Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come comprimere JPG

di

Devi inviare alcune foto in formato JPG via posta elettronica e vorresti ridurne un po’ il peso per non “intasare” la casella email del destinatario? Vuoi postare alcune immagini sul tuo sito Web ma non vuoi aumentare troppo i tempi di caricamento delle pagine? La soluzione ai tuoi problemi ha un solo nome: compressione.

Grazie ad alcuni software adatti allo scopo, puoi ridurre in maniera importante il peso delle tue immagini JPG senza cambiare il loro formato e senza alterarne troppo la qualità visiva. Per quanto riguarda quest’aspetto, però, devi stare attento a non esagerare con i valori di compressione: basta nulla a rovinare una foto facendola diventare sgranata o con colori spenti!

Per evitare problemi e scoprire come comprimere JPG in maniera efficace, continua a leggere. Ho da consigliarti un paio di software che fanno decisamente al caso tuo: potenti ma facili da usare.

Se stai cercando un’applicazione che sia intuitiva al massimo e ti consenta di comprimere JPG in maniera quasi magica – con un semplice trascinamento dei file da trattare – non puoi che rivolgerti a JPEGmini, un software per Windows e Mac OS X che costa 15 euro circa ma si può scaricare in una versione di prova gratuita capace di comprimere fino a 20 foto al giorno.

Per testarne le potenzialità sul campo, collegati al suo sito Internet, digita il tuo indirizzo di posta elettronica nel campo Type your email e premi sul bottone Free download. Attendi dunque che venga scaricato il pacchetto d’installazione del programma (JPEGmini_Installer.exe), avvialo e clicca sul pulsante Installa per completare il setup. Se utilizzi un Mac puoi scaricare la app direttamente dallo store di OS X.

Al primo avvio di JPEGmini, apponi il segno di spunta accanto alla voce I agree to the terms of the license agreement per accettare le sue condizioni d’uso e premi il bottone Accept, dopodiché seleziona la voce Use JPEGmini free version e clicca su Continue per accedere alla schermata principale dell’applicazione.

A questo punto non ti resta che selezionare con il mouse le foto da comprimere e trascinarle nella finestra di JPEGmini, il software si occuperà di comprimerle quanto più possibile senza inficiarne la qualità visiva e sostituirà automaticamente le immagini originali con quelle più “leggere”.

Come comprimere JPG

Se hai bisogno di elaborare più di 20 immagini al giorno e, soprattutto, vuoi un maggior controllo sui parametri di compressione dei file, puoi usare IrfanView. Si tratta di un visualizzatore d’immagini per Windows molto versatile, il quale include molte funzioni di editing e supporta numerosi plugin.

Fra le sua tantissime feature c’è anche quella che permette di elaborare le immagini in serie provvedendo a comprimerle e rinominarle. È completamente gratis (senza limitazioni di alcun tipo) ma solo per uso personale, quindi fai attenzione a non usarlo per progetti commerciali.

Se vuoi scaricare IrfanView sul tuo PC, collegati al suo sito Internet e clicca prima sulla voce Download presente nella barra laterale sinistra, poi sulla voce Fileforum – Download IrfanView e sul pulsante Download now.

A download completato, avvia il pacchetto d’installazione del software (es. iview438_setup.exe) e premi sui bottoni , Avanti per quattro volte consecutive e Done per concludere il setup.

Per comprimere JPG con IrfanView, avvia l’applicazione e recati nel menu File > Batch Conversion/Rename. Nella finestra che si apre, apponi il segno di spunta accanto alla voce Batch Conversion, seleziona l’opzione JPG dal menu a tendina Output format e clicca sul pulsante Options per regolare i parametri di compressione delle immagini.

Ora devi stare molto attento a calibrare in maniera adeguata la barra che determina la qualità dei file da salvare: in genere il valore 80 (quello di default) offre un buon compromesso fra dimensioni dei file e qualità visiva, ma se vuoi ridurre al minimo il peso delle immagini puoi provare anche ad abbassarlo un po’. Ti suggerisco di fare vari tentativi fino a quando non trovi la combinazione più adatta alle tue immagini.

Per finire, premi il bottone OK, trascina le foto da comprimere nel riquadro che si trova in basso a destra nella finestra di IrfanView e avvia il salvataggio dei file cliccando su Start Batch. Per selezionare la cartella in cui esportare le immagini compresse clicca su Browse.

Come comprimere JPG

IrfanView supporta anche un plugin denominato RIOT che permette di comprimere JPG scegliendone non la qualità di output ma direttamente il “peso” (es. 50KB). Se vuoi provarlo, collegati a questa pagina del sito Web di IrfanView e clicca sul collegamento irfanview_plugins_438_setup.exe.

A download completato, apri il pacchetto d’installazione dei plugin e clicca prima su e poi su Avanti e OK per concludere il setup. Dopodiché torna nel menu File > Batch Conversion/Rename di IrfanView, clicca sul pulsante Options, metti il segno di spunta accanto alla voce Set file size e specifica le dimensioni che devono avere le foto da comprimere nel campo di testo adiacente.