Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per minare criptovalute

di

Sei alla ricerca di un modo per guadagnare con le criptovalute e hai sentito parlare della possibilità di minarle, cioè di coniarle sfruttando le potenzialità del proprio computer? Non ti hanno detto una bugia, è possibile, ma ti dico sin da sùbito che ormai questo processo è poco redditizio. La complessità dei calcoli da affrontare e l'alto prezzo dell'energia, infatti, hanno reso questo tipo di attività utile solo per chi ha costosissimo hardware dedicato e opera in luoghi dove l'elettricità costa poco.

Come dici? Non ti interessa arricchirti con le crypto ma solo approfondire un po' la questione legata al mining conoscendo quali sono i migliori programmi per minare criptovalute disponibili attualmente “su piazza”. E va bene, se le cose stanno così, lascia che ti dia una mano indicandotene alcuni interessanti.

Mi raccomando, però, prima di avventurarti nel mondo del mining informati bene sulle varie crypto disponibili, sull'hardware necessario e non sottovalutare la possibilità di acquistare criptovalute senza dover coniare in prima persona dei coin. Infine, ci tengo a sottolineare che i miei non sono consigli finanziari e che non mi assumo alcuna responsabilità circa l'uso che farai delle indicazioni presenti in questa guida.

Indice

Informazioni preliminari

Mining — Stima profitti con GPU

La prima cosa che devi sapere se vuoi diventare un miner, e che probabilmente ti stupirà, è che non tutte le criptovalute si possono minare. Perché si possa parlare di mining, deve essere una criptovaluta sul modello Bitcoin che utilizza un sistema particolare per convalidare le transazioni, chiamato Proof-of-Work, e che è appunto basato sull'utilizzo di hardware e software di un certo tipo per svolgere dei calcoli complessi e, dunque, ottenere dei coin in cambio. A seconda poi del software che utilizzi potrai minare criptovalute diverse, dai bitcoin alle varie altcoin (cioè le altre crypto disponibili sul mercato).

Altre crypto, come ad esempio Ethereum, sono basate su un meccanismo differente, detto Proof-of-Stake che prevede l'ottenimento di nuovi coin in cambio di un investimento economico. Entrando più in dettaglio, tramite questo metodo a guadagnare nuovi coin sono le persone che posseggono già una grande quantità di monete (es. di Ethereum) e la bloccano sulla blockchain sulla quale intendono investire. La blockchain è il “libro mastro” condiviso tra tutti gli utenti su cui si basano le reti decentralizzate delle crypto come, appunto, Bitcoin ed Ethereum: maggiori info qui.

Arrivati a questo punto, ti starai chiedendo come si diventa miner. La risposta è: in molti modi! Il presupposto da cui devi partire è che più potente è l'hardware e più redditizio è il mining, ma anche più alto il consumo energetico, con il rischio di brutte sorprese in bolletta.

Se vuoi diventare un minatore in solitaria, la scelta migliore è acquistare uno o più hardware nati a questo scopo, come gli ASIC, che però hanno un prezzo di partenza di migliaia di euro e consumano davvero molto.

Motivo per cui sono nati i mining pool, cioè gruppi di persone che mettono in comune le loro risorse informatiche per estrarre criptovaluta. Con i mining pool, se hai un PC e un software adeguati, minare può diventare fruttuoso anche usando la forza lavoro della scheda video (GPU) o del processore (CPU)).

L'ultima alternativa a tua disposizione per minare a sforzo zero è il cloud mining, che non prevede installazione di software o acquisto di hardware particolari. Per farla semplice, con il mining nel cloud è come se noleggiassi una porzione di server. Sono però servizi a pagamento, ma in compenso non avrai spese di consumo e nemmeno la noia di dover installare programmi.

Queste, ovviamente, sono solo le basi da comprendere per diventare miner. Ti invito, pertanto, ad approfondire ulteriormente l'argomento dando un'occhiata alle risorse presenti sia sul mio sito (linkate nel corso di questa guida) che altrove, in modo da essere preparato al meglio prima di “gettarti nella mischia”. Ciò detto, passiamo ai programmi ai quali ti consiglio di guardare per iniziare la tua avventura.

Programmi per minare criptovalute gratis

Se hai proprio deciso che è giunto per te il momento di iniziare a minare criptovalute, sarai contento di sapere che la maggior parte dei programmi è gratuita e puoi scaricarla liberamente da Internet. Ecco, dunque, per te alcuni programmi per minare criptovalute ai quali rivolgerti per iniziare la tua avventura.

