Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per musica Android

di

Hai da poco comprato uno smartphone o un tablet Android ed, essendo un grande appassionato di musica, vai alla ricerca di app dedicate alla creazione musicale? Ti piacerebbe avere dei consigli sulle migliori app per ascoltare o editare musica su Android? Vorresti registrare musica e file audio con il tuo smartphone ma non sai come fare? Se ti stai ponendo almeno una tra queste domande, sappi che sei capitato sulla guida giusta al momento giusto.

Nel tutorial di oggi, infatti, ti proporrò i migliori programmi per musica per Android, cioè le migliori app per creare, editare, ascoltare e scaricare musica usando il sistema del robottino verde. Ce ne sono sia di gratuite che a pagamento e sono tutte facilissime da usare: seleziona quelle che ritieni possano essere più interessanti per te e usale, seguendo le indicazioni che sto per darti.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero solo per te, prendi il tuo device Android e inizia a mettere alla prova le seguenti applicazioni. Sono sicuro che non faticherai a trovare quelle che fanno per te. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Programmi per fare musica Android

Cerchi dei programmi per fare musica su Android e non sai a quali risorse affidarti? Allora prova quelle che trovi indicate qui di seguito e non te ne pentirai!

Music Maker JAM

Music Maker JAM

La prima applicazione per creare musica su Android che voglio consigliarti è Music Maker JAM: si tratta di un’app gratuita ideale per gli amanti dell’hip hop, del dubstep e dell’house, grazie alla quale è possibile comporre musica scegliendo tra tantissimi loop, beat e melodie. Da notare che offre acquisti in-app (a partire da 99 cent.) per l’acquisto di ulteriori pacchetti di strumenti.

Per servirtene, scarica e installa l’app dalla relativa sezione del Play Store, avviala e premi sul pulsante Comincia subito per accedere a tutti gli strumenti disponibili. Se vuoi, facendo tap sulla dicitura Esegui il log-in e seguendo le istruzioni su schermo, puoi anche creare un account gratuito in Music Maker JAM per condividere le tue creazioni con gli utenti della community.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’app, seleziona due pacchetti di strumenti gratuiti tra quelli disponibili e premi sul bottone Avanti, dopodiché fai tap sul pulsante Crea Musica e inizia pure a comporre la tua creazione musicale usando gli strumenti disponibili.

Fai quindi tap sull’icona con le barre di regolazione (nel menu sulla sinistra) per modificare i livelli di ogni strumento musicale e, nella schermata che si apre, serviti degli slider per regolarne il volume. Dopodiché, se vuoi, arricchisci la tua composizione con nuovi strumenti, premendo sul bottone [+]. Inoltre, facendo tap sull’icona con la linea ondulata puoi regolare il volume e l’intensità dei suoni.

Una volta ultimata la tua composizione, seleziona l’opzione Salva progetto presente nel menu laterale per salvare le modifiche apportate.

Qualora la cosa ti interessasse, ti segnalo anche la possibilità di abilitare una funzione che consente di mixare i brani tra loro andando ad agitare il dispositivo: per attivarla, premi sul bottone con le tre linee in orizzontale situato in alto a sinistra e seleziona la voce Scuoti per mixare dal menu che si apre.

Walk Band

Se, invece, stai cercando un’app mediante cui poter suonare vari strumenti musicali direttamente dallo schermo del tuo smartphone o tablet, non posso non suggerirti Walk Band: un’applicazione che permette, per l’appunto, di suonare vari strumenti, come tastiera, chitarra, drum pad e drum machine con facilità. È gratis, ma offre acquisti in-app a partire da 75 cent. per sbloccare funzioni extra.

Per usare l’app, scaricala e installala mediante la relativa sezione presente sul Play Store, dopodiché avviala e scorri la lista degli strumenti disponibili, come Tastiera, Chitarra, Drum Kit(Pad), Drum Machine e Basso. Una volta individuato lo strumento che intendi suonare, premici sopra e segui le istruzioni su schermo per capire come servirtene.

