Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come installare Play Store gratis

di

Hai appena comprato un nuovo dispositivo Android. Felice dell’acquisto sei tornato a casa per iniziarlo a usare ma, sbirciando tra le varie applicazioni disponibili in esso, ti sei reso conto che manca il Play Store. Molti sono dunque i dubbi che sono sorti nella tua mente: com’è possibile? Come si installano nuove app senza lo store digitale di Google? Non preoccuparti: questo tutorial è qui proprio per illustrare la questione per filo e per segno.

In parole povere, se ti stai chiedendo come installare il Play Store gratis su un dispositivo che non lo integra “di serie”, sei arrivato nel posto giusto. Tra l’altro, è un’operazione fattibilissima: basta avere solo un po’ di tempo libero e pazienza. Comprendo però che tu possa avere bisogno di qualche indicazione in merito, nonché magari che ti interessi approfondire la questione relativa al mondo PC.

Se le tue intenzioni sono proprio queste, sarai ben contento di sapere che di seguito puoi trovare tutte le indicazioni del caso. Detto questo, a me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura, in quanto trovi spiegato tutto qui di seguito!

Indice

Informazioni preliminari

Robottino verde Android

Prima di vedere nel dettaglio la procedura su come installare il Play Store gratis, ritengo importante fornirti un contesto generale su quanto accaduto negli ultimi anni nel mondo dei dispositivi mobili.

Ebbene, ormai da lungo tempo (l’anno che ha visto la vera svolta è stato il 2019) il mondo degli smartphone vede una HUAWEI costretta a lanciare nuovi dispositivi privi dei servizi Google, sostituiti con i suoi HMS. Per fartela breve, i più recenti modelli dell’azienda cinese non possiedono di base né il Play Store né app come Gmail o Google Calendar: questo è dovuto a un ban inflitto al brand da parte degli USA. Non starò qui a inoltrarmi nelle vicissitudini che hanno portato a tale situazione, ma va preso atto il fatto che attualmente HUAWEI sta sfruttando una versione Android senza i servizi Google per i suoi dispositivi (essenzialmente si sta sviluppando sopra AOSP, Android Open Source Project).

Devi sapere che in realtà non si tratta di una situazione inedita. Infatti, da tempo alcune aziende “minori” propongono sul mercato dispositivi Android senza Play Store già da tempo, in modo da evitare di pagare costose licenze e mantenere il prezzo finale per l’utente il più basso possibile. Questo significa che gli utenti più “smanettoni” sono abituati a tale situazione e hanno trovato svariate “soluzioni” al problema.

Ciò detto, tendo a consigliarti l’uso di app incontrate “casualmente” online per sbloccare i servizi Google sui dispositivi che non li includono “di serie”. in quanto per usarle risulta pur sempre necessario inserire le credenziali del proprio account Google, quindi possono sorgere problemi di privacy.

Ma allora come mai ho deciso di trattare lo stesso l’argomento? Semplice, esiste una soluzione pubblicata direttamente su HUAWEI AppGallery, ovvero il negozio digitale ufficiale alternativo al Play Store realizzato da HUAWEI (dunque con un certo grado di affidabilità rispetto ad altre soluzioni).

AppGallery risulta tra l’altro installabile su pressoché qualsiasi dispositivo Android, diventando dunque una fonte interessante per arrivare a utilizzare i servizi Google su dispositivi che di base non dispongono del supporto.

Tuttavia, nonostante l’app che prenderò in considerazione in questa guida sia stata pubblicata sul negozio digitale di HUAWEI, ricordo che si tratta pur sempre di un’app non ufficiale. Per quanto, dunque, sia ormai già stata scaricata milioni di volte, tieni bene a mente il fatto che possono sempre sorgere problemi di privacy.

Play Store logo

Ovviamente non mi assumo alcun tipo di responsabilità in merito a eventuali problematiche riscontrate con servizi di terze parti, dato che questa guida è a scopo puramente informativo. Inoltre, se vuoi un consiglio, probabilmente è meglio utilizzare un account Google secondario adibito esclusivamente a questo compito, così da cercare il più possibile di mantenere al sicuro la propria privacy. Se hai intenzione di prendere questa precauzione, potrebbe tornarti utile seguire il mio tutorial su come creare un nuovo account Google.

