Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come avere Internet senza linea telefonica

di

Con il passare del tempo, ti sei reso conto di utilizzare sempre meno il telefono di casa per effettuare chiamate, sostituendolo in modo assolutamente soddisfacente con il tuo smartphone: per questo motivo, intenzionato a risparmiare qualche euro in più sul tuo abbonamento di rete fissa, ti ha sfiorato l’idea di sottoscrivere un abbonamento che includa la sola navigazione in Internet, escludendo, dunque, i costi annessi alla linea fissa.

In casi come questo, oppure nell’eventualità in cui la tua zona di residenza non offra copertura per l’ADSL o la Fibra, la soluzione ottimale per te sarebbe avere Internet senza linea telefonica, sottoscrivendo un piano in abbonamento predisposto alla sola fruizione della linea dati tramite cavo o, all’occorrenza, con modalità di collegamento “alternative” al rame o alla fibra ottica.

Qualsiasi possa essere la tua problematica, in questa guida troverai ciò che cerchi: sarà mia cura, infatti, illustrarti le più note tecnologie di collegamento alla Rete, guidandoti successivamente nella scelta dell’abbonamento che più potrebbe adattarsi al tuo caso. Pronto per partire? OK, cominciamo!

Indice

Informazioni preliminari

Come ti ho già accennato durante le battute introduttive di questa guida, la necessità di avere Internet senza linea telefonica può nascere principalmente da due fattori: il primo, quello più comune, è l’attitudine a utilizzare il cellulare per effettuare la maggior parte delle chiamate (complici anche le ottime offerte ricche di traffico voce, a oggi sempre più frequenti), limitando al minimo – o, alcune volte, addirittura a zero – l’impiego del classico “telefono fisso” per effettuare telefonate.

Il secondo fattore, ahimè più doloroso, riguarda, invece, l’assenza totale dell’infrastruttura telefonica nel luogo in cui si risiede o si lavora: quando ciò succede, sottoscrivere un abbonamento che prevede connessione a Internet in ADSL o in fibra ottica (con relativa linea voce) è materialmente impossibile, almeno finché non vengono realizzati gli impianti di zona necessari. In tal caso, si rivela indispensabile ottenere una linea “solo Internet” attraverso un metodo alternativo al classico cavo in rame/fibra ottica, quale potrebbe essere, ad esempio, una connessione radio oppure un collegamento di tipo satellitare.

Dunque, come hai potuto notare tu stesso, gli scenari in cui potrebbe essere conveniente (o necessario) sottoscrivere un piano Internet senza annessa linea voce sono diversi. Al giorno d’oggi, esistono almeno tre modalità differenti per ottenere questo risultato: sottoscrivere un piano telefonico solo Internet, affidarsi a una connessione via radio con kit o chiavetta 4G, oppure utilizzare una connessione a Internet satellitare. Di seguito ti illustro, in maniera sommaria ma esauriente, i dettagli relativi a ciascuna di queste tipologie di collegamento.

Piano telefonico solo Internet

In questa modalità, il collegamento alla Rete viene offerto tramite la “classica” infrastruttura terrestre, basata completamente su cavi in rame (nel caso dell’ADSL), su cavi misti rame+fibra ottica in vetro (nel caso delle VDSL, cioè delle connessioni con tecnologia FTTC o VULA, comunemente definite “fibra”) o su cavi in fibra ottica (connessioni FTTB, FTTH e GPON, comunemente definiti “fibra ottica”). I maggiori gestori di telefonia di telefonia fissa nazionali (TIM, Vodafone, Fastweb, Infostrada, etc.), in tal caso, offrono all’utente la possibilità di sottoscrivere un abbonamento comprensivo di connessione a Internet illimitata e linea voce completamente disabilitata (o, in qualche caso, utilizzabile a consumo).

Si tratta indubbiamente della forma di abbonamento a Internet senza telefono più semplice da ottenere, installare e gestire, oltre che conveniente: a fronte di un prezzo relativamente basso, nella maggior parte dei casi il traffico dati è illimitato. Tuttavia, questa è un’opzione non applicabile nelle zone non raggiunte dall’infrastruttura di rete adatta.

Connessione via onde radio/4G

Questa tipologia di comunicazione avviene tramite onde radio, dunque, senza il bisogno di un’infrastruttura terrestre che giunga fino alla struttura d’interesse: il gestore di servizi mette a disposizione dei ripetitori 4G (del tutto simili a quelli utilizzati per la fornitura di connettività cellulare tramite SIM), ai quali l’abbonato può collegarsi tramite un ricevitore interno (come una chiavetta 4G o un router da interni) oppure una combinazione di ricevitore esterno (un router da esterni, eventualmente coadiuvato da un’apposita antenna) e router/access point interno. Nella maggior parte dei casi, è necessario installare una SIM dedicata all’interno dell’apparato di collegamento, interno o esterno che sia.

