Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasferire un’app da un telefono all’altro

di

Hai finalmente sostituito il tuo vecchio smartphone con uno più nuovo e vorresti sapere come trasferire le app da un telefono all’altro? Vorresti inviare un’app sullo smartphone di un tuo amico ma non sai come riuscirci? Se le cose stanno in questo modo, sei capitato nel posto giusto al momento giusto.

In questa mia guida, infatti, ti illustrerò come trasferire un’app da un telefono all’altro utilizzando alcune app per Android che potrebbero fare al caso tuo. Se possiedi un iPhone, invece, ti indicherò alcuni metodi per eseguire quest’operazione tramite gli strumenti di backup offerti da Apple, poiché di app adatte allo scopo non ce ne sono.

Per quanto riguarda il trasferimento di un’app tra telefoni con sistemi operativi differenti, mi spiace, ma devo informarti che non è possibile eseguire quest’operazione, se non tramite una semplice ricerca del nome dell’app nello store dell’altro telefono per verificare se esiste. Fatte queste premesse, è il momento di iniziare ad affrontare la lettura di questa mia guida. Prendi dunque gli smartphone che vuoi usare per trasferire le app e applica i suggerimenti contenuti in questo mio tutorial. Sarà molto più semplice di quello che immagini, vedrai.

Indice

Come trasferire app da un telefono all’altro: Android

Trasferire app

Se il tuo intento è trasferire un’app da un telefono all’altro ed entrambi i dispositivi utilizzando il sistema operativo Android, sarai contento di sapere che potrai raggiungere il tuo scopo in maniera molto semplice. Tutto quello che devi fare, infatti, è installare alcune applicazioni che ti consiglierò nei paragrafi successivi. Ci tengo a precisare, però, che i metodi che ti illustrerò potrebbero trasferire tutti i dati memorizzati dall’app oppure semplicemente il file APK per l’installazione: scegli tu il metodo che più si adatta alle tue esigenze.

Come trasferire app da un telefono all’altro con il Play Store

inviare app play store

Una delle funzioni più interessanti “sfornate” da Google e dal suo Play Store è quella che permette di inviare e ricevere app da altri dispositivi, ovviamente purché queste siano presenti sul Play Store stesso. Essendo una funzione introdotta nel 2021, vi sono alcune app che – almeno nel momento in cui scrivo questo tutorial – non la supportano ancora, quindi se non la trovi, non allarmarti.

In altri casi invece, la funzione trasferimento è solo parziale, quindi prima di cancellare l’app dal vecchio telefono assicurati che sia presente ogni dato. Questa modalità si serve della rete dati o del Wi-Fi, ma esiste anche un’opzione per chi non dispone o preferisce non utilizzare Internet.

Ciò detto, per trasferire un’app devi prima di tutto andare nel menu Impostazioni tramite l’icona dell’ingranaggio e scorrere in basso fino a trovare la voce Google. A questo punto fai tap su Dispositivi e condivisione e poi ancora Condivisione nelle vicinanze per poi spostare la levetta che si trova in alto da OFF a ON (se necessario). Visto che questo metodo può funzionare anche tramite rete dati, se vuoi, fai tap sulla voce Dati e seleziona Senza Internet per fare in modo che venga utilizzato il Bluetooth; ripeti poi la procedura sul telefono ricevente.

Ora torna sul telefono dal quale inviare l’applicazione ed entrare nel Play Store facendo tap sull’icona ▶ colorata che lo contraddistingue. Ora che sei nella schermata principale, pigia sull’icona del tuo profilo che si trova nell’angolo in alto a destra e seleziona la voce Gestisci app e dispositivo dal menu che ti viene proposto.

Nella schermata successiva, individua il pulsante Invia che si trova di fianco alla scritta Condividi app. Il dispositivo, a questo punto, potrebbe chiederti di attivare la localizzazione in modo tale da trovare altri telefoni nelle vicinanze: in tal caso pigia il pulsante Continua e poi dai OK dalla schermata successiva.

Di fronte a te, a questo punto, hai l’elenco di tutte le app presenti sul tuo dispositivo che permettano la funzione d’invio. Quindi, per procedere al trasferimento, attiva la spunta nel riquadro bianco di fianco al loro nome, in modo da selezionare quelle che t’interessano. Una volta deciso cosa includere nel trasferimento, avvia l’operazione facendo tap sul simbolo della freccetta che vedi in alto a destra.

