Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare backup su Google Drive

di

Per il tuo compleanno hai ricevuto uno smartphone Android nuovo fiammante e non vedi l'ora di iniziare a utilizzarlo. Prima, però, vorresti trasferire su quest'ultimo i dati delle tue applicazioni, le tue foto e le conversazioni di WhatsApp e hai sentito che il modo più semplice e immediato per compiere quest'operazione è affidarsi al servizio di archiviazione cloud Google Drive, che in versione gratuita offre 15 GB di spazio virtuale per i tuoi dati (è possibile aumentare questa soglia sottoscrivendo uno degli abbonamenti a Google One).

Aspetta, lasciami indovinare: non ti sei servito mai prima d'ora di questo servizio e, dunque, non hai la più pallida idea di come fare backup su Google Drive. Ho indovinato? Sì? Non preoccuparti: se vuoi, ci sono qua io per aiutarti. In questo tutorial ti mostrerò, in pochi e semplici passaggi, come effettuare una copia di tutti i tuoi dati e file sui server di Big “G”, in modo da potervi poi accedere comodamente dai dispositivi che preferisci.

Ti informo, a tal proposito, che il backup è effettuabile non solo da smartphone e tablet, ma anche da computer: te ne parlerò più avanti. Che aspetti allora? Non indugiamo oltre e mettiamoci all'opera: trovi spiegato tutto qui sotto. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto.

Indice

Come fare backup su Google Drive: Android

Qui di seguito andremo a vedere in dettaglio tutti i passaggi per effettuare un backup su Google Drive su un dispositivo Android. L'operazione è veramente immediata, come vedrai a breve, ma la procedura cambia a seconda dei dati che vuoi copiare sui server di Google. Ecco tutti i dettagli.

Backup di sistema

Backup Google Drive Android

Su smartphone e tablet Android puoi creare un backup su Google Drive direttamente dalle impostazioni di sistema. Ti mostro sùbito come procedere: per prima cosa fai tap sull'icona dell'ingranaggio che puoi trovare nel menu dell'area di notifica, nella schermata home o nel menu delle app. Successivamente, scorri l'elenco delle voci, fai tap sulla dicitura Google e poi sulla voce Backup.

Ora, se è la prima volta che compi quest'operazione, premi sull'indirizzo Gmail mostrato in alto per scegliere un account Google al quale associare il backup (eventualmente, se quello predefinito va bene, non premere nulla). Successivamente, fai tap sul pulsante Attiva posto in basso a destra e, nella schermata successiva, potrai visualizzare l'elenco degli elementi che saranno inclusi nel backup (dati delle app, SMS e MMS, cronologia delle chiamate e così via).

Se vuoi includere anche le foto e i video del tuo smartphone o tablet, fai tap sulla voce Foto e video e sposta su ON la levetta dell'interruttore situata accanto alla voce Backup e sincronizzazione (ciò renderà il caricamento più lungo). Inoltre, puoi selezionare manualmente anche i dati da copiare, per farlo ti basta premere sulla voce Dati dell'account Google e fare poi tap sulle caselle dei vari elementi che intendi includere nel salvataggio (es. Calendario, Contatti, Documenti, Fogli, Gmail e così via).

Ora torna alla schermata precedente e, se vuoi utilizzare la rete dati mobile per il caricamento del backup (tieni presente, però, che ciò consuma i Giga del traffico dati), premi sull'interruttore situato accanto della voce Effettua il backup usando i dati mobili. Per concludere, non ti resta che fare tap sul pulsante Effettua ora il backup e attendere che il processo sia ultimato in automatico.

Se hai scelto di avvalerti di una connessione Internet Wi-Fi, dovrai accertarti che il tuo dispositivo resti collegato ad essa per tutta la durata del caricamento. Una volta che questo passaggio sarà ultimato (ossia quando la barra blu posta in alto sarà completa), il backup sarà disponibile sui server di Google e potrai ripristinare i dati in esso contenuti in fase di configurazione iniziale di un altro dispositivo, inserendo i dati dello stesso account Google al quale hai associato il salvataggio. Per tutti i dettagli al riguardo, leggi il mio approfondimento su come configurare un telefono.

Foto e documenti

Google Foto logo

Nel capitolo precedente ti ho mostrato come fare backup su Google Drive e includere in quest'ultimo anche foto e video. Tuttavia, devi sapere che l'app Google Foto ti permette di abilitare il salvataggio automatico di una copia di tutte le immagini e i video creati sul tuo dispositivo sui server del colosso di Mountain View, in modo da averli sempre a disposizione, su qualsiasi dispositivo al quale puoi accedere al tuo account Google.

