Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare foto da iPhone rotto

di

Questa proprio non ci voleva! Il tuo fido iPhone ti è caduto dalla tasca, si è schiantato al suolo e ha smesso di funzionare. Inutile ricordati che avresti potuto fare più attenzione ma, ormai, come si suol dire, la frittata è fatta, per cui devi inevitabilmente valutare l’ipotesi di acquistare un nuovo smartphone oppure, se i danni non sono eccessivi, di far riparare il  "melafonino" danneggiato. La tua preoccupazione più grande, però, resta quella di aver perso inevitabilmente tutte le foto salvate sul dispositivo.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e vorresti sapere come recuperare le foto da un iPhone rotto? Non ti preoccupare, forse posso darti una mano… dico forse, perché il successo dell’operazione dipende essenzialmente dall’entità dei danni, oltre che dai sistemi da te adottati per l’archiviazione di scatti e video realizzati con lo smartphone. Ad ogni modo, tentar non nuoce, quindi direi di entrare subito nel vivo della questione.

Sei pronto a tentare quest’opera di recupero dati? Sì? Molto bene. Posizionati bello comodo, prenditi un po’ di tempo libero solo per te e concentrati sulla lettura e sulla messa in pratica delle istruzioni che trovi nelle righe successive. Non ti prometto nulla, sia ben chiaro, in quanto la riuscita dell’operazione non dipende né da me né da te ma dalle variabili di cui sopra. Ti auguro una buona lettura e incrocio le dita per te!

Indice

Come recuperare foto da iPhone rotto senza backup

Vuoi recuperare le foto da un iPhone rotto e del quale non hai effettuato precedentemente un backup? Brutta situazione, ma non priva di vie d’uscita. Ad esempio, se il malfunzionamento del dispositivo è riconducibile alla batteria o se in precedenza avevi scelto di salvare le foto su iCloud potresti tranquillamente riuscire nel tuo intento. Per saperne di più, prosegui nella lettura.

Sostituzione della batteria

Foto che mostra come sostituire la batteria dell'iPhone

Per recuperare le foto da un iPhone rotto, che non sembra volerne sapere più di accendersi, potresti tentare di recuperare i tuoi scatti andando a sostituire la batteria e poi a recuperare i dati presenti sul dispositivo, anche senza aver effettuato preventivamente un backup (il tutto a patto che il problema del device sia effettivamente riconducibile alla batteria).

Se il tuo smartphone non è più in garanzia e l’idea del fai da te non ti spaventa, puoi provare tu stesso a sostituire la batteria attualmente in uso con un’altra, tenendo però conto che, se no sai bene dove mettere le mani o comunque se effettui la procedura in maniera poco accorta, potresti danneggiare irrimediabilmente il tuo "melafonino".

Ciò detto, se la cosa t’interessa, puoi seguire le istruzioni che ho provveduto a fornirti nel mio tutorial dedicato in maniera specifica a come cambiare la batteria dell’iPhone. Ti anticipo già che dovrai munirti di tutta una serie di strumenti ad hoc oltre che, chiaramente, di una batteria da impiegare in sostituzione di quella vecchia.

La migliore alternativa, nonché quella più affidabile, è tuttavia quella di affidare il dispositivo all’assistenza Apple, portandolo in Apple Store oppure spedendolo all’azienda, e far sostituire la batteria in uso con una nuova dal personale competente.

Diversamente da quel che si possa pensare, richiedere un intervento per la sostituzione della batteria è un’operazione che non sempre è a pagamento. La cosa dipende essenzialmente dallo stato del telefono. Più precisamente, se il tuo iPhone ha una batteria difettosa e si trova ancora nel primo anno di garanzia, hai diritto a una riparazione gratuita.

Durante il secondo anno di garanzia o comunque se a causare il malfunzionamento della batteria sono stati dei danni accidentali, occorre sborsare 69 euro per iPhone X e modelli successivi e 49 euro nel caso di iPhone 8 e modelli precedenti. Se poi avevi acquistato il pacchetto AppleCare+ per estendere la garanzia del tuo iPhone, puoi sostituire gratuitamente la batteria del dispositivo anche una volta trascorso il primo anno di garanzia.

Per tutti i dettagli del caso riguardo la sostituzione della batteria dell’iPhone tramite Apple e per prenotare un intervento di sostituzione, ti invito a fare riferimento all’apposita pagina Web che trovi sul sito Internet dell’azienda di Cupertino.

Una volta sostituita la batteria dell’iPhone, per recuperare le foto presenti sul dispositivo, prova a riaccendere lo smartphone come di consueto. Se tutto è andato per il verso giusto, l’iPhone dovrebbe aver ripreso a funzionare normalmente e dovresti quindi essere in grado di accedere alle foto salvate nell’app Foto di iOS (e in qualsiasi altra posizione).

