Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come condividere lo schermo

di

Durante una videoconferenza, vorresti mostrare ai tuoi interlocutori lo schermo del tuo dispositivo per far vedere loro un documento o una certa pagina Web? Beh, non vedo dove sia il problema: ormai tutte le principali piattaforme di conference call permettono di fare ciò, tra l’altro in modo alquanto semplice e immediato.

Se sei finito su questa guida, però, mi sembra evidente che tu abbia qualche difficoltà nel compiere l’operazione in oggetto. Le cose stanno così, vero? Allora non preoccuparti: se vuoi, posso darti io una mano e illustrarti come condividere lo schermo utilizzando alcuni dei principali software di videoconferenza presenti attualmente su piazza: Skype, Zoom, Google Meet e Microsoft Teams, giusto per fare qualche esempio.

Se sei pronto per iniziare, direi di non perdere altro tempo in chiacchiere e iniziare sùbito. Forza e coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura di questa guida e, cosa ancora più importante, cerca di attuare le “dritte” che ti darò. Se lo farai, non avrai alcuna difficoltà a portare a termine la tua “impresa tecnologica” di oggi. Buona lettura!

Indice

Come condividere lo schermo con Skype

Se vuoi condividere lo schermo con Skype, sappi che puoi riuscirci richiamando l’apposita funzione disponibile sia nella versione mobile che in quella desktop del servizio.

Smartphone e tablet

Condivisione schermo Skype mobile

Per procedere da smartphone e tablet, accedi a Skype dalla sua app per Android o iOS/iPadOS e avvia una videochiamata o rispondi a una conversazione avviata da un altro utente (ti ho spiegato come riuscirci in quest’altra guida). Dopodiché fai tap sul pulsante (…) collocato in basso a destra e premi sul bottone Condividi schermo situato in basso a destra. Se non l’avevi ancora fatto, concedi all’app i permessi necessari per condividere lo schermo.

A partire da questo momento, Skype condividerà tutto ciò che accade sullo schermo del tuo device. Per terminare la condivisione, fai tap sulla voce Termina la condivisione posta in alto, sotto la dicitura Condivisione schermo… che puoi vedere tornando nell’app di Skype.

Per maggiori informazioni su come condividere lo schermo su Skype, ti rimando alla lettura dell’approfondimento che ho dedicato interamente all’argomento.

Computer

Condivisione schermo Skype computer

Se preferisci agire da computer, accedi a Skype dal suo client ufficiale e avvia una chiamata/videochiamata oppure rispondi a una conversazione avviata da un altro utente (ti ho spiegato come riuscirci in quest’altro articolo). Per condividere lo schermo, clicca poi sul pulsante Condividi schermo situato in basso a destra, premi sul pulsante Avvia condivisione e concedi all’applicazione i permessi richiesti per registrare e condividere lo schermo.

Per interrompere la condivisione dello schermo, clicca poi sul pulsante Opzioni di condivisione schermo (in basso a destra) e seleziona la voce Termina la condivisione nel menu che si apre.

Skype è disponibile anche in versione Web, utilizzabile anche senza registrazione (utilizzando account guest che durano 24 ore), il cui funzionamento non si discosta molto dal client desktop di cui ti ho appena parlato. Se desideri avere qualche informazione in più su come condividere lo schermo su Skype, ti rimando alla lettura della guida che ho dedicato interamente all’argomento.

Come condividere lo schermo con Zoom

Se sei interessato a condividere lo schermo con Zoom, nota piattaforma per realizzare videoconferenze apprezzata da privati e aziende, lascia che ti spieghi come riuscirci sia da mobile che da computer.

Smartphone e tablet

Condivisione schermo Zoom mobile

Se preferisci agire da smartphone e tablet, dopo aver avviato una conferenza o dopo avervi preso parte tramite l’app di Zoom per Android o iOS/iPadOS (ti ho spiegato come riuscirci in quest’altra guida), fai tap sul pulsante Share, collocato in fondo allo schermo (se non lo vedi, tocca un punto qualsiasi del display) e seleziona la voce Screen dal menu che si apre.

Per concludere, concedi all’app i permessi necessari per condividere lo schermo (se è la prima volta che usi la funzione in oggetto) e il gioco è fatto. A questo punto, l’app di Zoom rimarrà attiva in background e tu potrai mostrare il tuo schermo a coloro che sono presenti alla conferenza.

Tramite il menu collocato nella parte inferiore dello schermo, potrai persino inserire delle annotazioni in tempo reale, avvalendoti dello strumento penna. Per interrompere la condivisione dello schermo, poi, fai tap sul bottone Stop Share.

Tieni conto che, se sei un partecipante potresti non essere in grado di condividere lo schermo: dipende dai permessi che l’host (l’organizzatore della conferenza) ha deciso di conferire ai partecipanti.

Computer

Condivisione schermo Zoom computer

Se preferisci agire da computer, dopo aver avviato una conferenza o dopo avervi preso parte dal client di Zoom per Windows/macOS (se ricordi, ti ho già spiegato come riuscirci in quest’altro articolo), fai clic sul pulsante Share Screen, collocato in fondo alla finestra.

