Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come guadagnare da casa seriamente

di

In molti pensano che Internet sia un posto speciale in cui, quasi come per magia, senza fare alcuna fatica, è possibile guadagnare tantissimi soldi. Beh, le cose non stanno affatto così! Internet è sì uno strumento potentissimo, che può essere di grande aiuto per mettere in piedi un business redditizio ma, per riuscirci, oltre a un sano pizzico di fortuna, serve tanto impegno e tanta costanza.

Chiarito ciò, se stai leggendo questa guida perché ti domandi come guadagnare da casa seriamente, sarai felice di sapere che sono qui per aiutarti, parlandoti nel dettaglio di quelle che sono alcune delle strategie che puoi mettere in atto per ottenere dei guadagni online. Tieni però in considerazione che anche per il Web valgono alcune delle regole d’oro del mondo reale: occorre, innanzitutto, avere un’idea vincente, ma bisogna anche essere disposti a studiare e a mettere nel proprio progetto tutto l’impegno possibile.

Dunque, se sei davvero disposto a metterti in gioco e ritieni di avere le carte in regola per costruire un business di successo, non devi fare altro che prenderti qualche minuto di tempo libero da dedicare alla lettura attenta delle indicazioni che ti fornirò nei prossimi capitoli di questo mio tutorial. A questo punto, non mi resta che augurarti una buona lettura e, soprattutto, una buona fortuna!

Indice

Creare e monetizzare un sito Internet

AdSense

Quando si parla di guadagnare da casa seriamente una tra le cose che viene subito in mente è quella relativa alla creazione di un blog o di un sito Internet, in quanto è possibile ottenere dei guadagni indiretti, tramite l’inserimento di banner pubblicitari, o diretti, tramite attività sponsorizzate, eventi dal vivo ecc. (anche se queste sono cose che arrivano molto più in là nel tempo e solo dopo aver consolidato la propria posizione sul mercato).

A tal proposito, devi sapere che guadagnare con un sito Web è possibile, ma per raggiungere cifre considerevoli è necessario avere un bacino d’utenza molto vasto, in quanto bisogna attirare e mantenere nel tempo un numero considerevole di visitatori.

Chiarito ciò, sono fondamentalmente due le strade che permettono di monetizzare i contenuti testuali e/o multimediali creati sul proprio sito Internet: la prima, nonché la più nota, prevede l’inserimento di banner pubblicitari tramite servizi come Google Adsense, i quali permettono di ottenere dei compensi monetari direttamente proporzionali al traffico del sito Web e a seguito della visualizzazione o dei clic sui banner pubblicitari.

La seconda opzione, invece, prevede l’avvio di una collaborazione con negozi online (come per esempio Amazon), attraverso i programmi affiliazione. In questo caso specifico, infatti, l’inserimento di link sponsorizzati all’interno dei propri articoli consente di ottenere delle commissioni sulla vendita degli oggetti venduti dal negozio virtuale al quale ci si è affiliati.

Queste sono soltanto alcune delle principali strategie che puoi mettere in atto, relativamente alle possibilità legate alla monetizzazione di un sito Internet. A tal proposito, per maggiori approfondimenti al riguardo, ti invito a leggere il mio tutorial su come guadagnare con un sito e quello su come creare un blog di successo: nel primo ti ho parlato delle principali soluzioni di monetizzazione, mentre nel secondo ti ho suggerito delle tecniche per aumentare l’interesse del pubblico nei confronti del tuo blog, al netto dei contenuti interessanti e di qualità, che devi saper creare sulla base della tua strategia editoriale.

Se vuoi, nel mio libro "Il Metodo Aranzulla" (edito da Mondadori Electa) ho spiegato in maniera dettagliata alcune tra le principali strategie messe in atto per portare al successo Aranzulla.it, che si posiziona tra i 30 siti Web più visitati in Italia. Potrebbe valerti come spunto per le tue prossime avventure online.

