Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come scaricare musica gratis

di

Quello composto da Internet e musica è un binomio indissolubile. È dai tempi delle connessioni a 56k che le persone si rivolgono alla grande rete per scaricare canzoni e, anche se da allora ne è passata molta di acqua sotto i ponti, la musica continua a essere una delle “materie” più amate dagli internauti di tutto il mondo.

Ecco il motivo per il quale oggi voglio occuparmi di questo argomento e voglio suggerirti come scaricare musica gratis tramite alcuni programmi, siti Web e app che, spero, ti piaceranno molto. Da’ loro un’occhiata e sarai finalmente in grado di soddisfare la tua “fame” musicale senza affrontare inutili attese e senza dover effettuare fastidiose registrazioni. Non devi far altro che cercare il titolo di un brano e procedere con il download.

Attenzione: questo tutorial è stato scritto a puro scopo illustrativo. Scaricare da Internet, in maniera abusiva, brani protetti da diritto d’autore è un reato. Non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e, pertanto, non mi assumo alcuna responsabilità circa l’utilizzo che farai delle informazioni contenute in questo post.

Indice

Come scaricare musica gratis su PC e Mac

Come ti dicevo a inizio guida, esistono numerosi programmi grazie ai quali è possibile scaricare musica gratis su PC e Mac. Se vuoi scoprire quali sono le migliori soluzioni per Windows, macOS e Linux appartenenti alla suddetta categoria, prosegui pure nella lettura: le trovi segnalate proprio qui sotto.

Lacey (Windows)

Lacey

Un ottimo strumento per scaricare musica gratis, funzionante solo su Windows, è Lacey. È praticamente la miglior soluzione per evitare attese e inutili perdite di tempo per il download dei contenuti audio di tuo interesse. Si tratta, infatti, di un programma gratuito che permette di cercare e scaricare la musica da vari servizi online.

Per scaricare Lacey sul tuo PC, collegati al relativo sito Internet e clicca sulla voce Free Download Lacey.zip collocata al centro della pagina. A download completato, apri l’archivio ZIP ottenuto, estraine il contenuto in una cartella a tua scelta e avvia il file .exe presente al suo interno, in modo da lanciare il programma.

Ora è arrivato il momento di passare all’azione! Nella finestra che si apre, clicca sul pulsante con la freccetta presente in alto e seleziona dal menu che compare i nomi dei servizi dei quali vuoi avvalerti per il download dei brani. In seguito, digita il nome della canzone, dell’artista oppure della compilation che vuoi scaricare nel campo di ricerca collocato in alto e premi il tasto Search adiacente. Lacey provvederà quindi a rintracciare tutti i file correlati.

Una volta visualizzato l’elenco delle corrispondenze, per scaricare un brano sul PC fai semplicemente doppio clic su di esso. Successivamente, potrai seguirne l’avanzamento scegliendo la voce Downloads dalla barra laterale di sinistra. Nel caso del download dei video, puoi usare Lacey per scaricare musica gratis MP3, trasformando i filmati nel formato in questione, facendo clic destro sul loro titolo (sempre nella scheda Downloads) e scegliendo la voce Convert to MP3 dal menu contestuale.

qBitTorrent (Windows/macOS/Linux)

qBitTorrent

Molti album musicali, compresi quelli degli artisti emergenti che cercano visibilità online, vengono distribuiti su Internet tramite la rete BitTorrent. Per scaricarli, potresti allora rivolgerti a qBitTorrent. Si tratta di un client Torrent gratuito, open source e multipiattaforma, quindi viene considerata come un’ottima soluzione per scaricare musica gratis su PC e per scaricare musica gratis su Mac. A differenza del più “gettonato” uTorrent, non contiene banner pubblicitari e non propone l’installazione di software promozionali durante il setup iniziale. Inoltre, comprende un’utilissima funzione di ricerca che permette di trovare i file sulla rete BitTorrent.

Per scaricare qBitTorrent sul tuo computer, collegati innanzitutto al relativo sito Internet. Successivamente, se stai usando Windows, clicca sul collegamento 32-bit & 64-bit installers che si trova accanto alla bandierina di Microsoft e seleziona la voce qBittorrent Windows x64 (se stai usando Windows a 64 bit) oppure quella qBittorrent Windows (se stai usando Windows a 32 bit).

