Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mai Google non funziona

di

Stai provando a effettuare delle ricerche su Google ma, niente, il celebre motore di ricerca non sembra funzionare. Stesso discorso quando provi ad accedere alla tua casella di posta su Gmail o ad aprire i tuoi documenti su Google Drive. Provando, però, a visitare altri siti la connessione risulta essere funzionante.

Cosa succede? Non disperare: è probabile che i problemi che stai riscontrando con Google siano assolutamente temporanei e che non dipendano da un malfunzionamento del tuo dispositivo o della tua connessione Internet. Se ti stai chiedendo come mai Google non funziona e vorresti cercare di risolvere, o quantomeno di capire cosa sta all’origine del problema, sei nel posto giusto.

In questo tutorial, infatti, ti aiuterò a capire quale potrebbe essere il problema e, nel caso in cui dovesse essere legato ai tuoi dispositivi o alla tua connessione, ti aiuterò a risolverlo. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come mai non mi funziona Google?

Come mai non mi funziona Google

“Come mai non mi funziona Google?”. Si tratta di una domanda che, almeno una volta nella vita, probabilmente tutti gli internauti si sono fatti, questo perché tutti danno per scontato che Google funzioni sempre. Purtroppo, però, come tutti gli altri siti o servizi online, anche Google può incappare in qualche problema legato ai suoi server, e quando questo accade (molto di rado) può creare davvero tanti problemi, anche perché sono tantissimi i servizi legati al colosso di Mountain View: Gmail, YouTube, Google Drive, e l’elenco potrebbe andare avanti al lungo.

Prima di “incolpare” i server di Google, però, è bene capire se le origini dei problemi che si riscontrano siano davvero questi ultimi e non qualche problema locale, sul dispositivo o sulla connessione in uso. Ecco, dunque, una serie di verifiche che puoi effettuare per capire se il problema sono i server di Google (in quel caso gli utenti non possono fare nulla, sarà premura del team di competenza di Google cercare di risolvere tutto nel minor tempo possibile) e sei “tu”.

Verificare lo stato dei server

Down

Se stai notando che Google non funziona, puoi provare a utilizzare alcuni strumenti in grado di verificare lo stato dei server di vari siti e servizi online. Uno dei più famosi è sicuramente Downdetector, un sito in grado di darci una panoramica abbastanza precisa sul funzionamento di praticamente ogni sito o servizio online, tra quelli più diffusi.

Per verificare se Google o un servizio a esso collegato non funzionano per problemi di server, ti basta recarti sul sito di Downdetector e digitare Google nella barra di ricerca posta in alto. Nella pagina successiva, seleziona dunque il servizio di cui vuoi verificare lo stato dei server, ad esempio Google. Il sito ti indicherà così se al momento ci sono problemi con i server o meno.

Inoltre, è possibile anche dare un’occhiata al grafico presente nella pagina per constatare se quel determinato servizio ha riscontrato problemi in precedenza. Downdetector si basa sui feedback lasciati dagli utenti (da qui anche l’opzione “Ho un problema con XXX”, per segnalare in prima persona i disservizi che si stanno riscontrando), quindi se un sito non funziona per molte persone, lo si riesce a scoprire molto facilmente.

Come dici? Preferisci qualcosa di più semplice da utilizzare? Se vuoi rimanere nell’ambito social puoi affidarti a Twitter, il celebre social network dei messaggi brevi che spesso viene utilizzato dagli utenti per segnalare problemi di accesso ai servizi o ai siti Internet particolarmente popolari.

Se, ad esempio, stai notando che Google non funziona, puoi provare a cercare hashtag come #googledown (la maggior parte degli hashtag di tendenza sono in lingua inglese) e verificare se anche altri utenti stanno segnalando problemi simili nelle ultime ore, in tutto il mondo. Come

Infine, ti segnalo le pagine ufficiali di Google che mostrano lo stato generale dei servizi cloud dell’azienda (meno intuitiva dei servizi social di cui sopra, ma molto utile) e lo stato dei servizi legati a Google Workspace. In questo modo potrai essere sempre al corrente sullo stato dei server di Google.

