Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come cambiare lo sfondo di Google

di

Anche tu, come milioni, anzi miliardi, di altri utenti, utilizzi Google come motore di ricerca predefinito del tuo browser? Sì? Beh, allora scommetto che anche tu sarai stufo di vedere sempre il “solito” sfondo bianco del celebre motore di ricerca. E allora fai come me: modifica lo sfondo di Google utilizzando altre tinte o, addirittura, caricando immagini che ritraggono paesaggi mozzafiato o persone a te care. Sono sicuro che, facendo così, renderai le tue sessioni online più piacevoli.

Come dici? Avevi già pensato a fare una cosa del genere, ma temi che sia una missione impossibile da portare a termine? Ti sbagli di grosso! Se è vero che nei browser mobile non è ancora possibile modificare l’aspetto della pagina principale di Google (il massimo che si può fare è applicare il tema scuro, come ti mostrerò più avanti), è anche vero che compiere quest’operazione sui principali navigatori desktop è assolutamente fattibile e se vuoi, in questa guida su come cambiare lo sfondo di Google, posso dimostrartelo.

Allora, ti va di approfondire l’argomento? Sì? Benissimo! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che ti darò. Sono convinto che, se seguirai in maniera scrupolosa le mie “dritte”, non avrai il benché minimo problema a cambiare lo sfondo di Google. A me non resta altro da fare che augurarti buona lettura e, soprattutto, un buon divertimento!

Indice

Come cambiare lo sfondo di Google sul PC

Attivare tema scuro Google su computer

Vediamo innanzitutto come cambiare lo sfondo di Google sul PC. In questo capitolo mi occuperò di spiegarti come impostare il tema scuro, disponibile per tutti i browser.

Gli unici requisiti che devi avere sono i seguenti: essere in possesso di un PC equipaggiato con Windows 10 o versioni successive oppure un Mac equipaggiato con macOS 10.14 e versioni successive.

Ti ricordo che per attivare il tema scuro di Windows bisogna recarsi in Impostazioni > Personalizzazione > Colori > Scegli la modalità preferita delle app e selezionare l’opzione Scuro; mentre su macOS bisogna recarsi in Preferenze di Sistema > Generali e selezionare Scuro dalla sezione Aspetto.

Una volta che la dark mode è attiva su Windows o macOS, navigando su Google il tema scuro viene applicato in modo del tutto automatico. Comodo, vero?

In alternativa, puoi attivare il tema scuro “manualmente”. Basta fare clic sulla voce Impostazioni (in basso a destra della home page del motore di ricerca di Google) e poi selezionare la voce Tema scuro: disattivato (così da attivarlo) oppure Tema scuro: attivato (se vuoi cambiare lo sfondo nero di Google con quello chiaro).

Se vuoi avere qualche delucidazione in più su come avere Google nero, dai un’occhiata alla lettura della guida che ho interamente dedicato a questa tematica.

Come cambiare lo sfondo di Google sul telefono

Google

Vuoi cambiare lo sfondo di Google sul telefono? Come ti dicevo anche nell’introduzione, la cosa è assolutamente fattibile se la tua intenzione è quella di applicare il tema scuro allo sfondo delle pagine del motore di ricerca. Lascia che ti spieghi come procedere.

Se vuoi attivare il tema scuro su Android, tieni presente che devi avere un terminale equipaggiato con Android 5.0 o versioni successive e utilizzare Google Chrome.

In questo caso, infatti, basta aprire il celeberrimo browser di Google, premere sull’icona dei tre puntini verticali (in alto a destra), recarsi in Impostazioni > Temi e selezionare quello che si vuole usare: Predefinito di sistema, per attivare il tema scuro di Google quando la dark mode è attiva sul device oppure quando si entra nella modalità “Risparmio energetico”; Scuro, per usare il tema scuro oppure Chiaro, per usare quello chiaro.

Su iPhone, invece, devi semplicemente attivare la dark mode disponibile su iOS 13 e versioni successive (recandoti in Impostazioni > Schermo e luminosità e poi selezionando dalla sezione Aspetto l’opzione Scuro o Automatico, in base alle tue preferenze). A questo punto, non ti resta che aprire Google Chrome e, come potrai notare, se la dark mode di iOS è attiva, il tema scuro verrà automaticamente applicato a Google. Interessante, vero?

