Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vedere Sky su due TV

di

Ogni volta è la stessa storia: torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro e la TV collegata al decoder Sky è occupata. Per non essere più costretto a litigare per il controllo del telecomando o guardare contenuti che ritieni poco interessanti, stai cercando una soluzione che ti permetta di guardare Sky anche su un secondo televisore, ma non sei ancora riuscito a venire a capo della situazione. Non preoccuparti: sei arrivato nel posto giusto al momento giusto!

Con la guida di oggi, infatti, ti spiegherò come vedere Sky su due TV e ti indicherò quali sono le soluzioni a tua disposizione. Sì, hai letto bene! Per guardare i contenuti del tuo abbonamento Sky su una seconda TV hai diverse soluzioni che puoi prendere in considerazione: ci sono dei servizi di Sky che permettono di guardare contenuti e canali diversi su più TV, anche in contemporanea e dei dispositivi da acquistare separatamente, che consentono di vedere su uno schermo aggiuntivo il contenuto in onda sulla TV principale. Interessante, vero?

Se non vedi l’ora di saperne di più, non perdere altro tempo e approfondisci subito l’argomento. Coraggio, mettiti comodo, leggi con attenzione i prossimi paragrafi e scegli la soluzione che ritieni più adatta alle tue esigenze. Prova a mettere in pratica le indicazioni che sto per darti e ti assicuro che riuscirai a guardare i tuoi programmi Sky preferiti su una seconda TV senza dover più lottare per il telecomando. Buona lettura e, soprattutto, buona visione!

Indice

Come vedere Sky su due TV con un solo decoder

La soluzione più efficace che hai a disposizione per vedere Sky su due TV con un solo decoder è attivare l’opzione Sky Multiscreen, cosa possibile però solo se hai un decoder Sky Q Platinum con un dispositivo Sky Q Mini o un televisore Sky Glass con un dispositivo Sky Stream collegato. Ora ti spiegherò in dettaglio le caratteristiche di questi dispositivi.

Sky Multiscreen

Sky Q Platinum e Sky Q Mini

Il decoder satellitare Sky Q Platinum è l’unico della serie a supportare i dispositivi Sky Q Mini e permettere, al costo extra di 6 euro/mese, l’attivazione dell’opzione Sky Multiscreen, con cui puoi vedere i contenuti della pay TV su più schermi in contemporanea.

Per avere Sky Q Platinum dovrai pagare un costo di attivazione di 29 euro/una tantum, mentre il prezzo dei pacchetti Sky è identico qualsiasi decoder tu abbia, a parte la maggiorazione dovuta all’attivazione di Sky Multiscreen: al momento in cui scrivo puoi avere Sky Q a partire dai 14,90 euro/mese, con una sottoscrizione minima di 18 mesi. Ti potrebbe essere utile in questo contesto anche la mia guida su come funziona Sky Q.

Scegliendo un decoder Sky Q Platinum anche l’opzione Sky Multiscreen sarà attivata in automatico e avrai uno Sky Q Mini in dotazione: ne puoi collegare fino a quattro allo stesso decoder, ma puoi usarne solo due in contemporanea. Se hai necessità di acquistare un altro Sky Q Mini dopo il primo, ti basta andare nell’area Fai da te di Sky (consulta questa guida se non sai come fare), aggiungerlo al tuo piano e ti sarà spedito direttamente a casa: ogni Sky Q Mini oltre il primo ha un costo pari, al momento in cui scrivo, a 69 euro/una tantum.

Sky Q mini si collega via wireless o cavo Ethernet al decoder principale, come ti ho già spiegato in questa guida: è quindi anche una comoda soluzione senza troppi fili. Tuttavia, mentre il decoder satellitare Sky Q Platinum supporta la visione dei canali satellitari in 4K HDR, la cosa non è permessa sui dispositivi Sky Q Mini. Questo vuol dire che se attivi sul tuo abbonamento l’opzione Sky Ultra HD, che ha un costo di 5 euro/mese e che permette la visione dei canali della pay TV in 4K, potrai sfruttarla solo sulla TV collegata al decoder principale.

