Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come resettare il telefono

di

Stai per vendere il tuo smartphone e vorresti una mano a cancellare tutti i dati presenti sulla memoria del dispositivo? Il tuo telefono è diventato improvvisamente lento, si blocca di continuo e vorresti resettarlo per vedere se così la situazione migliora? Nessun problema. Se vuoi sapere come resettare il telefono, sei capitato nel posto giusto al momento giusto.

Con il tutorial di oggi, infatti, vedremo insieme come resettare uno smartphone cancellando tutti i dati presenti sulla sua memoria, sia esso un device Android o un iPhone. Ti assicuro che si tratta davvero di un gioco da ragazzi, e qui sotto trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Al termine della procedura ti ritroverai con un cellulare “nuovo”, senza più dati di alcun genere al suo interno e con un sistema operativo riportato allo stato di fabbrica. Attenzione però, si tratta di una procedura irreversibile: non è possibile tornare indietro, quindi pensaci molto bene e adotta tutte le precauzioni del caso prima di metterla in pratica. Poi non dirmi che non ti avevo avvertito!

Indice

Operazioni preliminari

Come resettare il telefono

Prima di procedere con il ripristino del telefono, è bene mettere in sicurezza tutte i dati importanti eventualmente presenti in memoria, effettuando un backup preliminare degli stessi.

A seconda della tipologia di informazioni da archiviare, hai diverse strade da poter percorrere, le quali possono essere combinate tra loro per ottenere risultati ottimali e riuscire ad archiviare tutto il necessario: di seguito ti elenco quelle più comuni per i dispositivi animati da Android.

  • Backup sul cloud: sfruttando l’integrazione con servizi quali Google Drive, Google Foto, Samsung Cloud, Huawei Cloud e simili, è possibile archiviare sul proprio account Gmail le impostazioni di Android, le preferenze, le app installate, i dati personali (Contatti, Calendari, dati del browser e così via), le password archiviate, le foto, i video e molto altro, per poi accedervi direttamente dal Web oppure ripristinarli su un secondo dispositivo.
  • Backup sul computer: tutti i dispositivi Android possono essere collegati a computer, tramite cavo oppure in modalità wireless, per poter copiare manualmente file personali oppure creare, spesso con l’ausilio di appositi software spesso distribuiti dai produttori, veri e propri archivi di backup. Si tratta di una soluzione ottimale quando la quantità di dati da salvare è molto elevata e non si ha la possibilità, per un motivo o per un altro, di affidarsi a Internet.

Come ulteriore precauzione, rimuovi la microSD dal dispositivo, se presente, in modo tale da evitare la perdita accidentale dei dati archiviati sulla stessa (oppure di fornire a terzi le tue informazioni personali, qualora volessi disfarti del dispositivo).

In ogni caso, se hai bisogno di una guida passo-passo su come effettuare un backup di Android, ti consiglio di prendere visione del tutorial che ho dedicato all’argomento, valido per la stragrande maggioranza dei device animati dal “robottino verde”. Se, invece, possiedi un telefono a marchio Huawei, Samsung oppure Xiaomi, troverai certamente utili i tutorial incentrati proprio sui summenzionati device.

Come resettare il telefono

Il tuo è un iPhone? In questo caso puoi archiviare tutti i dati presenti sul telefono (unitamente alle impostazioni di iOS, alle password salvate, alla cronologia di chiamate e browser, e così via), realizzandone un backup automatico su Internet, tramite iCloud (e iCloud Foto, nel caso della raccolta di foto e video), oppure sul computer.

Nel primo caso, è necessario disporre di spazio iCloud a sufficienza e di una rete Wi-Fi dalla quale operare; nel secondo, invece, avrai bisogno del cavo USB/Lightning ricevuto in dotazione con il “melafonino” (anche solo per la prima connessione), del programma iTunes per Windows, oppure delle funzioni integrate nel Finder dei Mac. Per maggiori informazioni sull’argomento, ti rimando alla lettura della mia guida su come effettuare il backup di iPhone, nella quale ti ho fornito tutte le delucidazioni del caso.

Come resettare il telefono: Android

Come resettare il telefono: Android

Una volta messi in sicurezza i dati personali, effettuare il ripristino del telefono Android è davvero un gioco da ragazzi. Tanto per cominciare, apri le Impostazioni dello smartphone, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio che risiede sulla schermata Home oppure nel drawer delle app, sfiora le voci Sistema e Avanzate e fai tap sulla dicitura Opzioni di reimpostazione, che compare nella parte inferiore dello schermo.

