Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come pulire il PC e velocizzarlo

di

Il computer sembra andare in maniera molto più lenta del normale e non sai come risolvere il problema? La cosa potrebbe essere riconducibile ad un eccesso di file “spazzatura” (e non solo) oltre che alla presenza di qualche brutto virus. Non disperare però. Prima di chiamare il tecnico o il tuo amico “smanettone” che se ne intende di computer, prova a seguire le indicazioni che sto per darti.

Sfruttando alcuni strumenti inclusi in Windows ed utilizzando i programmi giusti, nell’ordine giusto, puoi riuscire a fare un po’ di sana pulizia sul tuo fido computer e debellare tutti gli eventuali virus e malware che vi risiedono andando dunque a velocizzare Windows. Posso assicurarti che, al contrario di quel che tu possa pensare ed al di là delle apparenze, non dovrai fare nulla di particolarmente complicato o che sia fuori dalla portata, te lo assicuro. Alla fine, vedrai, il PC tornerà ad essere scattante e reattivo proprio come un tempo.

Allora, che aspetti a provarci? Qui sotto c’è scritto tutto quello che c’è da sapere su come pulire il PC e velocizzarlo. Prenditi qualche minuto di tempo libero per te, posizionati ben comodo e segui, passaggio dopo passaggio, le istruzioni sul da farsi che ho provveduto a fornirti. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grande, anzi un grandissimo in bocca al lupo.

Indice

Rimuovere i file inutili e pulire il registro di sistema

Pulizia PC

La prima nonché più semplice operazione che ti invito a compiere per poter pulire il PC e velocizzarlo consiste nell’andare a cancellare tutti i file inutili dall’hard disk (dati della navigazione in rete, file temporanei, ecc.) e gli errori dal registro di sistema (che talvolta possono rallentare Windows e/o causare problemi).

In che modo? Utilizzando CCleaner, un ottimo software gratuito (ma eventualmente disponibile anche in due varianti a pagamento, con funzionalità extra) adibito proprio alla pulizia ed alla manutenzione degli OS dell’azienda di Redmond.

Per usarlo, recati sul suo sito ufficiale e fai clic sul collegamento CCleaner.com che sta nella colonna Free, in modo tale da scaricare il programma sul PC.

A download completato, apri il file .exe ottenuto e pigia su Si. Nella finestra che vedi comparire sul desktop, seleziona l’uso della lingua italiana mediante il menu a tendina in alto destra e premi prima sul bottone Installa e poi su quello Avvia CCleaner.

Recati ora nella sezione Pulizia della finestra del programma, cliccando sulla voce apposita che sta a sinistra, e pigia prima sul pulsante Analizza, per effettuare un analisi completa dei file inutili presenti sull’hard disk del PC, e poi su Avvia pulizia e su OK.

Dopodiché recati nella sezione Registro di CCleaner selezionando la voce che sta nella parte sinistra della finestra e pigia prima sul bottone Trova problemi e poi su Ripara selezionati…, per correggere gli errori presenti nel registro di Windows. Acconsenti quindi alla creazione di una copia di sicurezza del registro (potrai servirtene in caso di eventuali problemi) e seleziona la cartella in cui salvare quest’ultima.

Rimuovere i file che occupano più spazio

Come pulire il PC e velocizzarlo

Dopo esserti sbarazzato dei file inutili e dopo aver corretto gli errori del registro di sistema, sei pronto a passare al secondo step: eliminare i file che occupano più spazio sul disco fisso del tuo computer e che essendo particolarmente “pesanti” contribuiscono a rallentare (e non poco) Windows.

Per scovare gli elementi più ingombranti, puoi avvalerti del software WinDirStat. Si tratta di uno strumento gratuito che analizza il contenuto dell’hard disk e ne mostra una rappresentazione grafica, utile a individuare rapidamente i dati che, appunto, occupano maggiore spazio.

Per scaricarlo sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e fai clic sulla voce FossHub, presente in corrispondenza della sezione List of official download mirrors. Nella nuova pagina visualizzata, clicca sul collegamento Download WinDirStat Windows Installer.

A download ultimato, apri il file .exe ottenuto, clicca su , seleziona la casella accanto alla voce I accept the terms in the License Agreement e clicca su Next per due volte, su Install, ancora su Next e poi su Close.

Una volta visualizzata la finestra del programma sul desktop, seleziona l’opzione singole unità, fai dunque clic sull’unità da esaminare e premi sul pulsante OK.

