Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Scaricare musica e canzoni

di

Stai cercando della musica a costo zero da ascoltare dal tuo PC e dai tuoi dispositivi mobili o, eventualmente, da usare per un progetto personale e ti piacerebbe avere qualche “dritta” su dove procurartela? Vorresti acquistare musica online per avere gli album dei tuoi artisti preferiti a prezzi convenienti, ma essendo poco “tecnologico” non sai a quali servizi e negozi virtuali affidarti? Bene, sei nel posto giusto.

Nella guida di oggi, ti mostrerò, infatti, dove e come scaricare musica e canzoni tramite Internet segnalandoti i migliori servizi per reperire il tutto sia gratuitamente che a pagamento. Prima che tu possa pensare a chissà cosa, ci tengo a precisare sin da subito che non dovrai fare nulla di particolarmente complicato: le soluzioni descritte in questo mio tutorial sono praticamente alla portata di chiunque, anche di chi, come te, non si reputa esattamente uno “smanettone”.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero e comincia immediatamente a concentrarti sulle informazioni che trovi riportate qui di seguito. Sono sicuro che alla fine potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso e che, addirittura, qualora necessario sari pronto a fornire utili suggerimenti al riguardo a tutti i tuoi amici interessati al medesimo argomento. Scommettiamo?

Indice

Scaricare musica e canzoni gratis online

Tanti per cominciare, voglio suggerirti una serie di siti Internet ai quali puoi appellarti per scaricare musica e canzoni gratuitamente direttamente online. Li trovi indicati qui di seguito. Ti anticipo già che si tratta di portali che accolgono la musica non protetta da diritto d’autore e di piattaforme sulle quali sono gli stessi artisti a rendere disponibili il download delle proprie creazioni musicali. Buon divertimento!

Jamendo

Jamendo

La prima soluzione per scaricare musica e canzoni gratis online che voglio suggerirti di prendere in considerazione è Jamendo. Si tratta di un portale che raccoglie la musica prodotta da artisti ed etichette indipendenti, mediante il quale è possibile ascoltare brani in streaming e scaricarli (a patto però che sia per scopi personali).

Per servirtene, recati sulla home page di Jamendo e clicca sul bottone Inizia. Successivamente, seleziona l’opzione Crea un account nella barra laterale a sinistra e scegli se registrarti mediante l’account Facebook, quello Google oppure usando il tuo indirizzo di posta elettronica. Fornici poi i dati richiesti e segui la procedura guidata proposta per finalizzare la registrazione.

Fatto ciò, recati sulla pagina principale del servizio per visualizzare i successi del momento. Se vuoi, puoi filtrarli per genere facendo clic sull’opzione Tutti i generi e scegliendo quello di tuo interesse. In alternativa, puoi cercare un brano o un album per parola chiave, digitandola nel campo Cerca musica indipendente che si trova in alto.

Per accedere all’elenco completo di tutti i brani e gli album, invece, fai clic sulla voce Scopri presente nella barra laterale a sinistra, seleziona la scheda #Communities e clicca sul genere di tuo interesse. Dopodiché seleziona la scheda Brani per visualizzare l’elenco delle canzoni disponibili, quella Album per l’elenco degli album oppure quella Artisti per accedere alla lista dei cantanti e delle band.

Quando trovi un album o un brano che ti interessa, clicca sull’icona della freccia che va verso il basso che trovi in sua corrispondenza e premi pulsante Download gratuito per usi personali qualità MP3 per procedere con il download.

Ti faccio notare che se hai bisogno di scaricare brani musicali per fini commerciali, devi provvedere ad acquistare una licenza apposita. Per ulteriori informazioni, ti invito a leggere le indicazioni presenti nella sezione Licenze del sito di Jamendo.

NoiseTrade

NoiseTrade

Un altro ottimo portale che a mio modesto avviso faresti bene a prendere in considerazione per reperire musica e canzoni varie a costo zero è NoiseTrade. Si tratta di un rinomato sito Internet che consente di ascoltare musica in streaming e, all’occorrenza, di effettuarne il download.