Ora, scegli l’opzione Cancella tutti i dati (ripristino dati fabbrica), fai tap sul pulsante Cancella tutti i dati e conferma la volontà di procedere inserendo la sequenza oppure il codice di sblocco del telefono. Se ti viene richiesto, provvedi a disattivare il sistema di sicurezza Trova il mio dispositivo di Google e, consapevole che il ripristino del dispositivo eliminerà l’intero contenuto della memoria, premi nuovamente il pulsante Cancella tutti i dati, per dare avvio alla procedura.

La fase di reimpostazione di Android potrebbe durare alcuni minuti, a seconda del modello del dispositivo e della dimensione della memoria. Al termine della stessa, il telefono ritornerà allo stato di fabbrica e dovrà essere configurato nuovamente per l’uso: dunque, indica la lingua che preferisci usare, collegati a una rete Wi-Fi, se ti è possibile, quindi scegli se ripartire da zero oppure ripristinare i dati da un backup precedente e, quando ti viene chiesto, effettua l’accesso al tuo account Google e imposta le preferenze relative al ripristino delle app e alla privacy.

In linea generale, quanto ti ho detto finora è valido per la maggior parte dei dispositivi Android dotati di una versione non personalizzata o poco personalizzata del sistema operativo; tuttavia, a causa dei continui aggiornamenti rilasciati da Google e alle caratteristiche specifiche dei vari produttori, i nomi delle voci di menu e dei pulsanti visibili sul tuo schermo potrebbero essere differenti.

A questo proposito, se disponi di uno smartphone targato Samsung, Huawei o Xiaomi, ti saranno certamente d’aiuto le indicazioni specifiche indicate nei paragrafi successivi di questo capitolo.

Come resettare il telefono Samsung

Come resettare il telefono Samsung

Se, nello specifico, il tuo è uno smartphone Samsung, procedi in questo modo: raggiungi il menu Impostazioni > Gestione generale > Ripristina di Android e, per riportare il dispositivo al suo stato iniziale, fai tap sulla voce Ripristina dati di fabbrica. Analizza quindi i dati che saranno cancellati, prendendo visione della pagina di riepilogo che ti viene mostrata.

Quando sei pronto, scorri in basso quest’ultimo pannello, tocca la voce Ripristina e, consapevole che l’operazione eliminerà l’intero contenuto della memoria dello smartphone, effettua il riconoscimento di sicurezza tramite il sistema configurato (identificazione del viso, dell’impronta, password o PIN) e dai conferma al messaggio successivo.

In alternativa, se non riesci ad accedere al dispositivo, puoi effettuare il ripristino servendoti della Recovery integrata: si tratta di un sistema operativo esterno ad Android, in grado di effettuare operazioni “delicate” sul dispositivo, tra cui la reimpostazione ai dati di fabbrica.

Questa soluzione è ottimale per ripristinare gli smartphone Samsung dei quali si è dimenticato il codice di sblocco, ma bisogna stare attenti: come misura di sicurezza aggiuntiva, verrà richiesto, una volta ultimato il ripristino, l’inserimento delle proprie credenziali Gmail e/o di quelle dell’account Samsung configurato. Senza queste informazioni, il telefono risulterà inutilizzabile.

Tutto chiaro? OK, procediamo. Per resettare uno smartphone Samsung tramite recovery, spegni completamente il dispositivo, quindi premi il tasto Volume Su e, senza rilasciarlo, schiaccia il tasto laterale di accensione; quando il dispositivo si accende, rilascia quest’ultimo tasto e continua a tener premuto il tasto Volume Su, finché non vedi comparire la dicitura Android Recovery.

Ora, aiutandoti con i tasti volume, seleziona la voce Wipe data/factory reset, dai “OK” premendo il tasto laterale e, allo stesso modo, seleziona la voce Factory data reset e premi nuovamente il tasto laterale, per avviare il ripristino del telefono.

A prescindere dal sistema scelto, una volta completato il ripristino, ti verrà chiesto di eseguire nuovamente la procedura di configurazione iniziale del dispositivo: indica dunque la lingua che preferisci, accetta il contratto di licenza e presta, se lo ritieni opportuno, il consenso per l’invio e il trattamento dei dati diagnostici.