Ad analisi ultimata, ti verrà mostrata la lista con le cartelle presenti sul disco fisso del tuo computer che vanno ad occupare maggiore spazio. Nella parte in basso della finestra troverai invece il grafico con la rappresentazione delle tipologie di file più ingombranti. Per capire a che tipi di file corrispondono i riquadri del grafico, fai riferimento alla legenda in alto a destra.

Presa visione dei file che occupano maggiore spazio, puoi sbarazzartene direttamente tramite WinDirStat. Per riuscirci, selezionali, clicca sul pulsante con il cestino che sta sulla barra degli strumenti e pigia sul bottone OK in risposta all’avviso che vedi apparire sullo schermo.

Disabilitare l’avvio automatico dei programmi

Come pulire il PC e velocizzarlo

In una guida tutta incentrata su come pulire il PC e velocizzarlo è praticamente impossibile non menzionare la disattivazione dell’avio automatico dei programmi.

In tal modo, infatti, potrai rendere Windows più rapido in fase di avvio, appunto, oltre che liberare un po’ di RAM e, di conseguenza, migliorare le prestazioni generali del sistema.

Per riuscirci non hai bisogno di alcun software di terze parti, si fa tutto tramite gli strumenti inclusi in Windows. Per cui, richiama lo strumento Gestione attività cercandolo nel menu Start, seleziona la scheda Avvio dello stesso e disabilita tutti i programmi che non vuoi eseguire in automatico all’avvio del sistema, facendo clic destro su ciascuno di essi e pigiando poi sul bottone Disabilita che sta in basso.

Se vuoi un consiglio, lascia attivi solo gli elementi che hanno a che fare con la sicurezza del PC (es. antivirus e firewall) e con il sistema operativo (es. Windows Defender notification icon, che è il servizio di notifica dell’antivirus incluso in Windows).

Se stai utilizzando un computer equipaggiato con Windows 7 (o versioni precedenti), puoi compiere la medesima operazione richiamando la finestra di Esegui tramite la combinazione di tasti Win+R, digitando msconfig, schiacciando Invio sulla tastiera e selezionando la voce Avvio dalla finestra che si apre. Togli dunque la spunta dai programmi che non vuoi far avviare all’accesso a Windows e clicca su Applica e OK.

Deframmentare il disco

Come pulire il PC e velocizzarlo

Effettuare la deframmentazione del il disco è un’altra operazione che può essere decisamente conveniente per pulire il PC e velocizzarlo. Con il passare del tempo e soprattutto con l’utilizzo, i dati salvati nel computer finiscono infatti con il frammentarsi. In altri termini, per mancanza di spazi contigui sul disco, i dati vengono salvati in modo frammentato e, quindi, il sistema impiega più tempo per trovarli quando necessario.

La deframmentazione consente dunque di ovviare al problema in questione, specie sui computer su cui viene impiegato un hard disk meccanico (le unità SSD sono decisamene meno soggette a tale tipo di problematica).

Per impostazione predefinita, Windows effettua in maniera automatica la procedura di deframmentazione del disco per cui, in teoria, non sarebbe necessario far nulla. Se però vuoi sincerarti che le cose stiano effettivamente in questo modo oppure se vuoi avviare tu “manualmente” la procedura di deframmentazione, utilizza lo strumento apposito Deframmenta e ottimizza unità incluso in Windows a cui puoi accedere tramite il menu Start.

Una volta visualizzata sul desktop la finestra dello strumento, verifica la data data e l’orario riportati in corrispondenza del disco fisso di riferimento, nella colonna Ultima esecuzione della sezione Stato. Se la deframmentazione del disco è stata effettuata di recente non hai nulla di cui preoccuparti, in caso contrario avviala tu a mano facendo clic prima sul pulsante Analizza e poi su quello Ottimizza.

Se poi vuoi modificare le impostazioni relativa all’effettuazione automatica dell’operazione, premi sul pulsante Modifica impostazioni, verifica che ci sia il segno di spunta sulle voci Esegui in base a una pianificazione (scelta consigliata) e Notifica in caso di tre esecuzioni pianificate consecutive non completate (ed in caso contrario apponilo tu), seleziona la frequenza con cui vuoi effettuare la deframmentazione del disco tramite il menu a tendina Frequenza e clicca sul pulsante OK.