Dunque, è semplice intuire che le tecniche di trasmissione e ricezione dati sono abbastanza simili a quelle dedicate alle classiche connessioni 3G/4G disponibili tramite SIM voce+dati, seppur maggiormente ottimizzate per via del differente apparato di ricezione.

Numerosi gestori di telefonia fissa e mobile (TIM, Vodafone e Tre, per esempio) offrono servizi Internet con chiavetta 4G o mini-router da interno; altri fornitori di questo tipo, come Linkem ed Eolo, permettono di ottenere il medesimo servizio utilizzando, però, una serie di apparecchi di ricezione leggermente più complessi, che potrebbero richiedere l’intervento di un installatore specializzato.

Le connessioni via radio/4G sono spesso disponibili ove l’infrastruttura terrestre su rame/fibra viene a mancare, tuttavia è sempre raccomandato effettuare un controllo di copertura prima ancora di sottoscrivere un abbonamento, per verificare che i ripetitori dell’operatore scelto siano disponibili in zona.

In alcuni casi, gli operatori potrebbero non offrire traffico dati illimitato durante le ore diurne e impedire il traffico P2P (per evitare fenomeni di congestione), abolendo però i limiti in quelle notturne; i costi sono generalmente allineati a quelli delle offerte terrestri “solo Internet”, oppure leggermente inferiori.

Infine, è d’obbligo specificare che, a causa della loro natura, le connessioni radio potrebbero subire le condizioni meteo in modo mediamente più incisivo rispetto a quelle terrestri.

Connessione satellitare

Il funzionamento del collegamento a Internet tramite satellite è abbastanza simile a quello previsto per la ricezione del segnale televisivo, e si compone di tre elementi fondamentali: i satelliti stessi, le stazioni terrestri e la parabola.

Mi spiego meglio: intorno alla Terra, a oltre 30.000 Km di distanza dalla superficie, ruota una costellazione di satelliti che trasmette il segnale Internet verso il nostro pianeta, sfruttando una precisa tipologia di onde.

Sul suolo terrestre, sono poi sparse una serie di stazioni terrestri (i NOC, centri per le operazioni di rete), che si occupano sia di trasmettere le richieste di contenuti provenienti dal satellite verso i server di Rete, che di compiere l’operazione inversa (trasmettere le risposte dai server ai satelliti). Per usufruire di questa tipologia di collegamento, è indispensabile installare una parabola sull’abitazione o sull’ufficio interessato, parabola che si occupa di interagire con i NOC attraverso i segnali in transito tramite i satelliti stessi.

Dunque, all’atto pratico, una volta scelto il fornitore di servizi, questo si occuperà di inviare un tecnico autorizzato, il quale si occuperà di installare la parabola nella miglior posizione possibile, collegandola successivamente al router interno tramite cavo, così da fornire la connettività all’interno dell’abitazione/ufficio.

Sebbene questa soluzione sia applicabile nella maggior parte delle zone “scoperte” dalle infrastrutture di rete terrestri, essa ha purtroppo una serie di limiti dovuti proprio alla natura del collegamento. Il primo tra tutti è la latenza, il famigerato ping: il segnale relativo a una singola richiesta deve viaggiare su distanze estremamente alte (oltre 60.000 Km, tra andata e ritorno), con un percorso che impiega senza dubbio più tempo rispetto a quanto avviene per altre tipologie di collegamento; oltretutto, bisogna tener conto di eventuali ostacoli (che influiscono sulla qualità del segnale) e dei tempi di percorrenza dei dati dal NOC al server.

Insomma, possiamo affermare con molta tranquillità che le connessioni satellitari non siano ideali per chi ha bisogno di ping estremamente bassi, come i giocatori o coloro che interagiscono con software che elaborano grosse quantità di informazioni in tempo reale.

Oltretutto, le connessioni satellitari subiscono in modo influente le condizioni meteo e, nella maggior parte dei casi, abbonamenti di questo tipo hanno costi estremamente elevati a fronte di limitate quantità di traffico dati disponibile, spesso soggetto a blocchi e restrizioni di diverso tipo (ad es. per i sistemi P2P o per lo streaming). In altre parole, è consigliabile sottoscrivere un abbonamento a Internet tramite satellite soltanto quando strettamente necessario.

Come fare per avere Internet senza linea telefonica

Ora che disponi di tutte le nozioni teoriche necessarie sull’argomento, è il momento di passare alla pratica e di capire come fare per avere Internet senza linea telefonica, dando un’occhiata ai piani di abbonamento messi a disposizione dai fornitori di servizi del settore. Di seguito mi appresto a fornirti una serie di indicazioni utili in fase di scelta, suddivise per tipologia di collegamento, rimandandoti poi agli approfondimenti più adatti alle tue necessità.

