Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come disattivare servizi a pagamento

di

Sul tuo cellulare si è attivato all’improvviso un servizio a pagamento e non sai come liberartene? Tranquillo, se vuoi ci sono qui io a darti una mano. Quello in cui ti sei imbattuto è un VAS, un Value Added Service, cioè un servizio a valore aggiunto che prevede il pagamento di una somma di denaro ogni settimana o ogni mese in cambio dell’accesso ai suoi contenuti, che possono essere notizie, video o altro.

I VAS spesso si attivano in maniera truffaldina: l’utente visita una pagina Web e, senza far nulla, si ritrova abbonato a un servizio a pagamento. L’attivazione è istantanea, viene segnalata sùbito tramite SMS, mentre la disattivazione… beh, quella, come facilmente immaginabile, non è altrettanto immediata e prevede svariate perdite di tempo tra SMS, call center e customer care degli operatori telefonici.

La buona notizia è che, seppur con qualche noia, è possibile disattivare i servizi a pagamento in maniera definitiva, prevenire la loro riattivazione e perfino richiedere un rimborso di quanto speso. Se vuoi maggiori dettagli a riguardo, continua a leggere: qui sotto trovi spiegato per filo e per segno tutto quello che devi fare per liberarti una volta per tutte dagli abbonamenti indesiderati.

Indice

Che cosa sono i servizi a pagamento

Come disattivare servizi a pagamento

Prima di procedere e vedere come disattivare servizi a pagamento, mi pare doveroso chiarirti un po’ meglio che cosa sono. Come ti ho anticipato nelle battute introduttive della guida, i VAS o Value Added Service, sono dei servizi a pagamento che vengono attivati per usufruire di determinati contenuti. Che la loro attivazione sia involontaria o meno, è possibile disattivarli e, generalmente, nell’SMS ricevuto al momento della loro attivazione sono contenute le istruzioni per riuscirci.

Solitamente, per disattivare il rinnovo automatico dei VAS (e quindi il loro pagamento), bisogna inviare un SMS con scritto NO o STOP al numero indicato nel messaggio di conferma ricevuto dopo l’attivazione del servizio o, in alternativa, bisogna contattare il numero di telefono indicato all’interno del medesimo messaggio e seguire le indicazioni della voce guida.

Successivamente, è buona norma contattare il proprio operatore telefonico e chiedere l’annullamento di tutti i VAS attivi sulla propria linea. Trovi le indicazioni con tutti i passaggi da compiere nelle righe qui sotto.

C’è da dire, comunque, che a causa dell’attuazione n attuazione alla delibera AGCOM 10/21/CONS entro maggio 2021 tutti gli operatori di telefonia provvederanno al blocco preventivo dei VAS, comunicando ai propri clienti la cosa tramite i propri canali (es. via SMS). Questo significa che l’attivazione dei VAS sarà bloccata di default. Ciò non toglie, comunque, che in caso di attivazione volontaria di tali servizi risulterà comunque necessario procedere alla loro disattivazione.

Per verificare l’effettiva attivazione di un servizio a pagamento sulla tua utenza, chiama il numero 800442299: la voce guida ti indicherà se sono eventualmente attivi dei VAS sulla tua numerazione. Nella maggior parte dei casi, è possibile disattivare i servizi anche tramite il numero in questione; nel caso ciò non fosse possibile, comunque, puoi agire nelle modalità indicate di seguito, in base all’operatore di cui sei cliente.

Come disattivare i servizi a pagamento TIM

Logo TIM

Se sei un cliente TIM, sappi che puoi contattare il customer care per disattivare dei servizi a pagamento sia telefonicamente che inviando un SMS.

Contatta, quindi, il supporto TIM al 119 e segui le indicazioni della voce guida per chiedere di parlare con un operatore. Dopo esserti messo in contatto con un operatore in carne e ossa, chiedi di disattivare tutti i VAS attivi sulla tua linea e il gioco è fatto. Se non ci riesci a parlare con un operatore TIM, segui le indicazioni contenute nel mio tutorial dedicato all’argomento.

In alternativa, invia un SMS al 119 con scritto “blocco servizi VAS” o “disattivazione servizi VAS”. Entro qualche secondo, riceverai conferma del fatto che i servizi a valore aggiunto sono stati disattivati sulla tua linea e che non verranno più attivati in futuro (in quanto inibiti).

In caso di problemi o dubbi, ti invito a consultare la mia guida su come disattivare servizi a pagamento TIM e di fare un salto sul sito Internet dell’operatore, dove ci sono informazioni dettagliate sui VAS.

Come disattivare i servizi a pagamento Vodafone

Logo Vodafone

Se sei un cliente Vodafone, puoi richiedere la disattivazione dei servizi in abbonamento attivi sulla tua linea contattando il 190 e scegliendo di parlare con un operatore. Se le indicazioni della voce guida risultano poco chiare, puoi scoprire come contattare operatore Vodafone grazie alle indicazioni presenti nel mio tutorial sull’argomento.

In alternativa, se preferisci ricorrere a mezzi più tecnologici, puoi collegarti al sito Internet di Vodafone e accedere alla sezione Fai da te facendo clic sull’apposito pulsante collocato in alto a destra. Se non hai ancora un account Vodafone, puoi crearne uno cliccando sul pulsante Registrati presente nel riquadro in alto a destra, digitando il tuo numero di cellulare nell’apposito campo di testo e seguendo le indicazioni su schermo (ti verrà semplicemente chiesto di digitare un codice di verifica che riceverai via SMS). Se qualche passaggio non ti è chiaro, leggi il mio tutorial su come registrarsi su Vodafone.

