Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Migliori VPN gratis

di

Ti piacerebbe accedere a un sito Internet che non risulta visibile dall’Italia? Vorresti navigare anonimamente in Rete senza comunicare all’esterno il tuo reale indirizzo IP e, quindi, senza rilevare la tua vera identità? Per questi e molti altri scopi, la parola d’ordine è solo una: VPN. Sono certo che ne hai già sentito parlare, ma oggi voglio aiutarti a fare un po’ più di luce sull’argomento.

Le VPN (abbreviazione di Virtuale Private Network) sono degli strumenti estremamente utili, grazie ai quali è possibile camuffare la propria connessione e bypassare le restrizioni regionali applicate dai siti Internet (in quanto fanno risultare la connessione come proveniente da altri paesi). Per semplificare al massimo il concetto, sono degli intermediari che fanno da tramite tra il computer dell’utente e i siti visitati, nascondendo così l’identità di quest’ultimo.

Forse ti sembra un argomento troppo complesso per quelle che sono le tue conoscenze informatiche, ma ti assicuro che ti sbagli: utilizzare le VPN è meno complesso di ciò che sembra e, soprattutto, non richiede l’esborso di soldi (non necessariamente almeno). Non ci credi? Allora prenditi cinque minuti di tempo libero e dai un’occhiata alla lista delle  migliori VPN gratis che ho preparato per te: scommetto che resterai stupito dalle potenzialità e dalla flessibilità di questo strumento, per non parlare della semplicità con la quale riuscirai a utilizzarlo!

Indice

Cosa significa VPN

Migliori VPN gratis

Pronto a entrare nell’universo delle VPN? Perfetto, voglio partire subito con lo spiegarti nel dettaglio cosa significa questa parola: VPN è l’abbreviazione della frase inglese Virtuale Private Network, che possiamo tradurre in italiano come “rete privata virtuale”, e si tratta di una particolare tecnica atta a rendere invisibili a sguardi non autorizzati (che siano criminali informatici, organi di censura, enti di sorveglianza o altro) le informazioni su ciò che si svolge in Internet.

Nel dettaglio, questo camuffamento delle attività è ottenuto tramite uno specifico tipo di connessione cifrata (o tunnel, in gergo) che si crea tra il dispositivo che si connette a Internet e il server che offre il servizio VPN: per la precisione, parlando di navigazione Internet, si richiede al server VPN di navigare per proprio conto, e i dati relativi alla navigazione, vengono scambiati tra il server e il dispositivo da cui si naviga, in modalità protettacrittografata, così da evitare che qualcuno possa accedervi dall’esterno.

In parole molto spicciole, questo significa che un sito Internet su cui si naviga vedrà in realtà l’indirizzo IP del server VPN, e non quello dell’utente che di fatto lo guarda, ignorando dunque la vera posizione da cui lo si visita. Numerose applicazioni per VPN, specie quelle non legate al browser, permettono di applicare lo stesso criterio non solo per la navigazione Internet, ma per nascondere i dati in entrata e in uscita di qualsiasi applicazione che sfrutti la Rete, aumentando ancor di più il livello di protezione.

Per dirla tutta, neppure il gestore di servizi Internet (TIM, Vodafone, Infostrada, Fastweb, eccetera) è in grado di entrare nel tunnel e di risalire al traffico generato attraverso la VPN: ciò significa che il tuo gestore può sapere che ti sei connesso a una VPN, ma non può sapere nulla su come l’hai sfruttata né sui dati che hai scambiato attraverso essa.

Il criterio del tunneling VPN può essere inoltre sfruttato nei settori professionali, specie se un’azienda dà ai suoi impiegati il permesso di lavorare da postazioni esterne alla sede stessa: se l’azienda offre accesso VPN, l’impiegato potrà connettersi alla rete locale interna anche da casa propria o da qualsiasi altra posizione, inserendo le sue credenziali d’accesso e sfruttando il tunnel virtuale instaurato dalla VPN. Dunque, grazie alla VPN, si può lavorare dalla propria scrivania di casa sui file e sui documenti interni dell’azienda, con l’assoluta certezza di non venir spiati dall’esterno, e di comunicare col proprio posto di lavoro attraverso una connessione cifrata e protetta.

