Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come scaricare musica sul telefono

di

Vorresti scaricare un po’ di musica sul tuo cellulare ma non riesci mai a trovare il tempo di collegare lo smartphone al PC? Nessun problema. Ormai esistono tantissime app che permettono di scaricare musica sul telefono senza dover passare obbligatoriamente per il computer: si fa tutto tramite Internet. Se la cosa ti interessa e desideri approfondire l’argomento, ti consiglio di continuare a leggere questo tutorial.

Nelle righe successive, infatti, andrò a indicarti quelle che, a mio modesto avviso, rappresentano le migliori soluzioni della categoria. A seconda delle tue esigenze e preferenze, puoi valutare di affidarti all’uso di uno dei tanti servizi per lo streaming musicale e, dunque, alle relative applicazioni; alle soluzioni che consentono di scaricare musica gratuita e libera da copyright o a quelle per scaricare brevi brani musicali da impiegare come suonerie per lo smartphone.

Allora? Che ne diresti di mettere le chiacchiere da parte e di cominciare finalmente a darci da fare? Sì? Grandioso. Posizionati quindi bello comodo, prenditi qualche minuto libero soltanto per te e comincia pure a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sono certo che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto e che, addirittura, in caso di necessità sarai pronto a fornire utili dritte al riguardo ai tuoi amici a loro volta interessati alla questione.

Indice

Come scaricare musica sul telefono gratis

Vorresti scaricare musica sul telefono gratis ma non sai in che modo riuscirci o, per meglio dire, quali soluzioni utilizzare per fare ciò? Allora affidati alle piattaforme per lo streaming musicale e alle soluzioni per il download della musica indipendente e delle suonerie che trovi qui sotto.

Come scaricare musica sul telefono da Spotify

Spotify

Hai mai sentito parlare di Spotify? No? Strano, è famosissimo! Ad ogni modo, non c’è problema: rimediamo subito! Si tratta del servizio di streaming musicale più noto e usato al mondo. Ha un catalogo vastissimo e, attualmente, è quello che può vantare la maggiore compatibilità multi-piattaforma. Su smartphone è fruibile tramite l’apposita app per Android e iPhone, che di base è gratuita.

Per scaricare musica sul telefono, in modo tale da poter riprodurre i brani offline, però, occorre tuttavia sottoscrivere il piano a pagamento (costa 9,99 euro/mese oppure 119,88 euro/anno), che i nuovi utenti possono provare gratis per un mese o più, a seconda delle promozioni in corso. La sottoscrizione permette anche di non essere vincolati alla modalità shuffle su smartphone, rimuovere le interruzioni pubblicitarie e attivare lo streaming in alta qualità.

Per effettuare il download dell’app di Spotify sul tuo cellulare, se stai usando Android, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul pulsante Installa. Se stai usando iOS, invece, accedi alla relativa sezione dell’App Store, premi sul bottone Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download mediante Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app, sfiorando il pulsante Apri comparso sul display oppure selezionando la relativa icona aggiunta in home screen.

Una volta visualizzata la schermata principale di Spotify, crea un account per usufruire del servizio oppure, se sei già registrato, accedi con i tuoi dati (puoi effettuare il login anche con l’account Facebook), dopodiché acconsenti alla proposta di attivazione del periodo di prova gratuito, seguendo le istruzioni che ti vengono mostrate.

A questo punto, puoi finalmente procedere con il download della musica di tuo interesse. Per fare ciò, seleziona album e playlist dalla sezione Home oppure effettua una ricerca diretta, recandoti nella sezione Cerca di Spotify, a cui puoi accedere selezionando la relativa voce collocata in basso. In seguito, sposta su ON la levetta Download che trovi sotto la copertina del contenuto scelto ed è fatta.

A processo ultimato, i brani scaricati risulteranno poi accessibili dalla sezione La tua libreria dell’app. Per maggiori dettagli, consulta il mio tutorial incentrato specificamente su come funziona Spotify.

Come scaricare musica sul telefono da Apple Music

Apple Music

Se ti interessa scaricare musica sull’iPhone e Spotify non ti ha convinto in maniera particolare, ti consiglio vivamente di prendere in considerazione Apple Music. Come facilmente intuibile dallo stesso nome, è la proposta di streaming musicale di casa Apple. È fruibile direttamente tramite l’app Musica di iOS, può contare su un catalogo molto ricco e variegato e si integra alla perfezione con il sistema operativo di iPhone, Apple Watch, Siri e con la libreria di iTunes. È a pagamento (costa 9,99 euro/mese oppure 99 euro/anno), ma i nuovi utilizzatori possono provarlo gratis per tre mesi. Da notare che sempre in ambito mobile il servizio è fruibile anche su Android, scaricando l’apposita app.

