Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aggiornare il telefono

di

Da qualche giorno a questa parte, il tuo smartphone ti sta "assillando" con una richiesta di aggiornamento: inizialmente eri intenzionato ad accettare, ma poi sei stato preso da panico. Non sei propriamente un esperto di tecnologia, anzi diciamo che sei alle primissime armi con gli smartphone, e temi che installando un aggiornamento software il tuo telefono possa impallarsi facendoti perdere tutti i dati.

Ti capisco: la tua è una preoccupazione legittima, ma è sbagliato farsi prendere dal panico. Se aggiorni il tuo telefono seguendo le procedure ufficiali previste dal produttore, il rischio di perdere i dati e di bloccare il dispositivo è praticamente nullo. Anzi, da un aggiornamento software spesso si traggono numerosi benefici, come ad esempio la possibilità di usufruire di nuove funzionalità e di avere un sistema più protetto contro gli attacchi dei criminali informatici. È vero, in alcune circostanze, soprattutto se si ha un telefono non di primissimo pelo, gli aggiornamenti possono rallentare le prestazioni del sistema, ma è uno scotto che bisogna imparare a pagare in cambio dei vantaggi di cui abbiamo appena parlato.

Allora, sei pronto a procedere? Se vuoi sapere come aggiornare il telefono senza rischi e vuoi provare le funzioni delle versioni più recenti di Android o iOS, prenditi qualche minuto di tempo libero e metti in pratica le indicazioni che sto per darti. Scommetto che resterai stupito dalla semplicità con cui riuscirai a fare tutto e dai vantaggi che otterrai aggiornando il tuo device!

Indice

Operazioni preliminari

Come aggiornare il telefono

Aggiornare un telefono utilizzando i canali ufficiali, come ad esempio il sistema di aggiornamento OTA o i software per PC rilasciati dai produttori, non comporta la cancellazione di alcun dato. Tuttavia, come si suol dire, la prudenza non è mai troppa e quindi, prima di procedere, ti consiglio vivamente di effettuare un backup completo dei dati presenti sul tuo device.

Entrando più nel dettaglio, ti consiglio di effettuare una copia locale dei dati, salvandoli sul computer o su una scheda di memoria esterna, e di sfruttare i sistemi di backup sul cloud, ad esempio Google Drive (se utilizzi un terminale Android) o iCloud (se hai un iPhone) per avere una copia online di foto, video, contatti, calendari e di tutti i tuoi file più importanti.

Se ti serve una mano ad effettuare il backup dei dati presenti sul telefono, segui le indicazioni che trovi nei miei tutorial su come effettuare un backup Android e come fare un backup di iPhone. Altra guida che potrebbe esserti utile è quella su come scaricare foto dal cellulare al PC.

Come aggiornare un telefono Android

Come aggiornare un telefono Android

Se possiedi uno smartphone Android, puoi aggiornare il telefono seguendo due strade differenti: puoi avviare la ricerca di aggiornamenti direttamente sul dispositivo (in questo caso si parla di aggiornamenti OTA, cioè aggiornamenti over the air) oppure puoi collegare il cellulare al PC e usare il software fornito dal produttore (es. Huawei o Samsung) per cercare e installare gli aggiornamenti più recenti del sistema operativo. Per maggiori dettagli, continua a leggere: trovi spiegato tutto qui sotto.

Aggiornamenti OTA per Android

Il modo più semplice di aggiornare uno smartphone Android è ricorrere agli aggiornamenti OTA, cioè agli aggiornamenti che i produttori rilasciano tramite Internet e che possono essere installati direttamente sul telefono senza collegare quest'ultimo al PC. Affinché la procedura vada a buon fine è necessario che lo smartphone abbia almeno il 50% di carica residua e sia connesso a una rete Wi-Fi (se è connesso alla rete 3G/4G, rischi di consumare tutti i tuoi Giga!).

Per verificare la presenza di aggiornamenti OTA sul tuo telefono, accedi alle Impostazioni di Android pigiando sull'icona dell'ingranaggio che si trova in home screen oppure nella schermata con la lista di tutte le app installate sul dispositivo, dopodiché vai su Info sul telefono > Aggiornamenti di sistema e avvia la ricerca di aggiornamenti pigiando sull’apposita opzione.

