Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come verificare se il bollo auto è stato pagato

di

Hai acquistato una macchina usata e vuoi accertarti che il bollo sia stato pagato regolarmente? Tra mille impegni quotidiani hai dimenticato l’importo e la scadenza del bollo auto che devi pagare? Se la risposta a queste e altre domande simili è affermativa, non temere: se vuoi ci sono qui io, pronto a fornirti tutte le spiegazioni del caso su come verificare se il bollo auto è stato pagato.

Prima che tu possa allarmarti e pensare a chissà cosa, ci tengo a precisare che verificare se il bollo auto è stato pagato è estremamente semplice e, soprattutto, si tratta di un’operazione che puoi effettuare direttamente da casa, stando dinanzi al monitor del tuo computer o, perché no, utilizzando il tuo smartphone o il tuo tablet.

Per riuscire nell’impresa, infatti, è sufficiente ricorrere all’uso di servizi online e app utili allo scopo: non dovrai sottoporti a lunghe telefonate o a interminabili file in chissà quali uffici amministrativi, hai la mia parola. Trovi spiegato tutto qui sotto.

Indice

Come verificare il pagamento del bollo auto online

pagamento bollo auto online

Per iniziare, ti esporrò alcune soluzioni che ti consentiranno di verificare lo stato del bollo auto comodamente da Internet, tramite apposite funzionalità messe a disposizione dai siti di ACI (Automobile Club d’Italia) e Poste Italiane. Se, dunque, desideri sapere come verificare il pagamento del bollo auto online, non dovrai fare altro che proseguire nella lettura dei prossimi paragrafi.

ACI

Sito dell'ACI

Innanzitutto, vediamo come verificare se il bollo auto è stato pagato usando l’apposita funzionalità messa a disposizione dall’ACI sul proprio sito Internet. Questo servizio è valido per tutte le regioni italiane: se, dunque, vuoi sapere come verificare il pagamento del bollo auto in Piemonte, nel Lazio o in Lombardia, potrai facilmente accertarlo seguendo gli stessi semplici passaggi.

Solo una piccola precisazione prima di iniziare: come indicato sul sito stesso dell’ACI, nel caso in cui il pagamento del bollo sia stato eseguito tramite soggetti terzi che per qualche motivo non sono connessi agli archivi ACI, il dato inerente l’avvenuto pagamento potrebbe non essere visibile. Tieni presente questa cosa.

Dunque, per usufruire del suddetto servizio, collegati all’sezione del sito Internet dell’ACI relativa al controllo del pagamento del bollo, scorri sino in fondo la pagina Web che ti viene mostrata e compila ai campi annessi al riquadro Dati del veicolo e dell’intestatario.

Utilizza, quindi, il menu a tendina collocato in corrispondenza della voce Tipo di pagamento per definire se si tratta di un rinnovo o altro e specifica la regione di appartenenza utilizzando il menu a tendina sottostante la voce Regione residenza dell’intestatario. Per concludere, indica il tipo di veicolo, mediante il relativo menu a tendina, e digita la targa, mediante l’apposito campo di testo. Infine, fai clic sul bottone rosso Calcola.

Come verificare se il bollo auto è stato pagato

Attendi qualche istante, dopodiché, se tutti i dati precedentemente immessi risultano essere corretti, ti verrà mostrata una pagina Web contenente le informazioni relative al tuo veicolo, oltre che all’importo del bollo auto e alla scadenza dello stesso. In alcuni casi, invece, potrebbe essere necessario fornire qualche informazione aggiuntiva riguardante il veicolo e/o il proprietario dello stesso: nel caso, inserisci questi dettagli affinché il calcolo del bollo possa essere effettuato correttamente.

Dopo aver provveduto a verificare se il bollo auto è stato pagato potrai eventualmente effettuare il versamento della somma dovuta pigiando sul pulsante Effettua pagamento. Nel caso in cui il pagamento fosse invece già stato eseguito, la procedura del portale dell’ACI lo segnalerà tramite apposito messaggio di notifica.

Come verificare se il bollo auto è stato pagato

Come ti dicevo, è possibile che i dati di alcuni pagamenti già effettuati per il periodo in corso, anche se acquisiti, non siano stati ancora inseriti negli archivi dell’ACI: questo succede perlopiù se il pagamento è avvenuto con soggetti terzi.