A scaricamento completato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sui pulsanti , OK e Avanti. Seleziona, dunque, la casella Accetto le condizioni della licenza e concludi il setup facendo clic sui pulsanti Avanti (per due volte di seguito), Installa e Fine.

Se stai usando macOS, invece, dopo aver visitato il sito del programma, clicca sul link DMG posto in corrispondenza della mela di Apple e seleziona la voce qBittorrent Mac OS X, così da avviare il download di qBitTorrent.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, apri il pacchetto .dmg ottenuto, sposta l’icona di qBittorrent nella cartella Applicazioni del computer, fai clic destro su di essa, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e rispondi all’avviso che compare premendo sul bottone Apri, in modo da avviare il software andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ora che, a prescindere dal sistema operativo impiegato, visualizzi la finestra principale di qBitTorrent non ti resta altro da fare se non cercare la musica di tuo interesse sulla rete BitTorrent. Per cui, provvedi in primo luogo ad abilitare il motore di ricerca interno, selezionando il menu Visualizza in alto a sinistra e poi la voce Motore di ricerca in esso presente. Se utilizzi Windows ti verrà chiesto di installare il componente gratuito Python, che è essenziale per il funzionamento del motore di ricerca integrato nel programma, quindi accetta senza problemi la sua installazione.

A questo punto, seleziona la scheda Ricerca dalla finestra principale del programma, poi l’opzione Musica nel menu a tendina Tutte le categorie e cerca un brano oppure un album, digitando il titolo nella casella di testo a sinistra e premendo sul pulsante Cerca adiacente.

Disponi poi i risultati della ricerca che ti vengono mostrati in ordine di seeder facendo clic sulla colonna Sorgenti, dopodiché avvia il download dei contenuti con un maggior numero di fonti all’attivo facendo doppio clic sui loro nomi. Per approfondimenti in merito al funzionamento del programma, ti suggerisco la lettura della mia guida su come usare qBittorrent.

Altre soluzioni per scaricare musica gratis su PC e Mac

Cercare file con eMule

I programmi che ti ho già consigliato non sono stati di tuo gradimento e, dunque, ti piacerebbe che ti segnalassi altre soluzioni per scaricare musica gratis sul computer? Ti accontento subito. Le trovi elencate qui di seguito.

  • eMule (Windows) — anche se la sua popolarità è calata moltissimo nel corso degli ultimi anni, si tratta di un’ottima soluzione per il P2P, per scaricare canzoni e interni album musicali da Internet a costo zero. Sulle sue reti (eD2K e Kad), infatti, si possono trovare molti contenuti rari, che su altri network sono praticamente impossibili da reperire. È solo per Windows ed è gratis. Per approfondimenti, leggi la mia guida specifica su come usare eMule.
  • aMule (macOS/Linux) — è la versione di eMule specifica per macOS e Linux. È praticamente identico, o quasi, al software in questione, sia per quel che concerne il funzionamento che per quanto riguarda le caratteristiche. Per saperne di più, leggi il mio tutorial su come impostare eMule su Mac.
  • JDownloader (Windows/macOS/Linux) — è un celebre download manager per Windows, macOS e Linux. È open source, totalmente gratis e consente di “captare” i file audio (ma anche quelli video e le immagini) che si trovano online e di scaricarli. Supporta tutti i più diffusi siti di hosting e di video sharing. Per maggiori dettagli, consulta il mio post su come usare JDownloader.

Come scaricare musica gratis da Internet

Non vuoi o non puoi installare nuovi programmi sul tuo computer e ti piacerebbe quindi che ti spiegassi come scaricare musica gratis da Internet? Detto, fatto! Qui sotto, infatti, ho provveduto a indicarti quelli che ritento essere i migliori servizi online utili allo scopo.

Archive.org

Archive.org

Il primo sito Internet che ti suggerisco di prendere in considerazione per scaricare musica gratis è Archive.org. Si tratta di un celebre portale che si è posto l’ambizioso obiettivo di preservare la memoria collettiva ospitando, e quindi rendendo disponibili per il download, numerosi contenuti culturali. Fra questi ci sono anche moltissimi brani musicali non più protetti da copyright, registrazioni di concerti live e vecchie trasmissioni radiofoniche che possono essere scaricati localmente.

