Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come riattivare una SIM scaduta

di

Rovistando nel cassetto della tua scrivania hai trovato una vecchia SIM, probabilmente scaduta e vorresti farla tornare in funzione per recuperare credito, contatti e messaggi salvati in essa? Se la risposta è affermativa, sappi che non è impossibile da fare, anzi. Se non è passato troppo tempo dal termine ultimo di utilizzo, per riattivare una SIM scaduta è sufficiente chiamare il proprio operatore telefonico o, mal che vada, recarsi in uno store autorizzato e/o compilare qualche “scartoffia” da spedire tramite raccomandata e il gioco è fatto.

Lo so, magari in questo momento starai pensando che non ne valga la pena e che le operazioni da mettere in pratica per riattivare una SIM scaduta siano troppo complicate da eseguire, ma credimi, le cose non stanno affatto in questo modo! Contrariamente alle apparenze, riattivare una SIM scaduta è infatti un procedimento molto semplice, oltre che abbastanza veloce da portare a termine. Detta in soldoni, è molto più facile a farsi che a dirsi, hai la mia parola!

Se sei quindi effettivamente interessato a scoprire in che modo procedere per riattivare una SIM scaduta, direi di mettere al bando le ciance e vedere subito in che modo procedere con tutti i principali gestori di telefonia mobile italiani. Sei d’accordo? Sì? Molto bene, allora rimbocchiamoci le maniche e cominciamo!

Indice

Informazioni preliminari

SIM

Prima di vedere in dettaglio come riattivare una SIM scaduta con i vari gestori, c’è una cosa molto importante che devi sapere: la richiesta di riattivazione di una SIM card può essere effettuata solo per quelle schede che sono scadute da più di 12 mesi, altrimenti non è possibile fare nulla.

Come probabilmente già saprai, la disattivazione automatica delle SIM avviene dopo 12 mesi dall’ultima effettuazione di una ricarica o di una qualsiasi operazione commerciale, dopodiché scatta un mese di “attesa” nel quale si possono solo ricevere chiamate ma non effettuarle e poi si passa ad altri 11 mesi in cui la scheda non funziona ma può essere riattivata facendone richiesta al proprio operatore.

Tieni inoltre presente che a seconda del gestore telefonico di riferimento della SIM card e a seconda del tempo trascorso dal termine ultimo di utilizzo della stessa, la procedura da mettere in pratica per riattivare una SIM scaduta può risultare differente. Ad ogni modo non temere, provvederò a indicarti tutto nel dettaglio. Detto ciò, passiamo al sodo!

Riattivare una SIM TIM scaduta

Immagine che mostra come contattare operatore TIM

Se possiedi una scheda TIM e ti interessa capire come procedere per poter riattivare la tua SIM Card scaduta, il primo passo che devi compiere è quello di chiamare il 119 per metterti in contatto con il Servizio Clienti del gestore e accertarti del fatto che la scheda non sia scaduta da oltre un anno. Per maggiori dettagli su come metterti in contatto con il Servizio Clienti di TIM puoi consultare la mia guida apposita su come contattare TIM da cellulare. L’operazione è gratuita e può essere eseguita interamente tramite la chiamata all’assistenza, parlando con l’operatore preposto.

In alternativa, puoi agire per la riattivazione della tua SIM scaduta tramite l’Area Clienti MyTIM, disponibile sul sito Internet ufficiale di TIM. Per farlo, devi essere registrato e non devi far altro che accedere inserendo le tue credenziali, selezionare la linea scaduta e cliccare sul pulsante Riattiva linea. Ora, non ti resta che inserire l’ICCID della SIM (cioè numero identificativo composto da 19 cifre, collocato sopra alla scheda) e un recapito alternativo. Se non possiedi l’ICCID puoi selezionare la voce Sim non disponibile. Se non sei in possesso di un account, invece, ti consiglio di leggere la mia guida su come registrarsi su TIM.

Se, per qualsiasi motivo, non dovessi riuscire ad accedere all’Area Clienti MyTIM puoi utilizzare il modulo di reintegro sulla pagina Web del gestore e procedere inserendo negli appositi spazi il numero da riattivare, il tuo codice fiscale, l’ICCID (se possibile) e un documento d’identità valido.