Come aggiornare il telefono

Se vengono trovati aggiornamenti disponibili, fai tap sul pulsante Scarica (oppure Scarica in Wi-Fi), attendi pazientemente che il download del software venga portato a termine (puoi seguire l'avanzamento dello scaricamento richiamando il menu delle notifiche di Android, con uno swipe dalla cima dello schermo verso il basso) e premi sul pulsante Installa adessoInstalla e riavvia per avviare l'installazione dell'update.

Se Android ti ha già notificato la presenza di aggiornamenti in maniera automatica, puoi saltare tutti i passaggi illustrati in precedenza (eccetto quelli relativi al backup) e passare all'installazione dell'update semplicemente richiamando il menu delle notifiche, selezionando la notifica relativa all'aggiornamento e pigiando sul pulsante Installa adesso o Installa e riavvia. Lo smartphone si riavvierà da solo e, dopo qualche minuto, ti consentirà di usare la nuova versione di Android, in cui troverai intatti tutti i tuoi dati, le tue app e le impostazioni di sistema.

Dopo l'aggiornamento di Android, potrebbe esserti chiesto di aggiornare anche i Google Play Services: un componente necessario al funzionamento dei servizi di Google, come ad esempio il Play Store. Espandi dunque il menu delle notifiche effettuando uno swipe dalla cima dello schermo verso il basso, seleziona la voce relativa ai Google Play Services e procedi al download dell'aggiornamento dal Play Store. Se qualche passaggio non ti è chiaro o hai bisogno di maggiori informazioni su come aggiornare Google Play Services, leggi il mio tutorial dedicato all'argomento.

Google Play Services

Se il tuo smartphone è equipaggiato con una versione personalizzata di Android, potresti dover seguire dei passaggi leggermente diversi per avviare la ricerca di nuovi aggiornamenti. Se, ad esempio, hai un dispositivo Huawei equipaggiato con l'interfaccia personalizzata EMUI, devi andare nel menu Impostazioni (l'icona dell'ingranaggio che si trova in home screen), selezionare Updater (o Aggiorna sistema) dalla parte finale della schermata che si apre e pigiare sul pulsante per avviare la ricerca degli aggiornamenti.

Se viene trovata una nuova versione di Android disponibile, fai tap sulla voce Nuova versione XX, premi il pulsante Aggiornamento rapido e attendi che l'update venga scaricato e installato. Se il telefono ti ha già notificato la presenza di aggiornamenti, puoi saltare i passaggi appena descritti e selezionare direttamente la notifica relativa all'aggiornamento dal menu delle notifiche di Android (puoi impostare la ricerca automatica degli aggiornamenti andando in Impostazioni > Updater e pigiando sul pulsante Menu che si trova in basso). Se ti servono maggiori informazioni su come aggiornare il telefono Huawei, leggi il mio tutorial dedicato all'argomento.

Come aggiornare il telefono Huawei

Anche nel caso degli smartphone Samsung la ricerca degli aggiornamenti OTA è semplicissima: basta andare nel menu Impostazioni > Info sul dispositivo > Aggiornamenti softwaree pigiare sulla voce Scarica aggiornamenti manualmente.

In alternativa, se il dispositivo ha già segnalato la presenza di update (la ricerca automatica degli aggiornamenti si può impostare sempre nel menu che ti ho appena indicato), è possibile avviare il download e l'installazione di quest'ultimo selezionando l'apposita voce dal menu delle notifiche di Android. Se vuoi maggiori informazioni su come aggiornare il telefono Samsung, segui le indicazioni presenti nella mia guida al riguardo.

Come aggiornare il telefono Samsung

Hai effettuato il root sul tuo smartphone Android e non riesci a scaricare gli aggiornamenti OTA per quest'ultimo? È una cosa normale. Molte volte, infatti, il root impedisce di installare gli update che i produttori rilasciano tramite sistema OTA. Per ovviare al problema, potresti rivolgerti a soluzioni come FlashFire: un'applicazione gratuita disponibile sul Play Store che permette di installare gli aggiornamenti che i produttori rilasciando via OTA e di installarli in maniera "forzata" flashandoli sul device.

L'applicazione in sé è molto intuitiva, ma trattandosi di un tool non ufficiale e agendo in maniera profonda sul sistema, può portare a problemi come il boot loop (cioè il riavvio continuo del dispositivo) costringendo l'utente a effettuare una formattazione completa del device. Insomma: prima di ricorrere a una soluzione del genere, pensaci bene e informati circa la sua compatibilità con il telefono in tuo possesso. Per maggiori dettagli al riguardo, consulta il mio tutorial sull'aggiornamento di Android, in cui, tra le altre cose, ti ho parlato anche di FlashFire.