Nel caso in cui tu voglia attivare il tema scuro di Google sul tuo dispositivo mobile usando un browser diverso da Chrome, sappi che puoi farlo, ma a una condizione: attivare la modalità desktop, il che può rivelarsi scomoda come cosa, quantomeno da smartphone. Chiaro?

Per maggiori informazioni su come avere Google nero, ti rimando alla lettura dell’approfondimento che ho dedicato all’argomento.

Come cambiare lo sfondo di Google Chrome

Cambiare sfondo Google Chrome

Desideri cambiare lo sfondo di Google su Chrome, il celebre browser sviluppato dallo stesso colosso di Mountain View? Non c’è problema. Anzi, a differenza di altri programmi di navigazione, su Chrome è possibile anche cambiare lo sfondo di Google con un’immagine personalizzata sfruttando una funzione di personalizzazione ad hoc, oppure installando un tema (ti sconsiglio, invece, l’uso di estensioni di terze parti, le quali potrebbero compromettere la tua privacy). Trovi tutto spiegato qui sotto.

Funzione “Personalizza Chrome”

Personalizza questa pagina

Vorresti creare un tema personalizzato, magari per usare come sfondo di Google una foto che ritrae la tua famiglia? Non c’è problema. In questo caso puoi utilizzare a tale scopo la funzione “Personalizza Chrome” del browser.

Per servirtene, avvia Google Chrome (se non l’hai già fatto), collegati alla pagina principale di Google, pigia sull’icona della matita situata nell’angolo in basso a destra e, dopo aver cliccato sulla voce Sfondo nella barra laterale posta a sinistra, seleziona un pacchetto di sfondi (es. Terra) e clicca sul wallpaper di tuo interesse: quest’ultimo verrà applicato in modo istantaneo.

Volendo, puoi spostare su ON la levetta dell’interruttore posto in corrispondenza della dicitura Aggiorna ogni giorno (in alto a destra), così che lo sfondo cambi automaticamente ogni giorno. Ricordati poi di cliccare sul bottone Fine per salvare le modifiche.

Per utilizzare come sfondo una foto da caricare, clicca invece sul pulsante Carica dal dispositivo e, dopo aver scelto e caricato la foto di tuo interesse, clicca sul pulsante Fine per salvare le modifiche appena fatte.

In caso di ripensamenti, clicca nuovamente sull’icona della matita (in basso a destra), seleziona la scheda Sfondi (sulla sinistra) e poi clicca prima sulla voce Chrome classico e poi sul bottone Fine.

Utilizzare un tema predefinito

Sfondo Google

Un’altra soluzione che ti consiglio di adottare per cambiare lo sfondo della pagina iniziale di Google è quello di scegliere uno dei tanti temi disponibili nel Chrome Web Store. In questo non posso esserti molto d’aiuto, nel senso che devi essere tu — in base ai tuoi gusti e alle tue preferenze — a effettuare questa scelta. Io posso solo dirti che sul Chrome Web Store ci sono tantissimi temi gratuiti da utilizzare per modificare lo sfondo della pagina principale del celebre motore di ricerca.

Per sceglierne uno, collegati a questa pagina del Chrome Web Store (ovviamente utilizzando Chrome) e individua un tema che può fare al caso tuo tra quelli proposti (es. Flying Paint, Space, Eiffel Tower, etc.), i quali sono suddivisi in varie categorie (es. Temi scuri e neri, Esplorazione dello spazio, Temi minimal, Luoghi incantevoli, etc.).

Una volta individuato un tema che fa al caso tuo, fai clic sulla sua anteprima, pigia poi sul bottone azzurro Aggiungi posto in alto a destra e attendi che compaia la dicitura Tema “[nome del tema]” installato, a conferma che l’operazione è andata a buon fine. Adesso non devi fare altro che aprire una nuova scheda pigiando sul pulsante (+) per collegarti alla pagina principale di Google e verificare che tutto sia andato per il verso giusto.