Una volta effettuato l’accesso sul sito di Vodafone, devi recarti nella sezione dedicata al controllo dei costi, verificare i servizi digitali attivi e verificare i servizi e le promozioni attive, facendo clic sulla dicitura apposita. Se individui un servizio attivato involontariamente, potrai chiedere la sua disattivazione cliccando sulla dicitura apposita.

Maggiori dettagli sui VAS e sulla gestione degli abbonamenti a pagamento sulle linee Vodafone sono disponibili sul sito Internet dell’operatore.

Come disattivare i servizi a pagamento WINDTRE

WINDTRE logo

Per disattivare i servizi a pagamento con WINDTRE, puoi contattare il 159, seguire le indicazioni della voce guida per parlare con un consulente del customer care dell’operatore e chiedere di disattivare i servizi attivi (se non sai come contattare WINDTRE, puoi consultare l’articolo in cui spiego nel dettaglio come riuscirci).

In alternativa, puoi anche collegarti al sito di WINDTRE, accedere al tuo account (se non sei ancora registrato, puoi fare clic sulla voce Login in alto a destra e compila il modulo che ti viene proposto con il tuo numero di telefono e gli altri dettagli richiesti, come ti ho indicato qui) e recarti nella sezione dedicata alla tua offerta, dove sono elencati anche i servizi a contenuto eventualmente attivi (che potrai disattivare tramite la dicitura apposita).

Come disattivare i servizi a pagamento Iliad

Logo iliad

Veniamo adesso a Iliad. Anche il noto provider francese permette di disattivare i servizi a pagamento tramite il customer care, oltre che dal proprio sito Web.

Se opti per la prima soluzione, chiama il numero 177, segui le indicazioni della voce guida per parlare con un consulente umano (se non sai come fare ciò, segui la guida in cui ti ho spiegato come parlare con un operatore Iliad) e chiedi che i servizi a pagamento attivi sul tuo numero vengano disattivati.

Se, invece, vuoi procedere dal sito di Iliad, recati nella tua area personale e, dopo aver eseguito l’accesso, seleziona la voce Le mie opzioni situata sulla sinistra; clicca poi sul pulsante Dettagli posto in corrispondenza della voce Blocco numeri a pagamento e fai clic sull’icona del segno di spunta posto nella colonna .

Come disattivare i servizi a pagamento PosteMobile

Logo PosteMobile

Sei cliente PosteMobile? Allora sappi che puoi richiedere la disattivazione dei VAS tramite l’assistenza telefonica messa a disposizione dal provider oppure inviando una richiesta scritta al customer care, utilizzando un apposito modulo da compilare e inviare.

Per contattare PosteMobile telefonicamente, chiama il numero 160 e segui le indicazioni della voce guida per parlare con un consulente del Servizio Clienti. Dopodiché chiedigli di disattivare uno o più servizi a sovrapprezzo attivi sulla tua utenza.

Altrimenti, recati su questa pagina del sito di PosteMobile, clicca sul link Richiesta blocco/sblocco servizi a sovrapprezzo e scarica il modulo che ti viene proposto, cliccando sull’icona del floppy disk o su quella della freccia rivolta verso il basso.

Provvedi, dunque, a stampare il modulo, compilarlo in ogni sua parte e a inviarlo via fax al numero gratuito 800160909 o tramite lettera a PosteMobile S.p.A., Casella postale 3000, 37.138 Verona (VR), unitamente a una copia del documento di identità indicato nel modulo stesso. In alternativa, puoi provare anche l’invio tramite PEC all’indirizzo lrs.postemobile@pec.posteitaliane.it.

Come disattivare i servizi a pagamento Fastweb

Logo Fastweb

Se vuoi disattivare i servizi a pagamento Fastweb, puoi metterti in contatto con il provider telefonicamente e chiedere al consulente del customer care che ti assisterà di disattivare quelli che sono attivi e che non ti servono più.

Per procedere, quindi, digita il numero 192.193 sul tastierino numerico del tuo telefono, pigia il tasto per effettuare la chiamata e segui le indicazioni della voce guida per parlare con un operatore umano. Non appena avrai modo di parlare con quest’ultimo, chiedigli di disattivare i VAS attivi.

Come chiedere il rimborso dei servizi a pagamento

Soldi

Come accennato in apertura di questo post, è possibile richiedere un rimborso dei soldi spesi per l’attivazione dei VAS.

La richiesta di rimborso va inoltrata al proprio operatore telefonico nel tempo previsto da quest’ultimo: alcuni provider (come WINDTRE) chiedono di fare questa richiesta entro 6 ore dall’attivazione del servizio a pagamento, mentre altri provider (come TIM), permettono di fare ciò entro 7-12 giorni dall’attivazione di un abbonamento non richiesto. Per evitare problemi di sorta, comunque, prima chiedi il rimborso, meglio è. Ti suggerisco, inoltre, di fare ciò prima di disattivare i VAS, in modo da consentire al tuo provider di verificare l’effettiva durata di un abbonamento.

In che modo va inoltrata la richiesta di rimborso? Semplicemente contattando l’operatore via telefono o via Internet come indicato precedentemente in questo tutorial.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.