Per servirti di Archive.org, visita la sezione del sito dedicata alla musica e scegli una delle categorie che trovi elencate al centro della pagina: Live Music Archive per le registrazioni delle esibizioni live, Radio Programs per le registrazioni radiofoniche, Community audio per brani musicali vari ecc.

Se lo ritieni necessario, puoi aiutarti nell’individuazione dei contenuti di tuo interesse tramite i filtri nella barra laterale di sinistra. Puoi altresì effettuare una ricerca diretta, digitando la keyword di tuo interesse nel campo di testo apposito presente nella parte in alto a destra della schermata del sito.

Quando trovi un contenuto musicale che ti piace, clicca sul suo titolo e riproducilo in anteprima dal navigatore, premendo sul pulsante Play che trovi nel player che compare. Se il contenuto scelto ti convince e desideri quindi procedere con il download, seleziona uno dei formati di file nella barra laterale di destra e il gioco è fatto. Tieni tuttavia presente che per alcuni file audio potrebbe non essere possibile procedere con il download, in quanto disponibili solo per lo streaming.

Altre soluzioni per scaricare musica gratis da Internet

Jamendo

Cerchi altre soluzioni per effettuare il download di musica a costo zero dal Web? Allora da’ subito un’occhiata agli ulteriori siti Internet utili allo scopo che ho provveduto a inserire nel seguente elenco.

  • Jamendo — è un sito Web utilizzato da artisti e band emergenti di tutto il mondo per far conoscere la propria musica, il quale permette di ascoltare e scaricare musica gratis in maniera al 100% legale. Ci sono perfino dei brani che possono essere utilizzati in progetti personali (quelli rilasciati sotto licenza Creative Commons) senza sborsare un centesimo, mentre chi ha bisogno di usare i contenuti audio in progetti con finalità commerciali deve sottoscrivere il piano a pagamento Jamendo Licensing.
  • SoundCloud — si tratta di un servizio famosissimo su cui vengono caricati remix di brani famosi, podcast e opere di artisti indipendenti. Non tutte le opere sono disponibili per il download: alcuni brani si possono solo ascoltare in streaming, ma ti assicuro che di materiale interessante ce n’è così tanto che avrai sempre l’imbarazzo della scelta.
  • Whatfunk — è un sito Internet dedicato interamente alla musica di dominio pubblico. Questo significa che ospita esclusivamente colonne sonore che si possono scaricare gratis e utilizzare liberamente in progetti personali e commerciali. Date le sue caratteristiche, viene considerata un’ottima soluzione per scaricare musica gratis MP3 senza programmi.

Come scaricare musica gratis sul cellulare

Fildo

Se non hai il computer a tua disposizione, puoi valutare di scaricare musica gratis sul cellulare, oltre che sul tablet, ricorrendo all’uso di alcune apposite app. Se la cosa ti interessa, qui sotto trovi elencate quelle che ritengo essere le più interessanti soluzioni della categoria per Android e iOS/iPadOS.

  • Fildo (Android) — si tratta di una famosa app a costo zero che permette di scaricare musica gratis su Android, andando a prelevare i file audio di tuo interesse da varie fonti. Non è disponibile sul Play Store, di conseguenza per installarla bisogna scaricare il relativo pacchetto APK e attivare il supporto alle origini sconosciute nelle impostazioni di sistema, come ti ho spiegato nella mia guida specifica su come installare APK.
  • Jamendo (Android/iOS/iPadOS) — è l’app ufficiale del sito per la musica indipendente di cui ti ho parlato nel passo precedente. Il funzionamento è praticamente lo stesso di quello del portale. È gratuita ed è disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS, ma non consente di scaricare musica gratis su iPhone e su iPad, in quanto si tratta di una possibilità contemplata solo per la piattaforma mobile del “robottino verde”.
  • SoundCloud (Android/iOS/iPadOS) — è l’app del servizio per la musica in streaming usato da artisti e band indipendenti che ti ho menzionato nel passo precedente. È compatibile con Android e iOS/iPadOS, è gratis e il funzionamento è praticamente lo stesso di quello del sito.