Adesso prendi il dispositivo ricevente, vai sempre sul Play Store alla sezione di gestione delle app come spiegato poco sopra ma, questa volta, invece di pigiare su “Invia”, seleziona l’opzione Ricevi tramite il pulsante posto lì accanto. Anche in questo caso attiva i servizi di localizzazione nel caso ti venga richiesto e attendi che i due dispositivi si mettano in comunicazione.

Sul telefono dal quale invii comparirà un’icona che indica lo smartphone ricevente: fai tap su di essa, controlla che i codici visualizzati a schermo coincidano (servono per evitare invii casuali) e, dal dispositivo ricevente fai tap sulla scritta Ricevi per ottenere il pacchetto dati.

Nel caso non parta in automatico, puoi dare il via all’installazione facendo tap sul pulsante Installa posto di fianco a ogni singola app ricevuta e, una volta terminato, aprirla tramite il pulsante Apri, oppure facendo tap sulla sua icona dall’elenco generale delle app. Con la stessa procedura puoi anche trasferire giochi da un telefono all’altro.

Come trasferire app da un telefono all’altro con Bluetooth

Come trasferire una app con Bluetooth su Android

Se non ti risulta possibile trasferire app da un telefono all’altro con Bluetooth usando la funzione del Play Store appena menzionata, puoi procedere in modalità “manuale” e inviare i file APK delle app di tuo interesse da uno smartphone all’altro tramite la classica condivisione di file via Bluetooth.

Ci tengo a precisare che questa procedura non è altamente consigliata, in quanto bisogna procurarsi i file APK delle app e molti siti che le ospitano non sono affidabili, dunque ci si potrebbe imbattere in dei malware. Tra i pochi siti affidabili ti segnalo APKMirror.

Inoltre, ti segnalo che le app trasferite in questo modo non includono impostazioni o preferenze (a meno che non si sincronizzino con il cloud, ma in quel caso dati e preferenze verrebbero ripristinati solo dopo l’installazione e l’accesso al proprio account).

Ciò detto, per trasferire le app in questo modo, ti basta selezionare la relativa icona dal file manager del tuo device (es. Files di Google), premere sull’opzione di Condivisione e poi su quella del Bluetooth, in modo da selezionare il dispositivo di destinazione dal menu che si apre e completare il trasferimento. Ovviamente devi aver preventivamente attivato il Bluetooth su entrambi i device.

Come soluzione alternativa, se hai modo di accedere a una rete Wi-Fi, puoi avvalerti del servizio Snapdrop che, accessibile comodamente da browser, permette di condividere qualsiasi file sulla rete locale (quindi con massima privacy e velocità) da un device all’altro in pochi tap: basta collegare i due dispositivi al sito,, premere sul nome del device di destinazione e scegliere il file (in questo caso il pacchetto APK) da trasferire.

Come trasferire app da un telefono all’altro con TrebleShot

trebleshot

Se cerchi una soluzione per trasferire app e dati da un telefono all’altro, anche senza l’uso di una connessione dati o Wi-Fi, è TrebleShot, disponibile gratuitamente sia sul Play Store che sui dispositivi non dotati di servizi Google.

Per ottenerla, avvia il “market” presente sul tuo dispositivo, digita la parola TrebleShot all’interno della barra di ricerca dedicata e, dopo aver trovato il risultato più pertinente, fai tap sul pulsante Installa, per scaricare e installare l’app.

A download concluso, apri l’app mediante l’icona che, nel frattempo, è stata aggiunta alla schermata Home oppure al drawer del dispositivo, sfiora il pulsante (>) situato in basso a destra per procedere nella configurazione iniziale che ti chiede di consentire all’app di accedere alla memoria pigiando sulla scritta Consenti, assegnare un nome al dispositivo e infine decidere il look dell’app stessa. Completata questa fase, concludi la configurazione dell’app sfiorando il pulsante (✓). Sia l’installazione che la procedura di configurazione iniziale vanno eseguite su entrambi i telefoni coinvolti.