Per servirtene, recati sulla home page di NoiseTrade e potrai subito visualizzare una selezione degli album nuovi e degni di nota. Andando invece a posizionare il puntatore del mouse sulla voce Music (in alto a sinistra) puoi sfogliare la musica disponibile sul sito per genere d’appartenenza.

Quando individui un album che pensi possa interessarti, fai clic sulla sua copertina per conoscere tutte le tracce che lo compongono, che puoi eventualmente riprodurre in streaming facendo clic sui singoli titoli. Se ti convincono, procedi pure con il download, registrandoti prima sul sito, facendo clic sul pulsante Enter email to listen to full tracks che si trova in alto e scegliendo se effettuare il login tramite account Facebook o con l’indirizzo di posta elettronica.

In seguito, fai clic sul bottone Download situato nella parte in alto della pagina dell’album di riferimento. Più facile di così?

SoundCloud

SoundCloud

Ti suggerisco altresì di fare un “giretto” su SoundCloud. Nel caso in cui non ne avessi mai sentito parlare, trattasi di una piattaforma che consente ad artisti, DJ, produttori musicali e semplici appassionati di musica di caricare e promuovere le proprie creazioni musicali. È possibile ascoltare le opere in questione in streaming e molte di esse posso anche essere scaricate, a patto che l’autore abbia acconsentito al download.

Per servirtene, recati sulla home page di SoundCloud e fai clic sul pulsante Crea account che si trova in alto, per registrarti sul sito (se non lo fai, non potrai scaricare i brani disponibili per il download). Scegli poi se registrarti tramite l’account Facebook, quello Google oppure mediante indirizzo di posta elettronica e fornisci i dati che ti vengono richiesti.

Ad accesso effettuato, scorri l’elenco dei brani proposti da SoundCloud per tipologia e seleziona quello che preferisci. In alternativa, effettua una ricerca per parola chiave tramite la barra apposita che si trova in cima. Quando trovi un contento che pensi possa interessarti, facci clic sopra e riproducilo in streaming premendo il pulsante Play.

Se il brano in riproduzione ti convince e desideri scaricarlo, fai clic sul pulsante Altro che trovi al centro della pagina e seleziona, dal menu che si apre, la voce Scarica file (se disponibile). Per approfondimenti riguardo il funzionamento del servizio, ti rimando alla lettura della mia guida specifica su come funziona SoundCloud.

Programmi per scaricare musica e canzoni gratis

Passiamo adesso ai programmi per scaricare musica e canzoni gratis. Trovi indicati qui di seguito quelli che ritengo essere i migliori della categoria, sia per Windows che per macOS. Spero vivamente siano in grado di soddisfare le tue necessità.

qBitTorrent (Windows/macOS/Linux)

qBitTorrent

Sapevi che molti artisti emergenti sono soliti diffondere le loro opere attraverso la rete BitTorrent e che, sempre tramite quest’ultima, è possibile reperire le esibizioni live di tantissimi artisti internazionali, vecchie registrazioni radiofoniche e vari altri “reperti” musicali decisamente interessanti? No? Beh, ora ne sei al corrente e, se vuoi, puoi scaricare il materiale di tuo interesse utilizzando un client apposito, come l’ottimo qBitTorrent.

Si tratta di un software gratuito e di natura open source per Windows, macOS e Linux che, diversamente dal ben più rinomato uTorrent, non include banner pubblicitari e non propone l’installazione di programmi extra in fase di setup. Include altresì un pratico motore di ricerca tramite il quale è possibile scovare i file d’interesse senza dover cercare su Internet.

Per effettuarne il download sul tuo computer, recati sul sito Web del programma e, se stai usando Windows, fai clic sul collegamento 32-bit & 64-bit installers che si trova accanto alla bandierina del sistema operativo Microsoft, dopodiché seleziona, nella nuova pagina che si apre, la voce qBittorrent Windows x64 (se stai usando Windows a 64 bit) oppure quella qBittorrent Windows (se stai usando Windows a 32 bit).

A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca sui bottoni , OK e Avanti nella finestra che compare sullo schermo. Metti poi il segno di spunta accanto alla voce Accetto le condizioni della licenza e porta a termine il setup facendo clic sui pulsanti Avanti (per due volte di seguito), Installa e Fine.