Trovare ed eliminare i virus

Come pulire il PC e velocizzarlo

Come anticipato in apertura, fra le principali cause del rallentamento di Windows ci sono i virus, che possono essere eliminati usando, come intuibile, un buon antivirus. Di strumenti di questo tipo ed in grado di assolvere in maniera eccellente allo scopo a cui sono preposti ne esistono diversi, c’è solo l’imbarazzo della scelta!

Se però me lo permetti, vorrei consigliarti Avira Free Antivirus, che è gratuito ed è uno tra i più efficaci sulla piazza.

Per servirtene, collegati al sito Internet dell’antivirus e clicca sul bottone Download gratuito che sta al centro della pagina visualizzata dopodiché pigia sul pulsante Scarica solo l’antivirus, in modo tale da avviare il download di Avira.

A download completato, apri il file .exe ottenuto e nella finestra che compare clicca prima su Esegui e poi su Accetta e installa, su Si e su Apri Avira.

Una volta installato e avviato l’antivirus, seleziona la voce Scansione dalla sua barra laterale ed avvia una scansione completa del sistema pigiando, appunto, sulla dicitura Scansione completa e successivamente sul bottone Avvia scansione. L’operazione, tienilo ben a mente, potrebbe durare anche diverse ore, a seconda delle dimensioni dell’hard disk da esaminare e della potenza del computer in uso.

Nel caso in cui Avira non riuscisse a portare a termine la sua scansione (alcuni virus bloccano l’esecuzione degli antivirus), prova ad usare la versione bootabile del software. Si tratta di un’edizione speciale di Avira, sempre gratuita, che va masterizzata su un CD/DVD vuoto ed eseguita al posto di Windows in fase di boot. Ti ho spiegato dettagliatamente come usarla nel mio tutorial dedicato a come pulire il PC da virus gratis.

Trovare ed eliminare i malware

Pulizia PC

Dopo aver esaminato il computer con un buon antivirus, ti consiglio di proseguire il lavoro per pulire il PC e velocizzarlo eseguendo una scansione antimalware per, appunto, sbarazzarti dei malware che i “comuni” antivirus non sono in grado di scovare e/o di rimuovere.

Il programma più adatto per raggiungere questo scopo è Malwarebytes Anti-Malware, che è disponibile in una caldissima versione gratuita. Non presenta un modulo di protezione in tempo reale, pertanto può essere abbinato senza problemi a qualsiasi software antivirus.

Per scaricare Malwarebytes Anti-Malware sul tuo PC, collegati al suo sito Internet e pigia prima sul bottone Download gratuito e poi su quello Scarica subito.

A download completato, apri il file .exe ottenuto e clicca su Esegui e su Si. Premi poi su OK per confermare l’uso della lingua italiana, clicca sul pulsante Accetta e Installa e porta a termine la procedura di installazione premendo su Fine.

Adesso, declina pure la proposta di provare la variante a pagamento del software e premi sul pulsante Scansione che sta nella scheda Dashboard, in modo tale da avviare subito una scansione completa del computer alla ricerca di eventuali malware. Anche in questo caso, l’operazione potrebbe durare parecchio tempo, nel caso cercare di portare un po’ di pazienza.

In caso di ulteriori problemi

Nonostante la messa in pratica delle mie indicazioni su come pulire il PC e velocizzarlo il tuo computer continua a risultare eccessivamente lento, restituisce errori vari o da altri problemi? Allora il miglior suggerimento che posso darti è quello di effettuare un bel ripristino del sistema, così da rimuovere alla radice le problematiche a livello software.

L’operazione è un tantino laboriosa, questo va detto, ma non è affatto complicata. Inoltre, il procedimento da mettere in pratica differisce leggermente a seconda della versione di Windows in uso.

Per saperne di più e soprattutto per scoprire con precisione in che modo procedere, fa’ riferimento ai miei tutorial dedicati in via specifica a Windows 10, Windows 8.x/8, Windows 7, Windows Vista e Windows XP.

E su Mac?

Oltre che un PC Windows possiedi un Mac e vorresti ricevere qualche utile dritta su come fare un po’ di sana pulizia tra i “meandri” di macOS, in modo tale da velocizzare il tuo computer a marchio Apple riportandolo alle glorie di un tempo? Detto, fatto! Leggi la mia guida su come ripulire il Mac ed il mio tutorial dedicato a come velocizzare Mac e potrai subito scoprire come procedere.

Ulteriori soluzioni utili allo scopo puoi poi trovarle indicate nel mio post incentrato sui programmi per pulire Mac e nel mio articolo dedicato ai programmi per ottimizzare Mac.