In questo caso, la procedura da eseguire per sapere se il bollo auto è stato pagato effettua il calcolo (comprensivo di eventuali sanzioni e interessi) ma non esclude che il pagamento sia già stato correttamente effettuato.

Poste Italiane

pagamento bollo auto Poste

Un altro utile servizio a cui puoi fare riferimento per sapere se il bollo auto è stato pagato è quello offerto da Poste Italiane, ma considera che per poterne usufruire è necessario preventivamente eseguire la registrazione al sito dell’ente in questione.

Se non hai mai provveduto a creare un account sul sito di Poste ee non sai bene come agire, ti farà piacere sapere che ho realizzato una guida dedicata nella quale illustro per filo e per segno come registrarsi a Poste Italiane, operazione che ti permetterà, oltre a verificare il pagamento del bollo auto, di accedere ad altri servizi come il pagamento dei bollettini e dei modelli F24, la richiesta dello SPID o l’attivazione della firma digitale, solo per citare alcuni esempi.

Se, invece, possiedi già un account a Poste Italiane, ti basterà collegarti a questa pagina del sito Poste.it e scorrere la schermata fino a individuare la funzionalità denominata Bollo Auto. Premi, dunque, sul relativo pulsante Paga e verrai rimandato alla schermata di autenticazione, nella quale dovrai digitare Nome Utente e Password nei rispettivi campi e cliccare sul pulsante Accedi. In alternativa, puoi anche utilizzare la modalità di identificazione con codice QR o con PosteID.

selezion regione pagamento bollo auto Poste

Una volta autenticato, per proseguire nell’operazione dovrai premere nuovamente sul riquadro denominato Bollo Auto. Nella pagina successiva, quindi, usa l’apposito menu a tendina per indicare la tua regione di appartenenza: se, ad esempio vuoi sapere come verificare se il bollo auto è stato pagato Sicilia, premi sull’opzione Regione Sicilia, quindi compila i campi che ti vengono mostrati.

Clicca, poi, sul menu a tendina Tipo Veicolo e indica se si tratta di un’autoveicolo, motoveicolo, rimorchio, ciclomotore, autoscafo o quadriciclo leggero, quindi digita la targa o il telaio nell’apposito campo. Infine, se puoi disporre di una riduzione, utilizza l’ultima funzione per selezionarne la tipologia.

Se desideri sapere come verificare il pagamento del bollo auto anni precedenti clicca, sul box sottostante relativo alle annualità pregresse e indica il relativo Mese di scadenza, l’Anno di scadenza e i Mesi di validità.

calcolo bollo auto poste

Arrivato a questo punto, premi sul pulsante Calcola Bollo Auto: se il pagamento risulta già effettuato visualizzerai un’apposita notifica in alto.

Se i dati forniti non hanno una chiara corrispondenza con quello che risulta nel sistema, riscontrerai un messaggio di errore nel quale ti verrà consigliato di rivolgerti di persona a una delegazione ACI, in modo da poter verificare nel dettaglio ed eventualmente correggere la tua posizione rispetto al pagamento del bollo.

Se la tassa risulta ancora da versare, invece, ti verrà data la possibilità di procedere al pagamento, che potrai eseguire cliccando sul pulsante Continua. Nella schermata successiva, quindi, potrai selezionare il tuo metodo di pagamento preferito fra quelli proposti e premere sul pulsante Autorizza collocato in basso per saldare il dovuto: considera che al totale da pagare verrà applicata anche una commissione aggiuntiva di 1 €.

Come verificare il pagamento del bollo auto da smartphone e tablet

pagamento bollo auto mobile

Durante uno dei tuoi frequenti spostamenti sei stato assalito dal terribile dubbio di non aver pagato il bollo auto. Vorresti poter verificare subito la situazione, prima che ti passi di mente, ma non sei sicuro che la cosa sia possibile tramite i dispositivi mobili.

Ebbene, ho un’ottima notizia per te: l’operazione è assolutamente fattibile e ti basterà solo dedicare qualche minuto del tuo tempo alla lettura dei prossimi paragrafi per sapere come verificare il pagamento del bollo auto da smartphone e tablet e individuare la soluzione più idonea alle tue esigenze.

