Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare IMEI

di

Considerando il fatto che oggigiorno la stragrande maggioranza dei dati sensibili e dei documenti di maggiori rilievo vengono archiviati sullo smartphone, il furto o comunque sia lo smaltimento di un cellulare rappresenta senza ombra di dubbio un grande, anzi grandissimo danno. Tenendo conto proprio di ciò, prima disperarsi per il fatto di aver buttato praticamente all’aria un bel po’ di soldi (quelli spesi per acquistare il dispositivo) è bene preoccuparsi di limitare al minimo i danni che potrebbero derivare dalla violazione della privacy a cui si potrebbe esser soggetti in una circostanza di questo tipo.

Come dici? Sei perfettamente d’accordo con me ma vorresti sapere in che modo? Beh, andando a bloccare l’IMEI, il codice di 15 cifre che identifica ogni singolo cellulare e che in queste circostanze può fare da vero e proprio salvavita. In tal modo, diventa dunque possibile bloccare il dispositivo sulla rete mobile nazionale rendendolo di fatto inutilizzabile da parte di eventuali malintenzionati.

Ci sono poi altre utilissime operazioni che è il caso di compiere sempre in queste circostanze, come ad esempio la cancellazione dei dati da remoto, il blocco dell’intero dispositivo e quello della SIM. Per saperne di più continua pure a leggere, trovi tutte le spiegazioni di cui hai bisogno proprio qui di seguito. In ogni caso, so che può essere molto difficile, ma cerca il più possibile di mantenere la calma. Soltanto in questo modo riuscirai ad eseguire in maniera precisa e senza intoppi tutte le operazioni che sto per indicarti.

Indice

Richiedere il blocco del codice IMEI

Partendo dal presupposto che il blocco dell’IMEI è un’operazione che concretamente va effettuata dal gestore telefonico a cui fa capo la tua SIM, per riuscire nell’impresa devi innanzitutto risalire al codice in questione. Come si fa? Non è difficile, non preoccuparti. Trovi tutto spiegato in dettaglio pro proprio qui di seguito.

Successivamente andremo poi a vedere quale procedura per quale gestore telefonico bisogna effettuare per portare a termine “la missione”.

Trovare l’IMEI

Come bloccare IMEI

Per reperire il codice IMEI del tuo cellulare ti suggerisco innanzitutto di controllare sulla confezione di vendita del telefono che è stato rubato o smarrito, sul retro o lateralmente, oppure all’interno, tra i vari foglietti illustrativi e la documentazione. Dovresti riuscire a trovare un’etichetta con su riportato il codice.

Se nella confezione dello smartphone non trovi nessuna etichetta con il codice IMEI, puoi provare a reperirlo mettendo in pratica le seguenti indicazioni a seconda del device che era in tuo possesso.

  • Se vuoi richiedere il blocco dell’IMEI di uno smartphone Android, collegati alla Google Dashboard con i dati relativi al tuo account Google, espandi la voce relativa ad Android ed individua la dicitura facente riferimento al dispositivo che ti è stato rubato o che hai smarrito. Tra le informazioni che lo riguardano dovresti riuscire a trovare anche il suo codice IMEI.
  • Se vuoi richiedere il blocco dell’IMEI di un iPhone, apri iTunes sul computer che hai usato per effettuare il backup del dispositivo e recati nel menu Modifica > Preferenze su Windows oppure in quello iTunes > Preferenze su Mac dopodiché seleziona la scheda Dispositivi dalla finestra che ti viene mostrata e posiziona il puntatore per qualche secondo sul nome del tuo iDevice. Una volta fatto ciò, vedrai apparire un riquadro con varie info relative al dispositivo tra cui anche il codice IMEI:
  • Se vuoi richiedere il blocco dell’IMEI di un dispositivo Windows Phone, collegati al sito Internet Microsoft Devices, clicca sul pulsante Accedi a Microsoft ed effettua l’accesso al tuo account Microsoft digitando indirizzo email e password. A login effettuato dovresti riuscire a trovare l’IMEI del telefono sotto la voce relativa a quest’ultimo.