In compenso, sia il decoder Sky Q Platinum che gli Sky Q Mini si collegano a Internet per fruire dei servizi on demand della pay TV, come Sky Primafila, e anche della visione delle piattaforme streaming esterne (Netflix, Amazon Prime, DAZN, Disney+ ecc.), accessibili tramite la sezione App di Sky Q. Nel caso in cui il tuo abbonamento ai servizi esterni di streaming supporti la visione in 4K questa sarà possibile sia usando Sky Q Platinum che Sky Q Mini.

Sky Glass Multiscreen

Sky Glass pubblicità di presentazione

Altra possibilità di avere Sky su più televisori con un solo decoder è acquistando uno Sky Glass: la smart TV di Sky a cui si possono collegare i dispositivi Sky Stream, proprio per la visione su più schermi allo stesso tempo.

Sky Q Glass è disponibile nelle versioni da 43“, 55” e 65″ e in varie colorazioni. Può essere acquistato dal sito ufficiale di Sky e pagato in un’unica soluzione o in rate di 24 o 48 mesi. Con Sky Glass non c’è necessità di connessione satellitare, perché utilizza esclusivamente Internet ed è possibile l’attivazione dell’opzione Sky Ultra HD per la visione in 4K, sempre al costo di 5 euro/mese.

Per quanto riguarda i pacchetti abbonamento, le offerte dedicate ai clienti Sky Glass sono un po’ diverse da quelli di Sky Q e, al momento in cui viene redatta questa guida, partono da un prezzo di 18 euro/mese, con l’offerta Intrattenimento Plus (Sky TV + Netflix) attiva e una sottoscrizione minima di 18 mesi.

Se hai una Sky Glass puoi vedere la pay TV su più televisori di casa grazie ai dispositivi Sky Stream, questi, al pari degli Sky Q Mini, si collegano a Sky Glass per permettere la visione su più schermi, ma a differenza degli stessi possono anche lavorare in autonomia. Ovvero, qualora tu decida di cambiare il televisore o disdire l’abbonamento ai pacchetti Sky Glass, potrai continuare a usare il dispositivo come un normale decoder Sky Q via Internet, ma ovviamente dovrai avere un abbonamento a Sky Q.

Per utilizzare Sky Stream insieme a Sky Glass e vedere la pay TV su più televisori, sarà necessario anche in questo caso attivare sul tuo piano l’opzione a pagamento Sky Glass Multiscreen, sempre accedendo all’area Fai da te: trovi maggiori informazioni nella mia guida dedicata a come funziona Sky Glass.

Sky Go

Sky Go via PC

Sky offre ai clienti Sky Q e Sky Glass, compresa nel piano abbonamento, l’applicazione per PC e dispositivi mobili Sky Go, a cui si accede con lo Sky ID e che permette la visione della gran parte dei contenuti della pay TV in streaming. Sky Go può essere scaricata gratuitamente da Play Store per Android e da App Store per iOS/iPadOS, mentre la versione per PC Windows e Mac può essere reperita dal sito ufficiale, ma per usarla devi avere per forza un abbonamento Sky attivo. Trovi maggiori informazioni nei miei tutorial, dove ti spiego in dettaglio come attivare Sky Go e come registrarsi a Sky go.

Benché non sia possibile scaricare Sky Go su Smart TV, questa app può comunque essere una soluzione per vedere Sky su due TV semplicemente replicando lo schermo del PC sul televisore con un cavo HDMI. Questo stratagemma può essere compiuto usando un adattatore HDMI per il computer, che si può facilmente trovare sugli store online, e collegando PC e TV con il cavo HDMI: se questa è la soluzione che fa per te puoi consultare la mia guida dedicata proprio a come vedere SkyGo su Smart TV, in cui ti spiego tutti i passaggi da compiere per il collegamento.