Dopo aver stabilito il collegamento a Internet, scegli se copiare app e dati da un altro telefono, effettua l’accesso al tuo account Google, imposta il metodo di sblocco che preferisci e, per concludere, accedi al tuo account Samsung. Se vuoi disfarti del telefono, alla comparsa della schermata di selezione della lingua, spegnilo e lascia che sia il nuovo proprietario a procedere con la configurazione dello stesso. Maggiori info qui.

Come resettare il telefono Huawei

Come resettare il telefono Huawei

Se il tuo è uno smartphone Huawei, ti consiglio di effettuare la disconnessione dal tuo Huawei ID, se lo hai configurato, onde evitare problemi d’accesso futuri: per riuscirci, apri il menu Impostazioni > [tuo Huawei ID], fai tap sul pulsante Disconnetti situato in basso e dai conferma, rispondendo affermativamente al messaggio successivo.

Fatto ciò, raggiungi il menu Impostazioni > Sistema e aggiornamenti > Reimpostazione > Reimposta dati di fabbrica, fai tap sul pulsante Ripristina telefono e, quando richiesto, supera il controllo di sicurezza inserendo il PIN o la password di sicurezza del dispositivo. Per finire, dai conferma all’avviso che compare su schermo e attendi pazientemente che il ripristino del telefono venga portato a termine.

Una volta completato il ripristino, ti verrà chiesto di effettuare nuovamente la configurazione del telefono: indica quindi la lingua preferita, collegati a Internet, scegli se ripristinare i dati da un altro telefono, da un backup precedente oppure ripartire come nuovo telefono e, quando richiesto, accedi al tuo Huawei ID e scegli il sistema di blocco schermo che preferisci. Qualora volessi vendere o cedere il dispositivo, evita di effettuare il processo di configurazione iniziale e spegnilo. Maggiori info qui.

Come resettare il telefono Xiaomi

Come resettare il telefono Xiaomi

Ripristinare uno smartphone Xiaomi non è affatto difficile: per procedere, apri le Impostazioni del sistema operativo (il simbolo a forma d’ingranaggio che risiede sulla schermata Home oppure nel drawer), fai tap sulle voci Info sistema e Ripristino dati di fabbrica, premi sul pulsante Elimina tutti i dati e, quando richiesto, inserisci il codice di sblocco del dispositivo.

A questo punto, se necessario, disattiva la funzione Trova dispositivo rispondendo in maniera affermativa all’avviso che compare su schermo e, ben consapevole che il ripristino comporterà la cancellazione di tutti i dati presenti sul telefono, tocca i pulsanti Avanti e OK, per procedere.

Qualora non fossi in grado di accedere al dispositivo perché, per esempio, ne hai dimenticato la password, puoi sfruttare la comoda Recovery preinstallata di serie ed effettuare il ripristino da lì. Attenzione, però: per poter utilizzare nuovamente il telefono, dopo aver completato la fase di reset, ti verrà chiesto di immettere le credenziali Google e/o quelle dell’account Mi configurato in precedenza, come sistema di sicurezza anti-furto.

Chiarito questo aspetto, per effettuare il ripristino di uno smartphone Xiaomi tramite Recovery, spegni completamente il telefono, premi e tieni premuto il pulsante Volume Su e riaccendi il dispositivo schiacciando anche il tasto laterale. Quando lo schermo si illumina, rilascia quest’ultimo tasto e continua a tenere premuto Volume Su, fin quando non vedi comparire il Main Menu della Recovery.

A questo punto, utilizza i tasti volume per selezionare il pulsante Wipe Data, dai “OK” schiacciando il tasto laterale e dai conferma al messaggio d’avviso successivo, per avviare il reset del dispositivo.

Ultimata la procedura di ripristino, dovrai riconfigurare daccapo il dispositivo, indicando la lingua da usare, la rete Wi-Fi alla quale collegarti, l’account Google/Mi da impiegare per la sincronizzazione dei dati e, se necessario, il tema grafico e le impostazioni sulla privacy. Se hai intenzione di liberarti del telefono, spegnilo senza configurarlo e lascia che sia il nuovo proprietario a farlo. Maggiori info qui.