Per usare Apple Music su iPhone, sfiora l’icona dell’app Musica (quella con lo sfondo bianco e la nota musicale) che trovi preinstallata sul tuo iPhone. Se l’app non è disponibile (magari perché l’hai rimossa in passato oppure erroneamente), puoi scaricarla nuovamente dalla relativa sezione dell’App Store.

Se stai usando Android, invece, per scaricare e installare l’app Apple Music, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul pulsante Installa. Successivamente, avvia l’applicazione, premendo sul pulsante Apri comparso sullo schermo o facendo tap sulla relativa icona che è stata appena aggiunta alla schermata home, ed esegui l’accesso al servizio usando il tuo ID Apple oppure, se non ne possiedi ancora uno, creandolo al momento tramite le indicazioni che ti vengono fornite.

Adesso, accedi alla sezione Per te oppure a quella Scopri dell’applicazione, selezionando le relative voci che trovi in basso (su iOS) oppure nel menu accessibile previo tap sul pulsante con le linee in orizzontale collocato in alto a sinistra (su Android), e premi sulla voce per attivare la prova gratis del servizio.

A questo punto, individua compilation, playlist e singoli brani di tuo interesse e facci tap sopra. Puoi anche effettuare una ricerca per parola chiave, recandoti nella sezione Cerca dell’app. Dopo aver selezionato i tuoi contenuti, per scaricarli, premi sul pulsante (+) (nel caso dei singoli brani) o su quello

  • Aggiungi
  • (nel caso di album e playlist) e fai tap sull’icona con la nuvola e la freccia.

    Tutta la musica scaricata risulterà poi accessibile dalla sezione Libreria dell’app. Per approfondimenti, ti consiglio la lettura della mia guida incentrata specificamente su come funziona Apple Music.

    Come scaricare musica sul telefono da Amazon Music

    Amazon Music

    Per riuscire a scaricare musica sul telefono, puoi altresì affidarti all’uso di Amazon Music, l’app del servizio di streaming musicale di Amazon, disponibile per Android e iOS. Di base è gratis, ma permette di ascoltare solo una selezione delle migliori playlist e le stazioni radio. Per fruire di un maggior numero di contenuti e per effettuare il download dei brani bisogna attivare Amazon Prime Music (un abbonamento gratuito per i clienti Amazon Prime che offre l’accesso di accedere a un catalogo di 2 milioni di canzoni senza interruzioni pubblicitarie) oppure Amazon Music Unlimited (è un abbonamento a pagamento, al costo di 9,99 euro/mese o 99 euro/anno, che può però essere provato gratis per tre mesi, il quale consente l’accesso al catalogo completo dei contenuti musicali).

    Per eseguire il download dell’app di Amazon Music sul tuo dispositivo, se stai usando Android, visita la relativa sezione del Play Store e sfiora il bottone Installa. Invece, se stai utilizzando iOS, visita la relativa sezione dell’App Store, premi sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Provvedi poi ad avviare l’app, facendo tap sul pulsante Apri comparso sullo schermo oppure selezionando la relativa icona aggiunta in home screen.

    Una volta visualizzata la schermata principale dell’app, effettua l’accesso con il tuo account Amazon o, se non ne possiedi ancora uno, crealo subito, attenendoti alle istruzioni sullo schermo. Fatto ciò, se avevi attivato Amazon Prime e, dunque, puoi sfruttare Amazon Prime Music, passa direttamente alla lettura del paragrafo successivo, altrimenti segui le indicazioni visibili sul display per attivare la prova gratuita di Amazon Music Unlimited.

    A questo punto, individua i contenuti musicali di tuo interesse nella schermata Home oppure effettua una ricerca per parola chiave, recandoti nella sezione Trova dell’app, a cui puoi accedere selezionando l’apposita voce in basso.

    Quando trovi una compilation oppure una playlist che desideri scaricare, fai tap sul pulsante con la freccia verso il basso sotto la copertina e seleziona la voce Download dal menu che si apre. Per scaricare i singoli brani, invece, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale e seleziona sempre la voce Download dal menu.

    Troverai tutti i contenuti scaricati nella sezione La mia musica dell’app, alla quale puoi accedere sfiorando la relativa dicitura nella parte in basso della schermata. Per approfondimenti, ti consiglio di consultare il mio tutorial dedicato specificamente al servizio.

