Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come salvare file su iPad

di

L’iPad è un dispositivo perfetto per chi viaggia spesso ed ha la necessità di portare con sé documenti, foto, video e file di lavoro. Sarebbe dunque meraviglioso poter salvare i file sul tablet di Apple e poi sfogliarli, visualizzarli o modificarli al volo, come accade con i file manager di Windows, Mac e Linux, vero?

Beh, se la risposta è affermativa sappi che si può fare, eccome! Basta rivolgersi all’app File, integrata “di serie” su tutti i dispositivi della “mela morsicata” a partire da iOS 11, iPad inclusi, tramite la quale è appunto possibile sfogliare, visualizzare e gestire i file salvati su iCloud Drive, il servizio di cloud storage di casa Apple, e sulle altre app installate ed i servizi collegati ai propri account. Consente anche di salvare file localmente ma la cosa è circoscritta solo ad alcune specifiche cartelle. Insomma, presenta qualche limitazione ma rappresenta senz’altro un validissimo strumento.

Se sul tuo dispositivo risulta installata una versione di iOS precedente alla 11 o se comunque cerchi un’alternativa a File puoi rivolgerti a Documents. Si tratta di un’ottima app gratuita per iPad (tutti i modelli) che consente di visualizzare, copiare e salvare qualsiasi tipo di file, in locale e sul cloud, sulla celeberrima tavoletta digitale di casa Apple con la stessa comodità dell’Esplora Risorse di Windows o del Finder di macOS. L’applicazione è molto intuitiva, ha un’interfaccia grafica estremamente curata e supporta tutti i principali formati di file che, tra le altre cose, consente di visualizzare senza dover passare ad altre applicazioni e di modificarli con un semplice “tap”. Vediamo dunque come salvare file su iPad usando entrambe le risorse.

Indice

File

Iniziamo questa guida tutta dedicata a come salvare i file su iPad andando ad analizzare il funzionamento dell’app File. Come già anticipato in apertura, si tratta di una risorsa preinstallata su tutti gli iPad (e gli altri iDevice) resa disponibile da Apple stessa a partire da iOS 11. Puoi dunque trovarla nella home screen del tuo dispositivo e per essere utilizzata non necessità di configurazioni particolari. Per maggiori info continua pure a leggere, trovi spiegato tutto in dettaglio proprio qui di seguito.

Accedere all’app

Come già detto, per poter accedere all’app File non occorre scaricare ed installare nulla dall’App Store. L’applicazione si trova infatti preinstallata su tutti i device mobile a marchio Apple equipaggiati con almeno iOS 11 per cui puoi trovarla direttamente in home screen, per essere più precisi sulla barra dock (per impostazione predefinita).

Per cominciare a servirtene, avvia l’applicazione facendo tap sulla sua icona (è quella con l’icona dallo sfondo bianco con su impressa una cartella di colore azzurro) e ti ritroverai subito al cospetto della sua schermata principale.

Come salvare file su iPad

Non riesci a visualizzare l’app File sul tuo iPad? Beh, molto probabilmente è perché è stata rimossa erroneamente dal dispositivo. In tal caso, non temere, puoi scaricarla nuovamente dall’App Store così come se nulla fosse mai accaduto.

Per rimediare, apri dunque l’App Store pigiando sulla sua icona (quella con lo sfondo azzurro e la “A” stampata al centro), tappa sulla voce Cerca che sta in basso e digita File nel campo di ricerca presente nella parte in alto della schermata che ti viene mostrata. Pigia quindi sul primo risultato presente in elenco, tappa sul relativo bottone Ottieni/Installa e digita la password del tuo ID Apple oppure, se abilitato, utilizza il Touch ID per sbloccare il download.

Come salvare file su iPad

Attendi qualche istante affinché lo scaricamento venga avviato e completato dopodiché potrai finalmente accedere all’applicazione. Se vuoi, puoi anche collegarti subito alla relativa sezione di App Store pigiando direttamente dal tuo iPad sul collegamento che ti ho fornito qualche riga già su.