Se necessiti di ulteriori dettagli oppure qualche passaggio non ti è chiaro, puoi consultare il mio tutorial su come controllare IMEI in cui ho provveduto a parlarti della questione con dovizia di particolari.

Inoltrare la richiesta

Come bloccare IMEI

Dopo essere riuscito a recuperare il codice IMEI del tuo dispositivo, devi rivolgerti alle autorità di Pubblica Sicurezza e sporgere denuncia per furto o smarrimento. Successivamente recati sul sito Internet del tuo operatore telefonico, scarica e compila il modulo per richiedere il blocco del codice IMEI, allegagli anche una copia della denuncia effettuata ed invia il tutto a chi di dovere.

Per reperire il modulo giusto da scaricare e per scoprire a quale indirizzo o numero di fax inviare il tutto attieniti all indicazioni per ciascun operatore che trovi qui di seguito.

  • TIM – Recati su questa pagina del sito TIM, individua la voce Richiesta di blocco e sblocco IMEI per apparati rubati o smarriti e clicca sul pulsante Compila relativo a quest’ultimo. Compila dunque il modulo che ti viene proposto e invialo utilizzando l’apposito bottone. Se non sei iscritto al servizio MyTIM Mobile, clicca invece sul pulsante Scarica per poter effettuare il download del modulo sul tuo computer dopodiché stampalo, compilalo e spediscilo via posta all’indirizzo TIM Servizio Clienti Casella Postale 555 00054 – FIUMICINO RM.
  • Wind – Scarica sul tuo computer questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo e spediscilo via posta insieme a una copia del tuo documento d’identità all’indirizzo WIND TELECOMUNICAZIONI S.p.A. – Casella Postale n. 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 MILANO MI.
  • Vodafone – Recati su questa pagina del sito Vodafone, effettua l’accesso al tuo account MyVodafone e compila il modulo che ti viene proposto a schermo. Ricordati di allegare una copia del tuo documento d’identità e della denuncia di furto usando gli appositi pulsanti.
  • Tre – Effettua il download di questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo e invialo tramite fax al numero 800 179 700 allegando la denuncia di furto e la copia fronte retro di un tuo documento di identità valido.
  • Fastweb Mobile – Scarica sul tuo computer questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo ed invialo mediante fax al numero 02 36656449 avendo dura di allegarvi una copia della denuncia di furto e una copia di un tuo documento d’identità valido.
  • PosteMobile – Scarica sul tuo computer questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo e spediscilo tramite fax al numero 800.074.470 unitamente ad una copia di un tuo documento di identità valido.

Per ricevere informazioni in merito allo stato della pratica, ti consiglio di far trascorrere qualche giorno dall’inoltro della stessa e di provare a contattare telefonicamente l’operatore.

Altre operazioni utili

Blocco del codice IMEI a parte, ci sono anche altre operazioni che può essere utile compiere in caso di furto del cellulare. Mi chiedi quali? Beh, come anticipato in apertura, potresti innanzitutto richiedere il blocco della SIM. Trovi tutto spiegato proprio qui di seguito.

Richiedere il blocco della SIM

Foto di schede SIM

Come ti dicevo, oltre a bloccare il codice IMEI, in caso di furto o smarrimento dello smartphone può essere altrettanto utile bloccare la SIM. In tal modo avrai la possibilità di richiedere una nuova scheda senza perdere il tuo numero di telefono (l’operazione è pagamento, costa all’incirca una decina d’euro).

Per richiedere il blocco della SIM non devi far altro che telefonare al servizio clienti del tuo operatore telefonico, seguire le indicazioni della voce registrata e selezionare l’opzione relativa a furto e smarrimento. Facendo in questo modo ti verrà subito passato un operatore e potrai dunque richiedere il blocco della tua scheda. Il blocco verrà effettuato in maniera praticamente immediata, dovrai attendere solo pochi attimi, il tempo che l’operatore verifichi la tua identità.