Per registrare una composizione, invece, fai tap sul bottone REC situato in alto a sinistra e scegli una delle modalità di registrazione disponibili tra MIDI (per registrare sia audio che video) o MIC (per registrare solo audio).

A registrazione ultimata, per salvare la tua composizione, fai tap sul pulsante con il quadrato bordeaux collocato in alto a sinistra e premi sulla voce OK. Troverai poi la registrazione nella cartella Lista registrazioni accessibile dalla schermata iniziale di Walk Band.

Programmi per tagliare musica Android

Impossibile parlare di programmi per musica per Android senza menzionare delle app per tagliare i file audio, magari per creare una suoneria personalizzata o, molto più semplicemente, per “accorciare” specifici brani. Trovi le migliori della categoria indicate qui sotto.

Ringtone Maker

Ringtone Maker

Ringtone Maker è un’ottima applicazione gratuita grazie alla quale è possibile tagliare musica e ricavare delle suonerie personalizzate. È molto semplice da usare e ha un’interfaccia in lingua italiana.

Per usarla, scaricala e installala dalla relativa sezione del Play Store, dopodiché avviala e seleziona il file audio su cui vuoi andare ad agire dalla memoria del dispositivo (o dalla scheda SD inserita in esso).

Successivamente, premi sul pulsante […] che trovi accanto al titolo del file audio di tuo interesse e seleziona la voce Modifica dal menu che compare. Nella nuova schermata visualizzata, sposta i due indicatori grigi che si trovano sul grafico per definire il punto d’inizio e quello di fine della porzione del brano da tagliare, dopodiché premi sul pulsante con il simbolo del floppy disk per finalizzare la procedura.

Per concludere, scegli se salvare il file audio tagliato come suoneria, come un generico brano musicale, come un allarme per la sveglia oppure come un tono di notifica selezionando l’opzione che preferisci dal menu che compare, dopodiché digita il nome che vuoi assegnare al brano e fai tap sul bottone Salva.

MP3 Cutter

MP3 Cutter

In alternativa all’app di cui ti ho già parlato, puoi affidarti a MP3 Cutter: si tratta di un’applicazione gratuita che, come lascia intendere lo stesso nome, permette di tagliare i file audio in formato MP3 mediante un apposito editor.

Per usare l’app, scaricala e installala dalla relativa sezione del Play Store, avviala e premi sul bottone Accetto (collocato in basso a destra), in modo tale da accettarne le condizioni d’uso. A questo punto, fai tap sul pulsante Eject collocato in alto a sinistra e seleziona il file audio su cui desideri andare ad agire dal tuo smartphone o tablet.

Dopo aver fatto ciò, ti ritroverai dinanzi l’editor dell’app. Premi, dunque, sul pulsante Play per riprodurre il file audio selezionato, individua la parte da tagliare e poi premi sul pulsante con il microfono che si trova in alto.

A questo punto, serviti dei cursori comparsi sul tracciato per definire il punto d’inizio e quello di fine del taglio. Per ascoltare in anteprima la porzione selezionata, puoi premere sul pulsante Play che si trova in cima.

Per concludere, premi sul pulsante Start cut e indica la posizione sul tuo dispositivo in cui vuoi salvare il file audio tagliato, dopodiché digita il nome che vuoi assegnargli e specifica anche l’eventuale album e/o artista da inserire nei tag, infine fai tap sul bottone Save.

Programmi per registrare musica Android

Cerchi delle applicazioni per registrare musica e file audio su Android? Ti accontento subito: qui di seguito, infatti, ho provveduto a indicarti quelle che ritengo essere le più affidabili della categoria. Mettile immediatamente alla prova!

Registratore vocale

Registratore vocale

La prima app per registrare musica e file audio che ti invito a prendere in considerazione è Registratore vocale: si tratta di una risorsa gratuita, senza banner pubblicitari e dall’interfaccia utente molto intuitiva, grazie alla quale è possibile, appunto, effettuare registrazioni audio d’ogni sorta.