FlashFire

Aggiornare Android dal computer

Come accennato già in precedenza, è possibile aggiornare un telefono Android anche tramite computer, utilizzando i software ufficiali rilasciati dai produttori. Grazie a questi software, è possibile mettere in comunicazione lo smartphone e il computer (in quanto contengono i driver necessari al riconoscimento dei dispositivi da parte di Windows o macOS), eseguire backup completi dei dati presenti sul telefono, gestire i contatti, le app e molto altro ancora.

Altra funzione offerta dai programmi in questione – quella che interessa maggiormente a te in questo frangente – è quella che permette di controllare la disponibilità di aggiornamenti per Android e installare questi ultimi sullo smartphone: tutto in un manciata di clic e senza cancellare i dati presenti sul dispositivo.

Come aggiornare il telefono Android dal PC

Di seguito trovi la lista dei principali programmi per gestire i dispositivi Android dal computer, con i link per scaricarli a costo zero.

  • Samsung SmartSwitch – si tratta del programma che permette di gestire (e aggiornare) i dispositivi Samsung dal computer. È compatibile con Windows e macOS.
  • HiSuite – l'applicazione ufficiale di Huawei per gestire e aggiornare i dispositivi del colosso asiatico da PC. È compatibile solo con Windows.
  • Motorola Device Manager – il software ufficiale di Motorola per gestire e aggiornare gli smartphone a marchio Moto. È compatibile con Windows e macOS.
  • Sony Xperia Companion – il programma per gestire e aggiornare i telefoni Sony dal computer. È compatibile con Windows e macOS.
  • HTC Sync Manager – il software ufficiale per gestire e aggiornare gli smartphone HTC dal computer. È compatibile con Windows e macOS.

Per scaricare il programma più adatto al tuo smartphone, visita il suo sito ufficiale usando uno dei link che ti ho fornito e clicca sul pulsante di download relativo a Windows o macOS (a seconda del sistema operativo che utilizzi).

A scaricamento completato, lancia il pacchetto d'installazione del software (il file exe o msi se usi Windows o il file pkg se usi macOS) e segui le indicazioni su schermo. La procedura varia da programma a programma, ma in genere basta fare clic sempre su Avanti o Next e mettere la spunta sulla casella relativa all'accettazione delle condizioni d'uso del software. Su macOS, oltre a cliccare su Avanti o Continua, occorre digitare anche la password del proprio account utente (quella che si usa per accedere al sistema).

Installazione HiSuite

Ad installazione completata, collega il tuo smartphone al computer usando il cavo USB in dotazione, espandi il menu delle notifiche di Android e, dopo aver selezionato l'opzione relativa alla connessione USB, scegli l'opzione MTP (in modo da far riconoscere in maniera corretta il dispositivo al computer). A questo punto, avvia il programma di gestione del telefono sul PC e clicca sull'opzione per avviare la ricerca degli aggiornamenti.

Se hai un device Samsung e quindi usi Smart Switch, fai clic sulla freccia collocata accanto al nome del telefono e pigia prima sul pulsante Aggiorna e poi su Conferma per avviare prima il download e poi l'installazione degli aggiornamenti per Android. Se qualche passaggio non ti è chiaro, consulta i miei tutorial su come collegare un cellulare Samsung al PC e come aggiornare il telefono Samsung.

Come aggiornare il telefono Samsung dal PC

Se, invece, hai un terminale Huawei, collega quest'ultimo al PC usando il cavo USB in dotazione e attiva la modalità debug USB nel menu Impostazioni > Opzioni sviluppatore di Android. Se non vedi il menu con le "opzioni sviluppatore" nelle impostazioni del tuo device, seleziona la voce Info sul telefono dal menu Impostazioni e pigia per sette volte consecutive sull’opzione Versione Build o sull'opzione Numero serie.

Una volta attivato il debug USB sul telefono, avvia HiSuite sul computer, rispondi in maniera affermativa alla richiesta di connessione che compare sullo smartphone e fai clic sulla voce Aggiorna sistema che si trova in basso a destra. Attendi quindi che venga verificata la presenza di aggiornamenti per Android e, in caso di esito positivo, accetta la loro installazione cliccando sul pulsante apposito. Se ti viene chiesto di inviare il codice IMEI dello smartphone ai server di Huawei, accetta.