Nessuna di queste modalità fa al caso tuo? Allora recati in un centro TIM autorizzato, indica all’addetto presente in negozio la tua necessità di riattivare la SIM ormai scaduta e provvedi a fornire il tuo documento di riconoscimento e il tuo codice fiscale. Se in tuo possesso, esibisci inoltre la SIM scaduta in modo tale da consentire tutte le opportune verifiche da parte del negozio TIM.

Se non sai dove si trova il negozio TIM più vicino alla tua zona, puoi fare clic qui e utilizzare i menu a tendina del sito TIM per specificare la zona di riferimento.

La riattivazione del tuo numero avverrà su una nuova scheda SIM. Una volta fatto ciò, ti verrà riconosciuto gratuitamente il credito che era eventualmente residuo sulla stessa (sempre che non ti sia stato già restituito in altre forme) e avrai inoltre la possibilità di effettuare un cambio del profilo tariffario a costo zero.

Tieni presente che in alcuni casi potrebbe essere necessario richiedere esplicitamente il ripristino del credito residuo. Per fare ciò ti basta compilare l’apposito modulo che puoi trovare sul sito di TIM, collegandoti a questa pagina, espandendo la sezione relativa ai Clienti ricaricabili (nell’area Mobile) e cliccando sul pulsante Compila relativo al modulo di Richiesta di restituzione o trasferimento del traffico acquistato e non utilizzato. Se non vuoi compilare il modulo direttamente online ma stamparlo e inviarlo poi tramite raccomandata A/R, usa il pulsante Scarica.

Riattivare una SIM Vodafone scaduta

Come riattivare una SIM scaduta

Possiedi una scheda Vodafone e vuoi capire in che modo procedere per riattivare una SIM scaduta? Se la risposta è affermativa puoi procedere in due differenti modi a seconda del fatto che dal termine ultimo di utilizzo della scheda siano trascorsi più o meno di 90 giorni. A seconda dei casi bisogna infatti mettere in pratica un procedimento differente.

Per sapere da quanto tempo è scaduta la tua SIM puoi parlare con un operatore del Servizio Clienti contattando il numero 190 oppure accedere alla tua Area Personale Fai da te sulla pagina Web ufficiale del gestore o nell’app Vodafone (Android/iPhone). Ti ricordo, inoltre, che per utilizzare il Fai da te devi essere registrato sul sito dell’operatore ed essere in possesso di un account. Per maggiori informazioni sulla procedura di registrazione ti lascio al mio tutorial su come registrarsi su Vodafone.

Una volta scoperto se la carta risulta scaduta da meno di 90 giorni, contatta il 190, chiedi di parlare con un operatore e illustra ad esso la tua situazione, dopodiché fornisci tutti i dettagli sulla tua SIM. Per informazioni più dettagliate in merito ti lascio al mio tutorial su come parlare con un operatore Vodafone.

Una volta fatto ciò, potrai richiedere la riattivazione del tuo numero semplicemente fornendo all’operatore un recapito alternativo e attendendo qualche giorno. Non appena la SIM sarà riattivata, verrai chiamato dal Servizio Clienti Vodafone che ti avvertirà dell’avvenuta attivazione della scheda.

Qualora, invece, scoprissi che la tua scheda è scaduta da più di 90 giorni, per riattivarla e avere nuovamente il tuo numero, dovrai recarti di persona presso un Rivenditore Vodafone Autorizzato e richiedere l’attivazione di una nuova SIM fornendo il tuo documento di identità e il tuo codice fiscale. Il prezzo di questa operazione è di 10 euro, a meno che non siano passati meno di 24 mesi dall’acquisto della SIM.

Se non sai dove si trova il negozio Vodafone più vicino, puoi consultare l’apposita mappa annessa al sito Internet dell’operatore. Per riuscirci, clicca qui e servirti dello strumento di ricerca Trova Negozio.

Una volta fatto ciò, ti toccherà attendere qualche giorno affinché Vodafone riceva la richiesta di riattivazione del tuo numero e preveda a passare il recapito telefonico dalla SIM ormai scaduta a quella nuova.

Per quanto concerne, invece, il credito che eventualmente era disponibile sulla SIM scaduta, puoi recuperarlo scaricando, stampando e compilando in ogni sua parte l’apposito modulo accessibile facendo clic qui e spedendo poi il tutto tramite raccomandata A/R alla casella postale 190 — 10015 Ivrea (To). Il recupero del credito ha un costo di 6,00 euro che viene detratto dalla somma recuperata dalla SIM.