Come si usano le VPN

Compreso quanto ti ho spiegato finora, starai sicuramente pensando che comprendere come usare una VPN possa riuscirti difficile: lasciati dire che sei in errore, perché grazie alle spiegazioni che sto per darti ti risulterà tutto molto chiaro. Tempo pochi minuti e sarai in grado di fare tutto in autonomia anche senza essere un geniaccio dell’informatica.

Ribadisco, innanzitutto, che attraverso la VPN il traffico tra teInternet viene protetto, criptato e nascosto, e che il tutto avviene attraverso un tunnel virtuale tra te e la VPN stessa. Di creare questo tunnel se ne occupano programmi o app specifici per lo scopo, che vengono messi a disposizione dai servizi VPN stessi: bisogna dunque innanzitutto identificare la VPN più adatta alle proprie esigenze, poi effettuare un’eventuale registrazione al servizio (non sempre è richiesta), scaricare il programma o l’app messi a disposizione e, infine, configurarli usando eventualmente le proprie credenziali d’accesso. Fatto ciò, il software si occuperà di creare il tunnel fra l’utente e il server, e di criptare e “rinchiudere” le comunicazioni al suo interno.

Una volta nel tunnel della VPN, il traffico dati non può più essere né visto né intercettato dall’esterno, esattamente come succede quando un satellite “perde di vista” un’automobile che entra in galleria. Oltretutto, come ti ho già accennato, i servizi Internet non conoscono la reale posizione né l’indirizzo IP di chi li sfrutta, ma quelli della VPN. Questo significa che il tuo gestore non può sapere ciò che accade all’interno del tunnel, ma a un costo, spesso pagato in termini di velocità: se il servizio VPN non è veloce, o i server sono particolarmente lontani dalla posizione geografica di chi li sfrutta, si potrebbero infatti verificare notevoli rallentamenti nell’utilizzo della Rete. Tutto chiaro? Bene, allora andiamo avanti e passiamo all’azione scoprendo, insieme, i migliori servizi di VPN gratuiti.

Migliori servizi VPN gratis

Prima di entrare nel vivo della questione e di darti la lista di quelle che a mio avviso sono le migliori VPN gratis, lascia che ti avverta su un paio di cose: in primo luogo, sfruttare VPN di dubbia provenienza può essere rischioso, perché il server stesso potrebbe registrare il tuo traffico (ne è in grado, essendo il tunnel configurato al suo interno) per attività pubblicitarie o di analisi dei dati. Sia chiaro, le VPN che troverai in questa lista non svolgono (almeno non al momento in cui ti sto scrivendo) attività di profilazione alcuna, ma leggi sempre bene, e con attenzione, i termini di servizio, che puoi consultare in fase di registrazione.

Inoltre, sappi che nascondersi dietro una VPN non mette al sicuro dalla legge, poiché non esiste un modo per non lasciare tracce di ciò che si fa su Internet: voglio puntualizzarlo perché, spesso, si pensa che sfruttando le VPN si diventi autorizzati a compiere pratiche illegali. Ti garantisco che non è così, poiché un reato resta un reato anche dall’interno di un tunnel, e le autorità giudiziarie potrebbero – sempre con mandati e particolari trafile legali – risalire all’indirizzo IP di chi sfrutta una VPN, nel caso di un’indagine, e punirlo severamente. Sfrutta quindi questo pratico servizio con consapevolezza, coscienza, e nel pieno rispetto della legge.

Detto ciò, continua a leggere quanto segue per scoprire quali sono attualmente i migliori servizi VPN che puoi sfruttare anche in modo gratuito.

NordVPN

NordVPN

Pur non essendo un servizio gratuito, non posso assolutamente trascurare NordVPN: una delle soluzioni VPN più famose e usate al mondo. I motivi di questo successo? Beh, direi l’elevato grado di sicurezza, la flessibilità, la semplicità di utilizzo e la convenienza che offre.

NordVPN, infatti, è compatibile con tutti i dispositivi e i sistemi operativi più diffusi (Windows, macOS, Linux, Android, iOS/iPadOS, Smart TV Android TV, Raspberry Pi, NAS, router ecc.) e offre una vastissima gamma di server VPN disseminati in tutto il mondo. Questo permette di proteggere la navigazione, anche sulle reti Wi-Fi pubbliche, nascondendo tutti i dati da malintenzionati e provider Internet (neanche i gestori stessi di NordVPN possono accedere ad alcun dato, in quanto non viene registrato nulla delle attività svolte dagli utenti); di superare le restrizioni regionali e accedere ai cataloghi esteri dei servizi di streaming.