Per il resto, nell’ambito di questa guida mi soffermerò anche su negozi digitali ufficiali alternativi al Play Store. Francamente, dal mio punto di vista, quest’ultimo metodo risulta di fatto più interessante, in quanto si passa semplicemente per app realizzate da aziende particolarmente note e dunque è tutto più sicuro. Dovresti dunque di procedere, a tuo rischio e pericolo, mediante la procedura legata all’app pubblicata su AppGallery solamente se hai proprio necessità di utilizzare i servizi Google e non trovi altro modo, altrimenti le soluzioni secondarie (comprese quelle legate al mondo PC che illustrerò più avanti) potrebbero sicuramente risultare la scelta più saggia. In ogni caso, la decisione è tua: sono sicuro che proseguendo con la lettura troverai “pane per i tuoi denti”.

Come installare Play Store gratis su Android

Huawei AppGallery Store

Che il tuo obiettivo sia quello di installare il Play Store gratis su smartphone o installare il Play Store gratis su tablet senza servizi Google, devi sapere che esiste un’app di terze parti chiamata Gspace che può consentirti di raggiungere il tuo obiettivo. Ti ho già messo in guardia dai possibili “grattacapi” derivanti dall’utilizzo di questa soluzione, nonché in merito agli accorgimenti che potresti voler prendere, nel capitolo preliminare. Insomma, sei tasto avvertito del fatto che questa guida è puramente a scopo informativo e stai procedendo di tua spontanea volontà, consapevole dei possibili rischi a livello di privacy a cui potresti andare incontro.

In ogni caso, il punto di partenza per arrivare all’installazione del Play Store è avere a disposizione il negozio digitale HUAWEI AppGallery, preinstallato sui dispositivi HUAWEI e scaricabile tramite il sito Web ufficiale per gli altri smartphone e tablet Android (in quest’ultimo caso potresti voler seguire la mia guida su come installare file APK). Per il resto, una volta cercato “gspace” all’interno di AppGallery (oppure raggiunto questo specifico link dal device HUAWEI), ti basta fare tap sull’icona dell’app e premere in seguito sul tasto Installa. Così facendo, si avvieranno in automatico download e installazione dell’app.

Una volta aperta Gspace, premi sul pulsante START per proseguire (ovviamente prendendo prima visione di termini e condizioni e politica sulla sicurezza) e garantisci all’app tutte le autorizzazioni del caso (legate a file e contatti9, facendo tap quando necessario sul tasto CONSENTI. A questo punto, ti verrà richiesto di effettuare il download di un kit aggiuntivo, necessario al corretto funzionamento di Gspace. Per procedere, premi sul tasto CONTINUA e fornisci il permesso per installare le app, che generalmente si può concedere semplicemente facendo tap sul pulsante ATTIVA e impostando su ON l’opzione Consenti l’installazione di app.

Al termine della procedura, ti troverai al cospetto della pagina principale di Gspace. Quest’ultima mette in evidenza svariate proposte relative alle app installabili. Sono sicuro del fatto che il tuo occhio si sia già soffermato sulle icone di Gmail, YouTube e Classroom. Perfetto, ti basta ora premere sull’icona dell’app di tuo interesse (chiaramente, devi scegliere tra quelle legate a Google, ad esempio YouTube) e fare tap sul pulsante ACCEDI che compare a schermo.

Come installare Play Store gratis su Android

Ottimo, adesso non ti resta che effettuare l’accesso con il tuo profilo Google (ti ho già consigliato di fare tutto con un account secondario, ricordi?), nonché accettare i termini di servizio. Tra l’altro, in questa fase potrebbe esserti richiesto anche di impostare il backup di Google Drive: se vuoi un consiglio, potresti volerlo disattivare, in modo da prendere tutte le precauzioni possibili a livello di privacy.

