Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come installare scheda SD

di

Hai da poco acquistato una scheda SD ma non sai come utilizzarla nel tuo smartphone o come formattarla correttamente per il tuo computer? Hai dei dubbi su quale sia la scheda di memoria più adatta alle tue esigenze? Non devi preoccuparti, c’è una soluzione a tutti i tuoi quesiti e io sono pronto a fornirtela.

Le schede SD consentono di espandere la memoria del proprio device, sia esso uno smartphone, un tablet o un computer: si tratta di una soluzione pratica e vantaggiosa, anche in termini economici. La loro installazione, poi, non richiede conoscenze particolari: basta solo capire l’utilizzo che se ne intende fare e agire di conseguenza. In che modo? Te lo spiego subito..

Se hai cinque minuti del tuo tempo libero da dedicarmi, ti spiegherò come installare una scheda SD in tutti i tuoi dispositivi in maniera estremamente semplice e veloce. Inoltre, ti fornirò alcuni pratici consigli su come scegliere la SD più adatta alle tue esigenze e su come utilizzare delle schede di memoria su dispositivi, come iPhone e iPad, che normalmente non ne consentono l’utilizzo. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Operazioni preliminari

Le schede SD non sono tutte uguali. Anche se tutte consentono di poter copiare e salvare file dalla memoria interna di uno smartphone, tablet o computer, esiste a volte una differenza sostanziale in termini di prestazioni per ciascuna SD. Dunque, è importante conoscere quali sono i parametri da tenere in considerazione quando si decide di acquistare una memoria esterna removibile.

I fattori principali che devi tenere in mente per l’acquisto di una SD sono tre: dimensioni, capacità e velocità. Nel tutorial di oggi, io mi occuperò in maniera principale delle microSD, che sono le schede SD di dimensione più piccola disegnate per l’uso in dispositivi come smartphone e tablet, ma ci sono anche le schede SD standard, che hanno dimensioni più generose e sono invece ottimizzate per l’uso nei PC. Ciò detto, esistono dei comodi adattatori (spesso venduti insieme alle microSD) che consentono di usare le memory card più piccole nei lettori di schede SD standard o nelle porte USB.

Passando al discorso capacità, non c’è molto da dire: se intendi utilizzare una scheda di memoria per salvare documenti o altri file di modeste dimensioni, non hai bisogno di acquistare una SD molto capiente. Al contrario, se l’utilizzo della SD è destinato al salvataggio di foto, musica e film, probabilmente necessiti di una scheda SD con una spazio di archiviazione importante.

Anche la velocità di scrittura minima dei dati rappresenta un dato fondamentale prima dell’acquisto di una microSD. Quanto più la velocità è alta, tante più sono le operazioni complesse che possono essere svolte. La velocità di scrittura delle SD viene misurata in classi e si contraddistingue con varie sigle, ad esempio le schede ottimizzate per l’uso come memorie principali sui dispositivi Android hanno la sigla A1. Per un approfondimento sull’argomento, impossibile da trattare in così poche righe, ti consiglio la lettura della mia guida su quale microSD comprare.

Installare scheda SD su Android

L’installazione di una scheda SD in un dispositivo Android consente di avere uno spazio di archiviazione esterno su cui poter copiare o spostare foto, file e applicazioni. Il ruolo della scheda SD diventa ancora più importante se la si installa in un device per cui si dispongono i privilegi di root. In questo caso, sulla micro SD possono essere trasferite anche le app di sistema, a differenza di quanto avviene con un telefono non rootato.

Impostare la SD come unità di memoria principale

Montare una scheda SD nello smartphone è un’operazione banale, che non richiede alcuna competenza. Dopo averla inserita nello slot ad essa dedicato, puoi da subito impostare la SD come unità di memoria primaria. Se hai un telefono Android equipaggiato con la versione 6.x o superiore, una volta inserita la scheda SD puoi visualizzare una schermata denominata Configura la tua scheda SD (più il nome della marca della scheda che stai utilizzando).