Per usarla, effettuane innanzitutto il download e l’installazione sul tuo dispositivo collegandoti alla relativa sezione del Play Store, dopodiché avvia l’app e premi sul pulsante con il microfono che si trova nella parte in basso, al centro della sezione Registrazione, per avviare la registrazione. Per interromperla, invece, premi sul pulsante Stop, mentre per metterla in pausa fai tap sul pulsante Pausa.

Tutte le registrazioni effettuate possono essere riprodotte accedendo alla scheda Lettore dell’app, premendo sul pulsante con i tre puntini in verticale posto accanto al nome della registrazione di proprio interesse e selezionando la voce apposita. Dal medesimo menu puoi anche scegliere di eliminare la registrazione, rinominarla e di esportare il file in altre app.

Ti segnalo altresì la possibilità di mettere mano alle impostazioni dell’app per, ad esempio, modificare il formato di registrazione, la frequenza di campionamento, il codificatore bitrate ecc. Per riuscirci, ti basta accedere alla scheda Impostazioni di Registratore vocale e intervenire sui parametri di tuo interesse dalla nuova schermata visualizzata.

Hi-Q MP3 Voice Recorder

Hi-Q MP3 Voice Recorder 

Un’altra ottima app per registrare musica e audio vari su Android è Hi-Q MP3 Voice Recorder. È gratis, supporta i formati di file MP3, WAV, M4A, OGG e FLAC, si integra con Dropbox e include funzioni come l’aumento del volume, il timer e la registrazione stereo. Purtroppo, però, consente di effettuare registrazioni della durata massima di 10 minuti. Per aggirare tale limitazione, bisogna passare alla versione Pro, che è a pagamento (costa 3,89 euro).

Per scaricare e installare l’applicazione sul tuo dispositivo, collegati alla relativa sezione del Play Store. Fatto ciò, avvia l’app e comincia a registrare, premendo sul bottone REC posto in basso. Per interrompere la registrazione, invece, premi sul pulsante Stop adiacente.

Tutte le registrazioni effettuate saranno poi elencate nella schermata dell’app accessibile facendo tap sul pulsante con i due quadrati e la nota musicale che si trova in alto a sinistra. Per riprodurre una registrazione, premi sul suo titolo, mentre per modificarne il nome, aprire i file audio ricavati in altre app e compiere ulteriori operazioni, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale in alto a destra e scegli la funzione di tuo interesse dal menu che si apre.

Se vuoi, puoi anche impostare un timer per interrompere in automatico la registrazione dopo un certo numero di minuti, facendo tap sull’icona della sveglia che si trova in alto. Sempre nella parte in alto dello schermo, poi, trovi i comandi per modificare il formato della registrazione, la qualità e il guadagno predefinito. Ulteriori impostazioni sono accessibili facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio, in alto a destra.

Programmi per musica gratis Android

Adesso voglio segnalarti delle app per trovare e scaricare musica gratis su Android: per saperne di più, prosegui pure nella lettura.

TinyTunes

TinyTunes

Se cerchi un’app per scaricare musica gratis su Android, la soluzione migliore disponibile su piazza è senza ombra di dubbio TinyTunes: si tratta di un’applicazione gratuita che permette di trovare e scaricare file MP3 da vari siti Internet. Include anche delle classifiche tramite cui è possibile scoprire le hit del momento.

L’app, però, non è disponibile sul Play Store: per installarla, va scaricato il relativo file APK direttamente dal sito Internet dello sviluppatore. Il pacchetto i questione deve poi essere installato manualmente, aprendolo e facendo tap sui bottoni Installa, Avanti e Fine, avendo la premura di abilitare l’installazione dalle origini sconosciute nelle impostazioni del dispositivo, come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come installare APK.

Ad installazione avvenuta, avvia l’app, premi sul pulsante con la lente d’ingrandimento situato in alto a destra, digita il titolo del brano che vuoi scaricare e avvia la ricerca. Apponi poi il segno di spunta accanto al nome dei file che ti interessano, premi sul bottone con la freccia posto in alto a destra e attendi che la procedura di download venga portata a termine. I brani scaricati da TinyTunes verranno archiviati nella cartella /home/tinytunes/song/ del dispositivo.

