Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare le chiamate sconosciute

di

Sei un tipo abbastanza riservato e ogni volta che ricevi una chiamata da un numero che non hai in rubrica ti assalgono mille dubbi… poi rispondi e ti accorgi che era l’ennesimo seccatore che voleva venderti qualche prodotto o servizio, o magari qualcuno che aveva sbagliato numero! Vista la situazione, e considerato anche il fatto che non hai la necessità di ricevere chiamate da sconosciuti per lavoro, ti stavi chiedendo se fosse possibile bloccare in automatico tutte le telefonate provenienti dai numeri che non sono in rubrica. Ho indovinato, vero? Allora ho ottime notizie per te.

Innanzitutto, ti confermo che questa possibilità e contemplata sia da Android che da iPhone; inoltre aggiungo che, se vuoi, sono qui proprio per spiegarti come avvalertene. Proprio così! Se vuoi sapere come bloccare le chiamate sconosciute, non devi far altro che prenderti cinque minuti di tempo libero, leggere con attenzione le indicazioni che trovi di seguito e metterle in pratica.

Indipendentemente dal modello e dalla marca del tuo smartphone, riuscirai in poco tempo a impostare un filtro automatico per bloccare tutte le chiamate dei numeri non presenti in rubrica, compresi quelli di call center e seccatori di ogni sorta. Allora, che aspetti a cominciare? Ti aspettano delle giornate decisamente più rilassanti e, finalmente, senza disturbatori ad attenderti dall’altra parte della cornetta!

Indice

Come bloccare le chiamate sconosciute sul cellulare

Che tu abbia uno smartphone Android o un iPhone, bloccare le chiamate sconosciute sul cellulare è davvero semplicissimo. Di seguito trovi tutti i passaggi da compiere illustrati in dettaglio.

Come bloccare le chiamate sconosciute su Android

Android

Per quanto riguarda Android, il blocco delle chiamate da mittenti sconosciuti può essere integrato “di serie” nell’app Telefono o può richiedere l’uso di applicazioni di terze parti: dipende dalla marca del dispositivo in uso e dalla versione del sistema operativo installata su di esso. Dunque, le procedure per bloccare le chiamate sconosciute su Huawei, bloccare le chiamate sconosciute su Samsung e telefoni di altri produttori possono variare di caso in caso.

Ad esempio, in alcuni smartphone è possibile attivare il filtro molestie (o comunque la funzione di filtraggio delle chiamate) presente nell’app Telefono, accedendo alle sue impostazioni (in genere premendo sul pulsante dei tre puntini e poi selezionando la voce Impostazioni dal menu che compare), andando nella sezione dedicata al blocco chiamate (oppure alle regole di intercettazione o altre voci similari) e attivando la casella o la levetta relativa a tutti gli sconosciuti. Occhio perché potrebbe esserci anche la funzione dedicata ai numeri sconosciuti/nascosti, che invece blocca solo le chiamate provenienti dai numeri con ID chiamante nascosto, cioè quelli che vengono identificati come “numero nascosto”, “numero anonimo” o “numero sconosciuto”.

Sui telefoni che non prevedono un filtro per le chiamate “di serie” è possibile ricorrere ad alcune applicazioni di terze parti in grado di adempiere a questo dovere: tra le migliori del settore ti consiglio Calls Blacklist, che è molto facile da usare e si può scaricare gratis. Permette di bloccare sia le chiamate provenienti da numeri non in rubrica che le chiamate di numeri privati (quelli con ID chiamante camuffato), o anche tutte le chiamate in maniera incondizionata. Eventualmente ne è disponibile anche una versione a pagamento, che include la possibilità di blocco delle impostazioni con password e la programmazione di blocchi in base a giorni e orari, ma per le tue esigenze la versione free va più che bene.

Ciò detto, per installare Calls Blacklist, apri il Play Store, cerca l’applicazione al suo interno, premi sulla sua icona nei risultati di ricerca e fai infine tap sul pulsante Installa. Se utilizzi uno smartphone sprovvisto dei servizi Google (es. uno smartphone Huawei con AppGallery), poi ricorrere a uno dei tanti store alternativi disponibili su Android.