Scanner Veicoli

App per verifica pagamento bollo

Ti stai chiedendo se è possibile verificare se il bollo auto è stato pagato su smartphone e tablet? Ma certo che sì! usando alcune app adatte allo scopo, la cosa è assolutamente fattibile. Una delle migliori sulla piazza è senza alcun ombra di dubbio Scanner Veicoli, disponibile gratuitamente sia per Android che per iOS/iPadOS.

Per avvalerti dell’app, devi innanzitutto scaricarla sul tuo device: su Android, cercala sul Play Store (o, se hai un dispositivo senza i servizi di Google, prova a cercarla su qualche store alternativo) e premi sul bottone Installa; su iOS/iPadOS, invece, cercala sull’App Store, pigia sul pulsante Ottieni/Installa e conferma le tue intenzioni mediante il Face ID, il Touch ID o, ancora, la password dell’ID Apple.

Dopo aver installato e avviato Scanner Veicoli, ti troverai al cospetto della sua schermata di benvenuto, contenente le schede che ti illustrano il suo funzionamento: fai tap sull’icona della freccia rivolta verso destra situata in basso a destra per cinque volte consecutive, spunta la casella Ho letto, compreso e accettato i termini e le condizioni di servizio posta in basso e poi fai tap sul pulsante (✓) collocato nell’angolo in basso a destra.

Fatto ciò, assicurati che sia selezionata la voce Bollo nella parte superiore della schermata (altrimenti selezionala tu e fai lo stesso anche per le altre eventuali informazioni aggiuntive che desideri ottenere dalla ricerca), scrivi il numero di targa nel campo di testo apposito e fai tap sul bottone Cerca.

Comparirà una schermata informativa che ti avviserà del fatto che è necessario utilizzare un codice Captcha per usufruire del servizio in questione. Fai tap sul pulsante Ok collocato in basso, quindi digita il codice che ti viene proposto nell’apposito campo di testo e ripeti l’operazione, se richiesto, con il successivo codice di revisione (il sistema potrebbe richiederne più di uno).

Nel passaggio successivo, specifica la regione di residenza dell’intestatario dell’auto e premi sul pulsante Avanti, indica il tipo di pagamento e pigia nuovamente sul bottone Avanti, quindi specifica il tipo di veicolo di tuo interesse e fai tap un’ultima volta sulla voce Avanti.

A ricerca fatta, avrai la possibilità di vedere il responso con i dati riguardanti il bollo: per capire se hai pagato o meno la tassa sul possesso premi sulla voce Dettagli nel riquadro contenente l’esito delle verifiche, quindi individua il box Bollo, all’interno del quale potrai consultare tutte le informazioni del caso.

App IO

pagamento bollo app IO

Hai già sentito parlare dell’App IO? Ebbene, questa comodissima applicazione nasce appositamente per semplificare i pagamenti di imposte e tributi, come il bollo auto per l’appunto, ma fornisce allo stesso tempo tante altre utili funzionalità (qui puoi trovare un articolo dedicato al suo funzionamento) sviluppate nell’ambito del progetto di digitalizzazione dei servizi che gli enti pubblici forniscono al cittadino, come quello relativa alla richiesta del Green Pass.

È possibile installare l’app IO sia su dispositivi Android (verifica anche sugli store alternativi, qualora sul tuo device non dovesse essere disponibile lo store di Google) che su iPhone.

Una volta avviata l’app, premendo sulla sua icona, dovrai eseguire l’autenticazione, che può avvenire con diverse modalità: tramite SPID, CIE e, una volta eseguito il primo accesso, anche tramite autenticazione biometrica. Se hai dei dubbi sul funzionamento di queste procedure puoi trovarne una spiegazione dettagliata sulla guida che ho appositamente realizzato per apprendere come entrare su app IO.

verifica bollo app IO

Una volta acceduto alla schermata principale dell’app IO, le operazioni da seguire per sapere se il bollo auto è stato pagato sono molto semplici: come prima cosa pigia sulla voce Servizi nel menu in basso, quindi, sotto la sezione ACI, fai tap sull’opzione Bollo Auto. Ti consiglio, quindi, di verificare che i pulsanti sottostanti la dicitura Questo servizio può, ovvero contattarti in app e inviarti notifiche push, siano attivi: in caso contrario, potrai attivarli con un semplice tap.