Offerte telefoniche “solo Internet”

I servizi di ADSL/Fibra raggiungono perfettamente la zona in cui abiti? In questo caso, puoi optare per un abbonamento via cavo, che includa navigazione a Internet illimitata ed escluda la linea voce (o preveda tariffe a consumo per il suo utilizzo).

Rapidamente, questo tipo di connessione avviene tramite un modem/router, anche fornito in comodato d’uso dal gestore, che dev’essere collegato direttamente alla presa telefonica di casa. Praticamente tutti gli operatori di telefonia fissa nazionale (TIM, Vodafone, Fastweb, Infostrada e Wind 3) offrono piani dedicati alla sola navigazione in Internet, con prezzi che si aggirano intorno ai 30€/mese.

Ti ho illustrato nel dettaglio le migliori offerte per Internet senza linea telefonica nel mio approfondimento dedicato: ricorda di effettuare un controllo di copertura, prima di effettuare qualsiasi tipo di abbonamento, per verificare che i servizi dell’operatore da te scelto siano presenti nella tua zona e, in caso affermativo, valutare se le prestazioni offerte siano o meno adatte al tuo caso.

Le migliori offerte telefoniche “solo Internet”

Offerte Internet su segnale radio con kit/chiavetta 4G

Se è tuo interesse sottoscrivere un piano in abbonamento che preveda la navigazione a Internet tramite segnale radio/4G, allora questa è la sezione del tutorial più adatta a te.

Come ti ho spiegato in precedenza, questa tipologia di collegamento è offerta in modo praticamente uguale a quanto succede per le più note connessioni tramite SIM e smartphone/tablet. La differenza, in questo caso, è da ricondursi all’apparato di ricezione: i più noti gestori di telefonia mobile (come TIM, Vodafone, Wind e Tre, per esempio), permettono di ottenere delle SIM solo dati da utilizzare all’interno di chiavette 4G o di piccoli router portatili (come il “Cubo” di 3, per esempio), acquistabili o ottenibili in comodato d’uso.

In genere, abbonamenti simili non dispongono di traffico illimitato e hanno prezzi variabili in base alla quantità di Giga inclusi. Se è tuo interesse affidarti a una soluzione del genere, ti consiglio di leggere con attenzione il mio articolo specifico dedicato alle migliori offerte Internet con chiavetta 4G, in cui ti ho esposto l’argomento con dovizia di dettagli.

Se, invece, sei più interessato a una soluzione specifica per casa/abitazione, che includa traffico Internet illimitato e un impianto di ricezione composto da modem esterno/antenna in combinata con router/access point interno, allora ti consiglio di dare un’occhiata alle soluzioni messe a disposizione da Linkem o da Eolo, entrambi fornitori di connettività Internet su onde radio 4G: te ne ho parlato nel dettaglio nei miei tutorial dedicati alle offerte Linkem e ai piani Internet di Eolo.

Anche in questo caso, non dimenticare di effettuare un controllo di copertura prima ancora di sottoscrivere qualsiasi abbonamento, onde evitare spese abbinate a servizi praticamente inutilizzabili.

Le migliori offerte su segnale radio

Offerte Internet satellitare

Se risiedi in una zona decisamente impervia e, per necessità, hai deciso di sottoscrivere un piano Internet tramite connessione satellitare, allora credo di avere le informazioni che fanno al caso tuo.

Ricapitolando, per usufruire del collegamento alla Rete tramite satellite avrai bisogno di un’antenna parabolica e di un router compatibile, in genere messi a disposizione per l’acquisto, o in comodato d’uso, dal fornitore di servizi di riferimento. L’installazione viene effettuata da un tecnico specializzato, che si occupa di scegliere la posizione migliore per l’antenna e di procurarsi l’eventuale materiale aggiuntivo necessario (applicando un sovrapprezzo in base alla tipologia di materiale). I prezzi sono in genere elevati e i piani proposti non offrono grosse quantità di traffico dati; quest’ultimo, inoltre, viene spesso sottoposto a precise restrizioni, onde evitare problemi di congestione.

A differenza di quanto visto finora, però, la maggior parte degli abbonamenti satellitari non viene stipulato in modo diretto con il fornitore dell’infrastruttura, ma bisogna affidarsi a distributori autorizzati disponibili sul suolo nazionale. Al momento in cui scrivo, tra le opzioni più convenienti risultano sicuramente quelle messe a disposizione da Open Sky: ti ho fornito tutte le informazioni necessarie su tipologie, costi e modalità di abbonamento nella mia guida specifica dedicata alle offerte Internet per satellitare.