Una volta aperta l’applicazione, per cominciare a gestire i tuoi file seleziona la posizione a cui desideri accedere, trovi tutte quelle disponibili in corrispondenza della sezione Posizioni, nella barra laterale di sinistra. Per impostazione predefinita, File consente di accedere a iCloud Drive ma anche a diverse altre app e servizi supportati come ad esempio Dropbox, Google Drive e la stessa applicazione Documents di cui andrò a parlarti nelle righe successive.

Se non riesci a visualizzare una specifica posizione, puoi fare tap sulla voce Modifica che sta in alto ed aggiungerla (se disponibile) portando su ON l’interruttore che vedrai comparire in corrispondenza del suo nome. Lo stesso discorso vale se preferisci rimuovere una data posizione. Porta su OFF il relativo interruttore ed è fatta. In caso di ripensamenti potrai sempre e comunque tornare sui tuoi passi, in entrambi i casi.

Nella sezione Tag, sempre collocata nella barra laterale di sinistra dell’applicazione, ci sono invece tutti i tag con cui puoi contrassegnare i tuoi file o che hai già provveduto a contrassegnare. Pigiando su ciascuno di essi puoi dunque visualizzare al volo tutti i documenti correlati.

Nella parte destra dell’app ci sono poi il campo di ricerca per reperire determinati file mediante la digitazione delle relative parole chiave, le cartelle ed i file relativi alla posizione selezionata o al tag scelto. Per impostazione predefinita vengono ordinati per nome ma volendo puoi modificare la cosa effettuando un leggero swipe dall’alto verso il basso in corrispondenza della sezione di riferimento e scegliendo l’opzione che più ti interessa dal menu in alto.

Pigiando su una specifica cartella questa si apre automaticamente, lo stesso accade per i file che vengono aperti direttamente nell’app e che possono anche essere modificati (quando possibile) previo tap sul pulsante a forma di matita presente nella parte in alto a destra della schermata del tablet.

Salvare i file

Per quel che concerne invece il salvataggio vero e proprio di specifici file nell’app che si trovano al di fuori di quest’ultima, ad esempio in Safari oppure su Chrome, non devi far altro che pigiare sul pulsante della condivisione (il quadrato con la freccia), selezionare l’opzione Salva su File dal menu che si apre (nella seconda riga) ed indicare la posizione di destinazione, sia nel cloud che in locale, dalla finestra che si apre e tappare su Aggiungi in alto sulla destra.

Come salvare file su iPad

Per il resto, se su Mac hai attivato la sincronizzazione di documenti e desktop con iCloud troverai le relative cartelle in iCloud Drive. Inoltre, se crei una cartella su Mac, su Windows o via Web in iCloud Drive potrai accedervi anche dall’app File. Stesso discorso vale per i file che scegli di aggiungere alle cartelle appena create oppure a quelle esistenti da un’altra posizione.

Come salvare file su iPad

Ti segnalo infine che File include anche una sezione denominata Recenti, a cui puoi accedere tappando sull’apposita voce in basso a sinistra nella finestra dell’applicazione, che, come facilmente intuibile, consente di visualizzare tutti i file aperti più di recente mediante l’applicazione.

Poiché, come ti ho accennato nelle precedenti righe, File consente di accedere anche agli elementi salvati su vari servizi di cloud storage e le app sul dispositivo che ne supportano l’integrazione, puoi salvare i tuoi file su iPad anche sposandoli da una posizione ad un altra. Per riuscirci, pigia sulla voce Seleziona in alto a destra nella schermata di riferimento, tappa sul file o sui file su cui ti interessa andare ad agire ed utilizza i comandi in basso per compire l’operazione desiderata: Condividi e Sposta. Ci sono anche i comandi Duplica ed Elimina ma, come facilmente intuibile,  non servono a salvare i file sul dispositivo in senso stretto ma a duplicarli e rimuoverli.