Va da sé che nei momenti in cui i server di Google hanno problemi, la causa dei malfunzionamenti non è da imputare ai tuoi device o alla tua connessione, ma proprio a Google, dunque puoi solo aspettare che la situazione venga messa a posto.

Verificare la connessione Internet

Verificare la connessione Internet su Windows 10

Come dici? dalla verifica dello stato dei server sembra tutto OK ma non riesci ugualmente ad accedere ad alcun servizio targato Google? In questo caso, devi verificare lo stato della tua connessione Internet e, più in particolare, controllare se non c’è qualche problema legato a malware o ai server DNS utilizzati. Andiamo con ordine però.

Nel caso non riuscissi proprio a navigare su alcun sito, devi verificare se la connessione in uso è funzionante. Per farlo, ti consiglio di dare un’occhiata al mio tutorial su come risolvere quando è impossibile accedere alla Rete, lì troverai tutte le possibili soluzioni al problema.

Se, invece, i problemi riguardano solo l’accesso ad alcuni siti, tra cui quelli di Google, faresti bene a verificare la presenza di malware sul tuo PC. Spesso, infatti, si incappa in software malevoli che alterano le impostazioni della connessione e/o quelle dei browser cambiando motore di ricerca e pagina iniziale predefiniti di questi ultimi (in questo caso si parla di browser hijacker).

Per “stanare” ed eventualmente debellare queste minacce, puoi ricorrere ad alcuni pratici software gratuiti per Windows e macOS (anche se su piattaforma Apple questo genere di minaccia è poco presente) seguendo le indicazioni che trovi nel mio tutorial su come rimuovere malware. Su smartphone e tablet, invece, puoi dare un’occhiata al mio tutorial su come rimuovere virus dal cellulare.

Infine, negli scenari meno “cupi”, il problema di accesso ai servizi Google (o ad altri specifici servizi) porrebbe essere imputabile a un malfunzionamento dei server DNS in uso sul dispositivo. I server DNS, qualora non lo sapessi, sono quelli che fanno da “traduttore” e ti permettono di collegarti ai siti Internet digitando degli indirizzi testuali semplici da ricordare (es. aranzulla.it) anziché dei lunghissimi indirizzi numerici, che poi sarebbero le reali “coordinate” dei portali di riferimento (i cosiddetti indirizzi IP).

Per scoprire come cambiare i DNS sul tuo PC, Mac o dispositivo mobile, leggi la mia guida dedicata al tema: lì troverai tutti i passi da seguire per effettuare questa modifica.

Risolvere problemi con l’account Google

Risolvere problemi con l'account Google

Come dici? Riesci a collegarti a Google ma il tuo problema è che non riesci ad accedere al tuo account a causa di errori di vario genere? Niente panico: adesso ti suggerisco alcune possibili soluzioni che potrebbero consentirti di ripristinare l’accesso al tuo account.

Probabilmente, il problema del tuo account è dovuto a un errore della digitazione dei dati di accesso. Se non ricordi più la password, puoi effettuare una procedura di recupero del tuo account collegandoti a questa pagina, digitando il tuo indirizzo Gmail, andando avanti e seguendo le indicazioni su schermo. Se, invece, quello che non ricordi è il tuo nome utente (cioè l’indirizzo Gmail), devi cliccare sulla voce
Non ricordi l’indirizzo email? e seguire, anche in questo caso, le indicazioni su schermo.

Per tutti i dettagli su come recuperare l’account Google, leggi il mio tutorial dedicato al tema, nel quale è spiegato tutto fin nei minimi dettagli.

Verificare la presenza di limitazioni e app per il parental control

Verificare la presenza di limitazioni e app per il parental control

L’ultimo controllo che ti consiglio di effettuare, se ancora riscontri problemi di accesso a Google, è quella di verificare la presenza di limitazioni e app per il parental control.

