Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare un numero cancellato dal registro chiamate

di

Hai appena ricevuto una chiamata che ti ha fatto veramente arrabbiare e, nella foga del momento, hai cancellato per sbaglio l’intero registro chiamate del tuo smartphone, perdendo anche un prezioso numero di telefono che ancora non avevi salvato in rubrica, poiché ti eri promesso di farlo appena avresti avuto un momento libero.

Visto che non ricordi affatto quel numero di telefono, ti sei fatto immediatamente prendere dalla disperazione e ora stai già pensando ai salti mortali da compiere per ritrovare il prezioso contatto. È proprio così? Allora non preoccuparti: sei capitato nel posto giusto, in un momento che non poteva essere migliore. Se vuoi, infatti, posso aiutarti a recuperare un numero cancellato dal registro chiamate in pochi e semplici passi, utilizzando degli strumenti gratuiti che puoi liberamente scaricare da Internet e che, vista la loro semplicità di utilizzo, puoi adoperare anche se non hai molta dimestichezza con l’informatica.

Tutto quello di cui avrai bisogno, nella maggior parte dei casi, sarà un computer con Windows o un Mac e un cavo USB per collegare lo smartphone ad esso: una volta raccolto tutto il necessario, ti basterà seguire le procedure che ho racchiuso in questo tutorial per tentare il recupero del prezioso numero andato perduto in un momento di distrazione. Buon lavoro e buona fortuna!

Indice

Come recuperare un numero cancellato dal registro chiamate di Android

Se possiedi un dispositivo Android, questa è la sezione che fa per te: nelle righe di seguito, intendo infatti spiegarti come ritrovare il numero perduto sia previa accesso all’account del produttore eventualmente associato al tuo dispositivo (che spesso è in grado di salvare questo tipo di informazione), sia attraverso il programma di recupero dati Dr.fone per computer.

Recupero tramite account del produttore

Su molti smartphone Android moderni è possibile utilizzare, oltre al classico account Google, un account fornito dal produttore del telefono: tale profilo, tra le altre cose, è solitamente in grado di sincronizzare su uno spazio cloud anche il registro chiamate. Se, al primo avvio dello smartphone in tuo possesso, hai attivato correttamente un account presso il sito del produttore, puoi provare a seguire una strada molto rapida ed efficace per accedere nuovamente al tuo registro chiamate e recuperare il numero perduto.

Questa procedura può variare da produttore a produttore, tuttavia i passi generali da seguire sono molto semplici: in genere, è sufficiente accedere al sito o all’app specifica per il proprio account personale (ad es. Mi Cloud per i dispositivi Xiaomi), accedere allo spazio cloud e controllare che, tra le opzioni presenti, sia disponibile anche il registro chiamate.

Per esempio, sugli smartphone Xiaomi è disponibile il Mi Account, che offre la possibilità di salvare il registro chiamate e di recuperarlo tramite il servizio cloud dedicato Mi Cloud. Prima di fare qualsiasi cosa, però, ti consiglio di controllare se la sincronizzazione del registro chiamate è attiva sul tuo telefono facendo tap sull’icona Impostazioni e recandoti nella sezione dell’account del produttore (es. Mi Account): scorri la schermata successiva fino a trovare la voce Registro chiamate e verifica che, in sua corrispondenza, sia presente la dicitura Attivata.

Se così fosse, puoi tentare il recupero del numero perduto visitando il sito del servizio cloud del produttore (Mi Cloud, per proseguire nel mio esempio relativo ai dispositivi Xiaomi): dopo aver aperto la pagina in questione con un qualsiasi browser Web, pigia sulla voce per effettuare il login (es. Sign In with Mi Account) e inserisci, quando richiesto, le credenziali d’accesso all’account associato allo smartphone. Una volta entrato nella tua area personale, clicca sul pulsante Messages e apri il menu Call Recordings collocato in alto per accedere immediatamente al registro chiamate: facile, no?

Anche se i passaggi che ti ho descritto sono specifici per gli Xiaomi e gli account Mi, la procedura è molto simile per tutti gli altri smartphone che dispongono di un account presso il produttore, come per esempio Samsung, LG e Huawei. Di seguito ti ho specificato i link per poter accedere velocemente ai servizi cloud dedicati dei principali produttori di smartphone Android, così da poter tentare, tramite essi, il recupero dell’informazione di cui hai bisogno.