Se non sai come metterti in contatto con il servizio clienti telefonico del tuo gestore puoi effettuare una chiamata alle seguenti numerazioni.

  • TIM – 119.
  • Wind – 155.
  • Vodafone – 190.
  • Tre – 800 832 323.
  • PosteMobile – 160.
  • Fastweb Mobile – 192193.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sul da farsi puoi anche leggere i miei tutorial su come parlare con un operatore TIM, WindVodafone, Tre e Fastweb.

Bloccare lo smartphone da remoto

Altra operazione molto utile che ti suggerisco di effettuare in accoppiata al blocco dell’IMEI è la cancellazione dei dati da remoto e/o il blocco del dispositivo (sempre da remoto). Non è difficile, per riuscirci ti basta seguire le istruzioni che trovi qui sotto.

In tutti i casi tieni però presente che affinché i servizi utilizzati per cancellare i dati e bloccare lo smartphone possano funzionare correttamente è indispensabile che il dispositivo sia accesso, connesso ad Internet e con i servizi di localizzazione attivi. Inoltre, l’account in uso sul dispositivo deve essere lo stesso che utilizzerai per effettuare il login ai servizi che sto per indicati. In caso contrario, come si suol dire, nisba!

Android

Cellulare rubato: cosa fare

Se lo smartphone che ti è stato rubato oppure che hai smarrito è basato sul sistema operativo mobile Android puoi cancellare tutti i dati presenti sullo stessi collegandoti al sito Web Gestione Dispositivi Android, effettuando il login al tuo account Google e pigiando sul bottone Cancella per due volte di seguito. Per bloccare il dispositivo devi invece fare clic su Blocca.

Se scegli di cancellare l’intero contenuto dello smartphone, tieni presente che poi il dispositivo non sarà più rintracciabile tramite il servizio Gestione Dispositivi di Google.

Per ulteriori dettagli ti consiglio di leggere la mia guida su come localizzare Android.

iOS

Come ritrovare iPhone perso

Hai smarrito o ti è stato sottratto un iPhone? Allora collegati al sito Internet di iCloud, effettua il login usando il tuo ID Apple e pigia sull’icona Trova iPhone.

Una volta visualizzato l’iPhone su mappa, espandi il menu Tutti i dispositivi che si trova in alto e fai clic sul nome del tuo dispositivo (es. iPhone di Salvatore) dal menu che ti viene mostrato. Successivamente fai clic sull’icona Inizializza l’iPhone per eliminare tutte le informazioni contenute sul telefono oppure fai clic su modalità smarrito per attivare la modalità smarrito sull’iPhone (in questo modo il telefono viene protetto con un codice di sicurezza e mostra un messaggio personalizzato nella schermata iniziale).

Anche nel caso di iOS, se scegli di inizializzare il dispositivo da remoto in seguito non sarà più rintracciabile così come ti ho appena indicato. Mi raccomando, tienine conto.

Per maggiori dettagli sul funzionamento di Trova il mio iPhone, ti consiglio di consultare la mia guida su come localizzare iPhone.

Windows Phone

Cellulare rubato: cosa fare

Se ti è stato sottratto o hai smarrito uno smartphone Windows Phone puoi sfruttare il servizio Trova il mio telefono che consente di rintracciare, bloccare e comandare il dispositivo da remoto.

Per accedere al servizio, collegati a questa pagina Web ed effettua il login con il tuo account Microsoft. Pigia poi sulla dicitura Trova il mio telefono nella barra laterale di destra e scegli se cancellare tutti i dati presenti al suo interno oppure se bloccare il terminale con un codice pigiando sugli appositi bottoni. Anche in tal caso, tieni conto del fatto che se cancelli il contenuto dello smartphone, non potrai più localizzarlo da remoto.