Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come trasferire WhatsApp da un telefono all’altro

di

Dopo aver acquistato il tuo nuovo smartphone, il primo pensiero è andato a tutte le chat, i video, la musica e le foto che hai condiviso o che ti sono stati inviate tramite WhatsApp in tutti questi mesi. Configurando il nuovo telefono e installando l’app di messaggistica senza aver preso le dovute precauzioni, rischi infatti di dover ricominciare daccapo con chat completamente vuote, perdendo dunque tutto ciò che avevi inviato e ricevuto nel tempo.

Esattamente consapevole di questo rischio, hai chiesto consiglio a Google riguardo un metodo che possa scongiurare questa eventualità, dunque sei finito su questa mia guida. Ebbene, sono molto felice di comunicarti che questo è il posto giusto da cui cominciare! Di seguito, infatti, intendo descriverti diversi metodi per trasferire WhatsApp da un telefono all’altro senza perdere una sola parola (o un solo file multimediale) di ciò che avevi ricevuto in passato.

Per effettuare il trasferimento tra sistemi operativi uguali, tutto ciò di cui avrai bisogno è di connettere entrambi i telefoni alla rete Internet; qualora, invece, dovessi effettuare il trasferimento tra sistemi operativi diversi, sarà mia cura indicarti le soluzioni più sicure (ma non per questo esenti da rischi) per portare a termine il compito che tanto ti sta a cuore. Detto ciò, non mi resta che augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Creare e sincronizzare backup di WhatsApp

Come trasferire WhatsApp da un telefono all'altro

La prima mossa da fare per effettuare il trasferimento di WhatsApp è creare un backup completo dello stesso sul vecchio telefono: puoi avvalerti in questa fase della funzionalità integrata nell’app, che permette di creare backup nella memoria interna del dispositivo, su Google Drive (per Android) o su iCloud (per iOS).

Per ottenere un risultato migliore, ti consiglio di effettuare questa operazione mentre sei collegato a una rete Wi-Fi: in tal modo, il backup sarà più veloce e non rischi di terminare inesorabilmente i Giga compresi nel tuo piano dati (alcuni backup possono occupare diversi GB di spazio).

Tieni ben presente che, da questo momento, chiamerò vecchio telefono il dispositivo da cui trasferire WhatsApp e nuovo telefono quello su cui effettuare lo spostamento. Inoltre, ti invito a eseguire i passaggi nel medesimo ordine con cui mi accingo a elencarli, a meno che non sia io a dirti di fare diversamente.

Android

Effettuare un backup di WhatsApp su Android è un’operazione estremamente semplice: per prima cosa, prendi il vecchio telefono e assicurati che il tuo account Google sia correttamente configurato nello stesso. Per farlo, entra nel menu Impostazioni di Android (l’icona dell’ingranaggio che si trova in home screen o nella schermata con la lista di tutte le app installate sul dispositivo), vai su Account > Google e assicurati che ci sia il tuo account Gmail impostato sul device; se così non fosse, fai tap sulla voce Aggiungi account, seleziona il logo di Google dalla schermata che si apre e compila il modulo proposto con le informazioni relative al tuo profilo per effettuare immediatamente l’associazione al dispositivo.

Effettuato questo doveroso controllo, apri WhatsApp e, dopo aver avuto accesso alla lista delle chat, pigia sul pulsante () e recati nella sezione Impostazioni > Chat. A questo punto, pigia sulla voce Backup delle chat e tocca successivamente il pulsante Esegui backup per effettuare immediatamente un backup delle conversazioni sia su Google Drive che nella memoria interna del telefono.

Con le impostazioni di base, verranno salvate le conversazioni di testo, le immagini e le note vocali contenute nel tuo account WhatsApp: per includere anche i video (che però possono rapidamente saturare lo spazio di archiviazione presente su Google Drive), è sufficiente apporre il segno di spunta accanto alla voce Includi Video prima ancora di effettuare materialmente il backup in questione.

Se intendi trasferire WhatsApp da un numero all’altro oltre che da uno smartphone all’altro, consulta il mio tutorial a tema.

iPhone

Come trasferire WhatsApp da un telefono all'altro - iPhone

Se possiedi un iPhone, puoi effettuare un backup del telefono in modo del tutto simile a quanto visto poc’anzi, con la sola differenza che il salvataggio avverrà su iCloud, lo spazio di archiviazione messo a disposizione da Apple.