Il servizio, in questo modo, potrà interrogare i sistemi dell’ACI e sincronizzarsi con esso e l’app produrrà i relativi messaggi di notifica che ti avviseranno della scadenza del bollo, dandoti modo anche di procedere al pagamento tramite le funzioni PagoPA.

Potrai consultarli facilmente pigiando sul menu Messaggi in basso a sinistra: in questa sezione troverai l’eventuale promemoria, generato in prossimità della scadenza del bollo (con reindirizzamento alla funzionalità di pagamento), o il messaggio di avvenuto pagamento dell’ultima annualità. In quest’ultimo caso, poi, avrai la possibilità, sulla notifica stessa, di verificare il dettaglio dell’ultima transazione.

Enel X Pay

Enel X Pay

Se cerchi una soluzione semplice e immediata per il pagamento del bollo auto online, non posso che consigliarti Enel X Pay che, tramite la sua app per smartphone, permette di pagare non solo il bollo auto, ma anche bollettini, pagoPA e altro ancora in pochi tap con tutte le principali carte di pagamento; il tutto in cambio di una breve registrazione gratuita e senza la necessità di aprire un conto. Aprendo un conto, tuttavia, si ha accesso a numerosi vantaggi, in primis una riduzione delle commissioni su ogni operazione, che così passano da 2 euro a 0,50 euro.

Altri vantaggi che si hanno aprendo un conto Enel X Pay (che ha IBAN italiano) sono: carta Mastercard fisica e virtuale per effettuare pagamenti sia online che nei negozi fisici; possibilità di accredito dello stipendio; scambio di denaro gratis; supporto ad Apple Pay e Google Pay e altro ancora. Il costo del conto Enel X Pay Standard è di 1 euro/mese (più 10 euro di ricarica iniziale, per l’attivazione); in aggiunta è possibile attivare l’opzione Enel X Pay Family (1 euro/conto al mese) per avere degli account Junior destinati ai propri figli con età compresa tra 11 e 17 anni, ognuno dei quali con carta dedicata e funzioni di parental control. Maggiori informazioni qui.

Per iniziare a usare Enel X Pay, non devi far altro che aprire lo store del tuo device e scaricare l’app ufficiale del servizio, che è disponibile sia su Android che su iPhone, visitando i link che ti ho appena fornito e premendo sul pulsante Installa/Ottieni (sui dispositivi Apple potrebbe esserti richiesta la verifica dell’identità). A installazione completata, apri l’app di Enel X Pay e fai tap prima sul pulsante Paga subito e poi su quello Registrati gratis.

A questo punto, inserisci nomecognomenumero di telefonoemail e password, accetta termini e condizioni e informativa sulla privacy e verifica numero di telefono e indirizzo email tramite codice ed email che ricevi presso i recapiti indicati. Potrai poi scegliere se aprire il conto o se usare sùbito l’app Enel X Pay per pagare il bollo auto con una carta di pagamento esterna (con 2 euro di commissioni per operazione).

Per proseguire senza aprire un conto Enel X Pay, vai nella scheda dell’app Enel X Pay dedicata ai pagamenti e premi sul pulsante relativo al bollo auto; espandi, dunque, il menu a tendina dedicato a tipo di veicolo e indica se il tuo è un autoveicolo, un motoveicolo o un rimorchio. Immetti, poi, la targa del mezzo (nel campo sottostante) e vai avanti.

Nella schermata successiva, digita nome e cognome dell’intestatario del veicolo, dai conferma e completa la procedura seguendo le semplici indicazioni su schermo. Se vuoi, puoi anche salvare il tuo veicolo nel garage di Enel X Pay e avere così la possibilità di effettuare pagamenti futuri senza dover inserire nuovamente i dati del mezzo. Trovi la scheda Garage nella sezione dell’app dedicata al bollo auto. Troverai la ricevuta del pagamento direttamente nell’applicazione.

