Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come disattivare una SIM Wind ricaricabile

di

Possiedi una SIM Wind ricaricabile che non usi più da parecchio tempo e ti piacerebbe capire come disattivarla? Hai intenzione di passare da Wind a un altro gestore disattivando la tua SIM attuale e, dunque, vorresti sapere quali sono le operazioni che vanno compiute per procedere in tal senso? Beh, direi allora che sei capitato sulla guida giusta al momento giusto!

Con il tutorial di oggi, infatti, ti spiegherò come disattivare una SIM Wind ricaricabile. Ti anticipo subito che, contrariamente a quel che tu possa pensare, si tratta di un’operazione piuttosto facile e per la messa a segno della quale non è assolutamente necessario essere dei grandi esperti in fatto di telefonia.

Suvvia, dunque, non perdiamo altro tempo in chiacchiere e cominciamo a darci da fare. Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto libero solo per te e concentrati sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Ah, dimenticavo: per completezza d’informazione, a fine articolo provvederò anche a dirti come mettersi in contatto con il servizio clienti di Wind, nel caso in cui avessi qualche dubbio o ci fosse qualche problema. 

Indice

Informazioni preliminari

Wind

Prima di giungere al sodo, andandoti a spiegare quali sono i passaggi che vanno compiuti per disattivare una SIM Wind ricaricabile, mi sembra doveroso fare un’importante precisazione: la procedura da attuare differisce significativamente a seconda del fatto che tu intenda cessare completamente la tua utenza oppure passare a un altro operatore.

Nel primo caso, devi comunicare quelle che sono le tue intenzioni a Wind e sarà poi lo stesso gestore a occuparsi della disattivazione della scheda. Nel secondo caso, invece, non devi comunicare assolutamente nulla a Wind ma devi metterti in contatto diretto con l’operatore verso il quale intendi migrare la tua linea: a portabilità eseguita, la tua SIM Wind verrà disattivata in automatico.

Un’altra possibilità consiste poi nell’attendere la naturale scadenza della SIM: in questo modo, la scheda e il numero a essa associato verranno disattivati in maniera automatica e definitiva, salvo la messa in pratica di eventuali pratiche per procedere con la sua riattivazione.

Un’altra cosa che ti invito a tenere in considerazione è l’eventualità che  sull’offerta attiva sulla tua scheda Wind risulti applicato un vincolo contrattuale (es. di 12 o 24 mesi), in quanto questo potrebbe portarti a dover sostenere dei costi aggiuntivi.

Inoltre, se hai attivato la SIM Wind in concomitanza dell’acquisto di uno smartphone o di un altro dispositivo in maniera rateizzata, dovrai preoccuparti di versare le rate residue in un’unica soluzione. Per cui, prima di procedere, ti invito a leggere con la massima attenzione le condizioni relative ai servizi Wind.

Come disattivare una SIM Wind ricaricabile

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, andiamo quindi a scoprire, in concreto, cosa occorre fare per riuscire a disattivare una SIM Wind ricaricabile. Trovi spiegato tutto in dettaglio qui di seguito, sia per quel che concerne la cessazione completa della linea che per quanto riguarda la possibilità di lasciar scadere la SIM e passare a un altro operatore.

Cessazione completa dell’utenza

Ragazza al computer

Se desideri disattivare la tua SIM Wind ricaricabile andando a cessare in maniera definitiva l’utenza, tutto quello che devi fare è comunicare le tue intenzioni al gestore in forma scritta, tramite raccomandata A/R, PEC, telefono oppure agendo di persona.

Per la precisione, se vuoi contattare Wind mediante raccomandata A/R, scrivi la tua richiesta avendo cura di specificare il tuo nome, il tuo cognome, il numero di telefono, il numero di serie della SIM da disattivare e il motivo per cui intendi procedere con l’operazione.

Completa la richiesta inserendo anche la tua firma autografa e invia il tutto, insieme alla fotocopia fronte-retro di un tuo documento d’identità valido al seguente indirizzo: WIND Tre SpA – Servizio Disdette – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano.