Dopo che il tuo iPhone avrà ripreso a funzionare correttamente, ti consiglio, a mero scopo preventivo, di trasferire le tue foto sul computer, seguendo le indicazioni che ho provveduto a fornirti nel mio tutorial su come trasferire foto da iPhone a PC. In tal modo, potrai stare ben sicuro del fatto che, laddove dovessero esserci ulteriori problemi, potrai sempre accedere ai tuoi scatti da PC.

Recupero foto da iCloud

Foto su iCloud

Se sul tuo iPhone avevi attiva la sincronizzazione con iCloud, il servizio cloud di casa Apple, riuscire a recuperare le immagini di tuo interesse dal tuo "melafonino", anche in assenza di un backup completo, potrebbe essere semplice.

Come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come archiviare le foto su iCloud, sugli iPhone associati a iCloud, le foto vengono caricate automaticamente sullo Streaming foto (che le conserva per 30 giorni) e, facoltativamente, è possibile attivare la Libreria foto di iCloud che, invece, le conserva in maniera permanente (insieme ai video), andando però a erodere lo spazio di archiviazione su iCloud Drive.

Sia in un caso che nell’altro, se il tuo iPhone si è rotto, per recuperare le tue foto, non devi far altro che accedere al tuo account iCloud da un altro dispositivo e scaricare le tue foto da lì. Puoi compiere quest’operazione da Web, da un altro dispositivo iOS o da computer (su cui siano stati preventivamente abilitati i servizi di cui sopra). Qui di seguito trovi spiegato come riuscirci in tutti e tre i casi.

  • Web – se hai attivato la Libreria foto di iCloud, apri il browser che usi solitamente per navigare in Internet, recati sulla home page di iCloud ed effettua l’accesso al tuo account compilando con i dati richiesti gli appositi campi sullo schermo. A login avvenuto, clicca sull’icona Foto, individua le foto di tuo interesse, seleziona le loro miniature (usando la combinazione Ctrl+clic su Windows o cmd+clic su Mac) e scarica ì i file originali facendo clic sull’icona con la nuvola e la freccia che va verso il basso presente nell’angolo in alto a destra della pagina. Tieni presente che questa procedura non risulta valida per lo Streaming foto.
  • iPhone/iPad – prendi il dispositivo, sbloccalo, apri l’app Foto facendo tap sulla relativa icona (quella con lo sfondo bianco e il fiore multicolore) e avrai accesso a tutte le tue foto. Per condividerle o salvarle in altre app, seleziona le miniature di quelle di tuo interesse, fai tap sull’icona della condivisione (quella con il rettangolo e la freccia) e scegli l’app o l’azione che vuoi effettuare dal menu che si apre. Chiaramente, il dispositivo in uso dev’essere stato precedentemente associato allo stesso ID Apple configurato sull’iPhone rotto.
  • PC – dopo aver installato e configurato l’applicazione di iCloud su Windows, apri l’Esplora File facendo clic sulla relativa icona (quella con la cartella gialla) che trovi sulla barra delle applicazioni, recati nella posizione C:Users\Users\nome_utente\Pictures\iCloud Photos\ Download (al posto di nome_utente devi inserire il nome del tuo account utente) e potrai accedere alle tue immagini. Per salvarle in una posizione diversa, selezionale usando la combinazione Ctrl+clic, serviti della combinazione di tasti Ctrl+C per copiarle e incollale nella posizione che preferisci, usando la combinazione di tasti Ctrl+V.
  • Mac – avvia l’applicazione Foto selezionando la relativa icona (quella con lo sfondo bianco e il fiore multicolore) che si trova sulla barra Dock e potrai visualizzare tutte le tue foto. Seleziona le foto che vuoi scaricare usando la combinazione cmd+clic ed esportale nella posizione che preferisci selezionando le voci File > Esporta > Esporta N foto che trovi nella parte in alto a sinistra della barra dei menu. Chiaramente, il Mac in uso dev’essere stato precedentemente associato allo stesso ID Apple configurato sull’iPhone rotto.

Per ulteriori approfondimenti riguardo le pratiche che ti ho appena indicato, ti invito a fare riferimento alla mia guida incentrata in maniera specifica su come scaricare le foto da iCloud.

Come recuperare foto da iPhone con display rotto

Adesso voglio spiegarti come recuperare le foto da un iPhone con display rotto. In tal caso, considerando che il dispositivo risulta funzionante ma che non puoi servirtene correttamente o, comunque, non puoi visualizzare quanto riportato sul display, puoi affidarti all’uso di iTunes su Windows oppure dell’applicazione Foto su macOS o, ancora, all’impiego di software di terze parti concepiti appositamente per il recupero dei dati: trovi spiegato tutto qui di seguito.

Procedura standard

Screenshot che mostra come importare le foto dall'iPhone sul PC

Puoi cercare di recuperare le foto da un iPhone con un display rotto usando iTunes su Windows oppure l’applicazione Foto su macOS. In tal caso, la prima cosa che devi fare è quella di provvedere preventivamente a collegare lo smartphone a una delle porte USB del computer usando l’apposito cavo Lightning/Dock fornito in dotazione con il dispositivo.