Invece, per visualizzare le classifiche con le hit del momento, recati nella scheda Classifiche dell’applicazione e seleziona una delle classifiche disponibili da lì.

Nota: ti ricordo che scaricare brani protetti da copyright senza permesso va contro la legge. Io non ho alcuna intenzione di promuovere la pirateria, pertanto non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che farai di quest’app.

Jamendo Music

Jamendo Music

Un’altra app per scaricare musica gratis su Android che puoi prendere in considerazione è Jamendo Music: si tratta dell’applicazione di un famoso sito tramite cui band e artisti indipendenti distribuiscono a costo zero le proprie opere. Da notare che molte di esse sono distribuite sotto licenza Creative Commons, questo significa che non solo sono fruibili gratuitamente, ma possono anche essere riutilizzare per progetti personali, sempre tenendo però conto delle condizioni d’uso di ogni brano e di ogni album. Per quanto concerne i lavori con finalità commerciali, bisogna invece rivolgersi al servizio Jamendo Licensing, che è a pagamento.

Per usare l’app, scaricala e installala sul tuo dispositivo tramite la relativa sezione del Play Store, dopodiché avviala. Una volta visualizzata la sua schermata principale, puoi sfogliare i vari brani disponibili in base al genere musicale di appartenenza o tramite le classifiche del sito.

Nel primo caso, fai tap sull’icona della lente d’ingrandimento che si trova in alto a destra, seleziona la voce Altre community e scegli il genere musicale che ti interessa. Per visualizzare le classifiche, invece, premi sul pulsante con le tre linee in orizzontale collocato in alto a sinistra e seleziona la voce Classifiche dal menu che si apre.

Individua poi il brano che pensi possa interessarti e premi sul suo titolo per riprodurlo in streaming. Se ti piace, scaricalo, premendo sull’icona della freccia che trovi in sua corrispondenza, e il gioco è fatto.

Programmi per musica offline Android

Proseguiamo con una rassegna di app per ascoltare musica offline su Android: qui sotto trovi quelle che, a mio modesto avviso, rappresentano le migliori del genere.

Poweramp

Poweramp

Poweramp è uno dei migliori player musicali per Android, il quale consente di riprodurre tutti i principali formati di file audio mettendo a disposizione degli utenti una vastissima gamma di funzioni avanzate. Include anche un equalizzatore grafico a 10 bande e funzioni per regolare i toni bassi e i toni alti, ricerca e visualizza testi, supporta le playlist e offre diversi tipi di widget per la home screen. È a pagamento (costa 1,09 euro), ma è disponibile in una versione trial che consente di testarne le funzioni principali per 15 giorni.

Per usare l’app, scaricala e installala dalla relativa sezione del Play Store, dopodiché avviala e premi sul pulsante con la nota musicale che si trova in basso, in modo da selezionare i brani da riprodurre dal tuo dispositivo.

Per quanto riguarda i comandi per la riproduzione, puoi effettuare uno swipe verso destra o verso sinistra per cambiare la traccia in esecuzione oppure verso l’alto o verso il basso per cambiare le liste, mentre facendo tap una volta sullo schermo puoi attivare i pannelli e premendo a lungo puoi cambiare la copertina del brano.

In basso, invece, trovi i pulsanti per andare alle liste precedenti e successive, quelli per “riavvolgere” il brano e per andare avanti nella riproduzione, più il bottone Play/Pausa. Ancora più in basso viene poi indicato il tempo di riproduzione, la qualità, il formato del file audio in ascolto e la durata dello stesso.

Sfruttando i pulsanti in alto puoi poi accedere all’equalizzatore, alle opzioni di controllo del volume, al menu per impostare il timer di spegnimento, regolare i tag ecc.

VLC

VLC Android

VLC, il rinomato player multimediale disponibile per PC di cui ti ho parlato in dettaglio nella mia guida sull’argomento, è disponibile anche in una variante per Android, grazie alla quale è possibile riprodurre file audio (e video) salvati sul dispositivo e presenti online. È gratis, supporta praticamente ogni genere di file ed è molto semplice da usare.