Come aggiornare il telefono Huawei

Se qualche passaggio non ti è chiaro, leggi i miei tutorial su come collegare Huawei al PC e come aggiornare il telefono Huawei: in essi troverai tutte le indicazioni di cui hai bisogno per connettere uno smartphone Huawei al computer e aggiornarlo.

Se invece hai uno smartphone di una marca diversa da Samsung e Huawei e incontri delle difficoltà nel collegamento del dispositivo al computer, leggi il mio tutorial "generico" su come collegare Android al PC.

Soluzioni alternative

Per questioni meramente commerciali, i produttori di smartphone Android tendono a distribuire gli aggiornamenti per i loro device con estremo ritardo rispetto ai rilasci effettuati da Google (che è la casa sviluppatrice del sistema del robottino verde). Dopo 18 mesi, poi, non sono più tenuti a supportare i telefoni e quindi, sempre più spesso, li lasciano "morire" senza proporre più update.

Per porre rimedio a questa situazione, è possibile installare degli aggiornamenti non ufficiali rilasciati dalla community degli appassionati di Android. Tali aggiornamenti vengono rilasciati sotto forma di ROM e quindi vanno flashati, cioè vanno installati in maniera "forzata" sui dispositivi usando degli strumenti esterni, ad esempio il software ODIN per gli smartphone Samsung o le recovery personalizzate per i dispositivi di altre marche.

Come aggiornare il telefono

Qualora non lo sapessi, le recovery sono dei software che si avviano prima del sistema operativo dello smartphone, quindi prima di Android, e permettono di compiere svariate operazioni. Quelle incluse "di serie" nei telefoni sono piuttosto limitate e non permettono di flashare le ROM: da qui l'esigenza di sostituirle con delle recovery personalizzate, che invece permettono di flashare ROM, installare pacchetti personalizzati, creare backup completi del dispositivo e molto altro ancora.

L'installazione delle recovery personalizzate è abbastanza semplice, ma richiede lo sblocco del bootloader, cioè del software che dà le istruzioni al telefono in fase di avvio. Lo sblocco del bootloader è un'altra operazione piuttosto semplice (che varia da terminale a terminale), ma ha diverse controindicazioni: in primis prevede la cancellazione di tutti i dati presenti sul device, poi invalida la garanzia del produttore.

Recovery personalizzata Android

Se la tua voglia di installare una versione più aggiornata di Android "batte" tutte le limitazioni e i problemi a cui potresti andare incontro, visita dei siti specializzati sul modding di Android (es. il famosissimo forum XDA), accedi alla pagina dedicata al dispositivo in tuo possesso, scopri quali ROM sono disponibili per quest'ultimo e consulta i tutorial relativi alla loro installazione.

Mi raccomando: prima di procedere, controlla attentamente che la ROM scaricata sia pensata in maniera specifica per il modello di smartphone in tuo possesso (controlla il nome esatto del dispositivo nel menu Impostazioni > Info sul dispositivo di Android, perché esistono diverse varianti degli stessi modelli di telefono), altrimenti rischi di brickare il telefono e renderlo inutilizzabile.

Per approfondimenti relativi allo sblocco del bootloader e all'installazione di recovery personalizzate e ROM, consulta i miei tutorial dedicati al root, come quelli su come sbloccare Huawei e come effettuare il root su Android.

Come aggiornare un iPhone

Come aggiornare un iPhone

Così come i dispositivi Android, anche gli iPhone di Apple si possono aggiornare utilizzando gli aggiornamenti OTA o collegandoli fisicamente a un computer. Nel primo caso, gli aggiornamenti di iOS vengono scaricati in maniera incrementale, quindi risultano più leggeri da scaricare (in quanto viene prelevata solo la parte "che serve" rispetto alla versione di iOS già installata sul dispositivo); effettuando l'aggiornamento da PC, invece, viene scaricata la versione completa di iOS e quindi il download risulta più lento. In entrambi i casi, non vengono intaccati dati, app o impostazioni presenti sul "melafonino": tutto rimane al suo posto. Quindi al bando le ciance e passiamo subito all'azione!

Aggiornamenti OTA per iOS

Per avviare la ricerca di un aggiornamento OTA per iOS, apri il menu Impostazioni del tuo iPhone (l'icona dell'ingranaggio che si trova in home screen), vai su Generali > Aggiornamento software e attendi qualche secondo affinché venga controllata la disponibilità di update.