Se, invece, stai usando macOS, dopo aver aperto il sito del programma, per effettuarne il download clicca sul link DMG che trovi in corrispondenza del logo di Apple. Successivamente, seleziona la voce qBittorrent Mac OS X.

A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg ricavato, trascina l’icona di qBitTorrent nella cartella Applicazioni del computer, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu che si apre, in modo tale da avviare il software andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

A questo punto, a prescindere dal sistema operativo in uso, per cominciare a scaricare la musica che più ti piace ti basta fare doppio clic sui relativi file Torrent o selezionare il magnet link di riferimento. Se vuoi qualche consiglio riguardo i portali ai quali rivolgerti per reperire contenuti interessati, consulta il mio tutorial dedicato, appunto, ai migliori siti Torrent.

Come ti dicevo qualche riga più su, puoi cercare i file Torrent relativi a brani e album d’interesse anche andando ad agire direttamente da qBitTorrent, usando il motore di ricerca integrato. Per riuscirci, seleziona la voce Motore di ricerca dal menu Visualizza e, solo se stai usando Windows, clicca sul pulsante per accettare l’installazione di Python (un componente gratuito necessario per poter sfruttare la suddetta funzione).

In seguito, recati nella scheda Ricerca comparsa nella finestra di qBittorrent e clicca sui pulsanti Estensioni di ricerca e Verifica aggiornamenti, in modo tale da aggiornare tutti i plugin di ricerca. In seguito, premi sui bottoni OK e Close.

Compiuti tutti i passaggi di cui sopra, digita il nome del file che stai cercando nel campo apposito posto nella parte in alto della finestra del programma, clicca sul bottone Cerca, individua nell’elenco dei risultati il brano o l’album da scaricare e facci doppio clic sopra per avviare il download. Se pensi di aver bisogno di maggiori informazioni sul da farsi, leggi la mia guida su come usare qBitTorrent.

Lacey (Windows)

Lacey

Se quello che stai usando è un computer con su installato Windows, un altro software al quale puoi rivolgerti per scaricare musica e canzoni a costo zero è Lacey. Si tratta di un programma freeware disponibile solo per i sistemi operativi di casa Microsoft che consente di cercare e scaricare brani in formato MP3 prelevandoli da svariati servizi online. È facile da usare e, inoltre, non necessita di installazione.

Per effettuare il download di Lacey, recati sul suo sito Internet e fai clic sul collegamento Free Download Lacey.zip. A scaricamento ultimato, estrai l’archivio ZIP ricavato e apri il file .exe contenuto al suo interno.

Una volta visualizzata la finestra di Lacey sullo schermo, clicca sul bottone la freccetta presente in alto e seleziona i nomi dei servizi dei quali vuoi avvalerti per il download dei brani. Successivamente, digita il titolo della canzone da scaricare nel campo apposito che si trova in cima e fai clic sul bottone Search adiacente.

Quando vedrai comparire i risultati della ricerca, individua la canzone da scaricare, facci clic destro sopra e, dal menu contestuale che si apre, seleziona la voce Download and Convert to MP3. Et voilà!

App per scaricare musica e canzoni gratis

Fildo

Trovi i servizi online e i programmi per PC di cui ti ho parlato nei passi precedenti molto interessanti ma ti piacerebbe capire se esiste anche qualche soluzione per smartphone e tablet tramite cui poter scaricare musica e canzoni gratis? Detto, fatto. Qui di seguito, infatti, trovi tutta una serie di app di cui puoi avvalerti per lo scopo in questione. Ce ne sono sia per Android che per iOS. Provale subito!