Devi sapere, infatti, che esistono diversi tool in grado di abilitare delle restrizioni nell’accesso Internet su un dato dispositivo. Se in passato hai abilitato — o qualcuno ha abilitato per te — un blocco di questo tipo, è probabile che la causa dei tuoi problemi sia proprio quella.

A tal proposito, ti consiglio la lettura dei mio tutorial su come limitare l’accesso a Internet, in cui ti ho spiegato come regolare tutte le impostazioni di parental control legate alla connessione Internet su PC Windows e Mac, e come attivare il parental control, dove invece mi sono occupato della medesima tematica in relazione a smartphone a tablet.

Hai rimosso tutte le limitazioni possibili, ma sembra che alcune app siano ancora bloccate? Niente paura, è probabile che in passato tu abbia posto un blocco di accesso alle applicazioni sul tuo smartphone o PC, per cui ora devi semplicemente rimuoverlo. Per sapere come fare, leggi il mio tutorial su come togliere il blocco dalle app.

Come mai Google Maps non funziona

Come mai Google Maps non funziona

Come dici? Hai bisogno del navigatore ma non capisci come mai Google Maps non funziona? Come ti ho spiegato sopra, il malfunzionamento di Google Maps potrebbe sempre essere legato a un problema di rete, imputabile alla tua configurazione o al tuo provider, oppure ai server di Google. Per questo motivo, ti consiglio di effettuare prime tutte le verifiche del caso (cioè quelle consigliate nei capitoli precedenti di questo tutorial).

Se anche dopo aver fatto tutte le verifiche consigliate sopra continui ad avere problemi con Google Maps sul tuo dispositivo, ti consiglio di verificare che siano attivi i servizi di localizzazione sul tuo device, poiché sono assolutamente necessari per un corretto funzionamento del servizio di mappe di Google. Se non sai come attivare la localizzazione sul tuo device, consulta la mia guida dedicata al tema.

Come mai Google Chrome non funziona

Come mai Google Chrome non funziona

Utilizzi Google Chrome come browser principale ma stai riscontrando problemi nell’utilizzarlo? Niente paura, sono qui per aiutarti. Le cause di questo malfunzionamento potrebbero essere molteplici, per questo è necessario capire prima come mai Google Chrome non funziona.

Se il tuo problema riguarda una modifica involontaria del motore di ricerca e/o della pagina iniziale del browser, ti consiglio di verificare la presenza di malware, come spiegato prima. Dopodiché ti consiglio di rimettere la pagina iniziale e cambiare motore di ricerca predefinito in Chrome seguendo i miei tutorial sull’argomento.

Se, invece, il browser ha problemi di stabilità o connettività e non riesci a risolverli, puoi ripristinare Chrome e riportare il software allo stato di fabbrica, in modo da ripristinarne anche il corretto funzionamento.

Come mai Google Play non funziona

Come mai Google Play non funziona

Stai riscontrando problemi con il Google Play Store sul tuo smartphone o tablet e non riesci a capire come mai Google Play non funziona? Le cause di questo malfunzionamento potrebbero essere molteplici, ma niente di impossibile da risolvere.

Il primo consiglio che posso darti, se stai riscontrando problemi con Google Play, è quello di aggiornare lo store. Come dici? Non sai come fare? Niente paura. Solitamente il Google Play Store si aggiorna in maniera del tutto automatica, ma a volte può capitare che non lo faccia. Per questo motivo è necessario operare manualmente. Per fare tutto in maniera corretta, ti consiglio di seguire il mio tutorial su come aggiornare il Play Store.

Se anche dopo l’aggiornamento continui a riscontrare problemi, è probabile che la causa sia un’altra. Se stai provando a scaricare un’app dal Google Play ma non ci riesci in nessun modo, è probabile che il sistema sia completamente bloccato. Per questo motivo, il mio consiglio è quello di ripristinare Google Play Store seguendo le indicazioni della mia guida sul tema.

Se, invece, il tuo problema è che non riesci più a trovare il Google Play sul tuo dispositivo, puoi seguire il mio tutorial su come riattivare il Play Store per tentare di risolvere il problema.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.