NiceHash (Windows/Linux)

Schermata iniziale di NiceHash

Il primo programma per estrarre criptovalute che ti voglio presentare è NiceHash, perfetto per chi è alle prime armi e intende estrarre bitcoin. Può essere installato sui PC con sistema operativo Windows e Linux.

NiceHash supporta il mining attraverso GPU AMD e NVIDIA, CPU Intel e anche hardware ASIC. Il primo passaggio per l'installazione su Windows è entrare nella home page di NiceHash e premere su Start Mining Now al centro della pagina e registrarsi: operazione che richiede l'immissione di indirizzo email e password con successiva verifica tramite posta elettronica. Quest'ultimo passaggio avviene mediante un codice numerico spedito all'indirizzo email indicato, il quale dovrà essere copiato e incollato nella schermata di registrazione.

Effettuato il login nel sito, sul menu orizzontale in alto ti basta premere su Mining e, nella pagina che si apre, cliccare sul bottone Download Miner or Add Asic (in alto a sinistra). Da qui, seleziona NiceAsh. Una volta effettuato il download, sulla pagina verrà visualizzata una stringa alfanumerica, che corrisponde all'indirizzo del tuo wallet Bitcoin: ignorala perché il programma riconoscerà il wallet automaticamente.

Al termine dello scaricamento, apri il file .exe scaricato e premi su ; accetta dunque i termini di licenza spuntando la casella e poi premi su Next e Finish. A questo punto si aprirà una finestra con i termini del servizio: fai clic sul bottone I Accept e così anche nella schermata successiva. Il programma ti chiederà di impostare la lingua: esiste la voce Italiano (Unofficial) ma puoi lasciare English, tanto l'interfaccia sarà comunque in inglese. Scelta la lingua, premi su Next.

Ora dovresti vedere una schermata con un codice QR e un pulsante centrale di Login: cliccaci sopra e accedi con le credenziali ottenute in fase di registrazione; sarà di nuovo chiesto di verificare l'accesso tramite email. Copia, dunque, il codice numerico ottenuto per posta elettronica e premi Verify; il software terminerà l'installazione, alla fine della quale devi fare clic su Restart e NiceHash.

Come puoi vedere dalla schermata iniziale, il software riconosce automaticamente GPU e CPU del computer, cioè i componenti utili a minare. Il Current Profitability indica invece i guadagni giornalieri, che sono in bitcoin, e l'Unpaid Balance, cioè quanto resta da riscuotere come pagamento complessivo. Poiché non stai ancora minando, tutti questi parametri saranno a zero.

In basso a sinistra, la sezione Worker Name identifica semplicemente il nome del profilo e può essere cambiato in qualsiasi momento. Sempre nella Dashboard, premendo sul simbolo Play al centro dello schermo, puoi avviare un processo preliminare che si chiama benchmarking e che dura pochi minuti. Il benchmarking terminerà automaticamente e si aprirà una schermata del Prompt dei comandi, sintomo che il PC ha iniziato a minare; quando questo accade, al centro della schermata si può leggere Mining.

Quando il PC inizierà a estrarre criptovalute, vedrai inoltre salire immediatamente il valore della Current Profitability, prima a zero, e che corrisponde ai bitcoin che stai guadagnando in una media giornaliera. NiceHash permette anche un'impostazione più approfondita: nel menu in alto, andando sulla scheda Device (a destra della Dashboard), è possibile cambiare alcune impostazioni interessanti.

È possibile scegliere, ad esempio, con quali componenti (GPU/CPU) del PC iniziare a minare: nel caso siano supportati sia scheda video che processore, potranno essere impiegati insieme semplicemente spuntando Enable su entrambi, per un mining più redditizio. Se consideri la procedura troppo macchinosa, esclusivamente per gli utenti di Windows 10 a 64 bit, esiste una versione semplificata, NiceHash QuickMiner, che però non permette il mining con CPU, ma solo con GPU AMD e NVIDIA.

Awesome Miner (Windows/Linux)

Schermata iniziale di Awesome Miner

Veniamo a un altro software per il mining adatto a minatori con ogni livello ed esperienza: Awesome Miner. L'ultima versione supporta tutte le versioni di Windows a partire da Windows 7 (compreso Windows 11) ed è inoltre possibile l'installazione su Linux.

Per ottenere il programma sui sistemi Microsoft, il primo step è visitare la home page del sito ufficiale e premere il pulsante verde Download, che si trova in basso a destra. Non è richiesta alcuna registrazione. Nell'elenco dei file da scaricare quello utile è il secondo, cioè l'installer, perciò fai clic su di esso.

