Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come disinstallare Windows 11

di

Hai di recente aggiornato il tuo PC installando Windows 11 ma, purtroppo, hai riscontrato alcuni problemi di stabilità del sistema. Un po’ preoccupato per la situazione hai deciso di provare a disinstallare questa versione del sistema operativo Microsoft per tornare alla precedente, ma non avendo particolare dimestichezza con questo genere di procedure hai preferito cercare maggiori informazioni online.

Se le cose stanno così e, dunque, desideri sapere nel dettaglio come disinstallare Windows 11, sono felice di annunciarti che sei capitato all’interno del tutorial giusto! Continuando nella lettura, infatti, ti spiegherò passo dopo passo come tornare al tuo precedente sistema operativo senza perdere dati e senza particolari difficoltà.

Come dici? Non vedi l’ora di cominciare per risolvere definitivamente questo problema? Perfetto! Allora direi di mettere al bando le ciance e di darci subito da fare. Mettiti quindi bello comodo, prenditi cinque minuti di tempo libero e leggi attentamente le istruzioni che sto per fornirti. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come disinstallare Windows 11 e tornare a Windows 10

Windows 11

Sei passato a Windows 11 da Windows 10 e ora vorresti tornare indietro? No problem.

Il primo metodo che voglio consigliarti consiste, infatti, nell’utilizzo di una funzione nativa di Windows 11 pensata proprio per chi desidera fare marcia indietro e tornare a Windows 10 in maniera semplice e veloce. Tieni presente, però, che non è detto che questa operazione sia ancora fattibile sul tuo PC: per quanto riguarda Windows 11, infatti, si ha un tempo massimo di 10 giorni dall’installazione per procedere con il downgrade e tornare al sistema operativo precedente.

Come prima cosa, quindi, verifica che il tutto sia fattibile recandoti nel menu Start (l’icona di Windows collocata in basso a destra) poi premi sull’icona Impostazioni e, infine, clicca sull’opzione Windows Update. Ora, nella nuova schermata che visualizzi, premi sulla voce Opzioni avanzate e, tra le varie voci disponibili nell’elenco apertosi, fai clic su Ripristino. Per velocizzare il tutto puoi anche recarti direttamente su Sistema > Ripristino.

A questo punto, se l’opzione è ancora disponibile perché non sono trascorsi i giorni limite, premi sul pulsante Indietro, quindi segui la semplice procedura guidata a schermo per tornare a Windows 10: indica il motivo che ti ha spinto a tornare al sistema operativo precedente apponendo il segno di spunta accanto alla voce corretta, quindi fai clic sul pulsante Successivo, poi scegli se vuoi verificare o meno la presenza di aggiornamenti tramite i pulsanti Verifica disponibilità aggiornamenti oppure No grazie e clicca sul pulsante Successivo nei vari messaggi che compaiono, relativi alle applicazioni scaricate su Windows 11.

Ricorda che, una volta ultimata la procedura, dovrai installarle nuovamente i programmi che hai ora sul PC. In ultimo, tenendo presente che è necessario ricordare la password che utilizzavi su Windows 10, premi nuovamente il tasto Successivo e fai clic, per terminare, sul pulsante Torna a Windows 10. Ora non ti resta che attendere che il riavvio del PC si concluda.

Nel caso in cui, invece, il pulsante Indietro non fosse cliccabile, significa che sono trascorsi i giorni utili e non puoi quindi servirti di questo metodo per disinstallare Windows 11; tuttavia non disperare, puoi comunque tornare a Windows 10 procedendo con l’installazione pulita di tale sistema operativo, come trovi spiegato più avanti.

Come disinstallare aggiornamento Windows 11

Windows 11

Hai appena installato una major release di Windows 11, cioè un aggiornamento “corposo” del suddetto sistema operativo che, però, si è rivelato foriero di problemi, dunque vorresti disinstallarlo?

Anche in questo caso dovresti riuscire abbastanza facilmente nel tuo intento andando nel menu Impostazioni > Windows Update > Cronologia degli aggiornamenti e selezionando la voce Disinstallare gli aggiornamenti che trovi in fondo. Si aprirà la lista con gli aggiornamenti installati: clicca su quello “problematico”, seleziona l’opzione Disinstalla (in alto) e segui le indicazioni su schermo per completare la procedura.

Se l’aggiornamento che ti dà problemi non dovesse risultare rimovibile, puoi provare a recarti in Impostazioni > Windows Update > Opzioni avanzate > Ripristino e ad attuare una delle soluzioni proposte da Windows, ovvero Correggi i problemi senza ripristinare le impostazioni di fabbrica del PC oppure Ripristina le impostazioni di fabbrica del PC, per resettare completamente il PC.

Infine, potresti anche tentare di ripristinare un punto di ripristino di Windows e vedere se così la situazione migliora.

Come disinstallare Windows 11 completamente

Creare supporto USB Windows 10

Hai provato a seguire i passaggi descritti nei paragrafi precedenti ma il tasto “Indietro” è grigio poiché sono trascorsi i 10 giorni entro i quali è concesso il ritorno a Windows 10? La rimozione dell’aggiornamento che ritenevi “problematico” non ha dato i risultati sperati? Allora significa che sono trascorsi i giorni sfruttabili per tornare al SO precedente e, pertanto, non puoi procedere in questo modo.

Non tutto è perduto! Come ti ho accennato poche righe più su puoi procedere con l’installazione pulita del vecchio sistema operativo che, una volta terminata, ti consentirà di utilizzare nuovamente il tuo PC come prima.

Innanzitutto, prima di procedere, tieni presente che l’installazione pulita va a eliminare completamente i dati e i programmi presenti sul computer. Per questo motivo è consigliabile eseguire un backup completo di tutti i file utili: per sicurezza ti consiglio quindi di dare un’occhiata al mio tutorial su come fare un backup del PC e di tenere presente che puoi salvare immagini, documenti, video e quant’altro su un sistema di cloud storage oppure su un hard disk esterno.

Una volta salvati tutti i dati puoi creare un dispositivo di supporto, cioè una chiavetta USB oppure un DVD, contenente il file ISO e quindi tutti i dati utili per installare il sistema operativo.

Per procedere, nel caso dei sistemi operativi Windows, puoi servirti del Media Creation Tool, un programma ufficiale di Microsoft utile per scaricare il sistema operativo e creare un supporto di installazione per contenerlo e installarlo sul PC. Per informazioni specifiche su questo argomento ti consiglio di leggere i miei tutorial su come installare Windows 10 da USB, come installare Windows 8 da USB e, più in generale, come installare Windows da USB. Se desideri servirti di un DVD puoi consultare la mia guida su come masterizzare ISO.

Nel caso in cui, invece, volessi “cambiare completamente aria” e installare Linux, puoi dare un’occhiata al mio tutorial su come installare Linux da USB.

In linea generale ciò che devi fare è inserire il supporto nel PC e riavvia il sistema, per poi eseguire il boot dall’unità USB, avviandola tramite il BIOS/UEFI. Fatto ciò visualizzai la schermata utile per avviare l’installazione del vecchio SO e ti basterà seguire la semplice procedura a schermo proposta, scegliendo di formattare il disco su cui è installato attualmente Windows 11.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.