Prima di procedere, dovrai consentire all’app d’installare app provenienti da fonti sconosciute. Per farlo, raggiungi le Impostazioni di Android, la cui icona ha il simbolo di un ingranaggio ed è presente nella home screen. Seleziona poi la voce Sicurezza > Installazione da origini sconosciute, scegli l’app con cui aprire l’APK (tra quelle indicate nelle prossime righe) e sposta la levetta su ON in corrispondenza di TrebleShot, per poi confermare.

trebleshot

Adesso, apri nuovamente TrebleShot, tocca il pulsante Ricevi e fai tap su Scegli mittente, poi su Genera e su Attiva nel caso tu voglia usare la rete Wi-Fi classica comune ai due dispositivi, oppure su Attiva Hotspot se vuoi trasferire i file tramite hotspot generato dall’app.

Se richiesto, fai tap anche sulla voce Impostazioni e sposta su ON la levetta relativa alla voce Consenti modifica impostazioni di sistema, in modo da concedere ulteriori permessi d’uso. Fai quindi tap sul pulsante Indietro di Android, per tornare a TrebleShot: se tutto è andato per il verso giusto, sullo schermo dovresti visualizzare un codice QR. Ti servirà tra non molto.

A questo punto, passa al telefono mittente (quello che contiene le app da spedire), fai tap sul pulsante Invia residente nella schermata principale di TrebleShot, tocca la scheda App (in alto) e attiva la spunta sulla prima app da trasferire e via via su tutte quelle che desideri inviare.

Infine, sfiora il simbolo dell’aeroplanino residente in basso e poi fai tap sul pulsante Scansiona con il simbolo di un codice QR e inquadra il codice QR visibile sullo schermo del nuovo telefono, autorizzando l’app all’uso della fotocamera, se necessario. Ora, nel caso tu stia utilizzando l’hotspot, ti viene chiesto di andare a connetterti a questa rete Wi-Fi con le impostazioni che ti appaiono sullo schermo, quindi apri la sezione del Wi-Fi del tuo telefono e connettiti alla rete indicata sullo schermo con la password che ti viene data. Nel caso sia necessario, scansiona ancora una volta il codice QR e, per finire, premi sul pulsante play (>) su entrambi i dispositivi per far partire l’invio.

Una volta finito, fai tap sul pulsante alla sinistra di ▶ con le tre linee orizzontali e pigia sul pacchetto che desideri installare, per avviare l’installazione. Ti faccio presente che tutte le app ricevute (oppure inviate) mediante TrebleShot saranno accessibili dalla scheda Cronologia trasferimenti dell’app.

Come trasferire un’app da un iPhone all’altro

Trasferire app

Se hai intenzione di trasferire un’app tra due iPhone, puoi sfruttare le funzionalità di backup offerte da Apple, sul cloud oppure in locale. In entrambi i casi, è richiesto il medesimo ID Apple.

Purtroppo, a differenza di quanto ti ho indicato nel capitolo dedicato Android, dovrai trasferire tutte le app installate sull’iPhone, in quanto non è possibile selezionarle singolarmente.

Come trasferire un’app da un iPhone all’altro con iCloud

iCloud

Il primo metodo che ti consiglio di utilizzare è quello che consiste nell’eseguire il backup dello smartphone (e dunque delle app collegate all’account in uso) su iCloud. Questo servizio permette di conservare alcuni dati conservati sull’iPhone, per trovarli disponibili su altri dispositivi Apple o per eseguire il ripristino su un nuovo iPhone.

Per prima cosa, sull’iPhone dal quale vuoi trasferire le app accedi a Internet tramite Wi-Fi (ti ho spiegato come fare in questa mia guida) e avvia poi l’app Impostazioni, la cui icona ha il simbolo di un ingranaggio ed è presente in home screen. Seleziona, quindi, le voci Impostazioni > [il tuo nome] > iPhone di [il tuo nome]> Backup iCloud dalla schermata che si è aperta e fai tap sulla dicitura Esegui backup adesso, così da eseguire un backup dei dati dell’iPhone su iCloud.

Fatto ciò, prendi in mano l’iPhone sul quale vuoi trasferire le app ed esegui un ripristino alle impostazioni di fabbrica. Accedi, dunque, alle Impostazioni dell’iPhone, disattiva Trova il mio iPhone, fai tap sulle voci Generali e Trasferisci o inizializza iPhone, seleziona la dicitura Inizializza contenuto e impostazioni, premi sul tasto Continua, digita il codice di sblocco del dispositivo e dai conferma di quelle che sono le tue intenzioni. Maggiori info qui.