Per il resto, una volta portata a termine la rapida configurazione guidata, accederai al Play Store. Sì: ce l’hai fatta e adesso installare le app che cerchi è un gioco da ragazzi, dato che puoi passare per la consueta procedura descritta anche nel mio tutorial su come scaricare le app Android (se non vedi la schermata principale del Play Store una volta avviato Gspace, ti basta selezionare una qualsiasi delle app non ancora installate sul tuo device elencate sul display).

Ci tengo in ogni caso a effettuare solamente una piccola precisazione: dato che stai passando per Gspace per installare le app (in parole povere, sembrerebbe che questa soluzione faccia uso di una sorta di “macchina virtuale” per gestire il tutto), potresti non trovare le icone delle app nella schermata Home.

Per ovviare a questo “problema”, ti basta semplicemente avviare Gspace, tenere premuto sull’icona dell’app di tuo interesse e selezionare l’opzione Crea scorciatoia, così da poter accedere al tutto in modo più rapido. Per il resto, se hai ulteriori dubbi in merito alla questione, le mie guide a cui puoi fare riferimento sono quelle relative a come installare Google Play Services e come installare il Play Store su HUAWEI.

Store alternativi al Play Store di Google

Store alternativi al Play Store di Google

Fammi indovinare: la procedura indicata nel capitolo relativo a Gspace non ti convince e vorresti basarti solamente su soluzioni ufficiali. Nessun problema: penso di avere ciò che fa per te, ovvero gli store digitali alternativi disponibili per Android.

Devi infatti sapere che il sistema operativo di Google consente tranquillamente di installare, mediante file APK, negozi digitali diversi dal Play Store, in grado di funzionare anche su dispositivi Android privi dei servizi Google. Ho già fatto riferimento alla possibilità di installare in questo modo HUAWEI AppGallery, ovvero lo store da cui si può scaricare Gspace, ma devi sapere che esistono anche diverse altre soluzioni interessanti.

Su tutte, potresti voler approfondire l’Amazon Appstore, ovvero il negozio digitale che solitamente risulta preinstallato, ad esempio, sulla “chiavetta” HDMI Fire TV Stick. Perché può tornarti utile quest’ultimo? Semplice, include app importanti come Instagram, giusto per citarne una. Tieni bene a mente però il fatto che gli aggiornamenti possono arrivare in ritardo rispetto al Play Store, ma sempre meglio che non avere le app. Insomma, potresti voler dare un’occhiata al mio tutorial su come scaricare l’Amazon Appstore.

Per il resto, ti ricordo che esiste anche l’app ufficiale di Epic Games, installabile a partire dal download di un gioco tramite il sito Web ufficiale. Quest’ultima può garantirti l’accesso a videogiochi molto popolari come Rocket League Sideswipe e Fortnite, quindi non sottovalutarla. Inoltre, ti ricordo che sui dispositivi HUAWEI sono disponibili anche tool come Petal Search, che consentono di cercare file APK da installare manualmente tramite portali generalmente ritenuti sicuri come APKMirror (tuttavia, in quest’ultimo caso ovviamente si rischia ulteriormente in termini di privacy).

Installare Play Store gratis per PC

Installare Play Store gratis per PC

Se il tuo obiettivo è quello di installare il Play Store gratis su PC, devi sapere che al momento in cui scrivo la scelta migliore è probabilmente quella di passare per un buon emulatore Android.

Infatti, è previsto per la prima parte del 2022 l’arrivo per tutti di Amazon Appstore su Windows 11, quindi si sta muovendo qualcosa di interessante a livello ufficiale da quel punto di vista, ma attualmente questa possibilità è ancora disponibile molto limitatamente e quindi si fa molto prima ad accedere al Play Store da PC tramite un emulatore come BlueStacks.

A tal proposito, per la semplice procedura da seguire e per tutti i dettagli del caso, ti invito a fare riferimento ai miei tutorial su come installare Android su PC e come scaricare Play Store su PC, in cui ho fugato tutti i dubbi che potresti avere in merito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.