I server disponibili sono tantissimi, tutti abbastanza veloci: alcuni di essi sono finanche ottimizzati per attività specifiche, come lo scambio di file sulle reti P2P (es. BitTorrent), la navigazione tramite protocollo Onion (quello usato dalla rete anonima Tor) o la navigazione con IP dedicato.

Come già detto in precedenza, il servizio non è gratuito, ma prevede vari piani, tutti con garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni: il piano più conveniente è quello di 2 o 3 anni in base alle promo in corso, proposto a 3,11 euro/mese (fatturati annualmente); in alternativa ci sono il piano da 2 anni a 4,44 euro/mese (fatturati annualmente), quello da 1 anno a 6,22 euro/mese (fatturati annualmente) e quello da 1 mese a 10,64 euro. Nei periodi di promo, inoltre, nel prezzo possono essere inclusi degli extra (come il password manager NordPass, del valore di 194.61$). L’uso del servizio è consentito su un numero massimo di 6 dispositivi in contemporanea.

Per cominciare a usare NordVPN, collegati al sito ufficiale del servizio, scegli il piano di tuo interesse e crea il tuo account. Dopodiché devi installare il client ufficiale di NordVPN sui tuoi dispositivi: se utilizzi Windows, apri dunque il file .exe che hai ottenuto, clicca sul pulsante , attendi che vengano scaricati da Internet tutti i file necessari al corretto funzionamento del programma e concludi il setup, facendo clic prima su Next e poi su Install e Finish. Se utilizzi un Mac, invece, puoi scaricare NordVPN direttamente dal Mac App Store.

Su smartphone e tablet, invece, apri lo store del tuo device (es. Play Store su Android o App Store su iPhone/iPad), cerca NordVPN in quest’ultimo e fai tap prima sull’icona dell’applicazione e poi sul pulsante Installa/Ottieni. Su iPhone/iPad potrebbe esserti richiesto di verificare la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Ad installazione completata, non ti resta che avviare il client di NordVPN, effettuare il Log In al tuo account e selezionare il server VPN a cui connetterti, scegliendo una delle nazionalità disponibili, uno dei server presenti nella sezione Speciality servers (quelli ottimizzati per P2P, navigazione tramite protocollo Onion o IP dedicato) oppure effettuando una ricerca per trovare il server VPN più adatto a te.

Al termine della navigazione, apri nuovamente NordVPN e clicca sul pulsante Disconnect, per disconnetterti dalla VPN. Se qualche passaggio non ti è chiaro e/o ti servono maggiori informazioni sul funzionamento di NordVPN, leggi la mia recensione del servizio.

Surfshark (Windows/macOS/Linux)

Surfshark

Un altro servizio VPN che devi assolutamente prendere in considerazione è Surfshark, che permette di navigare in tutta sicurezza tramite una cifratura avanzata (che rende le comunicazioni impossibili da intercettare per malintenzionati, provider Internet e perfino per gli stessi gestori del servizio) e l’uso di oltre 1040 server disseminati in più di 61 Paesi di tutto il mondo.

Surfshark può essere usato per superare le restrizioni geografiche, le censure e accedere ai cataloghi esteri dei servizi di streaming. Inoltre, ci sono funzioni avanzate che permettono di personalizzare al massimo il funzionamento del servizio e proteggere a 360 gradi la connessione: Whitelister per creare una lista di eccezioni con i programmi che non devono usare la VPN; CleanWeb per proteggersi da malware e altri contenuti dannosi/fastidiosi online e Kill Switch per disattivare automaticamente il collegamento a Internet in caso di disconnessione dalla VPN.

L’applicazione di Surfshark è disponibile per Windows, macOS e Linux su computer (dov’è disponibile anche tramite estensione per i browser Chrome e Firefox), per Android e iOS/iPadOS) su smartphone e tablet, su Amazon Fire TV Stick), Smart TV, Apple TV, PlayStation, Xbox e anche altri device che non supportano direttamente l’installazione di VPN, tramite il sistema di DNS intelligente di Surfshark). L’utilizzo è consentito da più dispositivi in contemporanea, senza limiti.

Quanto ai prezzi, il piano più conveniente di Surfshark è quello di 24 mesi a 1,79 euro/mese con fatturazione ogni 24 mesi; in alternativa ci sono il piano da 12 mesi a 4,99 euro/mese con fatturazione annuale e da 1 mese a 9,89 euro; tutti con garanzia di 30 giorni soddisfatti o rimborsati.