In questa schermata, accessibile pigiando sull’apposita notifica che compare sullo schermo del device, metti il segno di spunta accanto alla voce Utilizza come memoria interna, pigia sul pulsante Avanti e fai tap sul bottone Cancella e Formatta.

Terminata l’operazione, comparirà la schermata Sposta dati nella nuova memoria, dove ti verrà chiesto se intendi spostare i file della memoria interna sulla scheda SD. In caso affermativo, metti il segno di spunta accanto alla voce Sposta ora. Per rimandare l’azione, invece, metti il segno di spunta accanto alla voce Sposta più tardi.

Salvare foto e video su SD

Non vuoi usare la microSD come unità di memoria principale del tuo smartphone, ma desideri salvare automaticamente foto e video in essa (anziché sulla memoria interna del device)?. Nessun problema, anche questa è un’operazione piuttosto banale, che puoi eseguire tranquillamente sul tuo smartphone.

Apri quindi l’app Fotocamera, fai tap sull’icona del menu in alto a sinistra e pigia sulla voce Posizione archiviazione. Nella nuova schermata che si apre, seleziona l’opzione Scheda SD e il gioco è fatto: hai appena impostato la microSD come memoria predefinita della fotocamera del tuo smartphone. Per approfondire l’argomento, puoi leggere il tutorial su come spostare le foto su scheda SD.

Spostare app su SD

La scheda SD può essere usata anche per ospitare le applicazioni installate sullo smartphone, in modo da liberare la memoria interna del device senza rinunciare ai propri applicativi preferiti. Il numero e il tipo di app che si possono spostare sulla SD dipendono dalla presenza o meno del root sul dispositivo: se il cellulare non è stato sottoposto al root, si possono trasferire sulla memoria esterna soltanto alcune app. Se, invece, il telefono ha ottenuto i permessi di root, è possibile spostare tutte le app su SD, anche quelle di sistema (operazione che comunque viene generalmente sconsigliata per mantenere Android stabile).

La procedura standard per il trasferimento di un’applicazione dalla memoria interna alla scheda SD richiede pochissimi passaggi. Per prima cosa, è consigliabile formattare la SD come unità di memoria interna. Per fare questo, recati nelle Impostazioni (icona dell’ingranaggio in home screen o nella schermata delle applicazioni) di Android, pigia poi sulla voce Archiviazione e USB e fai tap sull’opzione Scheda SD presente nella nuova schermata che si apre. Adesso, pigia sull’icona dei tre puntini in alto a destra e seleziona la voce Formatta come memoria interna dal menu a tendina che si apre. Completa l’operazione facendo tap sui pulsanti Formatta e Fine.

Terminata la formattazione della scheda SD a unità di memoria principale, torna alle Impostazioni, pigia sulla voce Archiviazione e USB, fai tap dunque su Memoria Interna. Nella nuova schermata visualizzata, pigia sulla voce App e seleziona una delle applicazioni che intendi trasferire sulla micro SD. Se il trasferimento è consentito, nella schermata principale dell’app compare il bottone Cambia sotto l’opzione Spazio di archiviazione utilizzato. Fai tap sul pulsante Cambia e metti la spunta accanto alla voce Scheda SD nella schermata che si apre, pigia infine sul pulsante Sposta nella schermata seguente per completare l’operazione.

Se hai uno smartphone con cui hai effettuato il root, puoi spostare tutte le app che desideri (anche quelle di sistema) sulla scheda SD utilizzando l’applicazione App2SD. L’app, di cui è disponibile anche una versione a pagamento (prezzo 2,89 euro, senza pubblicità e con funzionalità aggiuntive come il montaggio delle cartelle), consente di creare due partizioni della micro SD e copiare i file delle applicazioni sulla partizione scelta.