Ad installazione completata, avvia Calls Blacklist e concedile tutti i permessi richiesti (a contatti, chiamate ecc.); accetta inoltre di renderla l’app predefinita per ID chiamante e antispam: qualora dimenticassi questo passaggio, potrai rimediare in qualsiasi momento selezionando l’applicazione dal menu Impostazioni > App > App predefinite di Android.

Bene: a questo punto non ti resta che selezionare la scheda Blacklist di Calls Blacklist, attivare la levetta Chiamate e spuntare la casella Numeri sconosciuti. L’altra opzione (quella per i “Numeri privati”) serve a bloccare solo le chiamate di mittenti con ID chiamante camuffato. Ti segnalo altresì la possibilità di bloccare gli SMS usando le caselle poste più in basso.

Una volta impostato il filtro per le chiamate (che potrai disattivare in qualsiasi momento, deselezionando le apposite voci nell’app), Calls Blacklist bloccherà in automatico tutte le chiamate ricevute da numeri non presenti in rubrica, restituendo il segnale di occupato a chi si trova dall’altra parte del telefono e mostrandoti delle notifiche sulle chiamate filtrate.

Occhio che l’app potrebbe non funzionare dopo aver spento/riavviato lo smartphone, se non in seguito allo sblocco dello schermo; pertanto, a ogni spegnimento/riavvio completo del device, ricordati di sbloccare almeno una volta lo schermo per far entrare l’app in funzione.

Calls Blacklist

Se vuoi bloccare le chiamate sconosciute solo per periodi ben definiti, puoi utilizzare la funzione Non disturbare, che puoi trovare facilmente con una ricerca nell’app Impostazioni del tuo smartphone. Puoi scegliere di attivare immediatamente la funzione, tramite l’apposita levetta (presente anche nella tendina delle notifiche), o se programmarla in diversi giorni e orari, tramite l’apposito switch. Per scegliere chi può chiamarti quando è attiva la modalità “Non disturbare”, fai tap sulla voce Chiamate e scegli se ricevere le telefonate solo da contatti, solo da preferiti, se consentire le chiamate ripetute e così via.

Come dici? Non ti interessa bloccare tutte le chiamate sconosciute ma solo quelle provenienti da specifici mittenti? In questo caso, puoi avvalerti della funzione di blocco inclusa nell’applicazione Telefono del tuo smartphone: apri, dunque, quest’ultima, accedi alla schermata con la cronologia delle chiamate, premi sul pulsante (i) o sui tre puntini corrispondenti al numero che vuoi bloccare e seleziona l’opzione per aggiungere il contatto alla lista nera (o per bloccare il numero) dal menu successivo (potresti dover premere sull’icona di tre puntini o tre linee per poterlo visualizzare, a seconda dell’app Telefono in uso). Se qualche passaggio non ti è chiaro, ti invito a consultare il mio tutorial su come bloccare un numero su Android per fugare ogni dubbio in merito.

Se, invece, la tua intenzione fosse bloccare i numeri di call center e seccatori senza bloccare il resto dei numeri sconosciuti, puoi avvalerti di una delle tante app segnalate nel mio tutorial su come bloccare le chiamate dei call center. Occhio, però, perché alcune di esse prevedono l’aggiunta del proprio numero in degli elenchi pubblicamente consultabili.

Per concludere, ti segnalo che puoi anche bloccare e identificare le chiamate che ricevi da numeri anonimi/sconosciuti con applicazioni e servizi che trovi segnalati in questa mia guida. Ti avviso, però, che non si tratta di soluzioni gratis al 100%.

Come bloccare le chiamate sconosciute su iPhone

iPhone

Se hai un iPhone, sappi che puoi bloccare le chiamate dai numeri non in rubrica utilizzando una comoda funzione inclusa “di serie” in iOS 13 e successivi. Entrando più nel dettaglio, non devi far altro che aprire l’app Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio che si trova in Home screen o nella Libreria app), andare su Telefono > Silenzia numeri sconosciuti e spostare su ON la levetta presente nella schermata che si apre.