Dunque, prima di proseguire, accertati che iCloud sia correttamente configurato sul tuo vecchio iPhone: per farlo, apri le Impostazioni del melafonino, pigia successivamente sulla voce Account e password e scegli la sezione iCloud. Se, in questa fase, vedi comparire il tuo ID Apple e tutti i dati relativi al servizio, allora sei già pronto per il backup; in caso contrario, digita nel modulo proposto le credenziali d’accesso dell’ID Apple e conferma la volontà di attivare il servizio.

Completato il controllo, puoi effettuare il backup dei dati di WhatsApp in modo estremamente semplice: avvia WhatsApp dalla schermata Home del dispositivo, pigia successivamente sul pulsante Impostazioni collocato in basso a destra, tocca la sezione Chat e pigia sulla voce Backup delle chat.

A questo punto, fai tap sul pulsante Esegui backup adesso per avviare immediatamente il salvataggio dei dati su iCloud e nella memoria interna del dispositivo. Anche in questo caso, puoi attivare la levetta Includi video per incorporare anche i video nella copia di sicurezza dei dati.

Se, oltre a cambiare smartphone, intendi trasferire WhatsApp da un numero all’altro, leggi il mio tutorial dedicato all’argomento.

Trasferire WhatsApp da un telefono all’altro (stesso sistema operativo)

Ora che sei finalmente riuscito a creare con il vecchio telefono un backup contenente tutte le tue chat e i tuoi contenuti multimediali, è finalmente giunto il momento di trasferire il tutto sul tuo nuovo cellulare. Di seguito ti indicherò le procedure per effettuare questa operazione tra sistemi operativi uguali (Android > Android e iOS > iOS).

Da Android ad Android

Per trasferire WhatsApp sul tuo nuovo smartphone Android, devi innanzitutto rimuovere la scheda SIM dal vecchio telefono e inserirla nel nuovo, così da poter ricevere l’SMS di configurazione: è fondamentale, infatti, che il numero associato al nuovo terminale coincida con quello da cui è stato creato il backup. Inoltre, affinché tutto vada a buon fine, è necessario che sul nuovo telefono sia configurato lo stesso account Google presente nel dispositivo con cui è stato precedentemente creato il backup.

Dopo aver effettuato i dovuti controlli, non devi far altro che scaricare l’ultima versione di WhatsApp sul nuovo smartphone, installarla come di consueto da Google Play e avviarla: fatto ciò, pigia sul pulsante Accetta e continua per accettare i termini di servizio e le politiche sulla privacy, accorda i permessi d’accesso necessari pigiando più volte sul pulsante Consenti e, per avviare la prima configurazione, digita il numero di telefono della SIM che hai inserito precedentemente e pigia sul pulsante Continua.

Una volta ricevuto l’SMS di configurazione (potresti dover pigiare ancora una volta sul pulsante Consenti affinché WhatsApp lo rilevi automaticamente), viene mostrata a schermo la finestra relativa al ripristino del backup da Google Drive: controlla ancora una volta che l’account coincida con quello utilizzato anche sul vecchio telefono e, dopo esserti accertato che sia tutto OK, fai tap sul pulsante Ripristina per importare in WhatsApp il backup creato in precedenza e il gioco è fatto!

Anche in questo caso, ti consiglio di effettuare l’operazione previa collegamento a una rete Wi-Fi, così da velocizzare il tutto e da non incidere in modo sostanzioso sul traffico dati cellulare a tua disposizione (specie se hai deciso di effettuare il trasferimento dei video).

Da iPhone a iPhone

La procedura di ripristino del backup creato precedentemente è piuttosto simile a quanto visto per Android: come già detto, l’unica differenza è l’utilizzo di iCloud, il servizio cloud proprietario di Apple, in luogo di Google Drive. Per prima cosa, dunque, provvedi a spostare la scheda SIM dal vecchio al nuovo iPhone e accertati che su quest’ultimo sia configurato il medesimo ID Apple utilizzato in fase di creazione del backup.

Effettuate le dovute verifiche, scarica (se non lo hai già fatto) l’ultima versione di WhatsApp direttamente da App Store, avviala, accetta le condizioni d’uso del servizio toccando il pulsante Accetta e continua e, successivamente, pigia il tasto Permetti per accordare a WhatsApp i permessi necessari per il funzionamento.

Per procedere con la configurazione, digita il tuo numero di telefono nella casella preposta, sfiora il pulsante Continua, attendi la ricezione dell’SMS di verifica e, una volta giunto alla schermata di ripristino del backup presente su iCloud, tocca la voce Ripristina per avviare automaticamente il processo. Completata l’importazione del backup, non devi fare altro che scegliere il nome da visualizzare e, se lo desideri, la foto profilo da utilizzare su WhatsApp.

