Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come splittare un file MKV

di

Hai scaricato un film in alta definizione in formato MKV da Internet ma non riesci a masterizzarlo su DVD perché è troppo grande? Nessun problema, suddividilo in due o più parti e salvalo su più dischetti. Come dici? Ti pare una buona idea ma non sai in che modo procedere? Te lo spiego io!

Se mi concedi un minimo della tua attenzione, infatti, posso indicarti come splittare un file MKV grazie ad appositi software per computer oppure ricorrendo all’impiego di alcuni servizi online dedicati allo scopo. Se poi hai bisogno di intervenire da smartphone o tablet, magari perché vuoi condividere in maniera più agevole un determinato filmato con i tuoi amici, ti comunico che la cosa è fattibile anche da lì, basta usare l’app giusta!

Allora? Posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben felice e soddisfatto di ciò che avrai appreso e che, addirittura, qualora necessario, sarai pronto a fornire utili dritte al riguardo a tutti i tuoi conoscenti a loro volta interessanti alla questione.

Indice

Come dividere un file MKV

Ti interessa capire quali sono i programmi per Windows e macOS di cui puoi avvalerti per splittare un file MKV? Allora metti subito alla prova le soluzioni di questo tipo che ho provveduto a segnalarti proprio qui di seguito. Sono molto semplici da usare, anche da parte di chi, un po’ come te, non si reputa propriamente un esperto.

Avidemux (Windows/macOS/Linux)

Avidemux

Se desideri dividere un file MKV in due parti o più, ti consiglio in primo luogo di affidarti all’uso di Avidemux. Non ne hai mai sentito parlare? No problem, rimediamo subito. Si tratta di un programma gratuito e open source, funzionante su Windows, macOS e Linux che consente di effettuare svariate operazioni di video editing, grazie ai tanti strumenti disponibili e agli innumerevoli filtri offerti, andando a supportare tutti i più diffusi formati video.

Per scaricare Avidemux sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e seleziona il collegamento win64 xx Final Install (64 bits), FossHub (se stai usando una versione di Windows a 64 bit), quello win32 xx Final Install (32 bits), FossHub (se stai usando una versione di Windows a 32 bit) oppure quello xx Mojave QT5 (dmg), FossHub (se stai usando macOS), dopodiché fai clic sul nome del programma presente nella pagina successiva.

A download completato, se stai usando Windows, avvia il file .exe ottenuto e, nella finestra che si apre sul desktop, clicca sul pulsante Successivo (per tre volte consecutive); seleziona poi la voce Accetto la licenza, premi nuovamente sul bottone Successivo (per altre due volte), poi su quello e, infine, fai clic sul pulsante Fine. Avvia poi il programma, selezionando il relativo collegamento che è stato aggiunto al menu Start.

Se, invece, stai usando macOS, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di Avidemux nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri per due volte consecutive, in modo tale da avviare il programma andando ad aggirare le restrizioni volute da Apple verso gli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ora che, a prescindere dal sistema operativo in uso, visualizzi la finestra principale di Avidemux, fai clic sul menu File che si trova in alto a sinistra, seleziona la voce Apri da quest’ultimo e importa nel programma il video MKV relativamente al quale vuoi intervenire.

A questo punto, puoi procedere andando a splittare il filmato. Per riuscirci, arriva al punto d’inizio del primo segmento che intendi tagliare (spostando il cursore apposito che trovi sulla barra in basso), dopodiché clicca sul pulsante A presente sulla toolbar del programma (sempre in basso), arriva al punto finale della porzione di video che desideri tagliare e clicca sul pulsante B.

Infine, assicurati che nei menu a tendina Output video e Output audio che si trovano a sinistra risulti selezionata l’opzione Copy, verifica altresì che nel menu a tendina Contenitore output sia selezionata l’opzione Mkv Muxer (altrimenti provvedi tu) e procedi al salvataggio della prima porzione del filmato, cliccando sul menu File e scegliendo da quest’ultimo l’opzione Salva.

In seguito, ripeti procedura che ti ho indicato poc’anzi per tutte le parti del video che vuoi dividere, procedendo, di volta in volta, con il salvataggio del risultato finale. Facile, vero?

MP4Tools (Windows/macOS/Linux)

MP4Tools

Un altro strumento al quale puoi affidarti per splittare un file MKV è MP4Tools. Si tratta di un software gratuito e open source, disponibile sia per Windows che per macOS e Linux, il quale, come facilmente intuibile dal nome, consente di agire sui file video in formato MP4, ma anche quelli in formato MKV (altrimenti non starei qui a parlartene!), unendoli e dividendoli in più parti. Si compone, infatti, di due tool adibiti allo scopo.

