Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ritirare una raccomandata online

di

Sei tornato a casa e hai trovato un avviso di giacenza nella tua cassetta della posta, segno che il portalettere di Poste Italiane ha tentato di consegnarti una raccomandata, ahimè, senza successo. Sai già che, a causa di ciò, dovrai prima o poi recarti presso l’Ufficio Postale più vicino per ritirare l’avviso, ma vorresti evitare la fila e capire se, in qualche modo, esiste la possibilità di espletare l’intera operazione online.

Ebbene, la risposta è affermativa: esiste infatti un servizio gratuito erogato da Poste Italiane, denominato Ritiro Digitale, che consente di visualizzare e stampare gli avvisi che il portalettere non è riuscito a consegnare al destinatario, se rispondono a determinati requisiti. Come dici? Ora che sei consapevole di questa modalità operativa, ti piacerebbe saperne di più su come ritirare una raccomandata online usando il servizio Ritiro Digitale delle Poste? Allora questa è proprio la guida che fa al tuo caso.

Nel corso delle prossime righe mi appresto infatti a esporti le condizioni con le quali è possibile consultare una raccomandata in maniera virtuale e, soprattutto, come abilitare il summenzionato servizio. Dunque, senza attendere oltre, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: trovi spiegato tutto qui sotto.

Indice

Informazioni preliminari

Come ritirare una raccomandata online

Prima di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, nel concreto, come ritirare una raccomandata online usando il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane, lascia che ti fornisca qualche indicazione in più su quest’ultimo.

In primo luogo, il servizio Ritiro Digitale è gratuito e accessibile 24 ore su 24, per 7 giorni su 7, tramite qualsiasi browser per computer, smartphone e tablet; per poterne usufruire, è necessario disporre di un account Poste Italiane al quale è associato un numero di cellulare certificato, oppure di un’identità di tipo PosteID abilitato a SPID con attiva l’autenticazione di livello 2.

Tramite il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane, è possibile accedere a documenti originati e destinati in Italia a persona fisica, per i quali il mittente ha preventivamente attivato la funzionalità di ritiro digitale. Per la precisione, è possibile gestire invii di raccomandate, atti giudiziari e raccomandate giudiziarie, ma non si possono visualizzare invii manoscritti oppure invii in contrassegno.

A seguito dell’attivazione del servizio di Ritiro Digitale, in caso di mancata consegna di una raccomandata appartenente alle summenzionate tipologie, si riceve, oltre all’avviso di giacenza cartaceo, anche un avviso tramite SMS, e-mail e bacheca personale del sito Poste.it. Il tempo massimo per il ritiro digitale di una raccomandata dipende fortemente dal tipo di documento recapitato ed è generalmente indicato sull’avviso di giacenza.

Altra precisazione da fare riguarda la modalità di ritiro degli avvisi: se una raccomandata viene ritirata in modalità digitale, non può più essere ritirata fisicamente e viceversa.

Come attivare il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane

Come attivare il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane

Fatte tutte le dovute precisazioni del caso, è arrivato il momento di spiegarti, nel concreto, come attivare il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane. In realtà, si tratta di un’operazione semplicissima: per iniziare, collegati alla home page del servizio, premi sul pulsante Attiva e, quando ti viene richiesto, inserisci il nome utente e la password del tuo account Poste Italiane negli appositi campi e premi sul bottone Accedi.

Se possiedi un’identità SPID, invece, premi sul pulsante Accedi con PosteID, inserisci le credenziali di SPID negli appositi campi, premi sul pulsante Accedi e porta a termine l’accesso di livello 2, impiegando l’app PosteID, oppure digitando il codice monouso ricevuto via SMS.

Ad accesso effettuato, dovresti ritrovarti al cospetto della pagina contenente i documenti informativi relativi al servizio di Ritiro Digitale: prendi dunque visione dei documenti presenti, accetta i termini d’uso del servizio intervenendo sulle apposite caselle e premi sul pulsante Conferma, in modo da completare l’attivazione del servizio, che ti verrà confermata con un messaggio di posta elettronica.

Come usare il servizio Ritiro Digitale di Poste Italiane

Come ritirare una raccomandata online

Una volta abilitato il servizio, puoi accedervi in maniera semplicissima, collegandoti a questa pagina e premendo sul pulsante Accedi, oppure direttamente dalla tua area personale sul sito di Poste Italiane, premendo sul pulsante Accedi o (>) corrispondente alla voce Ritiro Digitale.

Giunto alla pagina principale del servizio, se hai scelto di usare un account Poste Italiane e non l’identità SPID PosteID, ti verrà chiesto di confermare la tua identità impiegando il secondo fattore di autenticazione associato al tuo account, per sbloccare la visualizzazione completa degli avvisi.

Dunque, premi sul pulsante Sblocca visualizzazione che trovi in corrispondenza del riquadro La lettura dei tuoi invii oppure all’interno degli altri riquadri della pagina, apponi al segno di spunta accanto al metodo di autenticazione che vuoi usare (ad es. Autorizzazione tramite App BancoPosta), premi sul pulsante Prosegui e porta a termine il secondo step di login, seguendo le indicazioni che ricevi sullo schermo.