Successivamente, se stai usando Windows, scarica e installa iTunes sul tuo PC seguendo le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida sull’argomento, avvia il programma e, se questa è la prima volta che colleghi l’iPhone al computer, autorizza la comunicazione tra i due dispositivi premendo sugli appositi pulsanti su schermo (e digitando il codice di sblocco su iPhone).

In seguito, apri l’Esplora File di Windows, facendo clic sulla sua icona (quella con la cartella gialla) che trovi nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, seleziona la voce Computer/Questo PC dalla barra laterale di sinistra, fai clic destro sull’icona dell’iPhone e seleziona la voce Importa immagini e video dal menu che compare.

Nella finestra che si apre, fai clic sulla voce Altre opzioni, che si trova in basso a sinistra, e regola le tue preferenze relative all’importazione delle foto; dopodiché seleziona la voce Rivedi, organizza e raggruppa gli elementi da importare e clicca sul pulsante Importa. Suddividi poi le foto da importare sul PC in base a dei gruppi basati sulla data di creazione e conferma quelle che sono le tue intenzioni, premendo sul bottone Importa.

Se, invece, stai usando macOS, apri l’applicazione Foto, facendo clic sulla sua icona (quella con lo sfondo bianco e il fiore multicolore) che trovi sulla barra Dock e, se questa è la prima volta che effettui quest’operazione, autorizza la comunicazione tra Mac e smartphone rispondendo in maniera affermativa agli avvisi che vedi comparire sullo schermo (e digitando il codice di sblocco su iPhone).

Nella finestra dell’applicazione Foto che a questo punto visualizzi sulla scrivania, seleziona il nome del tuo iPhone dalla barra laterale di sinistra, in corrispondenza della sezione Dispositivi, e seleziona l’anteprima di tutte le foto da recuperare usando la combinazione cmd+clic. Dopodiché scegli l’album in cui vuoi salvare le foto, tramite il menu a tendina in alto, e clicca sul bottone Importa tutte le nuove foto.

Per ulteriori dettagli riguardo le pratiche di cui sopra, puoi fare riferimento alla mia guida incentrata in maniera specifica su come spostare le foto dall’iPhone al PC.

Procedura alternativa

EaseUS MobiSaver Free

In alternativa alle pratiche descritte nel passo precedente, puoi provare ad accedere nuovamente alle foto presenti sul tuo iPhone rotto tramite appositi software di terze parti concepiti per il recupero dei dati, come nel caso dell’ottimo EaseUS MobiSaver Free: si tratta, infatti, di un programma gratuito che consente di recuperare file e contatti cancellati dagli smartphone a marchio Apple.

Sì può usare sia su Windows che su macOS ed eventualmente è disponibile anche in una variante a pagamento (costa 64,95 euro) che consente di aggirare alcune limitazioni imposte dalla versione free (es. il numero massimo di contatti che si possono recuperare). Da notare che, per funzionare, richiede l’ultima versione di iTunes installata sul computer.

Per scaricare il programma su Windows, visita questa pagina Web, fai clic sul pulsante Scarica Gratis e su quello Scarica ora. Completato il download, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, clicca sul bottone .

In seguito, premi sui pulsanti OK e Avanti, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza e clicca ancora sul pulsante Avanti per due volte consecutive. Rimuovi poi la spunta relativa all’installazione di eventuali software aggiuntivi, clicca nuovamente sul pulsante Avanti e, per concludere, seleziona i bottoni Installa e Fine.

Se, invece, stai usando macOS, collegati a quest’altra pagina Web e fai clic sul pulsante Scarica gratis. A download ultimato, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di EaseUS MobiSaver Free nella cartella Applicazioni di macOS.

Successivamente, fai clic destro sull’icona del programma, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e clicca sul pulsante Apri nella finestra comparsa sulla scrivania, in modo tale da andare ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Ora che, a prescindere dal sistema operativo, visualizzi la finestra del programma sullo schermo, collega il tuo iPhone al computer utilizzando il cavo Lightning/Dock fornito in dotazione con lo smartphone e fai clic sul bottone Scansiona.

A processo di scansione ultimato, metti il segno di spunta in corrispondenza della casella Foto nella parte destra della finestra del programma, clicca sul pulsante Recupera posto in basso a destra e seleziona la cartella in cui esportare le immagini.

Se la cosa ti interessa, ti segnalo che il programma è anche in grado di recuperare i dati dai backup del dispositivo effettuati con iTunes e salvati sul computer. Per usufruire della suddetta funzionalità, recati nella sezione Recupera da iTunes Backup facendo clic sulla relativa voce che trovi nella parte sinistra della finestra di EaseUS MobiSaver Free, seleziona il backup di tuo interesse e, infine, le foto da recuperare. Tutto qui!