la mia guida su come registrarsi su Poste Italiane.

Adesso, premi nuovamente sul pulsante ☰, seleziona la voce Bollettini dal menu che si apre e, se devi pagare un bollettino precompilato, premi sul pulsante Inquadra codice, per compilare tutti i campi automaticamente inquadrando il bollettino in tuo possesso con la fotocamera del dispositivo in uso. In alternativa, scegli l’opzione Oppure compila manualmente, per inserire manualmente tutti i dati del bollettino.

In quest’ultimo caso, scegli il bollettino di tuo interesse tra Bollettino precompilato 896 (se sul tuo bollettino è specificato l’importo da pagare), Bollettino precompilato 674 (se sul bollettino non è specificato l’importo da pagare), Bollettino PA, Bollettino bianco e Bollettino MAV e inserisci manualmente tutti i dati richiesti.

Per completare il pagamento, individua la sezione Scegli il metodo di pagamento, premi sull’icona della matita visibile accanto all’opzione Paga con, seleziona il metodo di pagamento di tuo interesse tra carta di credito (MasterCard e Visa), PostePay e Conto BancoPosta Online e fai tap sul pulsante Conferma, per pagare il tuo bollettino.

App della banca

App banca per pagare bollettini

Tra le soluzioni che puoi prendere in considerazione per pagare bollettini c’è anche l’app della banca che, tramite il servizio di home banking del tuo istituto bancario, ti può consentire di effettuare i pagamenti di bollettini postali, bollettini MAV e RAV, bollette e multe.

Se ritieni questa la soluzione più adatta alle tue esigenze, tutto quello che devi fare è avviare l’app della della tua banca e accedere alla tua area personale, inserendone i dati nei campi appositi (solitamente Codice cliente e PIN).

Fatto ciò, individua la sezione dedicata ai pagamenti, seleziona la tipologia di bollettino che intendi pagare (es. bollettino bianco, bollettino premarcato, multe, bollettino pagoPA, MAV ecc.), inseriscine i dati nei campi appositi e premi sul pulsante per confermare l’operazione.

A questo punto, assicurati che tutti i dati precedentemente inseriti siano corretti e fai tap sul pulsante per effettuare il pagamento del bollettino. Poiché ogni istituto bancario ha un servizio di home banking differente, per la procedura dettagliata ti suggerisco di seguire le indicazioni fornite nella mia guida su come accedere al conto corrente online.

App di carte e conti online

Pagare bollettini con HYPE

Oltre alle soluzioni di pagamento che ti ho indicato nelle righe precedenti, devi sapere che puoi pagare i tuoi bollettini anche con le app di carte e conti online. Eccone alcune che potrebbero fare al caso tuo.

  • HYPE (Android/iOS): aprendo un conto gratuito con HYPE, dalla sezione Pagamenti di quest’ultimo, è possibile pagare bollettini in bianco e bollettini premarcati con una commissione di 2,15 euro che può essere abbassata a 1,99 euro attivando HYPE Next o HYPE Premium. Inoltre, è possibile pagare RAV (commissione di 1 euro) e MAV (nessuna commissione). Per saperne di più, ti lascio alla mia guida su come pagare con HYPE.

Maggiori informazioni su HYPE

  • buddybank (iOS): anche con buddibank è possibile effettuare il pagamento dei bollettini premarcati o in bianco, oltre che i pagamenti MAV/RAV, dei bollettini pagoPA e del bollo dell’auto, con commissioni a partire da 1,40 euro. Inoltre, è possibile effettuare la domiciliazione delle bollette.
  • illimity (Android/iOS): con illimity è possibile effettuare varie tipologie di pagamento, compresi i bollettini postali e i bollettini MAV e RAV. È prevista una commissione di 1,95 euro per il pagamento delle bollette e di 2 euro per i bollettini postali. Il pagamento dei bollettini MAV e RAV, invece, è completamente gratuito.