Se, invece, preferisci fare richiesta per la disattivazione della tua SIM via PEC, puoi spedire la stessa documentazione di cui sopra al seguente indirizzo: servizioclienti155@pec.windtre.it.

Per procedere con la cessazione completa dell’utenza telefonicamente, invece, chiama il 155 (il numero del servizio clienti di Wind) da cellulare o telefono fisso, ascolta il messaggio di benvenuto e premi il tasto per ricevere assistenza da parte di un consulente (dovrebbe essere il 2).

Successivamente, se stai chiamando direttamente dal tuo numero Wind, attendi in linea, altrimenti premi il tasto 1 e digita il numero in relazione al quale intendi andare ad agire. In seguito, schiaccia ancora il tasto per ricevere assistenza da parte di un consulente (dovrebbe essere il 3) e attendi la risposta da parte dell’operatore, al quale andrai poi a spiegare quelle che cono le tue necessità.

Nel contattare il servizio clienti di Wind, sappi che la combinazione di tasti da premere per parlare con un operatore è soggetta a variazioni nel corso del tempo. Per cui, mie indicazioni a parte, ascolta sempre con la massima attenzione le istruzioni della voce guida, onde evitare di commettere errori e di andare incontro a inutili perdite di tempo.

Come ti dicevo poc’anzi, puoi fare richiesta per disattivare la tua SIM anche recandoti di persona presso uno dei tanti centri Wind presenti sul territorio nazionale ed esponendo all’addetto alle vendite quelle che sono le tue intenzioni.

Se non sai dove si trova il centro Wind più vicino a te, puoi cercarlo usando la mappa apposita presente sul sito Internet del gestore, acconsentendo all’avviso del browser di rilevare la tua posizione oppure digitando il tuo indirizzo nel campo di ricerca collocato in alto a sinistra e facendo clic sul bottone Cerca.

Sia nel caso della richiesta di disattivazione della SIM (tramite 155) che mediante negozio Wind, tieni presente che la persona con la quale ti ritroverai a interloquire ti porrà delle domande specifiche per accertarsi della tua reale identità. Solo successivamente sarà possibile procedere con la disattivazione della scheda.

Scadenza della SIM

SIM

Se su una SIM Wind non viene effettuata una ricarica per più di 13 mesi, quest’ultima è soggetta a scadenza e la sua disattivazione, quindi, avviene in maniera automatica. Un altro sistema che puoi sfruttare per disattivare la tua scheda Wind, dunque, se non vai particolarmente di fretta o non hai esigenze particolari, è attendere la naturale scadenza della stessa.

In caso di ripensamenti e se non è trascorso più di un anno dalla disattivazione della scheda, è eventualmente possibile attivare nuovamente la SIM, come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come riattivare una SIM scaduta. Per ulteriori dettagli, puoi fare riferimento all’apposita pagina Web informativa disponibile sul sito Internet di Wind.

Passaggio ad altro operatore

Smartphone Samsung

Ti interessa capire come disattivare una SIM Wind ricaricabile perché desideri passare a un altro operatore effettuando la portabilità del numero verso quest’ultimo? In tal caso, ti basta contattare direttamente il nuovo operatore di tuo interesse e comunicare a quest’ultimo quelle che sono le tue intenzioni, unitamente all’offerta che desideri sottoscrivere. A portabilità conclusa, la SIM Wind in tuo possesso si disattiverà in automatico.

Puoi contattare il nuovo gestore in tre differenti modi, quelli che trovi indicati ed esplicati qui di seguito.