Detto questo, passiamo all’azione. Per installare Surfshark sul tuo PC, collegati al sito ufficiale del servizio, clicca sul pulsante Acquista ora, scegli il piano che intendi sottoscrivere ed esegui il pagamento tramite carta di credito, PayPal, Google Pay, Soffro, Amazon Pay o Criptovaluta. Dopodiché scarica il programma per Windows o macOS e installalo: su Windows, basta lanciare il file .exe ottenuto e cliccare sul pulsante ; su macOS basta usare il Mac App Store o il pacchetto .dmg).

Per installare Surfshark su smartphone e tablet, invece, apri la scheda dell’applicazione nello store del tuo device (usando i link che ti ho fornito prima) e premi sul pulsante Installa/Ottieni. Su iOS/iPadOS, potresti dover altresì verificare la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Una volta installata l’applicazione di Surfshark sul tuo dispositivo, non ti resta che avviarla, scegliere se creare un account o accedere a un account già esistente e premere sul pulsante Connetti, in modo da collegarti al server VPN più veloce.

In alternativa, recati nella sezione Posizioni e scegli il server a cui connetterti "manualmente". Al termine della sessione di navigazione, poi, premi sul pulsante Disconnetti, per disconnetterti dalla VPN. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale di Surfshark.

Opera VPN

Opera VPN è il migliore esempio di VPN gratis: di poche pretese, è integrato direttamente in Opera, il celeberrimo browser per navigare in Internet (di cui ti ho parlato anche nel mio tutorial sui migliori browser). In realtà non si tratta di un servizio molto strutturato: non sono garantite velocità ottimali e non esiste la possibilità di scegliere la parte del mondo da cui simulare il collegamento.

Opera VPN è un servizio che puoi sfruttare tranquillamente se hai bisogno di mascherare l’indirizzo IP mentre navighi su Internet, per poter magari accedere a siti bloccati nel tuo paese, ma la protezione offerta non va oltre la navigazione in Rete, e si limita esclusivamente ai siti visitati attraverso il browser.

Fatta questa doverosa premessa, è il momento di spiegarti come attivare Opera VPN: se usi un computer Windows o macOSscarica il browser da questa pagina pigiando sul pulsante verde Scarica Ora, apri il file appena scaricato e, se usi Windows, pigia sul pulsante Accetta e Installa, poi clicca sul pulsante , mentre se usi macOS trascina l’icona di Opera nella cartella Applicazioni del tuo Mac.

Ora apri Opera dal menu Start di Windows (l’icona a forma di bandierina, in basso a sinistra) oppure dalla cartella Applicazioni di macOS, fai clic sul pulsante con la O rossa che trovi in alto a destra, poi sulla voce Impostazioni, sulla voce Riservatezza & sicurezza che trovi nella barra di sinistra e, infine, clicca sulla casella Attiva la VPN per apporvi il segno di spunta.

Ritorna quindi alla tua attività di navigazione, che ora viene protetta attraverso la VPN. Per disattivare il servizio, ripeti la procedura esattamente nello stesso modo, togliendo la spunta sulla casella Attiva la VPN per ritornare alla navigazione “normale”.

Betternet

Anche se il servizio di rilevazione malware di questa VPN lascia un pochino a desiderare, ho deciso comunque di inserirla tra le migliori VPN gratis perché, in effetti, Betternet è un ottimo servizio che può essere utilizzato gratuitamente per 7 giorni. Al termine del periodo di prova è però necessario sottoscrivere un abbonamento, al prezzo a partire da 11,99$/mese.

Mostra un piccolo annuncio pubblicitario prima di ogni connessione e include dei suggerimenti in-app, ma si tratta di uno scambio accettabile per la fruizione gratuita del servizio; anche perché la VPN offerta da Betternet non ha limiti di dati, né di dispositivi utilizzabili simultaneamente, la velocità di connessione è piuttosto buona, e sono disponibili diverse posizioni da cui  “simulare” un collegamento.

Betternet è disponibile su computer Windows, come estensione per i browser Google Chrome e Firefox, oltre che sulle piattaforme Android e iOS. Tutto ciò che devi fare per utilizzarla è recarti sulla pagina di download più adatta al tuo sistema operativo, poi pigiare sul pulsante blu Get The App: se usi Windows, attendi che il file BetternetForWindowsxyz,exe venga scaricato, poi avvialo con un doppio clic e pigia sui pulsanti , Next, Install, InstallaFinish per installarlo.