Le applicazioni funzionano correttamente grazie ai link simbolici lasciati dall’app nella memoria interna del dispositivo, i quali fanno credere al sistema operativo Android che le app siano presenti nello storage interno dello smartphone e non nella memoria esterna. Per approfondire l’utilizzo dell’applicazione App2SD, ti consiglio la lettura della guida su come spostare app su SD Huawei (specifica per i device Huawei ma valida per tutti gli smartphone Android).

Formattare la SD

Quando si utilizza una scheda SD in un device mobile, si può avere la necessità di eseguire una formattazione. Infatti, può capitare di ricevere un avviso di SD danneggiata oppure si può avere il desiderio di fare una pulizia a fondo della scheda. La formattazione implica la perdita di tutti i dati salvati in precedenza nella scheda SD, inclusi documenti, file di immagini, video e applicazioni.

Se sei consapevole delle conseguenze dell’operazione, posso spiegarti come formattare una scheda SD già usata senza impostarla come primaria. Apri quindi le Impostazioni di Android (l’icona dell’ingranaggio in home screen o nella schermata delle applicazioni), fai tap sulla voce Archiviazione e USB e premi sulla voce Scheda SD.

Nella nuova schermata visualizzata, fai tap sull’icona dei tre puntini (in alto a destra) e premi sulla voce Formatta come memoria portatile nel menu che si apre. Adesso, fai tap sul pulsante Formatta e attendi il completamento del processo. Terminata la formattazione, pigia sul bottone Fine. Più facile di così?!

Installare scheda SD su PC

L’installazione della scheda SD su un computer permette di aumentare lo spazio di archiviazione del PC, spesso insufficiente (soprattutto quando si parla di notebook o convertibili economici). In questo modo, si può contare su una memoria aggiuntiva su cui poter copiare i propri file e, su Windows 10, anche le applicazioni.

La prima cosa che devi fare è inserire la scheda SD nello slot dedicato (verifica la presenza della scritta micro SD o SD, oltre al simbolo della scheda). Il computer, sia esso un PC Windows o un Mac, riconoscerà in automatico la scheda SD e ti consentirà di usarla come un normale dispositivo di archiviazione esterno (es. una chiavetta USB) tramite l’Esplora File (Windows) o il Finder (macOS). Se ti viene chiesto di formattare l’unità, poiché non ancora inutilizzabile, accetta.

Formattazione della SD

Per la formattazione delle schede SD (e microSD) è consigliato l’utilizzo di un file system compatibile con molti device, possibilmente exFAT, che si può usare su tutti i principali sistemi operativi per desktop e mobile e non prevede il limite di 4GB per i singoli file come il vecchio FAT. Altra cosa importante da sapere è che per formattare correttamente una SD è necessario ricorrere a SD Formatter.

SD Formatter è un’applicazione realizzata direttamente dalla SD Association, un’associazione che raccoglie tutte le principali aziende produttrici di schede SD, e permette di formattare correttamente le schede di memoria risolvendo problemi quali, ad esempio, il mancato riconoscimento delle memory card in determinati dispositivi o il mancato rilevamento della reale capacità delle schede. È gratis ed è compatibile sia con Windows che con macOS.

Per scaricare SD Formatter su un PC Windows, collegati a questa pagina Web e clicca prima sul pulsante For Windows (in basso a sinistra) e poi su Accept (in fondo alla pagina che si apre). A download completato, avvia l’eseguibile SD_CardFormatterxxSetupEN.exe e, nella finestra che si apre, clicca sul pulsante Next.

Apponi quindi il segno di spunta accanto alla voce I accept the terms in the license agreement e completa il setup cliccando prima su Next per due volte consecutive e poi su InstallFinish.

Per scaricare SD Formatter su un Mac, invece, collegati alla pagina ufficiale del programma e fai clic sul pulsante For Mac. Nella nuova pagina visualizzata, scendi a fondo pagina e seleziona il bottone Accept. Al termine del download, avvia l’eseguibile InstallSD_CardFormatterxx.mpkg e clicca in rapida successione sui tasti Continua, Continua, Accetta, Continua e Installa.

