Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Migliore app per scaricare musica gratis

di

Anche se in passato mi sono occupato diverse volte dell’argomento, continuo a essere contattato per capire quali applicazioni valga la pena usare per eseguire il download di brani musicali da Internet. Molti lettori, infatti, mi scrivono domandandomi quale sia la migliore app per scaricare musica gratis su Android, iPhone e iPad, e vista la mole di richieste ricevuta in tal senso mi sembra doveroso tornare sulla questione.

Cominciamo subito col dire che non è possibile eleggere una “migliore app per scaricare musica” perché non ne esiste una sola tipologia: ci sono quelle relative ai servizi di streaming musicale (che consentono di scaricare la musica offline in cambio della sottoscrizione di un abbonamento), quelle dei motori di ricerca MP3 (che permettono di scaricare le canzoni attingendo ai database di vari social network e servizi di hosting) quelle di musica free (attraverso le quali artisti di tutto il mondo mettono a disposizione del pubblico le proprie opere a costo zero) e poi quelle adibite alla cattura degli stream dalle pagine Web. Alla luce di quanto appena detto, non posso far altro che segnalarti diverse soluzioni appartenenti a varie categorie e invitarti a scegliere quella che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo.

Attenzione: scaricare abusivamente da Internet della musica protetta da copyright può essere un reato. Questo articolo è da intendersi a puro scopo informativo, non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e pertanto non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che verrà fatto delle informazioni presenti in esso.

Indice

Migliore app per scaricare musica gratis: Android

Possiedi uno smartphone o un tablet Android e ti piacerebbe capire qual è la migliore app per scaricare musica gratis in tal caso? Allora continua a leggere. Qui sotto, infatti, trovi indicate quelle che, a parer mio, rappresentano senza dubbio alcuno le più interessanti e affidabili soluzioni di questo tipo.

Servizi di streaming musicale

Spotify

Come ti dicevo in apertura, la migliore app per scaricare musica gratis potrebbe innanzitutto essere l’applicazione che viene offerta dai servizi di streaming musicale. Essi, infatti, consentono di ascoltare i brani via Internet, ma anche di effettuarne il download per la riproduzione offline, tutto in maniera legale e in alta qualità.

Devi però tenere presente che nella maggior parte dei casi il download dei contenuti è un’opzione riservata a chi decide di sottoscrive un abbonamento a pagamento, ma per fortuna i prezzi sono alla portata di tutti. Inoltre, ai nuovi clienti vengono proposti dei periodi di prova gratuita piuttosto lunghi e senza obbligo di rinnovo. Se pensi che la cosa possa interessarti, ecco elencate le migliori soluzioni appartenenti alla categoria in questione.