Tihokile Scheda di Acquisizione Video da HDMI a USB 2.0, Scheda Acquis...
Vedi offerta su Amazon
Cable Matters Adattatore USB a HDMI (Adattatore USB 3.0 a HDMI, Adatta...
Vedi offerta su Amazon
Adattatore WAVLINK USB 3.0 o USB C a HDMI per doppio monitor, adattato...
Vedi offerta su Amazon

NOW

NOW schermata iniziale

Altra possibilità per vedere Sky su due TV è NOW, una piattaforma di streaming che trasmette i contenuti Sky in modo autonomo, soltanto che per accedere sarà necessario avere un abbonamento con la piattaforma e non essere clienti Sky.

NOW e Sky operano infatti in maniera indipendente, perciò è possibile sottoscrivere un abbonamento con NOW anche senza averne uno con Sky: la piattaforma permette di acquistare dei pass da 1 mese o 4 mesi, con un prezzo di partenza che al momento in cui scrivo è di 9,99 euro/mese e non richiede sottoscrizioni che ti vincolano a lungo termine. Tutti i pacchetti NOW includono per altro la visione su due schermi in contemporanea con il medesimo account, se vuoi saperne di più ecco la mia guida su come funziona NOW.

NOW Smart Stick con i primi 2 Mesi di Sport Inclusi, Chiavetta TV
Vedi offerta su Amazon
NOW TV SMART STICK con con il primo mese di Sport incluso
Vedi offerta su eBay

Inoltre, NOW rispetto a Sky Go dispone di un’applicazione che, oltre a essere disponibile per Android su Play Store e iOS/iPadOS su App Store, può essere scaricata su Smart TV, Apple TV e altri dispositivi smart senza richiedere il collegamento al PC.

Vedere Sky su due TV senza Multivision

Se nessuna delle soluzioni precedenti fa al caso tuo, ci sono altri modi per vedere Sky su due TV, ma dovrai rinunciare al Multivision, cioè non ti sarà possibile vedere la pay TV su due schermi in modo autonomo, ma sarai costretto a replicare semplicemente il contenuto su due schermi o a utilizzare i televisori singolarmente.

HDMI extender

HDMI extender Pway

In alternativa ai servizi Sky, esistono altre soluzioni per vedere Sky su due TV. Infatti, acquistando un HDMI extender è possibile replicare i contenuti del proprio abbonamento su una seconda televisione, seppur con una visione limitata allo stesso contenuto su entrambi gli schermi.

Sono dei semplici dispositivi da applicare alle TV della casa sulle quali vuoi guardare i contenuti del tuo abbonamento Sky tramite cavo Ethernet. Il costo di un HDMI Extender non supera i 50 euro.

PW-HT225HK HDMI KVM USB Extender 165ft /50m Trasmissione su Single Cat...
Vedi offerta su Amazon
PW-HT225PIR Extender HDMI 195ft / 60m Trasmissione su Single Cat5e / 6...
Vedi offerta su Amazon
VEDINDUST HDMI Extender, Over Cat5e/6/7 Ethernet Trasmettitore HDMI Ri...
Vedi offerta su Amazon

Scelto e acquistato un HDMI Extender, sei pronto per il collegamento. Prendi, quindi, un’estremità del primo cavo HDMI e inseriscila nell’apposito ingresso del decoder Sky, dopodiché inserisci l’altro capo nell’ingresso HDMI IN del trasmettitore HDMI extender. Prendi il secondo cavo HDMI e inseriscine un capo nell’ingresso HDMI OUT del trasmettitore HDMI extender e l’altro capo nell’apposito ingresso del televisore.