In caso di esito positivo, se cioè sono disponibili aggiornamenti per iOS, fai tap sulla voce Scarica e installa, digita il codice di sblocco del tuo "melafonino", pigia sui pulsanti Accetta e Accetto e attendi che venga eseguito il download del software. A scaricamento completato, decidi di installare ora la nuova versione di iOS e attendi che il dispositivo venga riavviato.

Come aggiornare iPhone

Al riavvio dell'iPhone, vedrai una barra di avanzamento che segnerà i progressi nell'installazione della nuova versione di iOS. Al termine della procedura di aggiornamento, potresti dover eseguire nuovamente l'accesso al tuo ID Apple e dare nuovamente la conferma relativa alla condivisione delle statistiche d'uso con Apple e gli sviluppatori.

Nota: affinché tutto vada per il verso giusto, l'iPhone deve avere almeno il 50% di carica residua e deve essere connesso a una rete Wi-Fi (connettendolo alla rete 3G/4G rischieresti di consumare tutti i Giga del tuo piano dati).

iPhone aggiornato

Per impostazione predefinita, iOS dovrebbe verificare automaticamente la disponibilità di aggiornamenti software e inviare notifiche al riguardo all'utente. Quando è disponibile un aggiornamento di sistema e si riceve una notifica in merito, si può scegliere se installare l'update subito o dopo.

Scegliendo l'opzione per posticipare l'installazione dell'aggiornamento di iOS, l'utente viene invitato a digitare il codice di sblocco dell'iPhone e il telefono si aggiorna automaticamente nel corso della notte (a patto che il "melafonino" venga connesso a una fonte di alimentazione e a una rete Wi-Fi).

Se vuoi verificare l'attivazione degli aggiornamenti automatici in iOS, recati nel menu impostazioni > iTunes Store e App Store del tuo "melafonino" e, se non è ancora attiva, sposta su ON la levetta relativa alla funzione Aggiornamenti.

Aggiornamento automatico iOS

Nota: se hai sottoposto il tuo iPhone alla procedura di jailbreak, aggiornando iOS perderai Cydia e tutti i suoi tweak. Pensaci bene di procedere. E se non sei più interessato al jailbreak, provvedi prima a ripristinare l'iPhone in modalità DFU e poi a installare, di conseguenza, la versione più recente di iOS. Trovi tutti i dettagli in merito nei miei tutorial su come levare il jailbreak e come mettere l'iPhone in DFU.

Aggiornare iOS dal computer

Per aggiornare un iPhone dal computer è necessario iTunes, il celebre software multimediale di Apple che è incluso "di serie" in tutti i Mac ed è disponibile come download gratuito per i PC Windows. Se tu utilizzi un computer animato da Windows e non hai ancora provveduto a scaricarlo, collegati al sito Internet di Apple e clicca sul pulsante Download 64 bit se utilizzi un sistema operativo a 64-bit o sul pulsante Download 32 bit se utilizzi un sistema operativo a 32 bit.

A download completato, avvia il file exe che hai appena scaricato sul PC e, nella finestra che si apre, pigia prima sul pulsante Avanti e poi su Installa,  e Fine per concludere il setup.

Installazione iTunes

Dopo aver installato iTunes, collega l'iPhone al computer usando il cavo Lightning in dotazione e autorizza la comunicazione tra i due dispositivi pigiando sul pulsante Autorizza che compare sullo schermo del "melafonino", digitando il PIN di sblocco di quest'ultimo e cliccando sul pulsante Continua che compare sul desktop del computer.

A questo punto, se è disponibile una nuova versione di iOS, iTunes te lo comunicherà e tu potrai installare l'aggiornamento sul tuo "melafonino" cliccando prima sul pulsante  Scarica e aggiorna e poi su Successivo e Accetto. Attendi quindi che vengano scaricati tutti i dati che compongono l'update (il processo potrebbe durare a lungo, visto il download corposo) e, al termine dell'operazione, l'iPhone verrà riavviato per l'installazione dell'ultima versione di iOS.

Come aggiornare iPhone da PC

Se quando colleghi l'iPhone al computer non compare alcun avviso relativo alla disponibilità di aggiornamenti, forza la ricerca di nuove versioni di iOS ciccando sull'icona del "melafonino" collocata in alto a sinistra, selezionando la voce Riepilogo dalla barra laterale di iTunes e pigiando sul pulsante Aggiorna presente nella schermata che si apre.

Se qualche passaggio non ti è chiaro e/o ti servono maggiori informazioni su come aggiornare iOS o come collegare iPhone al PC, consulta i miei tutorial dedicati a questi temi.