Recupero tramite Dr.fone

Se il tuo produttore non fornisce la possibilità di associare un account personalizzato allo smartphone in tuo possesso, o se non hai eseguito la procedura in fase di configurazione iniziale, puoi ancora tentare il recupero del registro chiamate sul tuo smartphone Android utilizzando un programma gratuito come Wondershare Dr.fone.

Per servirtene, però, devi aver preventivamente attivato la funzionalità di Debug USB sullo smartphone su cui intendi agire: apri quindi l’app Impostazioni, entra nella sezione Info sul telefono e pigia per 7 volte consecutive sulla voce Numero Build, fino a sbloccare le opzioni di sviluppo. Se possiedi Android 8.0 o successivi, puoi trovare la medesima voce in Impostazioni > Sistema > Informazioni sul telefono. Fatto ciò, torna alla schermata Impostazioni, accedi al menu Opzioni Sviluppatore/Opzioni di sviluppo e attiva la voce Debug USB agendo sulla casella di spunta o sulla relativa levetta, per poi accettare gli eventuali messaggi d’avviso successivi.

A questo punto, torna al computer e recati sulla pagina principale di Wondershare Dr.Fone, clicca sul pulsante Download gratuito collocato al centro e attendi che il file di installazione venga scaricato sul computer. Fatto ciò, avvia il summenzionato file (ad es. drfone_recover_setup_fullXXXX.exe) per installare il programma sul computer.

Se disponi di Windows, pigia sul pulsante Installa collocato al centro della finestra e attendi che il processo venga portato a termine. Se, invece, possiedi un Mac, clicca sul pulsante Accetto per confermare l’adesione ai termini di licenza del programma, per poi trascinare il programma Dr.Fone nella cartella Applicazioni del Mac avvalendoti delle icone collocate nella finestra che compare successivamente.

Completata la fase di setup, avvia il programma dal menu Start di Windows (l’icona a forma di bandierina collocata in basso a sinistra dello schermo) o dal Launchpad di macOS (l’icona a forma di razzo annessa alla barra Dock) e, quando richiesto dal programma, collega lo smartphone al computer tramite USB, avendo cura di compiere quest’operazione tenendo sbloccato lo schermo del terminale.

Una volta effettuato il riconoscimento del telefono, fai clic sul pulsante Recupero e segui attentamente le istruzioni mostrate a schermo: in genere, tutto ciò che devi fare è cliccare sulla voce Recupero dati Android, per poi accettare tutte le richieste di permessi che vanno a comparire sullo schermo dello smartphone.

Successivamente, il programma dovrebbe avviare una scansione della memoria interna e della microSD e mostrarti una finestra da cui scegliere quali dati recuperare: abbi cura di lasciare il segno di spunta accanto alla voce Registro chiamate, quindi fai clic sul pulsante Avanti. Se tutto è andato per il verso giusto, il programma mostrerà una finestra d’avviso riguardante le operazioni che verranno effettuate, con l’indicazione di portare a termine la procedura soltanto se lo smartphone in questione ha a disposizione almeno il 20% di carica residua: quando pronto, fai clic su Avvio per iniziare la procedura di scansione approfondita.

Ti consiglio di non eseguire altre operazioni al computer, durante questa procedura, né di toccare il dispositivo Android: la scansione potrebbe durare anche diversi minuti, durante i quali il telefono potrebbe riavviarsi da solo, anche più volte. Non preoccuparti, è normale e fa parte della procedura.

Completata la scansione, fai clic sulla voce Cron. Chiam. collocata nella barra laterale di sinistra per vedere tutte le chiamate recuperate dal programma e, una volta selezionato il numero di tuo interesse, fai clic sul pulsante Recupero per computer per salvarlo in locale in un file comodamente leggibile.

Come recuperare un numero cancellato dal registro chiamate di iPhone

Possiedi un iPhone? Nessun problema: puoi utilizzare il programma di recupero Dr.fone, già visto in precedenza, per estrapolare l’intero registro chiamate da un backup memorizzato su iCloud o iTunes, oppure effettuando un’operazione di recupero direttamente dalla memoria dello smartphone.

Recupero da backup iCloud

Il metodo più semplice per recuperare un numero cancellato dal registro chiamate iPhone è utilizzando il backup di iCloud, se questo è disponibile: Apple può conservare l’informazione che cerchi fino a 4 mesi, quindi, se agisci velocemente, hai ottime possibilità di ritrovare i numeri che cerchi.