Segui poi le istruzioni sullo schermo e accedi alla rete Wi-Fi domestica. Non appena raggiungi la schermata relativa al ripristino dell’iPhone, seleziona la voce Ripristino da backup iCloud, eseguendo l’accesso con lo stesso ID Apple configurato sull’altro iPhone.

Segui, infine, le indicazioni che ti vengono date e seleziona il backup precedentemente creato. A fine della procedura di ripristino, l’iPhone raggiungerà la home screen, sulla quale ritroverai le app che erano installate sul vecchio iPhone.

Ti ricordo, infine, che per trasferire agevolmente tutti i dati di un device Android su iPhone (contatti, segnalibri, chat WhatsApp, etc., puoi sfruttare l’app Passa ad iOS.

Come trasferire un’app da un iPhone all’altro tramite backup locale

Trasferire app

Un altro metodo che voglio segnalarti è quello dell’utilizzo dei backup locali. Durante la configurazione iniziale di un iPhone appena formattato o acceso per la prima volta, segui le indicazioni su schermo e, quando richiesto, scegli di trasferire i dati da un altro iPhone. Avvicina, dunque, il tuo vecchio iPhone a quello nuovo e segui le istruzioni in modo da trasferire app, dati e impostazioni sul nuovo device usando la comunicazione diretta creata tra i due “melafonino” (quindi in modo molto rapido). Maggiori info qui.

In alternativa, puoi usare i backup fatti sul computer per ripristinare su un nuovo iPhone dati e app provenienti da un altro “melafonino”. Su PC Windows questa operazione si svolge con iTunes. Su macOS, questo software risultava preinstallato sulle vecchie edizioni del sistema operativo, mentre da macOS 10.15 Catalina o successivi, non è più presente e bisogna quindi agire tramite il Finder.

Apri quindi iTunes o Finder e collega l’iPhone dal quale vuoi trasferire le app al computer tramite il cavo Lightning in dotazione. Se dovesse esserti richiesto di aggiornare il sistema operativo iOS sullo smartphone, acconsenti alla richiesta e attendi che l’aggiornamento venga completato. Quest’operazione è importante, in quanto gli iPhone devono avere la stessa versione di iOS installata.

Nella schermata principale di iTunes, fai clic sul menu File (in alto a sinistra) e seleziona le voci Dispositivi > Trasferisci acquisti da iPhone di [nome]. In questo modo, avrai spostato sul computer i dati relativi agli acquisti nell’App Store. Fatto ciò, fai clic sull’icona con il simbolo di un telefono, situata in alto a sinistra e, nella sezione Riepilogo, metti un segno di spunta sulla casella Questo computer. Fai quindi clic sul pulsante Effettua backup adesso che trovi sulla destra, in modo da avviare il backup dell’iPhone.

Trasferire app

A procedura completata, scollega l’iPhone dal computer e chiudi iTunes. Adesso, collega l’iPhone sul quale vuoi trasferire le app e avvia iTunes. Se, anche in questo caso, ti venisse chiesto di aggiornare il sistema operativo iOS, acconsenti alla richiesta.

Adesso, clicca sulle voci File > Dispositivi > Trasferisci acquisti da iPhone di [nome], per trasferire le informazioni sugli acquisti che hai precedentemente importato sul computer. Fai quindi clic sull’icona con il simbolo di un telefono in alto a sinistra e fai clic sulla dicitura Riepilogo, nella barra laterale di sinistra. Fai quindi clic sul pulsante Ripristina iPhone per resettarlo alle impostazioni di fabbrica.

Se dovesse comparire una richiesta per effettuare un backup, non acconsentire e prosegui con il ripristino dell’iPhone. Nella sezione Backup, premi sul pulsante Ripristina da questo backup, scegli l’ultimo backup dal menu a tendina, fai clic sul pulsante Continua e attendi il completamento dell’operazione, per iniziare a utilizzare l’iPhone con tutte le app che erano installate nel precedente telefono.

Su Mac le procedure da seguire sono praticamente le medesime, ma dal menu del Finder, dopo aver selezionato l’icona di iPhone dalla barra laterale di sinistra. Maggiori info qui.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.