Il metodo Aranzulla. Imparare a creare un business online
Vedi offerta su Amazon

Aprire un negozio online

Shopify

Sei il titolare di un’azienda che vende prodotti o servizi? Sei bravo a costruire oggetti o realizzare opere artistiche? In tal caso potresti tentare la fortuna aprendo un negozio online. A tal proposito, devi sapere che esistono diversi servizi che permettono di aprire uno store online in modo semplice e veloce, adatti sia per chi ha necessità di partire da zero, ma anche per chi desidera aprire una versione digitale del proprio negozio fisico.

La prima opzione di cui voglio parlarti è anche quella più semplice: l’utilizzo di un servizio che permette di creare un negozio online, partendo da strumenti predefiniti e preconfigurati, come per esempio Shopify che è già usato da oltre 1.000.000 di negozi in tutto il mondo e permette di creare e-commerce professionali in pochi clic (o tap, visto che è disponibile anche come app per Android e iOS/iPadOS).

Shopify offre hosting sicuro e banda illimitati, prodotti illimitati da inserire sullo store, un nome di dominio gratuito shopify.com (con la possibilità di acquistarne uno personalizzato o di usarne uno già esistente), gestione di pagamenti, spedizioni e ordini, inventario, lista clienti, statistiche di vendita avanzate, campagne marketing via Google, Facebook, email ed SMS e molto altro ancora. Si può usare gratis per un periodo di prova limitato, dopodiché si può scegliere di continuare a usare il servizio sottoscrivendo dei piani a partire da 29$/mese.

Basta davvero poco per creare un e-commerce con Shopify. Tutto quello che devi fare, infatti, è collegarti al sito ufficiale del servizio, digitare il tuo indirizzo email, cliccare sul pulsante Inizia la prova gratuita e compilare il modulo che ti viene proposto con la password che vuoi usare per il tuo negozio e il nome che vuoi assegnargli.

Premi, dunque, sul pulsante Crea il tuo negozio e usa i menu a tendina preposti per specificare se hai già cominciato a vendere, quali sono le tue entrate attuali e se stai creando un negozio per un cliente. Fornisci poi il resto delle informazioni richieste, clicca sul pulsante Avanti e compila il modulo con l’indirizzo per ricevere i pagamenti.

Una volta avuto accesso al pannello di gestione del tuo e-commerce, potrai gestire tutto tramite le voci presenti nel comodo menu posto sulla sinistra: Home per accedere alla dashboard; Ordini, Prodotti e Clienti per gestire ordini, prodotti e clienti; Analisi per visualizzare i dati sulle vendite; Marketing per impostare le campagne marketing; Sconti per impostare codici sconto; App per espandere le funzioni dell’e-commerce e Negozio online per personalizzare le pagine dello store. Maggiori dettagli sono disponibili nel mio tutorial su come creare un e-commerce con Shopify.

Se, invece, possiedi delle competenze informatiche avanzate, il mio consiglio è quello di optare per l’apertura di un e-commerce completamente personalizzabile, attraverso l’utilizzo di un CMS come WordPressJoomlaPrestashopMagento.

Chiaramente queste soluzioni richiedono l’acquisto di un proprio dominio e di un hosting, dopodiché è necessario configurare manualmente il proprio Content Management System o affidarsi a un professionista in grado di effettuare lavori di creazione, gestione, personalizzazione e mantenimento di un sito Web.

Per maggiori informazioni al riguardo le diverse possibilità relative all’apertura di un e-commerce, ti suggerisco la lettura di questo mio tutorial dedicato all’argomento.

Pubblicare un libro

Come guadagnare soldi

Credi di avere un certo talento per la scrittura? Hai una conoscenza approfondita su una determinata materia, tale per cui potresti scriverci un libro? In tal caso, potresti tentare la strada del self-publishing e pubblicare, in piena autonomia, la tua opera in formato elettronico e/o cartaceo.