  • Jamendo (Android/iOS) – è l’app companion (gratuita) del sito Internet per la musica indipendente di cui ti ho parlato nel passo a inizio guida. Servendotene puoi trovare tantissimi brani appartenenti a praticamente qualsiasi genere musicale, i quali possono essere riprodotti in streaming o scaricati gratis. Il download, però, è possibile solo sui dispositivi Android.
  • SoundCloud (Android/iOS) – è l’app (gratuita) del servizio per l’ascolto e il download della musica sfruttato da artisti, DJ, produttori musicali e semplici appassionati di cui ti ho parlato nel passo a inizio post. Te la segnalo per mera completezza d’informazione, ma in realtà l’app non consente il download dei brani.
  • TinyTunes (Android) – famosa e apprezzata app gratuita per il download della musica su Android. Usandola, puoi cercare e scaricare file audio d’ogni sorta, prelevandoli da fonti diverse. Non essendo disponibile sul Play Store, va scaricata dal sito Internet dello sviluppatore e installata mediante il relativo file APK, previa abilitazione del supporto alle origini sconosciute nelle impostazioni del dispositivo, come ti ho spiegato nella mia guida su come installare APK.
  • Fildo (Android) – app dal funzionamento simile a TinyTunes. È gratis e permette di cercare e scaricare ogni genere di brano musicale da disparate fonti. Anche in tal caso, l’app non è disponibile sul Play Store, per cui, per installarla, bisogna scaricare il relativo file APK e abilitare il supporto alle origini sconosciute nelle impostazioni di Android (per maggiori informazioni sul da farsi, consulta la mia guida sull’argomento che ti ho segnalato poc’anzi).

Scaricare musica e canzoni a pagamento

Store Amazon musica digitale

Vediamo adesso come scaricare musica e canzoni a pagamento da alcuni dei negozi online più popolari del mondo. Li trovi indicati qui di seguito.

  • iTunes Store – è lo store di Apple per la vendita di singoli e album musicali. È accessibile da Windows e macOS, tramite iTunes, e da iOS, mediante l’app “di serie” iTunes Store. I prezzi medi sono di 9,99 euro per gli album e 1,29 euro per i brani singoli, ma ci sono spesso offerte che portano i prezzi delle singole canzoni a 0,69 euro e quelli degli album a 4,99 euro. Per servirtene da computer, avvia iTunes, seleziona la voce Musica nel menu in alto a sinistra e poi la scheda Store, dopodiché scegli singoli e album d’interesse tra quelli proposti o cercali tramite la barra di ricerca in alto a destra. Da iOS, invece, avvia l’app iTunes Store e cerca brani e album da acquistare nella sezione Musica. In tutti i casi, per procedere con l’acquisto, seleziona il contenuto d’interesse e premi sul pulsante con il prezzo. Per approfondimenti sul da farsi, ti rimando alla lettura della mia guida specifica su come acquistare su iTunes  e del mio post su come caricare musica da iPhone (valido anche per iPad, a discapito del titolo).
  • Amazon – anche il famoso sito per il commercio elettronico propone uno store per la musica digitale. Si possono scaricare, a pagamento, brani e album di ogni genere ed epoca. I prezzi medi sono di 1,29 euro o 0,89 euro per i singoli brani e 12,99 euro oppure 8,99 euro per gli album. Per acquistare singoli e album, collegati alla home page dello store di Amazon Music e inizia a cercare i contenuti di tuo interesse scorrendo la pagina visualizzata (puoi anche aiutarti con i filtri e le categorie sulla sinistra) o tramite parola chiave, usando la barra apposita in cima. Quando trovi un contenuto che ti interessa, selezionalo e clicca sul bottone per procedere con l’acquisto che si trova a destra. Tutta la musica acquistata può poi essere sincronizzata su più dispositivi e ascoltata anche online attraverso il client Amazon Music fruibile via Web, su Windows e su macOS, oltre che da mobile, sotto forma di app per Android e per iOS. Ovviamente, per comprare musica digitale bisogna disporre di un account Amazon. Se non ne hai ancora uno, rimedia subito leggendo la mia guida su come acquistare su Amazon.

Servizi per lo streaming musicale

Screenshot che mostra l'uso di Apple Music su iTunes

Per concludere in bella, come si suol dire, voglio parlarti dei servizi per lo streaming musicale. Data la loro natura, menzionarli in questo tutorial dedicato a come scaricare musica e canzoni potrebbe sembrare inappropriato. In realtà, però, le cose non stanno così. Tutti i principali servizi parte della categoria, infatti consentono il download di singoli brani, interni album e playlist sui dispositivi in uso, in modo tale da poter riprodurre il tutto anche offline.