  • Spotify — è un servizio che per 9,99 euro/mese in versione utente singolo (oppure 99 euro/anno) permette di ascoltare e scaricare offline brani, album e playlist di ogni sorta. Il suo database è pressoché infinito: ci sono gli album di tutte le major discografiche più importanti, come Sony, EMI, Warner Music Group, Universal e tante etichette indipendenti. Inoltre, la facilità con cui è possibile rintracciare le playlist create da altri utenti e gli algoritmi che suggeriscono la musica da ascoltare in base agli ascolti precedenti effettuati dall’utente consentono di scoprire nuova musica (buona nuova musica!) ogni giorno. Su Android è fruibile tramite l’app ufficiale, ma si può adoperare anche mediante player Web, come client per Windows e macOS, come app per iOS/iPadOS e su vari altri dispositivi, tra cui le console PlayStation e gli Amazon Echo, Chromecast, Apple TV e Fire TV Stick. Da notare che offre anche un piano base gratuito che include spot pubblicitari e limitazioni varie, tra cui l’impossibilità di effettuare il download dei contenuti. Per approfondimenti, leggi il mio tutorial su come funziona Spotify.
  • Apple Music — il nome non lascia spazio a molti dubbi: si tratta del servizio per lo streaming musicale di Apple. Il suo database è piuttosto ricco e variegato ed è sottoposto a continui aggiornamenti. Include anche la Libreria musicale di iCloud, la quale consente di caricare sul cloud di Apple e di sincronizzare su tutti i propri dispositivi i brani preferiti (compresi quelli che non fanno parte del catalogo del servizio). Su Android è funzionante mediante l’apposita app, ma si può adoperare anche tramite il player Web e su computer mediante iTunes (su Windows e su macOS 10.14 Mojave o versioni precedenti, su cui il programma è preinstallato) e l’applicazione Musica (preinstallata su macOS 10.15 Catalina e versioni successive), mentre su iOS/iPadOS è integrato nell’app Musica. È compatibile anche con Amazon Echo, Apple TV, Smart TV e altri dispositivi. Presenta un prezzo pari a 9,99 euro/mese (oppure 99 euro/anno), ma i nuovi utenti possono provare il servizio senza spendere denaro per 1 mese. Per saperne di più, leggi il mio post su come funziona Apple Music.
  • Amazon Music — anche in tal caso il nome lascia poco spazio all’immaginazione: si tratta del servizio per lo streaming musicale del colosso del commercio elettronico. Dispone di un catalogo costituito da oltre 70 milioni di brani per tutti i gusti. Si può usare mediante l’app per Android, ma c’è anche il client Web, per Windows e per macOS e l’app per e iOS/iPadOS. Ovviamente, è altresì funzionante su Amazon Echo. Presenta un prezzo pari a 9,99 euro/mese (oppure 99 euro/anno per i clienti Prime), ma i nuovi utenti possono attivare la prova gratuita di 30 giorni. Inoltre, gli abbonati ad Amazon Prime possono usufruire gratuitamente di una versione ridotta del servizio che garantisce l’accesso a 2 milioni di brani. Se vuoi approfondire il discorso, ti suggerisco la lettura del mio tutorial su come funziona Amazon Music Unlimited.
  • YouTube Music — è il servizio per lo streaming musicale di YouTube e, dunque, sfrutta il database di quest’ultimo. La si può quindi considerar la migliore app per scaricare musica gratis da YouTube. È a costo zero, ma per l’ascolto offline, per rimuovere la pubblicità e per sbloccare altre funzioni extra occorre sottoscrivere l’abbonamento a pagamento che presenta un prezzo pari a 9,99 euro/mese, ma ai nuovi utenti viene offerta la possibilità di testare gratuitamente il tutto per 30 giorni. Su Android si può adoperare mediante l’app ufficiale, ma funziona anche tramite il client Web, con l’app per iOS/iPadOS e con lo smart speaker Google Home e vari altri dispositivi. Per saperne di più, leggi la mia guida su come funziona YouTube Music.

Fildo

App per scaricare musica gratis

Se pensi che i servizi per lo streaming musicale non facciano al caso tuo e stai cercando di capire qual è la migliore app per scaricare musica MP3 gratis, ti suggerisco di provare Fildo. Si tratta, infatti, di un motore di ricerca per MP3 che consente di scaricare la musica attingendo a varie fonti.

Purtroppo non è presente sul Play Store, quindi per installarla devi attivare il supporto alle origini sconosciute nelle impostazioni di Android (come ti ho spiegato qui) e poi devi effettuare il download del relativo pacchetto APK.

Per cui, visita il sito Internet dello sviluppatore di Fildo direttamente dal tuo smartphone o tablet ed esegui il download del pacchetto per l’installazione da lì, premendo sul tasto Download e selezionando il link Tap Here To Download v.x.x.x – Mirror x nella nuova schermata proposta. Se ti viene chiesto con quale app intendi completare il download, seleziona il browser in uso e conferma le tue intenzioni premendo sul pulsante OK comparso in basso.

A download ultimato, fai tap sul nome del pacchetto APK ottenuto che trovi nella parte in basso della schermata del browser, in modo da avviarlo, e premi sul pulsante Installa presente nella schermata successiva, al fine di procedere all’installazione dell’applicazione. Quando avrai terminato, ricordati di accedere alle impostazioni di Android e attivare nuovamente il blocco per le app provenienti da origini sconosciute, così da evitare di installare app che potrebbero mettere a rischio il corretto funzionamento del tuo device.