  • Andare in un negozio del nuovo operatore – recati di persona in uno dei centri Wind presenti sul territorio nazionale ed esprimi la tua intenzione di effettuare la portabilità del numero. Nel fare ciò, ricordarti di portare con te un tuo documento di identità valido, la tua attuale SIM e il codice fiscale. Se hai intenzione di sottoscrivere un’offerta che prevede l’addebito sulla carta di credito oppure sul conto corrente, ricordati di portare anche la carta di credito o le coordinate del tuo conto bancario.
  • Contattare il nuovo operatore telefonicamente – chiama il servizio clienti del nuovo operatore di tuo interesse. Spiega al consulente che ti risponderà quelle che sono le tue intenzioni, scegli la promozione che vuoi sottoscrivere e fornisci gli ulteriori dettagli relativi alla tua persona e alla tua attuale SIM Wind che ti vengono richiesti. Successivamente, ti verrà spedita una nuova SIM a casa, tramite corriere, che, a portabilità completata, dovrai usare in sostituzione di quella attualmente in essere (o che potrai usare sin da sùbito, sfruttando un numero provvisorio).
  • Attivare un’offerta online – puoi passare da Wind a un altro operatore anche sottoscrivendo un’offerta via Internet. Per riuscirci, ti basta visitare il sito Internet del gestore di riferimento, scegliere l’offerta che più ti interessa tra quelle disponibili e attivare una SIM richiedendo la portabilità del numero. Anche in tal caso, ti verrà poi spedita a casa la SIM del nuovo gestore, che potrai cominciare a usare a portabilità completata o sùbito, sfruttando il numero provvisorio.

Salvo complicazioni, il passaggio da un operatore all’altro – una volta ricevuta la nuova SIM da parte tua e la documentazione necessaria da parte del gestore – richiede un massimo di due giorni lavorativi. Ad ogni modo, il buon esito della procedura ti verrà comunicato dal nuovo operatore mediante un apposito SMS.

Tieni altresì presente che, salvo diversamente specificato, la portabilità del numero è generalmente gratis. Tuttavia, se il contratto che avevi sottoscritto con il vecchio operatore (in questo caso Wind) prevedeva vincoli temporali (es. da 12, 24, o 30 mesi) ma tu recedi anticipo, potresti essere soggetto al pagamento di penali e costi aggiuntivi calcolati in base a eventuali sconti e bonus maturati al momento della sottoscrizione dell’offerta.

Se poi hai del credito residuo sulla tua SIM Wind, ricordati, prima di avviare la procedura per la portabilità del numero, di richiederne il trasferimento scaricando l’apposito modulo dal sito Internet di Wind, stampandolo, compilandolo con i dati richiesti, firmandolo e inviandolo al seguente indirizzo a mezzo raccomandata A/R (allegando anche una copia di un documento di identità valido): Wind Telecomunicazioni S.p.A. – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano MI.

Per maggiori dettagli riguardo le pratiche descritte in questo capitolo, ti rimando alla lettura della mia guida su come cambiare operatore telefonico e dei miei tutorial specifici su come passare a TIM, come passare a Vodafone e come passare a Iliad.

In caso di dubbi o problemi

Call center

Hai seguito per filo e per segno le mie istruzioni su come disattivare una SIM Wind ricaricabile ma c’è qualcosa che non ti è ancora molto chiaro oppure in corso d’opera è sorto qualche intoppo? Date le circostanze, il miglior suggerimento che posso darti è quello di metterti in contatto con il servizio clienti dell’operatore.

Se non sai in che modo riuscirci, leggi la mia guida su come parlare con un operatore Wind. Ti anticipo già che la cosa è fattibile telefonicamente e mediante social network. Tutti e due i sistemi sono ugualmente validi, opta pure liberamente per quello che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo, a seconda delle tue necessità e dei mezzi in tuo possesso.

Puoi altresì valutare l’ipotesi di sfruttare il servizio di assistenza guidata accessibile online, sul sito Internet di Wind: grazie ad esso, potrai trovare rapidamente delle risposte alle domande più frequenti riguardo praticamente ogni genere di servizio offerto dall’operatore.

Se, invece, avevi richiesto la portabilità del numero e stai riscontrando delle difficoltà a cui deve rispondere il nuovo operatore, puoi scoprire come metterti in contatto con il relativo servizio clienti leggendo le mie guide specifiche su come parlare con un operatore TIM, come parlare con un operatore Vodafone e come parlare con un operatore Iliad.