Se la cosa ti interessa, quindi, procedi pure nella lettura. Qui di seguito trovi elencati ed esplicati quelli che a parer mio rappresentano i migliori servizi per lo streaming musicale attualmente disponibili su piazza. Da notare, però, che salvo un iniziale periodo di prova gratuito riservato ai nuovi utenti, si tratta di soluzioni a pagamento, almeno nella quasi totalità dei casi.

  • Spotify – è stato uno tra i primi servizi per lo streaming musicale a riscuotere gran successo e continua tutt’ora ad essere molto apprezzato. È fruibile sotto forma di client per Windows e macOS, come app per Android e iOS e su molti altri dispositivi, come la PS4. Propone un piano base gratuito con spot pubblicitari e altre limitazioni, tra cui l’impossibilità di scaricare i brani per l’ascolto offline. Per ovviare alla cosa, va sottoscritto il piano a pagamento avente un costo base pari a 9,99 euro/mese (o 119,88 euro/anno). I nuovi utenti possono però provarlo gratuitamente per 30 giorni. Per maggiori informazioni, consulta il mio tutorial su come funziona Spotify.
  • Apple Music – è il servizio per lo streaming musicale di casa Apple. Dispone di un ricchissimo database di brani, album e playlist che viene costantemente aggiornato. Include anche la Libreria musicale di iCloud, che permette di caricare sul cloud di Apple e sincronizzare su tutti i propri dispositivi i propri brani preferiti (compresi quelli che non fanno parte del catalogo del servizio). È fruibile su macOS e su Windows tramite iTunes (che su Mac è preinstallato), mentre su smartphone e tablet il servizio lo si trova integrato nell’app Musica per iOS ed è fruibile sotto forma di app dedicata per Android. Costa 9,99 euro/mese o 99 euro/anno, ma i nuovi utenti possono provare il servizio a costo zero per 3 mesi. Per maggiori informazioni, consulta la mia guida su come funziona Apple Music.
  • Google Play Music – trattasi del servizio per lo streaming musicale di Google. Si può usare tramite il client Web oppure mediante l’app per Android e per iOS. Presenta un costo pari 9,99 euro/mese e, anche in tal caso, i nuovi utenti possono usufruirne gratuitamente per i primi 30 giorni. Per maggiori informazioni, leggi il mio articolo dedicato a come funziona Google Play Music.
  • Amazon Music – trattasi del servizio per lo streaming musicale di Amazon. Costa 9,99 euro/mese (o 99 euro/anno per i clienti Prime), ma i nuovi utenti possono provarlo gratis per 30 giorni. Inoltre, tutti gli abbonati ad Amazon Prime possono fruirne a costo zero in una versione ridotta che offre l’accesso a 2 milioni di brani e limita l’ascolto a 40 ore al mese. È accessibile tramite il client Web, per Windows e per macOS, come app per Android e per iOS e ovviamente su Amazon Echo. Per approfondimenti, leggi la mia guida su come funziona Amazon Music Unlimited.
  • YouTube Music – è il servizio per lo streaming musicale ufficiale di YouTube. È basato sul database di video caricati sulla nota piattaforma. Si può usare gratis, ma per l’ascolto offline e per accedere al altre funzioni aggiuntive occorre sottoscrivere l’abbonamento a pagamento, al costo di 9,99 euro/mese. I nuovi utenti, però, possono provare il servizio a costo zero per 30 giorni. È accessibile tramite client Web e come app per Android e per iOS. Per ulteriori informazioni, ti suggerisco la lettura del mio post su come funziona YouTube Music.

Attenzione: scaricare da Internet brani protetti da copyright, in maniera abusiva, costituisce un reato gravissimo. Con questa mia guida, io non intendo in alcun modo incentivare la pirateria e, pertanto, non mi assumo alcuna responsabilità circa l’utilizzo che farai delle informazioni che ti ho fornito che, ci tengo a sottolinearlo, sono state scritte a mero scopo illustrativo.