Per servirtene, scarica e installa l’app sul tuo dispositivo mediante la relativa sezione del Play Store, avviala, premi sul pulsante con le tre linee in orizzontale collocato in alto a sinistra, seleziona la voce Audio dal menu che si apre e scegli se sfogliare i brani disponibili nella memoria del dispositivo per arista, album o per generi. Per sfogliare tutte le tracce, invece, seleziona la scheda Tracce. Premi poi sul titolo del brano da riprodurre.

Una volta fatto ciò, nella parte in basso dello schermo vedrai comparire il relativo player. Per gestire la riproduzione del brano, premici sopra e ti ritroverai al cospetto dei pulsanti per mettere in pausa, andare avanti e indietro, attivare la riproduzione in loop ecc. Premendo, invece, sul pulsante con i tre puntini in verticale (collocato in alto a destra) puoi attivare il timer per la sospensione, modificare la velocità di riproduzione ed effettuare varie altre operazioni.

Se la musica che vuoi riprodurre non si trova sul tuo smartphone o tablet ma sulla rete locale, puoi anche riprodurla direttamente da lì selezionando la voce Rete locale dal menu accessibile previo tap sul bottone con le tre linee in orizzontale (in alto a sinistra). Dal medesimo menu, puoi anche creare e accedere alle scalette di riproduzione e alle impostazioni dell’app (oltre che alla sezione tramite cui riprodurre i filmati).

Programmi per musica in streaming Android

Google Play Music

Per concludere, voglio suggeriti le app di tutti i servizi per lo streaming musicale di cui puoi avvalerti per ascoltare brani, album e playlist direttamente dal tuo dispositivo, senza dover scaricare assolutamente nulla sulla memoria dello smartphone o del tablet (o almeno non per forza).

  • Google Play Music – è l’app del servizio per lo streaming musicale di Google. Costa 9,99 euro/mese, ma si può provare gratis per 30 giorni. Per maggiori dettagli, leggi il mio articolo su come funziona Google Play Music.
  • YouTube Music – è l’app del servizio per lo streaming musicale ufficiale di YouTube. Sì basa sul praticamente infinito database di video presenti sulla nota piattaforma per lo streaming video. Di base è gratis, ma per ascoltare i brani offline, riprodurli in background e fruire di altre funzioni aggiuntive, occorre passare alla variante a pagamento, al costo 9,99 euro/mese. I nuovi utenti, però, possono provare il servizio gratis per 30 giorni. Per ulteriori informazioni, leggi la mia guida su come funziona YouTube Music.
  • Spotify – è l’app di uno dei servizi per lo streaming musicale più famosi al mondo. Di base è gratis, ma in tal caso, non è permesso il download dei brani, la riproduzione avviene in maniera casuale (su smartphone) e ci sono interruzioni pubblicitarie. Per aggirare tali limiti e per ascoltare la musica in alta qualità bisogna sottoscrivere l’abbonamento che presenta un costo base di 9,99 euro/mese (o 119,88 euro/anno). I nuovi utenti, però, possono provare il servizio a costo zero per 30 giorni. Per maggiori dettagli, leggi il mio post su come funziona Spotify.
  • Amazon Music – come intuibile dal nome, si tratta dell’applicazione del servizio per lo streaming musicale di casa Amazon. Costa 9,99 euro/mese (o 99 euro/anno per i clienti Prime) e si può provare gratis per 30 giorni. Va sottolineato il fatto che gli abbonati ad Amazon Prime possono fruirne gratuitamente in una versione ridotta che offre l’accesso a 2 milioni di brani e limita l’ascolto a 40 ore al mese. Per maggiori informazioni, leggi la mia guida su come funziona Amazon Music Unlimited.
  • Apple Music – è l’app del servizio per lo streaming musicale di Apple con tantissimi brani, album e playlist. Costa 9,99 euro/mese o 99 euro/anno, ma i nuovi iscritti possono provare il servizio gratis per 3 mesi. Per ulteriori informazioni, consulta la mia guida su come funziona Apple Music.