Maggiori informazioni sul conto illimityMaggiori informazioni sul conto deposito illimity

App per pagare parcheggio

Se sei alla ricerca di un’app per pagare parcheggio che ti consenta di sostare nelle strisce blu anche quando sei a corto di spiccioli e di pagare solo i minuti effetti di sosta, puoi scegliere una delle soluzioni che trovi elencate qui sotto.

EasyPark

EasyPark

EasyPark è una delle prime app per pagare la sosta nelle strisce blu che puoi prendere in considerazione. È disponibile per dispositivi Android e iOS e permette sia di trovare che di pagare parcheggio in quasi 400 città italiane.

Dopo aver scaricato EasyPark dallo store del tuo dispositivo, avvia l’app in questione, facendo tap sulla sua icona (la “e” bianca su sfondo fucsia) presente in home screen, inserisci il tuo numero di telefono nel campo apposito e premi sul pulsante Sì, condividi la mia posizione, per consentire all’app di accedere alla tua posizione.

Fatto ciò, premi sull’opzione Completa la registrazione, apponi il segno di spunta richiesto per accettare le condizioni d’uso di EasyPark e fai tap sull’icona della freccia, dopodiché inserisci la targa del tuo veicolo nel campo Inserisci la targa del veicolo e scegli il metodo di pagamento che intendi associare al tuo account tra carta di credito e PayPal.

Completata la registrazione e indicato il metodo di pagamento sul quale addebitare l’importo della tua sosta, non devi far altro che trovare parcheggio, avviare EasyPark e selezionare l’area di sosta di tuo interesse. Indica, quindi, il tempo di permanenza nel parcheggio tramite il disco orario visualizzato a schermo e premi sul pulsante Inizia sosta, per pagare il parcheggio.

Ti sarà utile sapere che, se visualizzi il messaggio È richiesta una nota con scritto “EasyPark”, nell’area di sosta in questione è necessario esporre il tagliando di EasyPark, che puoi ricevere premendo sull’opzione Altro, selezionando la voce Impostazioni e facendo tap sull’opzione Richiedi contrassegno. Per saperne di più, ti lascio alla mia guida su come funziona EasyPark.

myCicero

mycicero

Tra le applicazioni che puoi prendere in considerazione per pagare il parcheggio c’è anche myCicero: è un’app gratuita per Android e iOS che consente non solo di pagare i minuti effettivi di sosta ma anche di acquistare i biglietti dei mezzi pubblici in oltre 100 città italiane.

Dopo aver installato e avviato myCicero sul tuo smartphone, fai tap sul pulsante Inizia e scegli l’opzione Iscriviti come nuovo utente, per creare il tuo account. Inserisci, quindi, i dati richiesti nei campi Nome, Cognome, Tel. Cellulare, Indirizzo email e Password e fai tap sul pulsante Procedi, dopodiché inserisci il codice di verifica che ti è stato inviato tramite SMS nel campo apposito e premi nuovamente sul pulsante Procedi, per creare il tuo account.

A questo punto, non devi far altro che premere sull’icona dell’omino, in alto a destra, e selezionare le opzioni Ricarica credito e Gestione targhe, per ricaricare il tuo conto myCicero tramite carta di credito, Masterpass, Satispay, Sisal Pay o PayPal e per inserire la targa del tuo veicolo.

Adesso sei pronto per pagare il parcheggio con myCicero. Nella schermata principale dell’app, scegli quindi l’opzione Sosta e ZTL, premi sulla voce Strisce blu e, nella nuova schermata visualizzata, verifica che nella tua zona sia disponibile un’area di sosta che consenta il pagamento del parcheggio con myCicero.

In caso positivo, dopo aver parcheggiato il tuo veicolo, seleziona l’area in questione, indica il tempo di permanenza nel parcheggio nella sezione Fino a quando vuoi sostare? e fai tap sul pulsante Conferma inizio sosta, per pagare il parcheggio.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.