Trasferire WhatsApp da un telefono all’altro (sistema operativo differente)

Per quanto riguarda il trasferimento di WhatsApp tra dispositivi aventi sistema operativo differente, la situazione non è rosea come visto in precedenza: non esistono infatti procedure ufficiali per portare a termine questa operazione poiché, nei due sistemi operativi, i dati e i backup vengono creati e memorizzati in maniera profondamente diversa.

Esistono tuttavia delle app e dei programmi progettati per lo scopo, dei quali intendo parlarti di seguito, che rendono comunque possibile questa procedura, ma in modo non esente da rischi: tanto per farti un esempio, i succitati software potrebbero smettere di funzionare improvvisamente a causa delle eventuali modifiche sui sistemi di archiviazione di WhatsApp. Inoltre, non tutti i software progettati per lo scopo sono gratuiti: alcuni di essi devono essere necessariamente acquistati.

Da Android a iPhone

Se ritieni necessario trasferire WhatsApp da Android a iPhone senza perdere nulla, potresti avvalerti di una soluzione come Whatsapp Trasnfer: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un programma per computer in grado di spostare i messaggi di WhatsApp da un telefono all’altro nel giro di un paio di clic.

Questa soluzione non è gratuita: la sua licenza di base, valida per tre dispositivi e per un solo PC, costa 27.50€+IVA per Windows o 32€+IVA per macOS; è comunque disponibile una versione di prova del programma che permette di testarne l’effettiva efficienza su un numero limitato di messaggi.

Ad ogni modo, prima ancora di utilizzare il software, è necessario soddisfare alcuni requisiti fondamentali, che mi appresto a elencarti di seguito.

  • Sul computer, deve essere memorizzata una copia del file msgstore.db.crypt12, cioè del backup salvato in memoria dal vecchio telefono Android. Dopo aver effettuato il backup come ti ho mostrato nella precedente sezione, utilizza un gestore file (ad es. File Manager+) per auto-inviarti il file in questione residente nella cartella \WhatsApp\Databases\ e l’intera directory \WhatsApp\Media.
  • Sul vecchio telefono Android, deve essere attiva l’opzione di debug USB: per farlo, accedi alla sezione Impostazioni > Info sul telefono, premi per 7 volte consecutive sulla dicitura Numero build e, dopo aver ricevuto conferma dell’avvenuta attivazione della modalità sviluppatore, torna alla schermata principale di Impostazioni. Da lì, tocca sulla voce Opzioni di sviluppo e sposta su On le levette corrispondenti a Debug USBInstalla tramite USB.
  • È fondamentale che sul telefono Android siano stati preventivamente acquisiti i permessi di root.
  • Sul nuovo iPhone, devi disattivare provvisoriamente il backup su iCloud: per farlo, recati in Impostazioni > [tuo nome] > iCloud > Backup iCloud e sposta su Disattivato la relativa levetta. Inoltre, sempre sul medesimo dispositivo, deve essere già stata inserita la scheda SIM e completata la fase di configurazione iniziale di WhatsApp.

Terminate queste operazioni preliminari, scarica e installa Whatsapp Transfer dal sito Internet segnalato in precedenza, dopodiché collega l’iPhone al computer attraverso il cavo Lightning, avvia il software e accorda sul telefono tutti i permessi d’accesso necessari.

Fatto ciò, collega anche il terminale Android avvalendoti dell’apposito cavo USB, attendi l’installazione automatica dell’app Backuptrans WA Sync sul cellulare, pigia su No alla richiesta di downgrade che compare sul computer e, per completare l’importazione del backup, fai clic sul menu File > Import Android backup WhatsApp data, scegli il file msgstore.db.crypt12 copiato in precedenza e premi il pulsante OK. Completata l’estrazione della chiave di cifratura, puoi scollegare il dispositivo Android.

Nota: qualora dovessi avere problemi in fase di connessione del telefono Android, installa i driver ADB prelevandoli da questo sito Web e, una completato il setup, ricollega il telefono per poi provare ad avviare nuovamente la procedura.

Completata l’importazione del backup, premi sul pulsante Transfer messages from Android to iPhone, attendi che il trasferimento venga portata a termine e il gioco è fatto: tutte le chat saranno rese disponibili sul nuovo iPhone! Ricorda, dopo aver completato il tutto, di attivare nuovamente il backup iCloud sul melafonino.