Tra le piattaforme di self-publishing più note vi sono Lulu e Amazon, che permettono di pubblicare gratuitamente e in maniera molto semplice (con commissioni contenute), libri cartacei ed ebook di qualsiasi tipo.

Lulu è una piattaforma che permette di pubblicare gratuitamente libri in formato cartaceo o digitale, permettendo agli utenti registrati di caricare e formattare il proprio manoscritto, stabilire il prezzo e i siti Web nei quali venderlo. I suoi costi di commissione sono pari al 20% per i libri cartacei e del 10%, per quanto riguarda la vendita di ebook. Te ne ho parlato nel dettaglio in questo mio tutorial.

Amazon, invece, è senz’altro il servizio più famoso e più utilizzato per la pubblicazione autonoma di libri in formato digitale o cartaceo. Anche in questo caso la pubblicazione è gratuita, ma ci sono costi di commissioni da sostenere che oscillano tra il 35% e il 75% sul prezzo di ogni libro venduto. Trovi maggiori informazioni al riguardo nel mio tutorial su come pubblicare un libro su Amazon Italia

Detto ciò, per saperne di più sulle possibilità a tua disposizione, leggi il mio tutorial di approfondimento su come pubblicare un libro gratis.

Sviluppare applicazioni di successo

Come abilitare Java su Mac

Se hai conoscenze di programmazione, potresti metterti alla prova e tentare la strada del successo, creando un’app per Android o iOS/iPadOS.

Sia chiaro: guadagnare in maniera seria con le applicazioni (o con i giochi) non è affatto semplice, ma se ritieni di avere delle idee valide è giusto che tu faccia un tentativo, in quanto si tratta di un’attività che è possibile svolgere tranquillamente da casa e che potrebbe, sul lungo periodo, portare dei guadagni.

Detto ciò, se desideri avere qualche suggerimento su come iniziare a programmare e a pubblicare delle app per smartphone e tablet, fai riferimento al mio tutorial su come sviluppare un’app.

Nel caso in cui, invece, fossi interessato a tale possibilità ma fossi a digiuno di conoscenze informatiche relative ai linguaggi di programmazione, ti suggerisco di dare un’occhiata ad alcuni miei tutorial specifici sull’argomento, come quello in cui ti parlo di come sviluppare in C o quello relativo a come imparare Java.

Altri consigli utili

computer e smartphone

Qualunque sia il tuo settore di riferimento (blogging, scrittura, commercio, programmazione o altro), ci sono alcune considerazioni di carattere generale che devi tenere a mente, per mettere in piedi un business che abbia le giuste carte in tavola: vediamo insieme quali.

  • Studia la materia: prima di tuffarti a capofitto nella realizzazione di un business è importante che acquisti dei libri, partecipi a conferenze, ma anche che parli con chi ne sa più di te. Insomma, studia in maniera seria il mercato in cui intendi entrare e cerca di capire se ci sono realmente delle possibilità di costruire un business di successo.
  • Analizza il lavoro dei competitor: chi è che già opera nel tuo settore con successo? Come ha raggiunto dei traguardi? Tu cosa puoi offrire di diverso (o di migliore) al pubblico per costruire un vero business? Cerca delle risposte a queste domande e partirai sicuramente con qualche possibilità in più di "sfondare".
  • Preparati a fare dei sacrifici: proprio come nel "mondo reale", anche su Internet per avere successo bisogna faticare. E faticare significa anche rinunciare a un giorno di vacanza, una cena con gli amici o un week-end al mare, per curare la propria attività e aggiornarsi sui trend del mercato.
  • Metti da parte la fretta: tieni bene a mente che difficilmente diventerai ricco nel giro di un mese. Anzi, probabilmente, i primi mesi di attività ti porteranno a incassare poco o nulla, ma non demordere. Anche quelli che oggi sono business di indiscutibile successo all’inizio hanno richiesto tempo per "ingranare" e arrivare ai livelli attuali. Non demordere alle prime difficoltà e vedrai che alla fine la spunterai tu.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.