Per esempio, se hai optato per l’autenticazione tramite app BancoPosta, dovrai rispondere affermativamente alla richiesta d’autorizzazione che compare sullo schermo dello smartphone oppure del tablet; se, invece, hai scelto di ricevere un SMS su numero verificato, dovrai immettere quest’ultimo nel campo dedicato.

Adesso, se necessario, apponi il segno di spunta accanto alla voce Non mostrare più questo messaggio e premi sul pulsante Chiudi, per accedere alla bacheca virtuale dedicata agli avvisi disponibili sotto forma di Raccomandata Digitale.

Quest’ultima è divisa in varie sezioni, ciascuna associata a una tipologia di avvisi: il riquadro Da ritirare contiene gli invii che non sono stati ancora consegnati a domicilio né ritirati presso l’ufficio postale, ma che sono predisposti per il ritiro digitale; la sezione Ritirate, invece, contiene le raccomandate ritirate in digitale, quelle consegnate dal portalettere e quelle ritirate in ufficio postale; nel riquadro Restituite al mittente, invece, sono elencati gli invii che non possono essere ritirati, poiché il termine di giacenza è scaduto.

Come già accennato in precedenza, è possibile prendere visione sia delle raccomandate in giacenza per le quali è abilitata la possibilità di ritiro digitale, sia degli avvisi ricevuti in passato e ritirati alla stessa maniera. Non è possibile, invece, consultare il contenuto degli avvisi non più in giacenza oppure già ritirati fisicamente dal portalettere, oppure presso l’ufficio postale.

Come ritirare una raccomandata online

Ad ogni modo, prima di poter procedere con il ritiro digitale di un avviso in giacenza, devi abilitare il servizio Firma Digitale Remota Postecert: a meno che tu non sia già abbonato al servizio in questione, potrai attivarne una sua versione di base, fornita gratuitamente per l’uso esclusivo sui servizi digitali di Poste Italiane, Ritiro Digitale incluso.

Dunque, se non possiedi la firma digitale Postecert e vuoi attivarla in forma gratuita, premi sulla scheda Impostazioni (oppure sul simbolo dell’ingranaggio) visibile nella parte superiore della bacheca di Ritiro Digitale e, giunto alla pagina successiva, premi sul pulsante Richiedi sottostante la sezione Stato Firma Digitale Remota.

Adesso, prendi visione della Proposta e Condizioni Generali del Servizio Postecert Firma Digitale Remota selezionando il link che compare nella pagina successiva e, quando sei pronto, apponi il segno di spunta accanto alle caselle Accetto relative alle condizioni d’uso del servizio.

Ora, scegli se rendere o meno pubblico il certificato qualificato intervenendo sulla casella dedicata, premi sul pulsante Continua e procedi con lo step successivo, che consiste nello scegliere un PIN firma: dunque, apri la casella di posta elettronica associata al tuo account Poste/PosteID abilitato SPID, prendi nota del tuo PIN Firma temporaneo e premi sul pulsante Crea PIN Firma, residente nell’email ricevuta.

Se tutto è andato per il verso giusto, dovrebbe aprirsi una nuova scheda/finestra del browser, mediante la quale concludere la procedura di creazione della firma digitale: immetti dunque il PIN Temporaneo annotato poc’anzi all’interno dell’apposito campo, premi sul pulsante Continua e digita il nuovo PIN per la tua firma, per due volte, all’interno degli appositi campi. Il PIN deve essere composto da almeno 10 caratteri alfanumerici (dunque cifre e lettere) e non deve contenere simboli, né caratteri speciali.

Come ritirare una raccomandata online

Per concludere, premi sui pulsanti Conferma e Richiedi codice, digita il codice monouso (valido 120 secondi) che dovrebbe esserti recapitato al numero di telefono certificato associato al tuo account all’interno dell’apposito campo e premi sul pulsante Conferma, in modo da completare la creazione della firma digitale. Riceverai, nel giro di alcuni minuti, un’email a conferma dell’avvenuta riuscita della procedura.

A questo punto, sei pronto per sfruttare il servizio di Ritiro Digitale online: accedi nuovamente alla tua bacheca personale, così come ti ho spiegato poc’anzi e individua la raccomandata in giacenza di tuo interesse, all’interno della sezione Da ritirare; se necessario, puoi servirti del campo di ricerca situato in alto, per indicare il numero della raccomandata stampato sull’avviso di giacenza cartaceo.

Ora, premi sul pulsante Leggi entro [scadenza] corrispondente al documento di tuo interesse e firma il Registro di Firma Elettronica, inserendo il PIN che hai specificato in precedenza, per confermare il ritiro del documento e visualizzarne il contenuto all’interno di una pagina dedicata. In quest’ultima pagina potrai trovare, oltre che i dettagli della raccomandata in questione, anche i tasti per stamparla, scaricarla sotto forma di documento PDF, oppure archiviarla in bacheca.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.