Per ulteriori dettagli riguardo il procedimento che bisogna mettere in pratica con Vodafone per riattivare una SIM scaduta, puoi consultare l’apposita pagina Web informativa dell’operatore.

Riattivare una SIM Wind scaduta

Assistenza Clienti riattivazione SIM

Nel caso di WINDTRE, se vuoi riattivare una SIM scaduta, contatta innanzitutto il Servizio Clienti dell’azienda al numero 159, spiega la tua situazione e accertati del fatto che la tua scheda non sia scaduta da più di un anno. Per ulteriori dettagli sul come metterti in contatto con il Servizio Clienti di WINDTRE puoi consultare la mia guida apposita su come parlare con un operatore WINDTRE.

In alternativa, se sei in possesso di un account, puoi accedere all’Area Clienti sul sito Web ufficiale del gestore o la app WINDTRE (Android/iOS) inserendo le tue credenziali, aprire la chat con WILL (l’assistente digitale di WINDTRE) e chiedere di essere messo in contatto con un operatore umano. In questo modo potrai chiedere delucidazioni sulla tua SIM. Se non sei registrato, ma vorresti utilizzare i servizi online, ti lascio alla mia guida dedicata alla registrazione sul sito di WINDTRE.

In seguito, dovrai provvedere a compilare l’apposito modulo per la riattivazione del numero e inviarlo a Wind Tre S.p.A.CD MILANO RECAPITO BAGGIO — Casella Postale 159 — 20152 Milano (MI) tramite raccomandata A/R, allegando una fotocopia della tua carta di identità e del codice fiscale. Tieni presente che compilando e inviando il modulo per fare richiesta di riattivazione del numero, ti verrà inoltre assegnato il credito eventualmente residuo sulla scheda.

Per scaricare il modulo da stampare e compilare per riattivare una SIM scaduta non devi far altro che recarti nella sezione Moduli utili del sito WINDTRE, cercare la voce Richiesta di riattivazione del numero Ricaricabile, premere su di essa e cliccare, infine, sulla voce Scarica.

In alternativa al procedimento che ti ho appena indicato, puoi riattivare la tua scheda WINDTRE recandoti fisicamente presso un centro WINDTRE autorizzato e seguendo le indicazioni del personale del negozio che ti inviterà a firmare un’apposita documentazione e a fornire dei documenti di identità validi. Per conoscere il negozio WINDTRE più vicino alla tua zona puoi cliccare qui per collegarti all’apposita area annessa al sito Internet dell’operatore.

In seguito, utilizza il campo di ricerca collocato in alto per specificare la zona di riferimento oppure fai clic sull’indicatore collocato di lato per attivare la geolocalizzazione.

Come riattivare SIM scaduta Iliad

Iliad

Possiedi una SIM Iliad e desideri riattivarla? Allora, in tal caso, la prima cosa che devi fare è contattare il Servizio Clienti Iliad al numero 177. Ti risponderà immediatamente un operatore al quale potrai esporre la tua problematica e scoprire da quanto tempo la tua SIM è stata disattivata e se è possibile procedere con la riattivazione (nel caso specifico di Iliad la SIM e il numero annesso sono irrecuperabili dopo 24 mesi dall’ultima ricarica).

In alternativa, se sei registrato e possiedi un account, puoi accedere alla tua Area Personale sul sito Web ufficiale del gestore telefonico, inserire le tue credenziali e cliccare sulla voce Attivazione della SIM per controllare lo stato della scheda e procedere, successivamente, con la riattivazione. Se non sei ancora registrato ti consiglio di leggere la mia guida su come registrarsi su Iliad, dato che tale gestore utilizza prevalentemente questo canale per la gestione dei numeri telefonici.

Per riattivare, a questo punto, se le condizioni lo consentono, è sufficiente effettuare una ricarica oppure utilizzare la propria offerta attiva per effettuare una chiamata, inviare un SMS oppure usufruire dei dati Internet. Se sono trascorsi oltre 24 mesi, invece, non è più possibile recuperare il numero che potrebbe esser stato assegnato a un altro utente.

Per ulteriori delucidazioni in merito puoi recarti in un Iliad Store usufruendo dell’apposita mappa messa a disposizione dal gestore telefonico.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.