Per prima cosa, dunque, verifica che il backup automatico iCloud sia attivo sul tuo iPhone: pigia sul pulsante Impostazioni, poi sulla voce Account e password e infine su iCloud. Scorri la finestra successiva fino a identificare la voce Backup iCloud e assicurati che accanto a essa compaia la dicitura .

A questo punto, avvia il programma Dr.fone (ti ho spiegato come scaricarlo e installarlo nella sezione relativa a Android) senza collegare l’iPhone al computer (non è necessario), pigia sul pulsante Recupero e, nelle finestre successive, clicca sulle voci Recupero dati iOS Ripristino Backup iCloud.

Fatto ciò, inserisci i dati del tuo ID Apple nella finestra successiva, pigia sul pulsante Accedi e attendi che Dr.fone mostri tutti i backup dell’iPhone (o degli iPhone) in tuo possesso: scegli quello più recente (o, quantomeno, quello in cui sei sicuro di aver ancora il numero che cerchi) e pigia sul pulsante Download in sua corrispondenza.

Il programma, a questo punto, ti chiederà quali dati recuperare dal backup: ai fini di questa guida, è sufficiente apporre il segno di spunta accanto la voce Cron. Chiam., cliccare sul pulsante Next e attendere che il download del file necessario venga completato. Infine, devi semplicemente selezionare i numeri da recuperare e cliccare sul pulsante Recupero per salvare la lista sul computer.

Recupero da backup iTunes

Non hai mai attivato il backup su iCloud poiché preferisci creare i salvataggi automatici avvalendoti di iTunes? Nessun problema: con una tecnica abbastanza simile a quella vista poco fa, puoi tranquillamente recuperare il numero di telefono che cerchi da uno di questi file.

Per prima cosa, dunque, installa il programma Wondershare Dr.fone sul computer che contiene i backup di iTunes, come ti ho mostrato in precedenza, avvialo e, senza collegare nulla al computer, clicca sui pulsanti Recupero dati Recupero dati iOS, per poi selezionare la voce Recupero Backup iTunes dal menu laterale della finestra successiva.

A questo punto, scegli il backup più appropriato (aiutandoti con la data, se necessario) tra quelli proposti e clicca sul pulsante Avvia scansione per consentire al programma di trovare tutti i file al suo interno. Infine, pigia sul menu Cron. Chiam. collocato nella barra di navigazione sinistra, scegli i numeri che intendi recuperare dal registro chiamate e premi il pulsante Recupero per computer per finalizzare il tutto.

Recupero da iPhone

Se tutti i metodi precedenti non hanno funzionato perché non hai nessun backup da cui effettuare il recupero, puoi tentare un’ultima strada: ritrovare il numero perso ripescandolo direttamente dai dati cancellati dell’iPhone.

Dunque, se possiedi un melafonino con sistema operativo iOS 10.3 o superiori, agisci come segue: innanzitutto, se non lo hai già fatto, scarica e installa iTunes su Windows seguendo le istruzioni che ti ho fornito in questa guida; su macOS, invece, questo passaggio non è necessario, in quanto il programma è già installato sul sistema operativo.

Successivamente, scarica e installa Wondershare Dr.fone come ti ho mostrato nelle battute precedenti di questa guida, avvialo, collega l’iPhone al computer tramite il cavo Lightning in dotazione e pigia sul pulsante Recupero che compare sullo schermo del computer.

A questo punto, fai clic sui pulsanti Recupero Dati iOS e Recupero da Disp. iOS, clicca sul nome del tuo iPhone, apponi il segno di spunta accanto alla voce Cron. Chiam. collocata nel riquadro Dati cancellati dal dispositivo e premi successivamente sul pulsante Avvia Scan. per analizzare la memoria interna dell’iPhone: tieni ben presente che l’operazione potrebbe durare diversi minuti.

Al termine della stessa, Dr.fone dovrebbe mostrarti l’intero registro chiamate dell’iPhone, includendo i numeri che avevi cancellato per errore: se così non fosse, abbi cura di selezionare la sezione Cronologia delle chiamate dalla barra laterale sinistra. Infine, scegli i numeri che intendi recuperare e clicca sul pulsante Recupero per computer per salvarli in un file.

Come dici? Già che ci sei, vorresti provare a recuperare anche altri file cancellati dall’iPhone per errore? Allora credo di avere proprio ciò che fa al caso tuo: dai uno sguardo alle mie guide su come recuperare file cancellati dal cellulare e su come recuperare foto cancellate iPhone, sono sicuro che non te ne pentirai!