Digita quindi la password con cui accedi a macOS nella schermata che si apre (campo Password) e fai clic sul pulsante Installa software. Terminata l’installazione, fai clic sul pulsante Chiudi.

Adesso puoi passare alla formattazione della scheda SD. Apri quindi l’applicazione SD Formatter, scegli la scheda SD che intendi formattare utilizzando il menu a tendina posizionato sotto la voce Select card, metti il segno di spunta accanto alla voce Quick format (formattazione rapida) o l’opzione Overwrite format (formattazione completa) e digita, nel campo Volume label, il nome che desideri assegnare al volume.

Infine, clicca sul tasto Format e attendi che la formattazione della scheda SD venga portata a termine. Non ci dovrebbe volere molto tempo.

Spostare app su SD con Windows 10

A questo punto, se utilizzi un PC equipaggiato con Windows 10 e vuoi “alleggerire” la memoria interna del computer, puoi modificare la posizione predefinita dei file e delle applicazioni scaricate dal Microsoft Store. Fai quindi clic sul pulsante Start (l’icona della bandierina in basso a sinistra) e apri le Impostazioni cliccando sull’icona dell’ingranaggio presente nel menu che si apre. Adesso, seleziona l’opzione Sistema e clicca sulla voce Archiviazione, presente nella barra laterale di sinistra.

Nella nuova schermata visualizzata, fai clic sulla voce Modificare il percorso di salvataggio nei nuovi contenuti, seleziona dunque, nella schermata che si apre, la voce per cui desideri modificare la posizione predefinita (es. applicazioni) e imposta la voce corrispondente alla scheda SD inserita nel computer (es. Dispositivo di archiviazione Secure Digital) nell’apposito menu a tendina. Per approfondire ulteriormente il tema, ti consiglio la lettura della mia guida su come spostare tutto sulla scheda SD.

Nota: non sempre le micro SD possono essere inserite nello slot del computer, per via di una dimensione incompatibile con la porta SD dedicata del PC. Per risolvere questo problema, esistono degli adattatori acquistabili online a poco prezzo e che svolgono alla perfezione il loro compito.


Vanja Lettore di Schede di Memoria SD/Micro SD, Adattatore Micro USB O...
Amazon.it: 6,99 €Vedi offerta su Amazon

apeman Lettore di Schede Micro SD&TF Card 3 in 1, Multifunzionale Adat...
Amazon.it: 16,86 €Vedi offerta su Amazon

Installare scheda SD su iOS

Anche se non sono ufficialmente compatibili con le schede SD, non è vero che gli iPhone e gli iPad non possono beneficiare dell’espansione della memoria interna tramite questo tipo di supporti. Devi sapere, infatti, che esistono degli adattatori, acquistabili online a prezzi relativamente bassi, in grado di collegare le schede SD ai dispositivi animati da iOS.

Gli adattatori di cui ti sto parlando sono dei piccoli lettori SD che si possono collegare ad iPhone o ad iPad attraverso la porta Lightning. Per funzionare correttamente, necessitano del download di applicazioni apposite, che permettono di gestire il trasferimento dei file da e verso la memoria esterna. Qui sotto trovi qualche esempio di adattatori SD per iPhone e iPad.



I modelli di iPad Pro rilasciati nel 2018 (quelli senza tasto Home fisico), dispongono di una porta USB-C e quindi consentono il collegamento di schede SD tramite adattatore da USB-C a SD. Va detto che, almeno con le impostazioni di default, è possibile solo importare foto dalle SD all’iPad e non gestire altri tipi di file liberamente.

Apple Lettore da USB-C A.Scheda.SD
Amazon.it: 45,00 €Vedi offerta su Amazon