Come resettare il telefono: iPhone

Come resettare il telefono: iPhone

Qualora il telefono da resettare fosse un iPhone, la strada più semplice da percorrere consiste nell’usare la funzionalità di ripristino integrata nel sistema operativo. Prima di procedere, però, devi disattivare il servizio Dov’è, cioè il sistema di sicurezza per localizzare i dispositivi Apple in caso di emergenza: per riuscirci, sblocca il “melafonino”, fai tap sull’icona delle Impostazioni residente nella schermata Home oppure nella Libreria app e fai tap sul tuo nome e poi sulla dicitura Dov’è.

Adesso, tocca l’opzione Trova il mio iPhone e sposta la levetta posta accanto alla voce omonima da ON a OFF; per finire, immetti la password del tuo ID Apple e fai tap sulla voce Disattiva, per concludere.

Ultimata questa operazione, sei pronto a ripristinare il telefono: raggiungi dunque il menu Impostazioni > Generali > Ripristina di iOS, fai tap sulla voce Inizializza contenuto e impostazioni e, se ti viene mostrata la schermata relativa all’Upload di documenti e dati su iCloud in corso, scegli la voce Concludi l’upload e inizializza (te lo consiglio), per far sì che i dati non ancora archiviati sul cloud vengano caricato, oppure la voce Inizializza ora, per avviare il ripristino senza concludere il caricamento dei file.

Superato anche questo step, quando necessario, inserisci il codice di sblocco di iPhone e conferma la volontà di procedere con il ripristino, sfiorando il pulsante Inizializza iPhone. Nel giro di alcuni minuti, il telefono verrà ripristinato alle impostazioni di fabbrica: all’avvio successivo, potrai scegliere di impostarlo come un nuovo iPhone, oppure di ripristinare un backup precedente.

A prescindere dalla tua scelta, non ti resta che seguire le indicazioni che ti vengono proposte, per completare la configurazione del dispositivo (qui ti ho spiegato come fare). Se hai intenzione di liberarti del telefono, scegli l’opzione per configurare un nuovo iPhone e spegnilo, senza procedere con la configurazione iniziale.

Se lo desideri, puoi altresì effettuare il ripristino di iPhone tramite computer, oppure mediante il servizio Web iCloud: per maggiori informazioni al riguardo, ti rimando alla lettura del mio tutorial dedicato al ripristino dell’iPhone. Ti segnalo che nel caso di reset “forzato” tramite computer (es. quello in modalità DFU), verrà rimosso il PIN di sblocco del telefono ma non l’ID Apple, per il quale dovrai comunque immettere la giusta password per poter utilizzare il telefono.

Come resettare il telefono bloccato

Come resettare il telefono bloccato

Aspetta, mi stai dicendo che non è tua intenzione azzerare completamente il contenuto del telefono, ma che non riesci più a utilizzarlo, a causa di un’app bloccata? In questo caso, devi effettuare un soft reset del dispositivo e riavviarlo in maniera “forzata”: a seguito di questa operazione, tutte le app aperte verranno chiuse, il contenuto della RAM verrà liberato e, di fatto, lo smartphone sarà riavviato (senza alcuna perdita di dati).

Mi chiedi come si fa? È semplicissimo. Se il tuo è un telefono animato da Android, non devi fare altro che premere e tenere premuto il tasto laterale di accensione/sblocco per circa dieci secondi, oppure fin quando lo schermo non si spegne completamente. Fatto ciò, accendi il telefono come di consueto e, quando richiesto, inserisci il codice PIN della SIM e/o il codice o la sequenza di sblocco del telefono (maggiori info qui).

Se, invece, il tuo è un iPhone, devi seguire la procedura di riavvio forzato più adatta al dispositivo in tuo possesso.

  • iPhone 8 e successivi: premi e rilascia rapidamente il tasto Volume Su, premi e rilascia rapidamente il tasto Volume giù e tieni premuto il tasto Power del dispositivo, fin quando lo schermo non si spegne e compare il logo della mela morsicata.
  • iPhone 7 e 7 Plus: premi e tieni premuti insieme i tasti Power e Volume giù fino alla comparsa del logo della mela morsicata.
  • iPhone precedenti al 7: premi e tieni premuti insieme i tasti Power e Home del dispositivo, finché il telefono non si riavvia.

Per finire, rilascia i tasti che hai premuto in precedenza, attendi che iOS venga riavviato e immetti il PIN della SIM e/o il codice di sblocco del telefono. In caso di dubbi o problemi, ti raccomando la lettura della mia guida su come sbloccare un iPhone bloccato, nella quale ti ho fornito precise indicazioni sul da farsi.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.