Qualora volessi cambiare il tema scelto con uno nuovo, non dovrai fare altro che ripetere i passaggi che ti ho indicato poc’anzi: il nuovo tema prenderà automaticamente il posto di quello usato in precedenza. Se, invece, volessi ripristinare il tema predefinito di Google Chrome, dovrai recarti nelle impostazioni del browser pigiando sul pulsante raffigurante i tre puntini (in alto a destra), selezionare la voce Impostazioni e pigiare sul bottone Ripristina impostazioni predefinite presente nella sezione Aspetto.

Come cambiare lo sfondo di Google Meet

Concludo l’articolo spiegandoti come cambiare lo sfondo di Google Meet, la celebre soluzione per le conferenze video, qualora la cosa possa interessarti. Di seguito ti illustro come agire sia da mobile che da computer.

Da mobile

Personalizzare sfondo Meet

Prima di spiegarti come agire da mobile, ci tengo a dirti che la cosa è fattibile solo su alcuni dispositivi supportati: sul fronte Android bisogna essere in possesso di un Samsung Galaxy S9 o versioni successive, Pixel 3 o versioni successive, oppure di dispositivi simili in quanto a potenza e prestazioni; sul fronte iOS/iPadOS, invece, bisogna avere iPhone 8 o versioni successive oppure iPad di quinta generazione o versioni successive con su installato iOS/iPadOS 12 o versioni successive. Ciò detto, ecco come procedere.

Per procedere, avvia innanzitutto Google Meet sul tuo device Android o iOS/iPadOS e avvia la videochiamata o prendi parte a quella a cui sei stato invitato.

Dopodiché, su Android, premi sul pulsante Effetti (l’icona delle stelline che si trova nel riquadro di visualizzazione personale), pigia sul pulsante (+) (se vuoi caricare uno sfondo personale, anziché usare quelli di default) e, dopo aver scelto lo sfondo da usare, premi sul pulsante Fine e partecipa alla riunione. Durante la videochiamata, invece, devi premere sul bottone (+), caricare la foto da usare come sfondo e, quindi, premere sul pulsante (x) per chiudere la schermata di personalizzazione.

Su iOS/iPadOS, prima di partecipare a una chiamata, fai tap sul bottone Effetti collocato in basso (il simbolo delle stelline che è presente nel riquadro di visualizzazione personale), tocca lo sfondo che vuoi utilizzare oppure premi sul bottone (+) per caricarne uno personale, pigia sul pulsante Fine e partecipa alla chiamata. Per modificare lo sfondo durante la videochiamata, invece, premi sul pulsante Effetti, seleziona uno sfondo tra quelli disponibili oppure caricane uno premendo il pulsante (+) e scegliendolo dal rullino. Dopodiché chiudi il riquadro di personalizzazione tramite il bottone apposito.

Se vuoi qualche delucidazione in più su come mettere lo sfondo su Meet, dai un’occhiata alla guida che ti ho linkato: sono sicuro che ti sarà utile.

Da computer

Meet desktop

Se vuoi agire da computer, tutto ciò che devi fare è agire dalla versione Web di Meet, recandoti nella sezione dedicata alla personalizzazione dello sfondo e procedere direttamente da lì. Ti consiglio di agire da Google Chrome per evitare problemi.

Dopo esserti recato nella pagina principale di Meet, avvia la videochiamata o prendi parte a quella a cui sei stato invitato. Se stai agendo prima di prendere parte a una videochiamata, clicca sul pulsante Effetti (l’icona delle stelline presente nella parte inferiore del riquadro di visualizzazione personale), clicca sulla scheda Effetti e scegli uno degli sfondi disponibili oppure caricane uno premendo sul pulsante raffigurante la cartolina con la +. Dopodiché partecipa alla chiamata.

Durante la chiamata, invece, puoi cambiare lo sfondo nel seguente modo: clicca sull’icona dei tre puntini verticali (in basso), seleziona la voce Applica effetti visivi e scegli uno sfondo tra quelli disponibili o, se preferisci, caricane uno personalizzato cliccando sull’icona della cartolina con la + e scegliendo poi la foto di tuo interesse. Ricordati, poi, di chiudere il riquadro Effetti, cliccando sulla (x) in alto a destra dello stesso e il gioco è fatto.

Per maggiori informazioni su come mettere lo sfondo su Meet, dai un’occhiata alla guida che ho dedicato all’argomento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.