Oltre che così come appena indicato, puoi poi spostare i tuoi file anche aprendo quello di riferimento (pigiaci sopra nell’app), selezionando l’icona della condivisione in alto a destra, poi la voce Salva su File ed indicando la posizione di destinazione.

Come salvare file su iPad

Tieni comunque presente che sebbene File consenta di accedere anche ai file salvati in altre app e servizi, l’interfaccia in tal caso potrebbe essere quella proprietaria con le solite funzioni e la solita modalità di gestione. Tutto dipende da se l’applicazione di riferimento è stata aggiornata e se supporta l’integrazione con File.

Documents

Passiamo adesso a Documents, l’applicazione per salvare ed in linea ben più generale gestire i file su iPad. Per scoprire come fare per scaricarla e per utilizzarla sul tuo tablet a marchio Apple segui le indicazioni che trovi qui sotto. Può essere impiegata su tutte le versioni di iOS e su tutti i modelli di iPad senza alcun tipo di problema.

Installare l’app

Se vuoi scoprire come salvare file su iPad con Documents, il primo passo che devi compiere è aprire l’App Store, cercare Documents by Readdle e installare l’applicazione sul tuo iPad pigiando su Ottieni/Installa e verificare la tua identità tramite la password del tuo ID Apple o l’utilizzo del sensore Touch ID per il riconoscimento delle impronte digitali (se hai un modello di iPad che include anche questo componente).

Come salvare file su iPad

A download e installazione completati, avvia Documents pigiando sull’icona della app comparsa nella home screen del tuo iPad e premi il pulsante Più tardi (in alto a destra) per cominciare ad utilizzare subito l’applicazione. L’inserimento dell’indirizzo email non è obbligatorio.

Come puoi ben notare, nella schermata iniziale di Documents ci sono vari file di test: un brano musicale, un archivio in formato ZIP, una foto, un documento di Pages, ecc.. Pigiando su ciascuno di essi, puoi visualizzarli direttamente all’interno del file manager senza usare applicazioni esterne, mentre se scorri con il dito verso il basso puoi visualizzare la barra degli strumenti che permette di cambiare la modalità di visualizzazione delle icone, organizzare i file in base a nome, data o dimensione e creare nuove cartelle.

Come salvare file su iPad

Sulla sinistra, invece, c’è una comoda barra di accesso rapido mediante la quale è possibile cercare velocemente fra i documenti presenti su iPad, collegare il file manager al proprio account di Dropbox e altri servizi di cloud storage (Rete) e navigare su Internet (Browser). In fondo ad essa, compaiono inoltre i collegamenti ai file aperti più di recente, in modo da richiamarli più velocemente quando servono.

Salvare i file

Esistono vari modi per salvare file su iPad tramite Documents. Il primo che puoi provare consiste nel collegare l’iPad al computer (tramite cavo o in modalità wireless) e sfruttare la funzione di condivisione dei file di iTunes, la quale permette di copiare file di ogni tipo da e verso il tablet in maniera semplicissima.

Per capire meglio quello du cui sto parlando, collega il tuo iPad al computer, avvia iTunes e selezionare l’icona del tablet che compare in alto a sinistra. Nella schermata che si apre, seleziona dunque la voce App dalla barra laterale di sinistra, clicca sull’icona di Documents presente nel riquadro relativo alla Condivisione file e trascina i file da copiare su iPad nel campo Documenti di Documents. Troverai tutti i file copiati dal PC all’iPad nella cartella File iTunes di Documents.

Come salvare file su iPad

In alternativa, puoi caricare i tuoi file su iPad usando il pannello Web di Documents tramite Internet Explorer, Safari, Chrome, Firefox o qualsiasi altro browser Web. Come si fa? Nulla di più facile. Devi digitare nel tuo browser l’indirizzo di Documents e si apre un pannello attraverso il quale è possibile gestire e caricare file su iPad.