Per installare l’estensione di Google Chrome, collegati al Chrome Web Store e clicca sui pulsanti Aggiungi Aggiungi Estensione, mentre su Android e iOS devi semplicemente scaricare la app di Betternet dallo store del tuo smartphone/tablet.

Per sfruttare questa VPN non c’è bisogno di registrazione e, come ti ho già spiegato, tutto ciò che dovrai fare per usarla è visionare un piccolo annuncio pubblicitario a ogni connessione. Ti raccomando di non visitare siti notoriamente ricolmi di malware, e di avere a disposizione un buon antivirus durante la navigazione tramite Betternet: come ti ho già detto, questa VPN non offre un servizio di rilevamento malware così efficace.

TunnelBear

TunnelBear è sicuramente uno dei migliori servizi VPN in circolazione, che garantisce anonimato e protezione a chi decide di affidarvisi, e che può mascherare sia i soli dati relativi alla navigazione in Internet, sfruttando le estensioni per i browser Google Chrome e Opera, sia l’intero traffico Internet tra il dispositivo e il server, sfruttando i programmi per computer Windows o macOS, e le app per Android e iOS.

Per installare TunnelBear su Windows o macOS, recati nella pagina di download del programma e attendi che il file di installazione venga scaricato sul tuo computer, dopodiché fai doppio clic sul file appena scaricato e, se sei su Windows, premi il pulsante I Agree, poi sui pulsanti Install e  e segui le istruzioni a schermo per accedere alla VPN. Se usi macOS, invece, trascina l’icona di TunnelBear nella cartella Applicazioni del tuo Mac e richiama il programma dalla cartella Applicazioni. Per quanto riguarda Google Chrome, recati nella pagina del Chrome Web Store dedicata a TunnelBear e clicca sui pulsanti AggiungiAggiungi estensione, mentre su Android e iOS devi recarti nello store di app del tuo dispositivo e scaricare TunnelBear.

La VPN offerta da TunnelBear dispone di una modalità di utilizzo completamente gratuita, tramite cui puoi usufruire gratuitamente di 500 MB di traffico VPN al mese, a patto di effettuare una semplice registrazione da questa pagina: inserisci un indirizzo di posta elettronica valido e una password nelle caselle preposte, pigia sul pulsante Create Account e segui le istruzioni che ti verranno capitate via email per convalidare la tua iscrizione. Puoi usare le credenziali così ottenute all’interno dei programmi o delle app di cui ti ho parlato prima.

Inoltre, se il limite di dati ti sta stretto oppure decidi di investire qualche soldo sulla tua sicurezza, puoi effettuare l’abbonamento al servizio pagando circa 10 dollari al mese oppure 60 dollari all’anno.

Avira Phantom VPN

Hai sentito di certo il nome di Avira parlando di antivirus per computer e no, non ti stai confondendo: Avira Phantom VPN è la soluzione VPN offerta dalla stessa casa produttrice, dispone di server estremamente stabili e permette di usare indirizzi IP, sia per la navigazione che per l’accesso ai servizi Internet, in diversi Paesi del mondo.

Disponibile sotto forma di programma per Windows e macOS, e di app per Android e iOS (il tutto può essere scaricato da questa pagina), questo servizio non si limita a proteggere soltanto le attività attraverso il browser, ma l’intero traffico dati tra il dispositivo e Internet, e può essere usato anche da più dispositivi contemporaneamente. Per installare Avira Phantom VPN su computer, recati nella pagina di download del programma e clicca sul pulsante verde Scarica la VPN gratuita, attendi che il file venga scaricato e avvialo con un doppio clic.

Adesso, se il tuo sistema operativo è Windows, clicca sul pulsante verde Accetta e Installa, poi sul pulsante , e attendi che l’installazione di tutti i servizi venga completata. Altrimenti, se stai usando macOS, trascina il file scaricato nella cartella Applicazioni, poi clicca sul pulsante Accetta e Installa e attendi il completamento dell’installazione. Il programma sarà avviato da solo al termine della procedura.

Avira Phantom VPN è tra le migliori VPN in assoluto, e permette di usufruire di 500 MB di traffico gratuito al mese previa una semplice registrazione ai servizi Avira (devi poi inserire le credenziali nei programmi o nelle app dedicate). In alternativa è possibile sfruttare gratuitamente la versione PRO per un mese, senza limite di dati, per poi procedere alla sottoscrizione di un abbonamento pay al prezzo di 7,95 euro/mese.