Per scaricare il programma sul tuo computer, visita il sito Internet di MP4Tools e clicca sul collegamento MP4Tools-x.x-win32.exe (se stai usando Windows) oppure su quello MP4Tools-3.8-MacOSX.dmg (se stai usando macOS). Nella nuova pagina che si apre, clicca prima sul nome del programma e poi su quello del sistema operativo in uso.

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e clicca sul pulsante , nella finestra che vedi comparire sul desktop. Successivamente, clicca sui bottoni OK, Avanti (per cinque volte consecutive), Installa e Fine.

Se, invece, vuoi dividere un file MKV su Mac, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina le icone del programma nella cartella Applicazioni di macOS. In seguito, fai clic destro su entrambe e seleziona la voce Apri per due volte consecutive, in modo tale da avviare MP4Tools andando ad aggirare le limitazioni volute da Apple verso gli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ora che visualizzi le finestre del programma sullo schermo, seleziona quella relativa al tool MP4 Splitter e assicurati che l’interfaccia risulti tradotta in Italiano. In caso contrario, fai clic sul pulsante con la chiave inglese situata in alto a destra e, nell’ulteriore finestra che compare, seleziona l’Italiano dal menu a tendina per la scelta della lingua; dopodiché clicca sul bottone OK e riavvia l’applicazione.

Una volta visualizzata nuovamente la schermata di MP4 Splitter, clicca sul pulsante Apri video posto in alto a destra e seleziona il filmato MKV che vuoi dividere presente sul tuo computer.

Successivamente, sposta il cursore presente sulla barra in basso per definire il primo punto di divisione oppure serviti del campo Tempo, dopodiché clicca sul pulsante Aggiungi punto di divisione adiacente. Ripeti quindi questi passaggi per ciascuna parte in cui vuoi suddividere il filmato. Man mano che aggiungi i punti di suddivisione, li vedrai comparire nella sezione Punti di divisione, a destra.

Per concludere, clicca sul pulsante Avvia divisione situato in basso a destra, indica la posizione sul tuo computer in cui intendi salvare i vari file di output e attendi che la procedura di suddivisione del tuo video MKV venga avviata e portata a termine.

Come splittare un file MKV online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi programmi sul tuo computer e ti piacerebbe allora che ti suggerissi qualche servizio online tramite cui poter splittare un file MKV? Ti accontento subito! Qui di seguito trovi segnalati, infatti, quelli che ritengo essere i migliori servizi Web di questo tipo. Mettili subito alla prova!

Video Toolbox

Video Toolbox

Il primo servizio online per dividere video MKV che ti invito a provare è Video Toolbox. Consente di eseguire svariate operazioni di editing video, garantendo un limite di upload massimo pari a 600 MB. È totalmente gratuito, ma per usarlo bisogna creare un account apposito. Per il resto, funziona da qualsiasi browser e sistema operativo e supporta tutti quelli che sono i più diffusi formati video. Da notare, però, che non viene specificato come vengono trattati i dati degli utenti in seguito al caricamento (quindi ti sconsiglio di usarlo per video che contengono dettagli privati).

Per potertene servire, recati sulla relativa home page, fai clic sul collegamento Sign Up Now che trovi al centro e digita, nei campi di testo preposti, il tuo indirizzo email e la password che vuoi associare all’account che stai per creare, dopodiché clicca sul collegamento Register. In seguito, accedi alla tua casella di posta elettronica e conferma la creazione dell’account, aprendo l’email che ti è stata spedita dal servizio e selezionando il link presente al suo interno.

Una volta compiuti i passaggi di cui sopra, effettua l’accesso al tuo account su Video Toolbox, compilando i campi appositi presenti in alto e premendo poi sul bottone Sign In. Dopodiché clicca sulla voce File Manager che trovi nella barra laterale di sinistra, premi sul bottone Scegli file, seleziona il video MKV presente sul tuo computer che vuoi splittare e premi sul bottone Upload.

A caricamento ultimato, apponi un segno di spunta accanto al nome del filmato nell’elenco che trovi nella sezione Your Files, in cima, e scegli l’opzione Cut/Split file dal menu a tendina sottostante.

Nella nuova pagina Web che a questo punto ti verrà mostrata, definisci il punto d’inizio e quello di fine della porzione di video da tagliare, spostando i cursori posti sulla barra apposita oppure servendoti dei campi Start time ed End time e fai clic sul collegamento Cut the slice (same format).