Da questo momento in poi, tutte le chiamate provenienti da numeri sconosciuti verranno silenziate e dirottate automaticamente alla segreteria. In caso di ripensamenti, ovviamente, potrai tornare sempre sui tuoi passi disattivando la funzione “Silenzia numeri sconosciuti” dal menu citato poc’anzi.

Se vuoi bloccare le chiamate da mittenti sconosciuti solo per periodi di tempo limitati, puoi valutare di utilizzare la funzione Non disturbare, che puoi attivare e gestire recandoti nel menu Impostazioni > Non disturbare del tuo “melafonino”: puoi scegliere se attivare sùbito la funzione, spostando su ON la relativa levetta (disponibile anche nel Centro di controllo di iOS), oppure se programmare la sua attivazione/disattivazione tramite l’apposito switch e i campi che compaiono sotto quest’ultimo. Per scegliere chi può chiamarti quando è attiva la modalità “Non disturbare”, vai nel menu Consenti chiamate da: puoi scegliere, ad esempio, se consentire chiamate solo dai preferiti, da tutti i contatti e se consentire le chiamate ripetute. Maggiori info qui.

iPhone

Nel caso in cui preferissi agire su specifici contatti, senza bloccare indiscriminatamente tutte le chiamate provenienti da numeri non in rubrica, procedi in questo modo: apri l’app Telefono, seleziona la scheda Recenti (se vuoi bloccare un numero che ti ha chiamato di recente) e fai tap prima sul pulsante (i) relativo al numero da bloccare e poi sulla voce Blocca contatto (in fondo alla schermata che si apre) per due volte consecutive.

Se, invece, vuoi bloccare un contatto che hai già in rubrica, seleziona la scheda Contatti, scegli il contatto da bloccare e premi sulla voce Blocca contatto (in fondo alla schermata che si apre) per due volte consecutive. Se qualche passaggio non ti è chiaro, leggi la mia guida su come bloccare contatti su iPhone.

Come dici? Ti piacerebbe poter bloccare i numeri di call center e seccatori senza bloccare tutti gli altri numeri sconosciuti? In questo caso, come già visto per Android, devi avvalerti di alcune app di terze parti adatte allo scopo: te ne ho segnalate diverse nel mio tutorial su come bloccare le chiamate dei call center, ma attenzione perché alcune di esse prevedono l’aggiunta del proprio numero in dei database pubblici (non proprio il massimo per la privacy!).

Infine, se hai la necessità di bloccare e identificare le chiamate che ricevi da parte di numeri anonimi, ti consiglio di affidarti ad alcuni servizi e applicazioni adatti allo scopo (non gratuiti al 100%, ti avviso sin da sùbito) che puoi trovare in questa mia guida dedicata all’argomento.

Come bloccare le chiamate sconosciute sul telefono fisso

Telefono fisso

Spesso ti capita di ricevere chiamate da call center e altri seccatori sul telefono fisso e non sai come liberartene? Mi spiace ma, in questo caso, non ci sono istruzioni precise che io possa fornirti. Puoi valutare di iscriverti al Registro delle opposizioni, un servizio ufficiale che permette di escludere il proprio numero dai database dei call center, ma già ti dico che la sua efficacia non è delle migliori (anche perché non comprende tutti quei servizi per i quali, più o meno volontariamente, si è dato il proprio consenso, esplicito, all’invio di comunicazioni promozionali).

Un’altra cosa che posso suggerirti di fare è controllare se il tuo telefono dispone di funzioni integrate per il filtraggio delle chiamate (consultando il libretto di istruzioni o effettuando una ricerca su Google) e di contattare il tuo operatore per richiedere informazioni circa eventuali servizi per bloccare le chiamate indesiderate.

Se non sai come contattare il tuo operatore, leggi i miei tutorial su come parlare con un operatore TIM, come parlare con un operatore Vodafone, come parlare con un operatore WINDTRE e come parlare con un operatore Fastweb. Se, invece, vai alla ricerca di un buon telefono cordless con filtraggio dei numeri integrato, da’ un’occhiata alla mia guida all’acquisto dedicata a questi prodotti. Infine, ti ricordo che i servizi per identificare e bloccare i numeri anonimi funzionano anche su telefono fisso (almeno nella maggior parte dei casi). Maggiori info qui.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.