Se poi preferisci aprire un conto Enel X Pay Standard, seleziona l’opzione preposta nell’app, assicurati di avere un documento d’identità valido e il codice fiscale a portata di mano e compila il modulo che ti viene proposto con i dati personali richiesti. Rispondi, inoltre, alle domande che ti vengono fatte circa la tua professione, il tuo grado di esposizione politica e il tuo reddito (si tratta di informazioni confidenziali che Enel X Pay deve richiedere per legge) e firma digitalmente la documentazione proposta: tranquillo, si fa tutto dall’app Enel X Pay senza necessitare di altra firma digitale.

Infine, dovrai realizzare un video selfie per verificare la tua identità e, una volta aperto il conto, dovrai ricaricare almeno 10 euro tramite carta o bonifico bancario per completarne l’attivazione. Se qualche passaggio non ti è chiaro o, comunque, ti servono maggiori informazioni su come funziona Enel X Pay, leggi il mio tutorial dedicato all’argomento.

Non hai lo smartphone a portata di mano? Allora sappi che puoi eseguire il pagamento del bollo auto da computer (così come di pagoPA, bollettini, MAV/RAV e bollettini Freccia) usando il sito Pagacomodo di Enel X, il quale permette di effettuare pagamenti con qualsiasi carta di pagamento Mastercard, Visa, VPAY e Maestro emessa in Italia, senza perdite di tempo né registrazioni, con una commissione di 2 euro per operazione.

Enel X Pay

Per effettuare il pagamento, ti basta collegarti al sito Pagacomodo di Enel X, cliccare sul pulsante Paga adesso relativo al bollo auto e compilare il modulo preposto con i dati del veicolo e i tuoi dati personali (più indirizzo email e codice di verifica).

Clicca, poi, sul pulsante Avanti e completa il pagamento usando la tua carta. In seguito, riceverai la ricevuta direttamente presso la casella di posta elettronica che hai indicato.

Satispay

pagamento bollo app Satispay

Anche l’app del noto servizio di pagamento per smartphone Satispay, disponibile su Android e iOS/iPadOS, permette di verificare il pagamento del bollo auto e di procedere eventualmente al saldo del dovuto tramite un’apposita funzionalità. Se, dunque, sei già iscritto a Satispay, potrai subito accedere al servizio in questione.

Se, invece, non hai ancora provveduto alla registrazione e sei curioso di sapere come funziona Satispay, nella guida che ti ho appena linkato troverai tutte le informazioni di cui necessiti per installare l’app e aprire un conto.

Scarica Satispay e utilizza il codice promo ARANZULLA per ottenere 5€ come bonus all’iscrizione: Scarica Satispay per AndroidScarica Satispay per iOS

Dopo aver eseguito l’accesso all’app e aver completato il riconoscimento tramite l’inserimento del pin creato in fase di registrazione o l’identificazione biometrica, dalla schermata principale devi premere sul menu Servizi collocato in basso. Nella pagina successiva troverai l’opzione Bollo auto e moto: premendo su di essa potrai accedere alla relativa funzionalità.

aggiunta veicolo app Satispay

Se in fase di registrazione non hai fornito indicazioni sul tuo veicolo, dovrai eseguire l’inserimento dei relativi dati premendo sulla voce Aggiungi un veicolo, selezionare la tipologia di veicolo fra Autoveicolo e Autocaravan, Rimorchio o Motoveicolo e digitare nell’ultima schermata il relativo numero di targa: con l’app Satispay, quindi, è possibile eseguire un pagamento anche per un veicolo di cui non si è intestatari. Se hai già provveduto alla compilazione durante la fase di registrazione, troverai già la scheda relativa al tuo mezzo di trasporto già valorizzata in un’apposito riquadro.

Ti basterà eseguire un tap su quest’ultimo per far comparire il menu operativo nella parte bassa del display: per proseguire dovrai pigiare sull’opzione Paga e attendere l’elaborazione della richiesta. Se il bollo risulta già pagato visualizzerai un apposito messaggio informativo, altrimenti avrai modo di saldare il pagamento attraverso il conto bancario collegato all’account Satispay. Considera che sul totale verrà applicata anche una tariffa aggiuntiva di 1 € come commissione per il servizio in questione.

Articolo realizzato in collaborazione con Enel X Pay.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.