Per concludere, premi sul collegamento con il nome del file comparso accanto alla voce Please download your converted file, in modo tale da poter procedere con il download.

Per suddividere in ulteriori porzioni il tuo filmato, poi, non dovrai far altro che ripetere di volta in volta i passaggi che ti ho indicato in precedenza e scaricare le varie porzioni di video restituite.

Video Trimmer di Kapwing

Video Trimmer di Kapwing

Un altro servizio online che puoi valutare di utilizzare per splittare un file MKV è Video Trimmer di Kapwing. Si tratta, anche in tal caso, di una soluzione fruibile da qualsiasi browser e sistema operativo che supporta tutti i principali formati di file video.

Da notare, però, che consente di caricare file aventi un peso massimo di 25 MB. Inoltre, è gratis, ma applica un watermark al video esportato, che è possibile rimuovere solo effettuando il pagamento di 6 dollari sul singolo file oppure sottoscrivendo un abbonamento illimitato (al costo di 20 dollari/mese). Per quanto riguarda il discorso privacy, il servizio non fornisce informazioni chiare su quanto tempo i dati caricati restano conservati sui suoi server.

Per usufruire di Video Trimmer, visita la relativa home page, clicca sul collegamento Click to upload e seleziona il filmato MKV relativamente al quale vuoi intervenire. In alternativa, trascina l’icona del file direttamente nella finestra del navigatore. Aspetta quindi che venga avviata e portata a termine la procedura di upload.

Definisci poi la prima porzione in cui vuoi suddividere il video, spostando il cursore a destra e quello a sinistra che trovi sulla seconda barra di scorrimento. In alternativa, serviti dei campi Start ed End, indicando in essi il punto d’inizio e quello di fine. Successivamente, fai clic sul pulsante + Add Cut che si trova in basso.

Per concludere, fai clic sul pulsante Done situato in basso a destra, dopodiché scarica la prima porzione del video diviso, cliccando sul tasto Publish situato in alto a destra e, a elaborazione completata, facendo clic sul bottone Download.

In seguito, ripeti i passaggi che ti ho appena indicato per tutte le parti del video che vuoi dividere, procedendo, ogni volta, con il salvataggio del file finale.

Splittare un file MKV su smartphone e tablet

File Spliter & Merger

Vuoi splittare un file MKV agendo da smartphone e tablet ma non sai come riuscirci? Beh, innanzitutto, sappi che puoi avvalerti, anche da mobile, dei servizi online che ti ho segnalato nelle righe precedenti, semplicemente avviando l’applicazione che in genere usi per navigare in Rete dal tuo dispositivo (es. Chrome su Android oppure Safari su iOS/iPadOS) e procedendo in maniera analoga a come ti ho già indicato.

In alternativa, puoi valutare di affidarti all’uso di alcune app che, però, al momento in cui sto scrivendo questa guida, risultano essere disponibili soltanto per dispositivi Android. Per iOS/iPadOS, purtroppo, sembra non esserci ancora nulla di valido.

Ciò detto, tra le varie applicazioni di questo tipo alle quali puoi affidarti, ti suggerisco di provare File Spliter & Merger che consente di dividere e unire i file di grandi dimensioni, supportando praticamente qualsiasi tipologia di file, video compresi. È gratuita, facile da impiegare e dispone anche di un’interfaccia utente gradevole.

Per effettuarne il download e l’installazione sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store direttamente da quest’ultimo e fai tap sul pulsante Installa. In seguito, avvia l’app, sfiorando il pulsante Apri comparso sullo schermo oppure selezionando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen o nel drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale dell’applicazione, fai tap sul pulsante OK, dopodiché premi sul bottone Select che trovi nella sezione Input e seleziona il file MKV che intendi dividere, prelevandolo dalla memoria del tuo dispositivo.

Scegli, dunque, se dividere il file in un numero di parti esatte oppure per dimensioni, selezionando, rispettivamente, l’opzione Number of files oppure quella Size in corrispondenza della sezione Split By e indicando il dato richiesto nel campo apposito.

Successivamente, scegli la posizione dedicata ai file di output, premendo sul pulsante Select che trovi nella sezione Output e, se vuoi assegnare un nome differente dall’originale ai file che andrai a ottenere, compila come ritieni sia più opportuno gli altri campi disponibili.

Per concludere, premi sul pulsante Split situato a fondo schermata e attendi che la procedura venga avviata e portata a termine. A processo ultimato, vedrai comparire il messaggio Split Complete nella parte in basso dello schermo.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.