    Come scaricare musica sul telefono da YouTube

    App YouTube Music

    Per riuscire a scaricare musica sul telefono Android e su iPhone senza spendere denaro, puoi prendere in considerazione anche l’app di YouTube Music: il servizio di streaming musicale di YouTube, che si basa sullo sconfinato database del noto sito per vedere e condividere video. Di base è gratis, ma per il download dei brani, per fruire dell’ascolto in background, rimuovere le pubblicità e accedere ad altre funzioni extra occorre attivare l’abbonamento a pagamento (costa 9,99 euro/mese), che però i nuovi utenti possono provare gratis per 30 giorni.

    Per scaricare l’app di YouTube Music sul tuo dispositivo, se stai usando Android, recati sulla relativa sezione del Play Store e fai tap sul pulsante Installa. Se stai usando iOS, invece, accedi alla relativa sezione dell’App Store, premi sul bottone Ottieni, poi quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Dopo aver fatto ciò, avvia l’app, premendo sul pulsante Apri comparso sullo schermo oppure selezionando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen.

    Ora che ti viene mostrata la schermata principale di YouTube Music, accedi al tuo account Google oppure creane uno al momento, attenendoti alle istruzioni visibili sul display, dopodiché avvia il periodo di prova gratuita del servizio.

    A questo punto, puoi procedere con il download dei brani. Per quel che concerne album e playlist, seleziona la relativa copertina e sfiora il pulsante con la freccia verso il basso che trovi in alto. I singoli brani, invece, puoi scaricarli selezionando il pulsante (…) che trovi in loro corrispondenza e scegliendo l’opzione Scarica dal menu che si apre.

    A download ultimati, per accedere ai contenuti scaricati seleziona la voce Raccolta che trovi nella parte in basso dello schermo e poi quella Download. Per maggiori dettagli, ti consiglio di leggere il mio post incentrato in maniera specifica su YouTube Music.

    Altre soluzioni utili

    Jamendo app

    Per scaricare musica sul telefono puoi prendere in considerazione anche le app e i servizi online che trovi segnalati qui sotto: ci sono soluzioni per effettuare il download gratuito di brani liberamente accessibili e di suonerie. Individua, dunque, la soluzione che ritieni possa fare di più al caso tuo e sfruttala subito.

    • Zedge (Android/Online) – è uno dei servizi più rinomati per scaricare suonerie e toni per le notifiche (oltre che sfondi e skin) per tutti i principali modelli di smartphone attualmente in commercio. Non richiede registrazioni ed è accessibile sia tramite app per Android che dal browser, tramite il relativo sito Internet.
    • Audiko (Android/iOS/Online) – soluzione molto famosa per quel che concerne il download delle suonerie. Permette di sfogliare i toni di chiamata per popolarità e in base al genere d’appartenenza. Si può usare tramite l’apposita app per Android e iOS o da Web, accedendo al relativo sito Internet.
    • Jamendo (Android/iOS/Online) – è uno dei principali servizi dedicati alla musica indipendente. Permette di ascoltare e scaricare brani gratis, in maniera totalmente legale, a patto che sia per uso personale. Si può usare sia su Android che su iPhone, tramite l’apposita app, ed è accessibile dal browser, mediante il relativo sito Web.
    • Archive.org (Online) – si tratta di un sito che ha come obiettivo quello di consentire l’accesso universale alla conoscenza, raccogliendo e mettendo a disposizione degli utenti contenuti culturali di vario genere, musica compresa. Il portale raccoglie quindi migliaia di brani e album non più protetti da copyright, registrazioni live di concerti e molto altro ancora.

    Per ulteriori dettagli riguardo le soluzioni che ti ho appena segnalato, puoi fare riferimento alla mia guida specifica sui siti per scaricare musica gratis MP3 e ai miei post dedicati alle suonerie per Android e per iPhone.

    Come scaricare musica sul telefono senza Internet

    iPhone collegato al Mac

    Vorresti capire se esiste un modo per riuscire a scaricare musica sul telefono senza Internet? In tal caso, l’unica via percorribile è quella di ricorrere all’uso del computer.

    Se hai già scaricato dei brani sul tuo PC, infatti, puoi collegare lo smartphone a quest’ultimo e trasferire sul tuo cellulare la musica che vuoi ascoltare in mobilità, usando il file manager di Windows e macOS oppure impiegando degli appositi programmi.

    Per tutti i dettagli del caso, ti rimando alla lettura delle mie guide specifiche su come trasferire musica sul cellulare, come caricare musica su Android e come trasferire musica da PC a iPhone.

    Salvatore Aranzulla

    Autore

    Salvatore Aranzulla

    Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.