Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Settimana del Black Friday
Scopri le migliori offerte dell'Amazon Black Friday 2018. Vedi le offerte Amazon

Come riattivare WhatsApp

di

Purtroppo hai subìto il furto del tuo smartphone, ora ne hai acquistato uno nuovo e vorresti sapere se c’è un modo per installare su quest’ultimo l’ultima versione di WhatsApp recuperando le conversazioni che c’erano sul vecchio telefono? Avevi cancellato il tuo account da WhatsApp, ora hai cambiato idea e vorresti sapere se bisogna seguire una procedura particolare per riattivarlo? Non riesci più ad accedere a WhatsApp perché il tuo numero risulta temporaneamente bloccato? Niente panico. Proviamo ad affrontare insieme tutte queste situazioni.

Tutti i profili WhatsApp chiusi o disattivati su richiesta degli utenti possono essere riattivati senza alcun problema, l’importante è che venga utilizzato lo stesso numero di telefono usato in precedenza per iscriversi al servizio (anche su uno smartphone differente, non fa niente) e, per ottenere indietro anche chat, foto e video, lo stesso account cloud (Google o iCloud).

Per eliminare i blocchi temporanei imposti da WhatsApp, invece, bisogna avere un po’ di pazienza e assicurarsi di non violare i termini d’uso dell’applicazione usando versioni non ufficiali del client o usando il servizio in maniera non opportuna. Per maggiori informazioni al riguardo, consulta la guida su come riattivare WhatsApp che sto per proporti e sono sicuro che riuscirai a mettere a posto la situazione. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Riattivare WhatsApp disattivato

Hai chiesto la disattivazione dell’account su WhatsApp in seguito al furto o allo smarrimento del tuo vecchio smartphone? In questo caso, hai 30 giorni di tempo per riattivare il profilo ed evitare la cancellazione dell’account. La cancellazione dell’account, qualora te lo stessi chiedendo, comporterebbe la scomparsa del tuo profilo dal WhatsApp dei tuoi amici e la cancellazione di eventuali messaggi ricevuti nel lasso di tempo in cui l’account è stato disattivato.

Per evitare, quindi, che il tuo account venga cancellato, provvedi a installare WhatsApp su un nuovo telefono nel quale c’è installata una SIM avente lo stesso numero del vecchio telefono. Inoltre, se vuoi avere l’opportunità di recuperare le chat, le foto e i video che avevi sul precedente smartphone, devi associare il tuo telefono attuale allo stesso account cloud (Google o iCloud) al quale era associato il device smarrito o rubato.

Se non sai come procedere, sappi che su Android basta andare nel menu Impostazioni > Account, pigiare sul pulsante Aggiungi account, selezionare la voce relativa a Google ed effettuare l’accesso con i dati del vecchio account Gmail. Su iPhone, invece, bisogna andare nel menu Impostazioni > Effettua il login su iPhone e fare l’accesso con i dati del vecchio account iCloud. Per approfondimenti, puoi leggere i miei tutorial su come associare un telefono Android a Google e come attivare iCloud su iPhone.

Una volta verificata l’associazione del tuo nuovo smartphone al vecchio account cloud e al vecchio numero di telefono, procedi con l’installazione di WhatsApp. Apri, quindi, lo store predefinito del telefono (Google Play Store se utilizzi Android o App Store se utilizzi iPhone), cerca WhatsApp e pigia prima sull’icona dell’app nei risultati della ricerca e poi sul pulsante Installa/Ottieni presente nella schermata che si apre. Su iPhone, per portare a termine l’operazione, potresti dover usare il Face ID, il Touch ID o potresti dover inserire la password del tuo ID Apple. Se stai leggendo questo tutorial direttamente da Android o iPhone, puoi aprire la pagina dello store dedicata a WhatsApp usando i link che ti ho fornito poc’anzi.

A download e installazione completati, apri WhatsApp, pigia sul pulsante Accetta e continua, se necessario autorizza l’app ad accedere alla memoria dello smartphone (rispondendo in maniera affermativa all’avviso che compare sullo schermo), digita il tuo numero di telefono, dai conferma e attendi che venga effettuata la verifica dell’identità (potresti dover digitare manualmente il codice di verifica ricevuto via SMS).

Ad operazione completata, se tutto è andato per il verso giusto, WhatsApp ti chiederà se vuoi ripristinare il backup delle chat presente su Google DriveiCloud: accettando e, successivamente, scegliendo nome e foto da usare sul servizio, avrai riattivato il tuo account e ripristinato tutte le tue vecchie conversazioni. Contento? Se qualche passaggio non ti è chiaro, consulta anche il mio tutorial su come installare WhatsApp.

Tutte le informazioni riportate qui sopra sono valide sia per la versione standard di WhatsApp che per WhatsApp Business, la versione di WhatsApp dedicata agli utenti professionali, attualmente disponibile solo su Android. Te ne ho parlato più in dettaglio in un tutorial dedicato.

Riattivare WhatsApp cancellato

La cancellazione di un account WhatsApp comporta l’eliminazione di tutti i messaggi e i contenuti presenti nell’applicazione ma, per fortuna, non vieta agli utenti di iscriversi nuovamente al servizio usando lo stesso numero e lo stesso account cloud, con conseguente ripristino dei dati presenti su Google Drive o iCloud.

Questo significa che, se vuoi riattivare WhatsApp, non devi far altro che scaricare la versione più aggiornata dell’applicazione sul tuo smartphone, avviarla e seguire la procedura di configurazione standard. La procedura di configurazione standard – dovresti saperlo – consiste nell’immissione del proprio numero di telefono, nella digitazione del codice di verifica che si riceve via SMS e nella scelta di un nome e di una foto per rappresentare il proprio profilo.