Windscribe

Windscribe è una tra le migliori VPN gratis disponibili attualmente. Offre programmi e app per tantissime piattaforme: Windows, macOS, Linux, Android, iOS, BlackBerry, estensioni per i browser Chrome, Firefox e Opera e per il programma Kodi, oltre che app per Amazon FireTV, Nvidia Shield, plugin per DD-WRT e Tomato per router, e generatori di configurazioni per OpenVPN, IKEv2 e SOCKS5; il tutto scaricabile comodamente da questa pagina.

Se vuoi usare Windscribe sul tuo computer, recati nella pagina di download del programma e clicca sull’icona relativa al sistema operativo che stai usando (es. Windows). Attendi quindi che il file sia scaricato sul computer, avvialo con un doppio clic e, se ti trovi su Windows, pigia sui pulsanti Sì OK. Successivamente, apponi il segno di spunta sulla casella Accetto i termini del contratto di licenza e concludi il setup pigiando due volte sul pulsante Avanti e poi su Fine.

Se usi macOS, dopo aver scaricato Windscribe sul tuo computer, devi semplicemente trascinare il file scaricato nella cartella Applicazioni del tuo Mac e poi avviare il programma tramite doppio clic. Per quanto riguarda Android e iOS, non devi far altro che installare l’app tramite lo store del tuo dispositivo.

La versione gratuita di Windscribe, che puoi usare previa una piccola registrazione da effettuare pigiando sul pulsante blu Use For Free, permette di usufruire di ben 10 GB di traffico mensile e di collegarsi da più dispositivi contemporaneamente, con una limitazione – oltre che sui dati – soltanto sulle posizioni da cui effettuare l’accesso (alcune sono disponibili solo ed esclusivamente per gli utenti a pagamento). Ciò non toglie che, nel complesso, la qualità del servizio sia buona e che la velocità di navigazione offerta, nonostante la natura gratuita del traffico dati, sia assolutamente accettabile.

Per eliminare le limitazioni su traffico e posizione, devi sottoscrivere un abbonamento Pro, che tuttavia non è così esoso: costa 4.50 dollari al mese oppure 45 dollari l’annoMaggiori info qui.

Hide Me

Un altro ottimo servizio VPN gratuito è Hide Me, che dispone di server diffusi in 22 paesi, dunque è possibile sfruttare 22 posizioni differenti in fase di connessione. Tutto sommato la velocità di connessione è più che accettabile, il traffico è criptato a livello di connessione globale (e non soltanto per il browser), tramite i programmi per Windows, macOS e Linux, e sono disponibili delle app per Android e iOS.

Per scaricare Hide Me sul tuo computer, collegati alla pagina di download più adatta al sistema operativo che stai usando, poi premi sul pulsante blu Download Now, aspetta che il file venga scaricato, avvialo con un doppio clic e, se sei su Windows, premi sui pulsanti InstallFinish per concludere il setup, mentre se stai usando macOS devi trascinare l’icona di Hide Me nella cartella Applicazioni del Mac (per poi avviare il programma tramite un semplice doppio clic).

Un po’ come le soluzioni che ti ho proposto all’inizio, anche la versione gratuita di Hide Mi offre 2 GB di traffico mensile previa registrazione, e garantisce, oltre all’anonimato e alla sicurezza, di non memorizzare log alcuno riguardo l’attività dei suoi utenti, garantendo quindi la sicurezza di quanto eseguito tramite la VPN. Per sbloccare il limite dei dati, puoi abbonarti al servizio a un prezzo che parte da 4,99 dollari al mese, direttamente da questa pagina.

Hai visto? Non solo hai imparato con facilità cosa è e a cosa serve una VPN, ma ora sei in grado di muoverti con sicurezza anche tra i vari servizi VPN gratuiti e di scegliere quello più adatto a te. Come dici? Ora che hai capito di cosa si tratta, ritieni che usare una VPN sia eccessivo per i tuoi scopi, poiché hai semplicemente bisogno di accedere a siti Internet bloccati mentre navighi? Allora ti invito a consultare il mio tutorial su come nascondere IP, in cui puoi trovare soluzioni di certo più adatte al tuo scopo.

Articolo realizzato in collaborazione con NordVPN e Surfshark.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.