Amazon Basics - Cavo Ultra HD HDMI 2.0 ad alta velocità, formati 3D su...
Vedi offerta su Amazon
Cavo Ultra HD HDMI 2.0 ad alta velocità, formati 3D supportati, con Au...
Vedi offerta su eBay
KabelDirekt – 3 m – Cavo HDMI 4K (4K@120 Hz e 4K@60 Hz per Una spettac...
Vedi offerta su Amazon

Adesso, prendi il connettore del cavo Ethernet e inseriscilo nell’apposito ingresso del trasmettitore HDMI extender, dopodiché porta l’altra estremità del cavo Ethernet nella stanza nella quale è presente il secondo televisore e inserisci il connettore Ethernet nell’ingresso del ricevitore HDMI extender. Infine, prendi il terzo cavo HDMI, inseriscine un capo nell’ingresso HDMI della TV e l’altra estremità nell’ingresso del ricevitore HDMI extender.

Per verificarne il corretto funzionamento, assicurati che il decoder Sky sia acceso, accendi la seconda TV e prendi il telecomando, dopodiché premi sul pulsante Ingressi esterni (solitamente identificato da una freccia dentro un rettangolo) e seleziona l’opzione HDMI usando le frecce direzionali del telecomando. Se visualizzi lo stesso canale riprodotto sul televisore principale, hai collegato con successo tutti i tuoi dispositivi.

Prima di acquistare un HDMI extender, assicurati che sia dotato di IR extender per poter cambiare canale Sky anche dalla seconda TV. Inoltre, devi sapere che puoi evitare di avere cavi sparsi per la casa acquistando un kit Powerline che, tramite le prese elettriche della casa, ti consente di evitare il collegamento diretto con cavo Ethernet tra trasmettitore e ricevitore HDMI extender.

Zyxel 1800Mbps Pass-Thru Powerline Adapter 2-port Gigabit Ethernet 2-P...
Vedi offerta su Amazon
Zyxel 1300Mbps Pass-Thru Powerline Adapter Gigabit Ethernet 2-Pack [PL...
Vedi offerta su Amazon

Ti sarà utile sapere, però, che il corretto funzionamento è “influenzato” da diversi fattori, come i cavi utilizzati (è consigliato usare cavi HDMI 2.0 e cavi Ethernet cat 6), dalla qualità dell’impianto elettrico di casa e, soprattutto, dal modello di HDMI extender e dalla velocità di trasferimento dati del Powerline. Anche in questo caso, quindi, ti consiglio di leggere le specifiche e le recensioni dei prodotti che intendi acquistare. Puoi approfondire l’argomento leggendo la mia guida su come funziona il Powerline.

Sky Q via Internet

Sky Q via Internet sta in una mano

Il decoder Sky Q via Internet non permette l’attivazione dell’opzione Sky Multiscreen, esclusiva dei titolari di uno Sky Q Platinum, ma può comunque essere un’ottima soluzione per vedere Sky su tutti i televisori di casa, seppur non in contemporanea.

Sky Q via Internet può infatti essere collegato a un solo televisore alla volta, ma è anche piccolissimo e facilissimo da trasportare da una stanza all’altra: puoi collegarlo sia con cavo Ethernet che in Wi-Fi e non richiede altri cavi se non un collegamento alla TV tramite cavo HDMI e un alimentatore; non supporta la visione in 4K dei canali della pay TV, che è riservata ai clienti Sky Q via satellite, ma anche con Sky via Internet è possibile accedere alle principali piattaforme di streaming esterne. A Sky Q è poi comunque possibile collegare l’antenna terrestre per la visione dei canali in digitale: trovi maggiori info su come collegare il decoder al digitare terrestre in questa guida.

Il prezzo di attivazione di Sky Q via Internet è di 9 euro una/tantum, a cui si aggiunge il costo per l’abbonamento che però non varia rispetto ai pacchetti per Sky Q via satellite: ti segnalo che al momento c’è la possibilità di avere questo decoder in prova per 30 giorni, pagando solo 9 euro e avendo accesso ai contenuti sia della pay TV che di Netflix. Puoi avere maggiori info nella mia guida dedicata al funzionamento di Sky Q via Internet.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.