Da iPhone ad Android

Esattamente come spiegato in precedenza, non esiste una procedura ufficiale che permetta di trasferire WhatsApp da un telefono all’altro neppure da iOS ad Android: questa operazione, però, può essere portata a termine tramite l’app WazzappMigrator, che consente la conversione dei backup estratti dall’iPhone ed è disponibile su Google Play al prezzo di 4.99€. Anche in questo caso, è necessario utilizzare un computer per portare a termine la procedura.

Prima di andare avanti, devo farti un’importante premessa: su alcuni terminali, l’app potrebbe non funzionare affatto o trasferire soltanto in parte le chat e i file multimediali.

Come dici? Hai ben compreso i rischi e vuoi procedere comunque? Perfetto! Per prima cosa, crea sul computer un backup aggiornato e non cifrato del vecchio iPhone da cui prelevare WhatsApp: dopo averlo collegato al computer, avvia iTunes (se hai Windows e non disponi già del programma, devi provvedere alla sua installazione), clicca sul pulsante a forma di iPhone, apponi il segno di spunta accanto alla voce Questo computer, toglilo invece dalla casella Codifica backup iPhone e, per creare il backup, pigia il pulsante Effettua backup adesso.

Se necessario, prima ancora di effettuare il backup, potresti dover pigiare sul pulsante Autorizza sullo schermo dell’iPhone per autorizzare la comunicazione con il computer.

Una volta completato il backup, chiudi iTunes e provvedi a installare il programma iBackup Viewer, disponibile in modo gratuito sia per Windows che per macOS, al fine di estrarre il backup delle conversazioni di WhatsApp dal file di dati appena creato con iTunes.

Avviato il programma in questione, i backup di iTunes presenti sul computer dovrebbero essere automaticamente importati al suo interno: clicca sull’icona relativa al backup più recente (facendo attenzione alla data specificata subito sotto), premi successivamente sul pulsante Raw Files (l’icona a forma di grafico) e attendi che i contenuti del backup vengano “scompattati” nel programma.

Completata questa operazione, fai clic sul pulsante Tree View collocato a sinistra della voce Export, cerca la cartella AppDomainGroup-group.net.whatsapp.WhatsApp.shared nella parte sinistra del programma, clicca sulla relativa icona e, tenendo pigiato il tasto Ctrl/cmd della tastiera, pigia sulla cartella Media e sul file ChatgStorage.sqlite collocati a destra.

A questo punto, per finalizzare l’estrazione dei dati, clicca sul pulsante Export, scegli la voce Selected… dal menu visualizzato a schermo, scegli dove salvare i file estratti avvalendoti del pannello di Esplora File/Finder (ad es. sul desktop) e finalizza l’operazione pigiando sul pulsante Salva/Save.

Ci siamo quasi: per trasferire i file su Android, prendi il nuovo telefono e, dopo aver installato la scheda SIM al suo interno per ottenere la medesima numerazione e aver preventivamente configurato WhatsApp, installa WazzapMigrator e collega lo smartphone in questione al computer tramite il cavo USB.

A questo punto, avvia Esplora File/Finder, seleziona la sua icona e incolla i file e la cartella salvati precedentemente nella cartella WazzapMigrator residente nella memoria interna del cellulare. Qualora avessi bisogno di ulteriori informazioni sul trasferimento dei file tra Android e il computer, ti invito a consultare la mia guida dedicata.

Come ultima operazione, scollega il nuovo telefono dal computer, disinstalla WhatsApp, avvia Wazzapmigrator e, dopo aver saltato la guida iniziale tramite qualche swipe verso destra, sfiora la voce Seleziona l’archivio iPhone e il pulsante  per procedere alla ricerca automatica: dopo aver ricevuto la conferma relativa alla presenza del backup, tocca il pulsante (▷) e aspetta pazientemente che venga eseguita la conversione da un formato all’altro (la procedura potrebbe durare alcuni minuti). Al termine, premi il pulsante OK per finalizzare la copia dell’archivio.

A questo punto, provvedi a installare di nuovo WhatsApp dal Play Store ed effettua la configurazione iniziale inserendo il numero di telefono e attendendo l’SMS di conferma: se la conversione precedente è andata come previsto, l’app dovrebbe proporti di ripristinare il backup presente in memoria. Per procedere, pigia sul pulsante Ripristina collocato nella sezione Backup Locale e il gioco è fatto: dopo alcuni minuti, le chat precedentemente memorizzate su iPhone saranno disponibili sul nuovo telefono Android. Per guadagnare un po’ di memoria, puoi a questo punto cancellare i file contenuti nella cartella WazzapMigrator.