Per attivare la funzione di trasferimento dei dati in Wi-Fi, recati nelle impostazioni di Documents pigiando sull’icona dell’ingranaggio che si trova in alto a sinistra, entra nella sezione Drive Wi-Fi e impostare su ON la levetta dell’opzione Attiva Drive. L’indirizzo di Documents (ossia del tuo iPad) all’interno della rete locale è quello che compare in basso al menu delle impostazioni di Documents (dovrebbe essere qualcosa come http://192.168.1.xhttp://iPad-di-tuonome.local).

Come salvare file su iPad

Una volta ottenuto l’indirizzo di Documents, apri il browser sul computer e collegati a quest’ultimo. Autorizza quindi il computer ad accedere all’iPad rispondendo Sì/OK all’avviso che compare sullo schermo del tablet e carica i tuoi file sul device usando il pulsante Scegli file/Sfoglia che si trova in fondo alla pagina Web che si è aperta sul computer.

Come salvare file su iPad

Un altro modo per avere i propri file sempre a portata di mano in Documents, come accennato in precedenza, è quello di collegare la app ai propri account di Dropbox o altri servizi di cloud storage (es. Google Drive, SkyDrive, ecc.).

Per fare ciò, devi selezionare la voce Nel cloud > Aggiungi/Aggiungi account dalla barra laterale di Documents, devi selezionare il servizio a cui collegare la app e immettere i dati di accesso a quest’ultimo. In questo modo potrai visualizzare e modificare liberamente tutti i file che hai salvato nella “nuvola”. Più comodo di così?

Come salvare file su iPad

Altre soluzioni per salvare file su iPad

File e Documents non ti hanno soddisfatto appieno? Non ti preoccupare, esistono tante altre app che consentono di condividere i file tra il computer e l’iPad, sia via cavo che in modalità wireless. Facciamo subito qualche esempio.

  • Se vuoi copiare sull’iPad dei file provenienti da un computer, un altro dispositivo Apple o addirittura un device Android, prova Send Anywhere. Si tratta di un’applicazione gratuita che permette di trasferire file da e verso iPad, iPhone, Mac, PC Windows, dispositivi Android e computer equipaggiati con Linux. Funziona in maniera semplicissima sotto qualsiasi rete Wi-Fi. Per utilizzarla, basta selezionare i file da inviare da un dispositivo, inserire il codice relativo al trasferimento sul dispositivo di destinazione e attendere che la copia dei file giunga al termine.
  • Se vuoi trasferire dei file da un Mac a un iPad, puoi affidarti anche ad AirDrop. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, AirDrop è un sistema di condivisione dei file incluso in tutti i Mac e i dispositivi iOS più recenti che funziona tramite Wi-Fi e Bluetooth. Per utilizzarlo, non devi far altro che selezionare i file da spostare sull’iPad, fare clic destro su di essi e selezionare le voci Condividi > AirDrop dal menu che si apre. iPad e Mac devono avere entrambi il Bluetooth attivo e devono essere connessi alla medesima rete wireless. Per saperne di più consulta il mio tutorial su come funziona AirDrop.

Come salvare file su iPad

  • Se vuoi copiare dei video sull’iPad ma non vuoi perdere tempo tra conversioni e sincronizzazioni di iTunes, rivolgiti a dei player di terze parti come VLC (gratis) e Infuse (gratis, ma con un acquisto in-app di 7,49 euro per sfruttarne tutte le potenzialità) che supportano tutti i principali formati di file video e permettono di trasferire i file su iPad sia in modalità wireless sia via cavo, tramite iTunes (sfruttando la funzione di condivisione file di cui abbiamo parlato prima). Per maggiori dettagli consulta il mio tutorial su come mettere film su iPad in cui ti ho spiegato come funzionano entrambe le applicazioni.

In conclusione, non dimenticarti che puoi copiare file dal computer all’iPad usando il caro vecchio iTunes e le sue funzioni di sincronizzazione per video, musica, foto e libri. Ormai, viste le tante alternative disponibili, risulta un po’ scomodo come metodo di gestione dei file, ma funziona. Per scoprire più in dettaglio come trasferire file dal PC all’iPad usando iTunes, consulta il mio tutorial su come trasferire file su iPad: lì trovi spiegato tutto.