Per scaricare Google Foto ti è sufficiente recarti sull'apposita pagina del Play Store e premere sul pulsante Installa. Una volta installata e avviata l'app in questione, premi sugli appositi pulsanti per fornire alla stessa il permesso di accedere agli elementi memorizzati sul tuo smartphone o tablet.

Ora non ti resta che premere sul pulsante Attiva il backup, scegliere la qualità con la quale salvare gli elementi premendo sulle apposite opzioni (Qualità originale o Risparmio spazio di archiviazione), attivare, eventualmente l'interruttore relativo alla voce Utilizza la rete dati in assenza di Wi-Fi (occhio però al consumo dei Giga) e avviare il processo premendo sul pulsante Conferma.

Backup Google Foto

Come dici? Utilizzavi già Google Foto ma non hai precedentemente attivato il backup delle foto e dei video? In tal caso, una volta avviata l'app, premi sull'icona del tuo account Google che vedi in alto a destra, premi quindi sulla voce Attiva il backup e ripeti i passaggi visti sopra. A questo punto, potrai trovare (e scaricare) tutte le foto e i video del tuo dispositivo sull'app della quale ti ho parlato finora. Per altri dettagli al riguardo, dai pure un'occhiata al mio post su come funziona Google Foto.

Per quanto riguarda tutti gli altri tipi di file (es. documenti, fogli di calcolo e presentazioni), come spiegato precedentemente, tali elementi sono inclusi nel backup di sistema effettuabile dalle impostazioni di Android. Eventualmente, puoi anche caricare i file dal tuo dispositivo manualmente sull'app di Google Drive (scaricabile da questa sezione del Play Store).

Per fare questo, una volta aperta l'applicazione di Drive, premi sul pulsante + situato in basso a destra e seleziona l'icona Carica dal menu. Ora premi sull'anteprima dell'elemento da caricare (se vuoi caricarne più di uno, tieni premuto il dito sull'anteprima del primo e fai tap, poi, su tutti gli altri). A questo punto, premi sulla voce Seleziona collocata in alto a destra e fornisci il permesso a Drive di accedere ai file in memoria.

Caricamento file Google Drive

Una volta ultimato questo passaggio preliminare, potrai accedere ai vari file caricati sul tuo spazio personale anche dalle varie app per la produttività targate Google: Documenti, Fogli e Presentazioni. Inoltre, creando file proprio da queste applicazioni, gli stessi resteranno memorizzati sul tuo archivio di Google Drive.

WhatsApp

Backup WhatsApp Android

Forse non lo sapevi, ma su Google Drive puoi archiviare anche una copia delle tue chat sul popolarissimo servizio di messaggistica istantanea WhatsApp. Prima di spiegarti i passaggi necessari per agire in questo senso, ti faccio presente che l'opzione della quale ti parlo è disponibile soltanto sui dispositivi Android. Per procedere, avvia l'app del servizio in questione (che è disponibile sul Play Store e in formato APK sul sito ufficiale) e premi sul pulsante ⁝ che trovi in alto a destra.

Ora fai tap sulla voce Impostazioni e, successivamente, premi sulla dicitura Chat. Prosegui premendo sulla voce Backup delle chat. A questo punto, se vuoi che il backup sia protetto con la crittografia end-to-end (il che lo rende irrecuperabile se smarrisci la password di accesso), premi sulla voce Backup crittografato end-to-end, fai poi tap sul pulsante Attiva e, da qui, premi sul pulsante Crea password.

Adesso torna alla schermata della voce Backup delle chat e premi sulla voce Backup su Google Drive per decidere quando effettuare il salvataggio (es. mensilmente, settimanalmente, quotidianamente e così via). Se vuoi effettuare il backup anche tramite rete dati (ciò consuma i Giga, quindi fai attenzione), premi sulla voce Backup tramite e scegli l'opzione Wi-Fi o rete cellulare dal menu.

Per finire, se desideri includere i video nel salvataggio (il che renderà più lunga la procedura) premi sull'interruttore situato accanto alla voce Includi video. Ora non ti resta che premere sul pulsante Esegui backup e attendere che il processo sia terminato. Il salvataggio delle chat che hai appena creato potrà essere poi ripristinato all'occorrenza quando reinstalli WhatsApp o quando vuoi utilizzare tale servizio su un telefono differente. Per i dettagli su queste procedure, ti invito a consultare il mio tutorial su come ripristinare backup WhatsApp.