Apri dunque il file .exe salvato nella cartella dei download e avvia la procedura di installazione di Awesome Miner. Alla prima schermata, clicca su e poi su Next; si apriranno i termini di licenza: accettali e premi di nuovo Next. Il prossimo passaggio mostra dove il software sarà installato sul PC: vai semplicemente avanti e premi Install. Quando l'installazione è finita, premi Finish e il programma partirà in automatico.

Al primo avvio, Awesome Miner chiederà alcune informazioni per effettuare il setup, prima di tutto la lingua, seleziona quella che vuoi (l'Italiano è assente) e premi Next. Nella pagina Add Miner anche qui vai avanti e nella prossima schermata seleziona dall'elenco Managed Profit Miner e poi di nuovo Next. A questo punto si aprirà un piccolo modulo: alla prima riga è possibile impostare un nome profilo a piacimento, mentre la seconda deve restare su Local.

La terza serve per scegliere se minare con una AMD GPU, una NVIDIA GPU o un CPU Intel. Controlla i requisiti del tuo PC (se non sai come fare trovi qui le indicazioni) e seleziona una delle opzioni; se la tua scheda video non è né AMDNVIDIA, scegli Intel CPU per usare il processore. Vai quindi avanti nel setup, dove ti verrà chiesto di selezionare il mining pool e inserire una serie di wallet address.

Per rendere tutto più semplice, all'inizio va spuntata solo la prima casella accanto a NiceHash, poi nella stringa a destra accanto Bitcoin Address va inserita la stringa alfanumerica che corrisponde al portafoglio Bitcoin dove saranno inviati i pagamenti. Se hai seguito la procedura per NiceHash puoi usare lo stesso portafoglio, se hai un wallet crittografico, come Trust Wallet o MetaMask, inserisci invece il tuo indirizzo Bitcoin, premi Next e poi Finish.

Ora sei quasi pronto a utilizzare Awesome Miner: prima devi impostare qualche altro parametro. Nel menu in alto della schermata principale del programma va premuto prima Tools e poi Benchmarks; nella finestra che si apre seleziona tutti gli algoritmi premendo su Select All e poi clicca su Save to Profile. In seguito premi su Yes e, infine, su Close per tornare alla pagina principale.

Nel menu superiore spostati adesso da Tools a Main e poi premi Start. Il mining è partito! Nella seconda parte della schermata, selezionando Summary, potrai anche controllare in tempo reale i tuoi profitti.

Con Awesome Miner è possibile anche creare più profili collegati al medesimo wallet, così da collegare più hardware o anche effettuare il mining con GPU e CPU dello stesso computer. È possibile inoltre partecipare a diversi mining pool e quindi all'estrazione di vari tipi di criptovaluta, così come, con le dovute impostazioni, anche la ricompensa per i minatori può avvenire in una valuta digitale diversa dai bitcoin.

Però, occhio, perché non tutte le criptovalute sono redditizie allo stesso modo, e questo dipende da una serie di fattori, tra cui l'hashrate, che si può definire un'unità di misura della blockchain: quanto più il valore è alto tanto più difficile è il mining.

Altri programmi per minare criptovalute

Pagina di Download di Easyminer

I programmi per minare criptovalute in circolazione sono tanti (non tutti affidabili allo stesso modo, quindi occhio). Qui sotto te ne presento altri che meritano uno sguardo ravvicinato.

  • CGMiner — (Windows/Linux) — una chicca nel suo genere. Si tratta di un software indirizzato a minatori con un po' di esperienza e che permette il mining di una vasta gamma di criptovalute, compresi i Dogecoin.
  • MacMiner (macOS) — un perla rara nel gruppo, perché un programma per il mining gratuito e dedicato esclusivamente agli utenti Apple. Ottimizzato, oltretutto, per sfruttare al massimo le enormi potenzialità dei processori Apple Silicon (es. M1 o M2).
  • EasyMiner (Windows) — un software che nasce esclusivamente per il minare criptovalute con GPU e CPU. Come dice il nome stesso ha un'interfaccia facilissima da usare ed è perfetta per il mining domestico.

App per minare criptovalute

Nicehash applicazione per smartphone

Anche da smartphone (sia Android che iPhone), potenzialmente, sarebbe possibile minare criptovalute, ma al momento è un'operazione più divertente che redditizia.

Nessuna delle applicazioni per smartphone, infatti, raggiunge le prestazioni adeguate per un mining redditizio. Ad ogni modo, se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere la mia guida sulle app per minare criptovalute.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.