Servizi per lo streaming musicale

Come caricare musica su MP3

Anche se non si tratta propriamente di soluzioni per scaricare musica gratis, ti ricordo che esistono svariati servizi per lo streaming musicale, i quali permettono di ascoltare ed eseguire il download offline di canzoni di ogni genere ed epoca. Tutto in maniera completamente legale e in alta qualità.

Il download dei brani musicali, però, è riservato agli utenti che decidono di sottoscrive un abbonamento a pagamento, ma i prezzi sono alla portata di tutti. Inoltre, per i nuovi clienti sono previsti dei periodi di prova gratuita piuttosto lunghi e senza obbligo di rinnovo.

Se desideri approfondire la questione, qui di seguito ho provveduto a segnalarti quelle che, a parer mio, rappresentano le più affidabili soluzioni della categoria disponibili su piazza.

  • Spotify — è stato uno tra i primi servizi per lo streaming musicale ad affacciarsi sul mercato italiano e a oggi continua a essere una tra le soluzioni più “gettonate” e diffuse della categoria. È fruibile tramite player Web, come client per Windows e macOS, come app per Android e iOS/iPadOS e su vari altri dispositivi, tra cui le console PlayStation e gli Amazon Echo. Il piano base e gratuito con spot pubblicitari e limitazioni varie, come l’impossibilità di scaricare i brani per la riproduzione offline. Per aggirare tutte le limitazioni occorre sottoscrivere il piano a pagamento che in versione utente singolo standard costa 9,99 euro/mese (oppure 119,88 euro/anno), il quale può essere provato gratuitamente per 1 mese dai nuovi iscritti. Per maggiori informazioni, leggi il mio post su come funziona Spotify.
  • Apple Music — come deducibile dal nome stesso, è il servizio per lo streaming musicale dell’azienda della “mela morsicata”. Il suo database è estremamente ricco, viene aggiornato di continuo e comprende anche la Libreria musicale di iCloud, la quale consente di caricare sul cloud di Apple e di sincronizzare su tutti i propri dispositivi i brani preferiti (anche quelli che non fanno parte del catalogo del servizio). Funziona via Web (ancora in versione beta) e su computer tramite iTunes (su Windows e su macOS 10.14 Mojave o versioni precedenti, su cui il programma è preinstallato) e l’applicazione Musica (preinstallata su macOS 10.15 Catalina e versioni successive), mentre su smartphone e tablet il servizio è integrato nell’app Musica per iOS/iPadOS ed è disponibile sotto forma di app dedicata per Android. È compatibile anche con Amazon Echo. Il suo prezzo è pari a 9,99 euro/mese (oppure 99 euro/anno), ma i nuovi utenti possono provare il servizio gratuitamente per 3 mesi. Per approfondimenti, consulta il mio post su come funziona Apple Music.
  • Amazon Music — si tratta del servizio per lo streaming musicale di Amazon e ha un catalogo con oltre 70 milioni di brani. Si può usare mediante il client Web, per Windows e per macOS, tramite l’app per Android e iOS/iPadOS e su Amazon Echo. Costa 9,99 euro/mese (oppure 99 euro/anno per i clienti Prime), ma i nuovi utenti possono testarlo gratis per 30 giorni. Inoltre, tutti gli abbonati ad Amazon Prime possono usufruire gratuitamente di una versione ridotta del servizio che offre l’accesso a 2 milioni di brani. Per maggiori dettagli, leggi la mia guida su come funziona Amazon Music Unlimited.
  • YouTube Music — è il servizio per lo streaming musicale di YouTube e attinge al suo database. Si può usare gratis, ma per l’ascolto offline, per rimuovere la pubblicità e per accedere a tutte le varie funzioni extra bisogna sottoscrivere l’abbonamento a pagamento, che costa 9,99 euro/mese. Ai nuovi utenti viene però offerta la possibilità di testare gratuitamente il servizio per 30 giorni. È accessibile da client Web e come app per Android e iOS/iPadOS e tramite vari altri dispositivi, come lo smart speaker Google Home. Per approfondimenti, ti suggerisco di leggere il mio articolo su come funziona YouTube Music.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.