Come già accennato in precedenza, se utilizzi un dispositivo associato allo stesso numero di telefono e allo stesso account cloud usati sul “vecchio” WhatsApp, ti verrà chiesto se desideri ripristinare la cronologia della chat: accettando, ritroverai tutti i tuoi messaggi e tuoi contenuti lì dove li avevi lasciati, anche se non risulterai più iscritto ai tuoi vecchi gruppi.

Per procedere alla riattivazione del tuo account, dunque, non devi far altro che verificare il numero di telefono e l’account cloud in uso sul tuo smartphone. Dopodiché devi reinstallare WhatsApp dal Google Play Store (se utilizzi Android) o dall’App Store (se utilizzi iPhone), seguire la procedura di configurazione iniziale dell’app e accettare il ripristino delle chat, come illustrato nel capitolo precedente del tutorial.

La procedura vale anche per WhatsApp Business. Qualora qualche passaggio non ti fosse chiaro, prova a seguire le indicazioni contenute nel mio tutorial su come reinstallare WhatsApp.

Riattivare WhatsApp bloccato

Non riesci più ad accedere a WhatsApp perché il tuo account risulta bloccato per 24, 48 o 72 ore? Evidentemente hai utilizzato delle applicazioni non ufficiali, come ad esempio WhatsApp Plus, che non sono supportate ufficialmente da WhatsApp e comportano il “ban” temporaneo di chi le installa.

Per risolvere questo problema, rimuovi dal tuo smartphone tutte le app che potrebbero aver portato al blocco dell’account: client di terze parti, pacchetti di icone o faccine per WhatsApp ecc. e attendi che il conto alla rovescia visualizzato in WhatsApp giunga al termine.

Se non sai come procedere alla rimozione delle app “sospette”, procedi come segue: se utilizzi un terminale Android, fai un tap prolungato sull’icona dell’applicazione da rimuovere, trascinala sull’icona del cestino o sul pulsante Disinstalla che compare sullo schermo e dai conferma, pigiando sul pulsante OK. Se utilizzi un iPhone, invece, effettua un tap prolungato sulle icone delle app da cancellare, attendi che queste comincino a “danzare”, premi la (x) che compare su di esse e conferma la loro disinstallazione, pigiando sul pulsante Elimina che compare sullo schermo. Qualora qualche passaggio non ti fosse chiaro, prova a consultare le mie guide su come disinstallare le app su Android e come disinstallare le app su iPhone.

Nel caso in cui il problema dovesse protrarsi e il conto alla rovescia dovesse resettarsi di continuo, prova a contattare WhatsApp collegandoti a questa pagina del sito ufficiale del servizio e selezionando la piattaforma sulla quale utilizzi l’applicazione. Ti verrà così comunicato l’indirizzo email al quale inviare la tua richiesta di supporto (in lingua inglese). Nel momento in cui scrivo, gli indirizzi email di supporto di WhatsApp sono i seguenti.

  • Android – android_web@support.whatsapp.com
  • iPhone – iphone_web@support.whatsapp.com
  • Windows Phone – wp_web@support.whatsapp.com
  • Web e Desktop – webclient_web@support.whatsapp.com
  • Altro – support@whatsapp.com

Al posto del conto alla rovescia vedi il messaggio “Il tuo numero non è abilitato all’utilizzo del nostro servizio”? Allora quasi sicuramente hai violato le condizioni d’uso di WhatsApp, ad esempio inviando messaggi di spam, richieste commerciali o importunando qualche utente, e sei stato “bannato” in maniera permanente dal servizio.

In casi come questo, l’unica soluzione che hai è contattare il supporto di WhatsApp come spiegato poc’anzi e sperare che le tue ragioni vengano accolte. In caso contrario, dovrai per forza registrarti con un altro numero. Maggiori info qui.

Ci tengo a precisare che tutte le indicazioni fornite poc’anzi valgono sia per la versione standard di WhatsApp che per quella Business, di cui ti ho parlato ampiamente in un tutorial dedicato.

Riattivare WhatsApp scaduto

La copia di WhatsApp installata sul tuo smartphone non ti permette più di accedere alle chat, in quanto ti dice di essere obsoleta? Niente panico. Stai semplicemente usando una versione troppo vecchia dell’app o una beta scaduta (le versioni beta di WhatsApp sono quelle che, su Android, permettono di provare in anteprima alcune funzionalità che poi verranno introdotte nelle versioni stabili dell’app).

Per rimediare al problema, riattivare il tuo WhatsApp e ritrovare chat, foto e contatti così come li avevi lasciati, non devi far altro che aprire lo store predefinito del tuo smartphone, quindi Google Play Store se utilizzi Android o App Store se utilizzi iPhone, cercare WhatsApp, pigiare sulla sua icona e poi sul pulsante Aggiorna presente nella schermata che si apre. Se stai leggendo questo tutorial direttamente da Android o iPhone, puoi aprire la pagina dello store dedicata a WhatsApp semplicemente pigiando sui link che ti ho fornito poc’anzi.

Al termine dell’aggiornamento, apri WhatsApp e l’applicazione tornerà a funzionare come aveva sempre fatto. Nessun contenuto presente in precedenza in essa verrà rimosso. Se qualche passaggio non ti è chiaro, prova a dare un’occhiata al mio tutorial su come aggiornare WhatsApp.

Ci tengo a precisare che le indicazioni contenute in questo capitolo del tutorial sono valide, oltre che per la versione standard di WhatsApp, anche per WhatsApp Business, che al momento è disponibile solo su Android.