Come fare backup su Google Drive: iPhone

iPhone

Contrariamente ad Android, su iPhone il backup di sistema viene salvato sui server del servizio iCloud di Apple. Quest'ultimo, in formato gratuito, offre all'utenza 5 GB di spazio di archiviazione e per aumentare tale soglia è necessario sottoscrivere un abbonamento ai piani previsti per iCloud+ quali ti ho parlato in questo mio tutorial.

Il backup di sistema è effettuabile in pochi e semplici passaggi dalle impostazioni di iOS seguendo i passaggi che ti ho elencato nella mia guida dedicata. Su iCloud è possibile archiviare anche i backup delle chat su WhatsApp e la procedura va effettuata dalle impostazioni della celebre app di messaggistica.

Se hai qualche dubbio al riguardo, puoi utilizzare come riferimento il mio articolo su come creare un backup delle chat di WhatsApp. Per quanto riguarda foto, video, e file, puoi invece effettuare il caricamento di tali elementi sulle app Google Foto, Google Drive e Google Docs, Fogli Google e Presentazioni Google.

Come fare backup su Google Drive: PC

Google Drive logo

Utilizzi un PC? Google Drive è installabile, tramite client, su computer Windows e macOS. In questo modo, puoi caricare (anche automaticamente) sul tuo spazio di archiviazione personale i file del tuo computer in modo da potervi poi accedere (e/o scaricarli) da qualsiasi dispositivo effettuando il login a Google Drive con i dati del tuo account “Big G”.

Se intendi installare il client succitato su un computer Windows, apri l'apposita pagina di download, premi sul pulsante Scarica drive per desktop, dopodiché, apri il file eseguibile GoogleDriveSetup.exe e rispondi alla richiesta controllo utente di Windows. Procedi, quindi, premendo sul pulsante Installa e poi sul pulsante Chiudi.

Installazione Google Drive Windows

Se utilizzi macOS, collegati alla pagina linkata al paragrafo sopra e fai clic sul pulsante Scarica drive per desktop. Ora apri il file GoogleDrive.dmg che hai appena ottenuto, quindi lancia l'eseguibile GoogleDrive.pkg in esso contenuto; premi poi su Continua e Installa e, dopo aver inserito la password di amministrazione di macOS, fai clic sul pulsante Installa software.

Installazione Google Drive macOS

Per concludere, indipendentemente dal sistema operativo utilizzato, clicca sul pulsante Accedi con browser, inserisci i dati di accesso del tuo account Google nell'apposito modulo che si apre e poi premi sui pulsanti Chiudi e Sposta. Ora fornisci quindi al programma il permesso di accedere ai tuoi file premendo sul pulsante OK. A questo punto, dovrai configurare le cartelle del tuo computer che saranno incluse nel backup di Google Drive.

Per farlo, su Windows, premi sul pulsante situato in basso a destra, sulla barra delle applicazioni, e premi sull'icona di Google Drive; su macOS clicca su questa stessa icona che trovi in alto a destra, sulla barra dei menu. A questo punto, clicca sull'icona dell'ingranaggio nel riquadro che ti viene mostrato e, da qui, premi sulla voce Preferenze.

Prosegui facendo clic sulla voce Il mio computer (o sulla voce Il mio iMac, a seconda di quale sistema operativo utilizzi) e, da qui, premi sul pulsante Aggiungi cartella. Seleziona le cartelle da includere nel backup, in questo modo i file in esse caricati su computer saranno automaticamente caricati anche sui server online di Google Drive (saranno inclusi nel salvataggio anche i file già presenti nelle cartelle). Per concludere, metti la spunta sulla voce Sincronizza con Google Drive (ed eventualmente anche sulla dicitura Backup in Google Foto), poi premi sul pulsante Fine e sul pulsante Salva.

Configurazione Google Drive Windows

Una volta ultimati questi passaggi, se vuoi visualizzare i file presenti in Google Drive, ti basta aprire l'Esplora File di Windows (ossia l'icona della cartella gialla posta sulla barra delle applicazioni) o il Finder di macOS (l'icona del volto sorridente sul Dock) e aprire la cartella chiamata Google Drive. Da quest'ultima, devi poi accedere alla cartella Il mio drive e il gioco è fatto.

Ti informo, inoltre, che i file memorizzati su Google Drive sono accessibili anche tramite browser collegandoti a questa pagina (e, se necessario, effettuando il login al tuo account Google). Puoi caricare i file anche da quest'applicazione Web trascinandoli direttamente nella scheda di Google Drive aperta nella finestra del browser. Hai avuto qualche problema con quanto finora spiegato? Allora non esitare a consultare il mio tutorial su come funziona Google Drive.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.