Successivamente, nella finestra apertasi, apponi eventualmente il segno di spunta sulle caselle Share computer sound (se vuoi condividere anche i suoni riprodotti dal computer) e Optimize Screen Share for Video Clip (per ottimizzare la visualizzazione di contenuti video). Quando sei pronto per farlo, seleziona quindi il desktop che desideri condividere, cliccando sulla sua miniatura, premi sul pulsante Share e, se non l’avevi ancora fatto, concedi a Zoom tutti i permessi necessari per il completamento della procedura.

Successivamente, potrai interrompere la condivisione dello schermo in qualsiasi momento, facendo clic sul pulsante rosso Stop Share posto in alto.

Ti rammento che, se sei un partecipante alla conferenza, potresti anche non riuscire a condividere lo schermo: dipende dai permessi che l’host, ovvero colui che ha organizzato la call, ha deciso di conferire ai partecipanti stessi.

Come condividere lo schermo su Meet

Usi Google Meet e vorresti sapere come effettuare la condivisione dello schermo tramite quest’ultimo? Lascia che ti spieghi come riuscirci sia da mobile che da desktop.

Smartphone e tablet

Condividere schermo Meet da mobile

Se preferisci agire da smartphone e tablet, utilizzando l’app di Meet per Android o iOS/iPadOS, dopo aver avviato una nuova videochiamata o aver preso parte a una conversazione già avviata da un altro utente (in quest’altro approfondimento ti ho spiegato come fare), fai tap sul pulsante (…) situato in alto a destra (se non lo vedi, tocca un punto qualsiasi del riquadro dove è mostrato il tuo interlocutore).

Nel menu che si apre, seleziona poi la voce Mostra schermo, fai tap sulla voce Inizia a presentare che si trova nel riquadro apertosi e concedi all’app il permesso di condividere lo schermo. Per interrompere la condivisione, recati nuovamente nella schermata principale di Meet e fai tap sul pulsante verde Termina presentazione posto in alto, sotto la dicitura Stai presentando a tutti. Facile, vero?

Computer

Condivisione schermo Meet

Se preferisci procedere da computer, utilizzando quindi la versione Web di Meet, dopo aver avviato una nuova videochiamata o aver preso parte a una conversazione già avviata (se ricordi, ti ho già spiegato come fare ciò in quest’altro approfondimento), fai clic sul pulsante Presenta ora situato in basso a destra, seleziona la voce Il tuo schermo intero nel menu apertosi e consenti al servizio di accedere allo schermo.

A questo punto, Meet mostrerà a coloro che sono presenti alla videocall il tuo schermo. Per interromperne la condivisione, recati nuovamente nella pagina Web del servizio (che hai mantenuto aperta nel browser) e clicca sul pulsante verde Interrompi presentazione posto sulla sinistra.

Come condividere lo schermo su Teams

Se per motivi di lavoro usi Teams, la piattaforma di videoconferenza di Microsoft pensata per le aziende, sappi che anche quest’ultima include una funzione di condivisione dello schermo molto semplice da adoperare. Lascia che ti spieghi come avvalertene.

Smartphone e tablet

Condivisione schermo Teams da mobile

Da smartphone e tablet, dopo aver avviato una videoconferenza o avervi preso parte tramite l’app di Teams per Android o iOS/iPadOS (in quest’altra guida ti ho mostrato come riuscirci), fai tap sul pulsante (…) collocato in basso a destra (se non lo vedi, tocca un punto qualsiasi dello schermo), seleziona le voci Condividi > Condividi schermo nel menu che si apre e concedi all’app i permessi necessari per condividere lo schermo.

Come noterai, il perimetro dello schermo verrà evidenziato in rosso, a indicare che questo è condiviso con gli altri partecipanti alla call. Per interromperne la condivisione, recati poi nell’app di Teams e fai tap sul pulsante Interrompi presentazione (in basso).

Computer

Condivisione schermo Teams PC

Se preferisci agire da computer, dopo aver avviato la videoconferenza dal client di Teams per Windows/macOS o dalla sua versione Web funzionante su Chrome e Edge (ti ho spiegato come riuscirci in quest’altra guida), clicca sl pulsante Condividi (l’icona della freccia all’interno del quadrato che compare al passaggio del mouse in fondo alla finestra) e premi sul pulsante Desktop/Finestra posto sulla sinistra.

A questo punto, se non l’avevi ancora fatto, concedi a Teams i permessi necessari per procedere alla condivisione dello schermo e poi, nel riquadro che ti viene mostrato, clicca prima sulla scheda corrispondente alla tipologia di contenuto che intendi condividere (es. Il tuo schermo intro, Finestra dell’applicazione, etc.) e poi sul pulsante Condividi per proseguire.

In seguito, per interrompere la condivisione dello schermo, non dovrai fare altro che premere sul pulsante Interrompi condivisione.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.