Una volta compiuti tutti i passaggi di cui sopra, avvia Fildo sfiorando la relativa icona aggiunta alla home screen e/o al drawer di Android e cerca i brani musicali che ritieni possano interessarti, facendo tap sull’icona della lente d’ingrandimento collocata in basso e digitandone il titolo nel campo di ricerca proposto.

Seleziona, dunque, il brano da scaricare dall’elenco con i risultati di ricerca mostrato, premi sul pulsante con i tre puntini situato accanto al suo titolo e avvia il download facendo tap sulla dicitura Download dal riquadro che vedi comparire. Successivamente, facendo tap sul pulsante Library in basso e sulla scheda Download potrai eventualmente seguire il download in tempo reale.

Sappi che i brani vengono salvati nella cartella /home/download/fildodownloads/ e sono accessibili anche dalla scheda Library dell’applicazione. Ti faccio altresì notare che in alternativa alla funzione di ricerca Fildo propone nella schermata principale anche una selezione di artisti, album e playlist consigliati.

Altre app per scaricare musica gratis sul cellulare

Smartphone Android

Se non sei ancora riuscito a scovare la migliore app per scaricare musica gratis sul cellulare per te, ti consiglio di provare le soluzioni alternative che ho provveduto a includere per te nell’elenco sottostante. Mi auguro siano in grado di soddisfarti.

  • SoundCloud — è l’app gratuita di un celebre servizio per la musica in streaming che viene adoperato da artisti e band indipendenti. Propone tanta musica originale e anche svariati remix di brani famosi.
  • Audiomack — è l’applicazione di una piattaforma per lo streaming musicale adoperata dagli artisti di musica hip-hop, afrobeat, elettronica, reggae e musica da sala da ballo che mettono a disposizione le proprie composizioni per gli ascoltatori. La musica disponibile si può scaricare gratis per la riproduzione offline.
  • Total — si tratta di un rinomato download manager che consente anche di catturare gli stream video e audio disponibili in qualsiasi pagina Web. Di base è gratis, ma propone acquisti in-app (al costo di 2,99 euro) per sbloccare tutte le funzioni disponibili.

Migliore app per scaricare musica gratis: iPhone

Se possiedi un iPhone (oppure un iPad) e stai cercando di capire qual sia la migliore app per scaricare musica gratis, puoi rivolgerti alle soluzioni che trovi qui sotto.

Servizi di streaming musicale

Mettere musica su iPhone dal telefono

Su iPhone e iPad, tra le migliori app per effettuare il download gratuito della musica rientrano senza indugio alcuno quelle dei servizi di streaming musicale, di cui ti ho già parlato in maniera dettagliata nel passo a inizio guida relativo ad Android. Il funzionamento è sempre lo stesso.

Altre app per scaricare musica gratis su iPhone

iPhone

Se per il tuo iPhone (o iPad) non hai ancora individuato la migliore app per scaricare musica gratis e, dunque, cerchi delle alternative a quanto ti ho già proposto, sono spiacente di comunicarti che purtroppo su iOS (e iPadOS) non ci sono applicazioni che consentono di eseguire il download offline dei brani da eventuali servizi di file hosting e social network. A dirla tutta, di tanto in tanto su App Store compaiono soluzioni di questo tipo, ma vengono prontamente rimosse da Apple a causa delle politiche particolarmente restrittive che applica.

L’unica concreta alternativa è l’uso di un download manager come Total per la cattura degli stream online, di cui ti ho parlato nel passo dedicato ad Android e che c’è anche su App Store.

Puoi altresì prendere in considerazione l’idea di visitare direttamente dal browser del tuo device uno dei tanti servizi online che consentono di scaricare gratis e legalmente la musica in quanto distribuiscono contenuti su cui non vige più alcun copyright oppure che sono stati concessi al pubblico dai rispettivi autori. Se desideri approfondire il discorso, ti suggerisco di consultare la mia rassegna sui siti per scaricare musica gratis.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.